Bari-Reggina 1-0, gli amaranto possono ancora conquistare i Playoff

Il Bari ha battuto la Reggina per 1-0 al San Nicola e si è assicurato il terzo posto in classifica, che gli permetterà di affrontare i playoff da favorito. La partita, valida per la trentasettesima giornata di Serie B, è stata segnata dal gol di Folorunsho al 45′ del primo tempo e dal gemellaggio tra le due tifoserie, che hanno riempito lo stadio con oltre 22mila spettatori.

Il Bari di Mignani ha schierato un 4-3-2-1 con Caprile in porta, Pucino, Di Cesare, Vicari e Ricci in difesa, Benali, Maita e Bellomo a centrocampo, Folorunsho e Esposito alle spalle di Cheddira in attacco. La Reggina di Inzaghi ha risposto con un 3-5-2 con Contini tra i pali, Loiacono, Terranova e Gagliolo in retroguardia, Pierozzi, Fabbian, Crisetig, Hernani e Di Chiara a centrocampo, Canotto e Strelec in avanti.

La partita è stata equilibrata e combattuta, con la Reggina che ha creato qualche pericolo con Strelec, Fabbian e Canotto, e il Bari che ha saputo sfruttare al meglio l’occasione più ghiotta: al 45′ del primo tempo, dopo un’azione corale partita da Benali, Esposito ha crossato al centro per Folorunsho, che ha anticipato Loiacono e ha battuto Contini con un tocco sottoporta. Per l’ex Reggina è stato l’ottavo gol stagionale.

Nel secondo tempo Inzaghi ha provato a cambiare qualcosa inserendo Rivas, Liotti, Galabinov, Ricci e Lombardi, ma il Bari ha tenuto bene il campo e ha sfiorato il raddoppio con Ceter, a cui è stato annullato un gol per fallo su Contini, e con Cheddira, che al 94′ ha sprecato tutto solo davanti al portiere. Il fischio finale ha sancito la vittoria del Bari, che ha festeggiato il terzo posto e le 200 presenze in biancorosso del capitano Di Cesare, premiato dal presidente De Laurentiis con una maglia celebrativa.

Il Bari chiuderà il campionato venerdì sera sul campo del Genoa, in una partita senza nulla in palio. Poi si concentrerà sui playoff, con la semifinale di andata da giocare in trasferta il 29 maggio e il ritorno il 2 giugno al San Nicola. La Reggina invece dovrà lottare fino alla fine per conquistare un posto nei playoff: dopo aver recuperato due dei sette punti di penalizzazione inflitti nei giorni scorsi, gli amaranto sono decimi a pari merito con Pisa e Ascoli e dovranno, oltre che fare risultato nella gara casalinga contro l’Ascoli, sperare che dagli altri campi arrivino notizie favorevoli. 




Lascia un commento





Send this to a friend