Dopo le tasse i tagli?

Notizie dal mondo e dalla città: curiosità, fatti, cronaca...

Moderatori: Bud, NinoMed, Lilleuro

doddi
Non c'è nenti!
Non c'è nenti!
Messaggi: 4823
Iscritto il: 11/05/2011, 12:55
Località: 38°6′41″N 15°39′43″E

Lillo sei uno ha scritto:Polillo, sottosegretario all'Economia propone anche di tagliare sette giorni di ferie in meno per alzare Pil.

Lavorare una settimana in piu' per aumentare la produttività.

Complimenti, dopo la finanza creativa, anche l'economia creativa :thumleft

Che geni questi professori :cheers
In buona parte dei casi le ferie consisterebbero nell'esenzione della strisciata del badge, proposta da bocciare.
Toccategli il portafoglio e' l'unica cosa cui sono sensibili.
Se coloro che vincono le gare hanno certificati antimafia ma sono in strette relazioni con altre imprese sottoposte all'attenzione della mafia,tutte munite di certificazioni delle prefetture,allora è un problema diverso che non compete a me valutare. I.F.
Avatar utente
goldenboy
Forumino Malatissimo
Forumino Malatissimo
Messaggi: 2789
Iscritto il: 11/05/2011, 12:43
Località: na vota 'nto bizzolu

doddi ha scritto:
Lillo sei uno ha scritto:Polillo, sottosegretario all'Economia propone anche di tagliare sette giorni di ferie in meno per alzare Pil.

Lavorare una settimana in piu' per aumentare la produttività.

Complimenti, dopo la finanza creativa, anche l'economia creativa :thumleft

Che geni questi professori :cheers
In buona parte dei casi le ferie consisterebbero nell'esenzione della strisciata del badge, proposta da bocciare.
Toccategli il portafoglio e' l'unica cosa cui sono sensibili.

infatti credo parlasse in generale,non di statali....rilassati doddi,vedi gli statali dappertutto,forse hai avuto un incubo da piccolino che ti tormenta :scratch ...

ps....solo gli statali sono sensibili al portafoglio vero??gli altri lavorano per la gloria :fifi: :fifi: :fifi:
doddi
Non c'è nenti!
Non c'è nenti!
Messaggi: 4823
Iscritto il: 11/05/2011, 12:55
Località: 38°6′41″N 15°39′43″E

goldenboy ha scritto:
doddi ha scritto:
Lillo sei uno ha scritto:Polillo, sottosegretario all'Economia propone anche di tagliare sette giorni di ferie in meno per alzare Pil.

Lavorare una settimana in piu' per aumentare la produttività.

Complimenti, dopo la finanza creativa, anche l'economia creativa :thumleft

Che geni questi professori :cheers
In buona parte dei casi le ferie consisterebbero nell'esenzione della strisciata del badge, proposta da bocciare.
Toccategli il portafoglio e' l'unica cosa cui sono sensibili.

infatti credo parlasse in generale,non di statali....rilassati doddi,vedi gli statali dappertutto,forse hai avuto un incubo da piccolino che ti tormenta :scratch ...

ps....solo gli statali sono sensibili al portafoglio vero??gli altri lavorano per la gloria :fifi: :fifi: :fifi:
Esattamente , di solito gli altri lavorano, altrimenti li buttano fuori.
Se coloro che vincono le gare hanno certificati antimafia ma sono in strette relazioni con altre imprese sottoposte all'attenzione della mafia,tutte munite di certificazioni delle prefetture,allora è un problema diverso che non compete a me valutare. I.F.
Avatar utente
OronzoPugliese
Forumino Malatissimo
Forumino Malatissimo
Messaggi: 2432
Iscritto il: 11/05/2011, 12:57

doddi ha scritto: In buona parte dei casi le ferie consisterebbero nell'esenzione della strisciata del badge, proposta da bocciare.

Però scusa, affinché tu possa essere considerato un qualunquista come si deve, visto che ci sei aggiungi pure i canonici "Non ci sono più le mezze stagioni", "Qui una volta era tutta campagna" e "I politici sono tutti ladri"
Immagine
"Mister te sarà ti, muso de mona. Mi son el signor Nereo Rocco"
Avatar utente
OronzoPugliese
Forumino Malatissimo
Forumino Malatissimo
Messaggi: 2432
Iscritto il: 11/05/2011, 12:57

doddi ha scritto: Esattamente , di solito gli altri lavorano, altrimenti li buttano fuori.

