Reggio: lo sfogo dei dipendenti Gdm non salva nessuno

Notizie dal mondo e dalla città: curiosità, fatti, cronaca...

Moderatori: NinoMed, Bud, Lilleuro

Rispondi
Malaca
Forumino Scelto
Forumino Scelto
Messaggi: 612
Iscritto il: 14/05/2011, 9:57

Riceviamo e pubblichiamo

I dipendenti G.D.M. tutti, quelli in cassa integrazione e quelli attualmente Eurologistik ma ancora nell'anima fortemente G.D.M.,fieri di avere uno per uno contribuito a costruire una delle piu' grandi, se non la piu' grande realta' economica reggina ed impossibilitati a rassegnarsi al suo crollo DENUNCIANO QUANTO SEGUE:

la Eurologistik, che nel luglio 2011 ha avuto, dal Tribunale di Milano, in affitto l’azienda, nonostante le proposte di altri imprenditori, perchè garantiva di avere le capacità per risollevare la stessa riassumendo la totalità del personale, non ha mantenuto l'accordo stipulato il 15/07/2011, alla presenza del Viceprefetto Dott.ssa Surace, con le quattro sigle sindacali Cgil,Cisl,Uil e Ugl che prevedeva appunto le suddette assunzioni, in quattro tranche, entro il 30/04/2012 nonchè l' applicazione di un piano industriale mirante al rilancio in breve tempo dell'azienda misteriosamente ed improvvisamente in altrettanto breve tempo crollata.

Ebbene a quasi un anno di distanza non solo l’azienda non è stata risollevata (tutt’altro!) ma solo il 60% circa del personale è stato riassunto.

Il restante 40%, ancora in cassa integrazione, il 30/04/2012 si è presentato presso la sede degli Uffici Amministrativi della Eurologistik, siti in Campo Calabro, dando la sua disponibilità al reintegro in servizio, così come previsto dal suddetto accordo.

Per tutta risposta si è sentito dire che la società non ha la capacità economica per il suo riassorbimento...e tutto questo a soli poco più di due mesi dalla scadenza della cassa integrazione.

Mancanza di capacità economica di cui si è accorta la vecchia ed affezionata clientela dei Quiiper e dei Quiiperte disseminati per la città, che ogni giorno si chiede il perchè di quegli scaffali così vuoti e tristi.

Mancanza di capacità economica di cui si sono accorti i dipendenti assorbiti dalla Eurologistik, che non solo hanno ricevuto appena qualche giorno fa il saldo dello stipendio di febbraio ma hanno persino dovuto subire l'umiliazione di trovarsi costretti dal bisogno ad accettare una carta prepagata del valore di € 300.00 da spendere all'interno dei punti vendita presso i quali lavorano (per amore di verità e per dovere di cronaca dobbiamo dire che l'accettazione da parte del lavoratore della carta in questione era facoltativa...ma se non si possono pagare le bollette almeno ai propri figli si deve pur dare da mangiare!!!)…

A qualcuno non sale alla mente il ricordo di un racconto fatto dal vecchio e saggio nonno che, con tristezza ogni tanto rammenta di quando, in tempo di guerra, bisognoso, andava con la tessera al "Caddaro" a prendere cibo per sè e per la sua famiglia???

Detto questo I LAVORATORI OGGI SI CHIEDONO: ma la Dott.ssa Irene Lupo del Tribunale di Milano, che ha messo, perchè la riteneva la più idonea, l'azienda nelle mani della Eurologistik, è a conoscenza del fatto che non solo i punti vendita non sono stati rilanciati ma che il personale tutto, sia i reintegrati sia i cassaintegrati, oggi più che mai rischiano il posto di lavoro…E NON DIAMO LA COLPA ALL’ ATTUALE CRISI MONDIALE…QUESTA NON CE LA DANNO A BERE…??? PERCHE' SE NON LO SA LA PORTEREMO PRESTO NOI A CONOSCENZA DI CIO'!!!

Il Prefetto di Reggio Calabria, tra i suoi mille impegni, si è accorto che in casa sua, la Prefettura di Reggio Calabria appunto, si è giocata per quasi un anno la partita a poker con più bluff di tutti i tempi (da Guinness dei primati)??? PERCHE’ SE NON LO SA GLIELO FAREMO SAPERE NOI!!!

