Record di fallimenti nel 2011

Notizie dal mondo e dalla città: curiosità, fatti, cronaca...

Moderatori: NinoMed, Bud, Lilleuro

Rispondi
doddi
Non c'è nenti!
Non c'è nenti!
Messaggi: 4823
Iscritto il: 11/05/2011, 12:55
Località: 38°6′41″N 15°39′43″E

Ed il "meglio" sara' il 2012, senza considerare le chiusure volontarie, con altre decina di migliaia di posti di lavoro VERI persi.

http://www.ilfattoquotidiano.it/2012/03 ... ro/201477/" onclick="window.open(this.href);return false;


LAVORO & PRECARI | di Redazione Il Fatto Quotidiano | 31 marzo 2012 Commenti (228)





Crisi, nel 2011 oltre 12mila imprese fallite. In 50mila hanno perso il lavoro La maglia nera tocca, a sorpresa, alla Lombardia con 2.600 casi. Allarme rosso anche nel settore agricolo. Secondo Coldiretti, infatti, nell'ultimo anno sono state chiuse 50mila aziende Nel 2011 ben 11.615 aziende hanno chiuso i battenti per fallimento, con una media di 35 al giorno. Si tratta di un dato mai toccato in questi ultimi quattro anni di grave crisi economica. E’ il dato fornito dalla Cgia di Mestre che parla di “un record che ci segnala quanto siano in difficoltà le imprese italiane, soprattutto quelle di piccole dimensioni”. “La stretta creditizia, i ritardi nei pagamenti e il forte calo della domanda interna – segnala il segretario della Cgia di Mestre Giuseppe Bortolussi – sono le principali cause che hanno costretto molti piccoli a portare i libri in Tribunale. Purtroppo, questo dramma non e’ stato vissuto solo da questi datori di lavoro, ma anche dai loro dipendenti che, secondo una nostra prima stima, in almeno 50.000 hanno perso il posto di lavoro”.

Maglia nera dei fallimento è, a sorpresa, la Lombardia: secondo i dati forniti dalla Cgia di Mestre, nel 2011 sono stati oltre 2.600, quasi un quarto del totale nazionale. Segue nella classifica il Lazio, con 1.215 aziende fallite; al terzo posto il Veneto (1.122). Supera quota mille anche l’Emilia Romagna (1.008). Chiude la classifica la Valle d’Aosta, con appena 9 aziende fallite. Ecco di seguito la classifica, regione per regione, dei fallimenti di imprese registrati nel 2011.

C’è di più: il fallimento di un imprenditore non è solo economico, spesso viene vissuto da queste persone come un fallimento personale che, in casi estremi, ha portato decine e decine di piccoli imprenditori a togliersi la vita. “La sequenza di suicidi e di tentativi di suicidio avvenuta tra i piccoli imprenditori in questi ultimi mesi – prosegue Bortolussi – sembra non sia destinata a fermarsi. Solo in questa settimana, due artigiani, a Bologna e a Novara, hanno tentato di farla finita per ragioni economiche. Bisogna intervenire subito e dare una risposta emergenziale a questa situazione che rischia di esplodere. Per questo invitiamo il Governo a istituire un fondo di solidarieta’ che corra in aiuto a chi si trova a corto di liquidita”.

La situazione più critica la sia registra nel settore agricola. Qui, secondo le stime di Coldiretti, “nel 2011 in Italia sono state chiuse oltre 50mila aziende agricole”. In questo settore “operano 829mila imprese iscritte al registro delle Camere di Commercio. A preoccupare per il 2012 oltre che gli effetti del maltempo e della crisi dei mercati, anche l’applicazione della nuova Imu che se non sarà adeguata alle specificità del settore sulla base delle conclusioni del tavolo fiscale rischia di avere un impatto insostenibile su terreni agricoli e fabbricati rurali, dalle stalle ai fienili fino alle cascine e ai capannoni necessari per proteggere trattori e attrezzi, andando a tassare quelli che sono, di fatto, mezzi di produzione per le imprese agricole”.
Se coloro che vincono le gare hanno certificati antimafia ma sono in strette relazioni con altre imprese sottoposte all'attenzione della mafia,tutte munite di certificazioni delle prefetture,allora è un problema diverso che non compete a me valutare. I.F.
Paolo_Padano
Forumino Malatissimo
Forumino Malatissimo
Messaggi: 1986
Iscritto il: 11/05/2011, 13:02

fallimenti, posti di lavoro che si perdono senza art. 18, disoccupazione record, borsa che crolla, spread che vola a più di 400. Pensioni sparite, tasse su tasse, iva 21, 4 finanziarie è giunta l'ora di un komunismo autentico
Lillu Fotti: "aundi ioca Spread cu cattu si mu rununu a paremetru zeru"
Lillu Foti: "non bogghiu 'nchinari poi mi rinnu chi vonnnu a squatra mi 'ndi sarbamu"
giokar70
Apprendista Forumino
Apprendista Forumino
Messaggi: 61
Iscritto il: 11/05/2011, 16:31
Località: Lucca

Paolo_Padano ha scritto:fallimenti, posti di lavoro che si perdono senza art. 18, disoccupazione record, borsa che crolla, spread che vola a più di 400. Pensioni sparite, tasse su tasse, iva 21, 4 finanziarie è giunta l'ora di un komunismo autentico
Direi che è giunta l'ora di una rivolta popolare....i colori non esistono più...rossi, verdi, neri...sunnu tutti i stessi.... quando il popolo italiano lo capirà sarà sempre troppo tardi..
Ed il bello è che c'è ancora qualcuno che riesce a schierarsi da una parte o dall'altra pensando che a qualcuno di quei mangiatari possa interessare il bene dell'italiano medio....
"...se il numero dei tentativi tende all’infinito, la probabilità di successo diventa certezza..."
sognatore82
Forumino Scelto
Forumino Scelto
Messaggi: 456
Iscritto il: 08/08/2011, 11:20
Località: gerace

la cosa assurda e che fa vedere la malafede del lupo è che se arrestano una persona ( la arrestano da indagato e non da colpevole, assurdo) ed è per caso un imprenditore

lo stato non subentra all'indagato ma fa chiudere le società, mandando in disoccupazione mamme di famiglia



e poi mi parlano di destra o sinistra, qui il lupo si vuole mangiare l'agnello sempre e pur di mangiarselo si traveste da pecora


ma stavolta c'è il fratellino dell'agnellino che arriva in gran velocità e farà fallo da dietro, piacere sono il montone
a reggio calabria del comunismo è rimasto solo il pcl

la speranza vera ma misera rimane il 5 stelle !
Rispondi