Ooooooh vedi che se ti impegni rendi di più?
Immagine
"Mister te sarà ti, muso de mona. Mi son el signor Nereo Rocco"
doddi
Non c'è nenti!
Non c'è nenti!
Messaggi: 4823
Iscritto il: 11/05/2011, 12:55
Località: 38°6′41″N 15°39′43″E

Per completare la saga dei castisti statali ne manca uno... a lutto per lill€uro al momento.
Ahhh beata ipocrisia, eppure meglio di voi l'ambientino non dovrebbe conoscerlo nessuno.

Aspettiamo i dati dell'imu e poi vedremo la fuga in salita dei due grimpeur Lisuccia Fornerò e Piggì.
Mezzo pil si brucia la PA, mezzo, ed ancora si fà spirito.
E vabbè :scrolleye:
Se coloro che vincono le gare hanno certificati antimafia ma sono in strette relazioni con altre imprese sottoposte all'attenzione della mafia,tutte munite di certificazioni delle prefetture,allora è un problema diverso che non compete a me valutare. I.F.
Avatar utente
goldenboy
Forumino Malatissimo
Forumino Malatissimo
Messaggi: 2789
Iscritto il: 11/05/2011, 12:43
Località: na vota 'nto bizzolu

doddi ha scritto:Esattamente , di solito gli altri lavorano, altrimenti li buttano fuori.

come sempre sei limitativo...io mi riferivo anche agli imprenditori,commercianti e artigiani che non pagano un centesimo di tasse..o quelli non sono sensibili al portafoglio :wink
Avatar utente
OronzoPugliese
Forumino Malatissimo
Forumino Malatissimo
Messaggi: 2432
Iscritto il: 11/05/2011, 12:57

doddi ha scritto:Per completare la saga dei castisti statali ne manca uno... a lutto per lill€uro al momento.
Ahhh beata ipocrisia, eppure meglio di voi l'ambientino non dovrebbe conoscerlo nessuno.

Aspettiamo i dati dell'imu e poi vedremo la fuga in salita dei due grimpeur Lisuccia Fornerò e Piggì.
Mezzo pil si brucia la PA, mezzo, ed ancora si fà spirito.
E vabbè :scrolleye:

Ieu fazzu puru spirito, ma tu fai disinformazione/propaganda a livello tale che la Pravda o i cinegiornali del regime a confronto appaiono un blog su internet.

Ammesso (ma non si capisce perchè) che tutti i dipendenti statali si futtunu u stipendiu, le retribuzioni nel pubblico impiego incidono per circa l'11% del PIL (dati Eurostat di giugno 2012); ma mentre negli ultimi 10 anni le retribuzioni di impiegati, insegnanti, bidelli e compagnia cantante sono complessivamente diminuite, essendo contestualmente ridottosi di oltre 100 mila unità il contingente dei pubblici dipendenti, sono invece aumentate quelle di dirigenti e manager, tant'è che il rapporto tra salari è passato, dal 2001 ad oggi, da 1/2 a 1/3.

Chi "si brucia mezzo pil", come intendi tu, sono sanità e soprattutto costi della politica, diretti ed indiretti, che però conviene, guardacaso, far rientare nel calderone degli "statali", così che demagogia e qualunquismo possano crescere e proliferare bellamente.

Se poi vogliamo continuare a vedere cu è chi si bampa u Pil, scopriamo che, invece, è l'evasione fiscale (e quella sì che è fottere) ad incidere per un bel 18% di Prodotto Interno Lordo (dati Corte dei Conti). Indovina indovinello: quali categorie di lavoratori rientrano nel 93% di evasori? E che facciamo, seguiamo la tua linea e diciamo allora che "buona parte" di tutti gli imprenditori, commercianti, autonomi ed artigiani sono ladri e farabutti?
Immagine
"Mister te sarà ti, muso de mona. Mi son el signor Nereo Rocco"
Avatar utente
goldenboy
Forumino Malatissimo
Forumino Malatissimo
Messaggi: 2789
Iscritto il: 11/05/2011, 12:43
Località: na vota 'nto bizzolu

OronzoPugliese ha scritto:
doddi ha scritto:Per completare la saga dei castisti statali ne manca uno... a lutto per lill€uro al momento.
Ahhh beata ipocrisia, eppure meglio di voi l'ambientino non dovrebbe conoscerlo nessuno.

