Domenica, 17 Dicembre 2017
Modifica le dimensioni del carattere

Di Valerio Romito (Regginalife.com) – “Uniti si vince” è stato lo slogan utilizzato per l’ultima campagna abbonamenti della Reggina, e mai come in questo caso tale invito appare calzante ed opportuno in vista di sabato pomeriggio, dopo due sconfitte che hanno un po’ demoralizzato l’ambiente e, nondimeno, risvegliato piccole polemiche in realtà mai del tutto sopite.

La squadra si appresta ad affrontare il prossimo impegno casalingo con addosso una tensione forse mai avvertita fino ad adesso, determinata dalle recenti prestazioni negative e, di conseguenza, dalla necessità di invertire al più presto il trend negativo che ha reso la classifica molto meno confortante di appena due settimane fa, ma anche, paradossalmente, dalla possibilità di poter finalmente disporre dell’intero organico grazie soprattutto al rientro dei lungodegenti Bianchimano e Tulissi che se da un lato daranno a Maurizi la possibilità di tornare allo schieramento (e, si spera, all’atteggiamento) che così bene aveva fatto ad inizio campionato, dall’altro eliminano qualsiasi tipo di alibi in caso di un’ ulteriore brutta prova, anche se a dirla tutta il tecnico non si è mai trincerato, pur potendo farlo, dietro alcun tipo di giustificazione.

Le condizioni per far bene, in barba alle scaramanzie, ci sono tutte: l’Andria, già in passato avversario tradizionalmente ostico, non è compagine certamente facile, e pur non avendo in stagione ancora mai vinto ha perso solamente una volta, di misura, contro la corazzata Catania, dunque va affrontata con la giusta concentrazione, rispetto e determinazione; per contro, i pugliesi sono sulla carta una compagine quantomeno al livello degli amaranto che, come già evidenziato, potranno sfruttare un potenziale offensivo certamente più incisivo rispetto alle ultime uscite in cui, con tutta la stima ed il rispetto per chi si è battuto con onore in campo, si è dovuto fare le nozze coi fichi secchi.

Una (malaugurata) mancata vittoria avrebbe conseguenze negative plurime sul morale e su tutto l’ambiente, nonché immediate sulla classifica, anche in considerazione del fatto che i prossimi avversari (la sorprendente Monopoli fuori e gli etnei in casa) rappresenteranno un banco di prova estremamente ostico e, pertanto, preferibilmente da affrontare in condizioni psico-fisiche ottimali che, crediamo, solo i tre punti ed una classifica nuovamente rassicurante possono riuscire a regalare.

Dunque ritenendo che esistano tutte le condizioni per poter ancora una volta pensare in positivo, siamo convinti che tutte le componenti siamo perfettamente consce di ciò, confidando che allenatore e “senatori” in primis riescano a gestire al meglio il momento delicato, dando quelle motivazioni e quella serenità necessarie affinché un gruppo così giovane ma, ribadiamo, di buon livello, possa riprendere la giusta via. Divertendosi e divertendoci.

 

(Editoriale realizzato da RegginaLife.com per la testata giornalistica Reggio Informa)





Partners