I Sindacati che, l'anno scorso, dopo lunghissime ore di attesa di 500 persone sotto il sole cocente di un caldissimo (in tutti i sensi) 15 luglio reggino, sono usciti trionfanti dalla Prefettura sventolando il difficoltoso e soffertissimo (per loro!) raggiungimento del famigerato accordo con il quale si chiedeva , per il bene dell'azienda ad una grossa parte dei dipendenti, SENZA L'APPLICAZIONE DI UNA GRADUATORIA CHE PRENDESSE IN CONSIDERAZIONE L'ANZIANITA' DI SERVIZIO ED I CARICHI FAMILIARI, di fare, andando in cassa integrazione per un paio di mesi, qualche sacrificio economico, CON LA RASSICURAZIONE CHE TANTO ENTRO APRILE 2012 SAREBBERO RITORNATI AL LORO POSTO DI LAVORO PERCHE’ SE COSI’ NON FOSSE STATO IL CONTRATTO D'AFFITTO TRA LA G.D.M. E LA EUROLOGISTIK SAREBBE DECADUTO (QUESTO CI E' STATO SEMPRE ASSICURATO DALLE SIGLE SINDACALI!!!), quando si decideranno a rispondere alle semplicissime domande che da mesi i lavoratori rivolgono loro e cioè: CHE FINE FA UN ACCORDO SINDACALE NON RISPETTATO??? E LA PERSONA O LA SOCIETA' CHE NON LO RISPETTA??? FACCIAMO FINTA CHE SIA STATO TUTTO UN GIOCO??? MA ALLORA ANCHE I VARI BONANNI, CAMUSSO, ECC... QUANDO VANNO A DISCUTERE DEI FATTI NOSTRI CON I VARI MONTI, FORNERO,ECC...GIOCANO??? VISTO CHE NON CI RISPONDONO I REGIONALI E’ PROPRIO AI FAMOSI BONANNI, CAMUSSO, ECC… CHE ANDREMO A CHIEDERE DELUCIDAZIONI!!!

E ancora il Signor Sindaco Demetrio Arena ed il Signor Governatore Giuseppe Scopelliti, si sono accorti (o hanno altre preoccupazioni che gli passano per la testa?) che il crollo della G.D.M. con la conseguente perdita del posto di lavoro per circa 2000, tra dipendenti e indotto (indotto che ha già prodotto parecchi licenziamenti e fallimenti), persone sta mettendo in ginocchio l'economia della loro bella Città Metropolitana???QUANDO SI DECIDERANNO AD INTERVENIRE?...DURANTE IL PERIODO ELETTORALE???

Il Signor Procuratore della Repubblica di Reggio Calabria è stato messo a conoscenza del fatto che in un cassetto della Procura c’è un esposto ,presentato qualche mese fa , che non può aspettare anni per essere visionato visto l’alto numero di onesti reggini il cui destino lavorativo è appeso ad un filo O DOBBIAMO RIVOLGERCI AD ALTRE PROCURE ITALIANE???

Ma la domanda più ricorrente tra i lavoratori è questa: com’è possibile che un’azienda come la G.D.M., che a Reggio Calabria aveva il monopolio della grande distribuzione, anche se siamo in un periodo di crisi (ma ancora la gente mangia!) non faccia gola a nessun imprenditore con qualche soldino in tasca??? DI CERTO C’E’ CHE UN IMPRENDITORE HA FATTO RICHIESTA PER L’ ACQUISIZIONE DEL DOCKS MARKET, CASH & CARRIE FIORE ALL’ OCCHIELLO DELLA G.D.M., ATTUALMENTE CHIUSO E CON I SUOI CIRCA 20 DIPENDENTI IN CASSA INTEGRAZIONE. EBBENE LE RICHIESTE DEL SUDDETTO IMPRENDITORE NON SONO ANCORA STATE PRESE IN CONSIDERAZIONE (MISTERI DELLA FEDE!!!), IL PUNTO VENDITA RIMANE CHIUSO E LO STATO (ANCH’ESSO PER LA VERITA’ MESSO UN PO’ MALUCCIO IN QUESTO PERIODO) CONTINUA A PAGARE AMMORTIZZATORI SOCIALI A QUESTE CIRCA 20 PERSONE, CHE IN REALTA’ POTREBBERO LAVORARE GIA’ DA UN BEL PO’ (CHE SPRECHI!!!).

Alla fine della fiera i lavoratori, che a queste domande, ripetute per un anno circa, non hanno ancora ricevuto risposte né dalla Eurologistik, né dal Prefetto, né dai Sindacati, né dal Sindaco, né dal Governatore, né dal Procuratore (…ALLA FINE TUTTI COMUNI MORTALI DOTATI DI PAROLA…) hanno ben pensato di fare una cosa che per la verità non sarebbe corretto fare, ma che tanto fanno tutti: FARSI RACCOMANDARE, PER AVERE UNO STRACCIO DI LAVORO, DALLA MADONNA DELLA CONSOLAZIONE PRESSO DIO, PERCHE’ TANTO ORMAI SOLO LUI CI PUO’ SALVARE!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Una preghiera ai giornali ed alle reti televisive che riceveranno questo sfogo disperato: capiamo che gli spazi giornalistici e televisivi sono pochi e queste non sono proprio quattro parole, ma ogni singola cosa scritta in questo testo è importantissima e quindi per favore non tagliate nulla. Mille grazie per l’aiuto che, fino ad’ora abbiamo ricevuto SOLO da voi!
Avatar utente
spiny79
Forumino Malato
Forumino Malato
Messaggi: 906
Iscritto il: 11/05/2011, 13:56

questa è l'italia: imbroglioni che fanno i loro affari ed imbrogli fiscali, poi quando non gli conviene più dichiarano fallimento e tanti saluti ai fessi che lavoravano e mantenevano una famiglia con 1.000 euro al mese...

però loro alle mega ville ed alle ferrari non rinunciano...
Avatar utente
NinoMed
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 5430
Iscritto il: 03/05/2011, 0:34

Reggio: Fallimento Gdm. Pm: "Agevolata cosca Tegano"
Lunedì 30 Luglio 2012 18:01

L'imprenditore Carlo Montesano e Giuseppe Rechichi, ritenuto un prestanome della cosca dei Labate di Reggio Calabria, nell'ambito delle procedure fallimentari della Gdm, hanno realizzato una serie di operazioni ''al fine di agevolare l'attivita' della ramificata organizzazione criminale 'ndrangheta ed in particolare della preminente articolazione territoriale denominata Tegano di Archi''. E' quanto scrivono il procuratore di Reggio Calabria Ottavio Sferlazza, l'aggiunto Michele Prestipino ed il pm della Dda Giuseppe Lombardo nel decreto di perquisizione notificato stamani a Montesano, Rechichi ed altre sei persone. In particolare, secondo l'accusa, Montesano e Rechichi attribuivano fittiziamente alla societa' Sica, per l'accusa riconducibile a Rechichi, la titolarita' di un immobile della Gdm in relazione al quale Montesano corrispondeva a Rechichi 33 mila euro al mese di affitto. Canone ritenuto ''fuori mercato'' dagli inquirenti, anche perche' in parte inutilizzato da almeno cinque anni. In precedenza, grazie ad una serie di operazioni adesso al vaglio degli inquirenti, la Gdm aveva trasferito il ramo d'azienda relativo ai supermercati alla Euro Logistick per un importo di 1.037.000 euro e cosi' facendo ''distraevano e dissipavano in parte l'attivo patrimoniale della Gdm impedendo peraltro all'amministratore unico della Euro Logistick Marcello Foti di procedere alla rinegoziazione del canone di locazione'' pagato alla Sica. L'obiettivo di Carlo Montesano, secondo quanto sostengono i pm nel decreto, era quello di ''lasciare l'impresa dissestata nell'impossibilita' di esercitare qualsiasi attivita' economica, di ostacolare gli organi del fallimento nella liquidazione dell'attivio (rendendo difficile la collocazione sul mercato di beni non immediatamente disponibili) e di danneggiare i creditori concorsuali''. Oltre a Montesano e Rechichi, sono indagati Piergiorgio Sacco, di 70 anni, residente a Milano e Paolo Montesano (47) di Reggio Calabria, commissari liquidatori della societa; Amedeo Bernardi (63), residente a Rivanazzano Terme (Pavia), Salvatore Sentina (62, residente a Reggio e Nuccio Occhiuto (69), di Villa San Giovanni, uomini di fiducia di Carlo Montesano e Matteo Sala (31), di Lecco, commercialista e consulente di Sacco e Paolo Montesano. Oltre ai loro uffici sono state perquisiti anche altri studi, sedi di societa', come quella milanese e reggina della Grande Albergo Moramare Spa e uffici della direzione delle strutture ricettive Alta Fiumara Resort di Villa San Giovanni, Grand Hotel Excelsior di Reggio Calabria e Hotel Palace Masoanri's.(ANSA)


http://www.strill.it/index.php?option=c ... &Itemid=86" onclick="window.open(this.href);return false;
Have a Nice Day
Avatar utente
Motociclista
Forumino Malatissimo
Forumino Malatissimo
Messaggi: 1795
Iscritto il: 11/05/2011, 19:51

questi poveri dipendenti senza saperlo avevano il futuro in mano alla ndrangheta..così come è tutta la città.
Avatar utente
Falko
Forumino Scelto
Forumino Scelto
Messaggi: 685
Iscritto il: 11/05/2011, 14:57

io direi che molti di loro sapevano
Se il destino mi è avverso, peggio per lui!!!

http://www.youtube.com/watch?v=06hr11IO" onclick="window.open(this.href);return false; ... dded#at=13

"La mia rielezione sarebbe al limite del ridicolo" Giorgio Napolitano 14/4/2013
Avatar utente
Motociclista
Forumino Malatissimo
Forumino Malatissimo
Messaggi: 1795
Iscritto il: 11/05/2011, 19:51

si,non ho voluto infierire ulteriormente,purtroppo per molti è così..
Avatar utente
ManAGeR78
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 3010
Iscritto il: 11/05/2011, 16:35
Località: La Sponda PADRONA dello Stretto!

La vicenda GDM è lo specchio della Reggio di Oggi.
Di una tristezza assoluta.
Immagine

"I know I was born and I know that I'll die. The in between is mine. I AM MINE!" (Eddie Vedder)
Rispondi