Aspettiamo i dati dell'imu e poi vedremo la fuga in salita dei due grimpeur Lisuccia Fornerò e Piggì.
Mezzo pil si brucia la PA, mezzo, ed ancora si fà spirito.
E vabbè :scrolleye:

Ieu fazzu puru spirito, ma tu fai disinformazione/propaganda a livello tale che la Pravda o i cinegiornali del regime a confronto appaiono un blog su internet.

Ammesso (ma non si capisce perchè) che tutti i dipendenti statali si futtunu u stipendiu, le retribuzioni nel pubblico impiego incidono per circa l'11% del PIL (dati Eurostat di giugno 2012); ma mentre negli ultimi 10 anni le retribuzioni di impiegati, insegnanti, bidelli e compagnia cantante sono complessivamente diminuite, essendo contestualmente ridottosi di oltre 100 mila unità il contingente dei pubblici dipendenti, sono invece aumentate quelle di dirigenti e manager, tant'è che il rapporto tra salari è passato, dal 2001 ad oggi, da 1/2 a 1/3.

Chi "si brucia mezzo pil", come intendi tu, sono sanità e soprattutto costi della politica, diretti ed indiretti, che però conviene, guardacaso, far rientare nel calderone degli "statali", così che demagogia e qualunquismo possano crescere e proliferare bellamente.

Se poi vogliamo continuare a vedere cu è chi si bampa u Pil, scopriamo che, invece, è l'evasione fiscale (e quella sì che è fottere) ad incidere per un bel 18% di Prodotto Interno Lordo (dati Corte dei Conti). Indovina indovinello: quali categorie di lavoratori rientrano nel 93% di evasori? E che facciamo, seguiamo la tua linea e diciamo allora che "buona parte" di tutti gli imprenditori, commercianti, autonomi ed artigiani sono ladri e farabutti?
:thumleft
doddi
Non c'è nenti!
Non c'è nenti!
Messaggi: 4823
Iscritto il: 11/05/2011, 12:55
Località: 38°6′41″N 15°39′43″E

OronzoPugliese ha scritto:
doddi ha scritto:Per completare la saga dei castisti statali ne manca uno... a lutto per lill€uro al momento.
Ahhh beata ipocrisia, eppure meglio di voi l'ambientino non dovrebbe conoscerlo nessuno.

Aspettiamo i dati dell'imu e poi vedremo la fuga in salita dei due grimpeur Lisuccia Fornerò e Piggì.
Mezzo pil si brucia la PA, mezzo, ed ancora si fà spirito.
E vabbè :scrolleye:

Ieu fazzu puru spirito, ma tu fai disinformazione/propaganda a livello tale che la Pravda o i cinegiornali del regime a confronto appaiono un blog su internet.

Ammesso (ma non si capisce perchè) che tutti i dipendenti statali si futtunu u stipendiu, le retribuzioni nel pubblico impiego incidono per circa l'11% del PIL (dati Eurostat di giugno 2012); ma mentre negli ultimi 10 anni le retribuzioni di impiegati, insegnanti, bidelli e compagnia cantante sono complessivamente diminuite, essendo contestualmente ridottosi di oltre 100 mila unità il contingente dei pubblici dipendenti, sono invece aumentate quelle di dirigenti e manager, tant'è che il rapporto tra salari è passato, dal 2001 ad oggi, da 1/2 a 1/3.

Chi "si brucia mezzo pil", come intendi tu, sono sanità e soprattutto costi della politica, diretti ed indiretti, che però conviene, guardacaso, far rientare nel calderone degli "statali", così che demagogia e qualunquismo possano crescere e proliferare bellamente.

Se poi vogliamo continuare a vedere cu è chi si bampa u Pil, scopriamo che, invece, è l'evasione fiscale (e quella sì che è fottere) ad incidere per un bel 18% di Prodotto Interno Lordo (dati Corte dei Conti). Indovina indovinello: quali categorie di lavoratori rientrano nel 93% di evasori? E che facciamo, seguiamo la tua linea e diciamo allora che "buona parte" di tutti gli imprenditori, commercianti, autonomi ed artigiani sono ladri e farabutti?
Ci sono parecchi ladri e farabutti ma la repressione che stanno attuando mi pare che abbia strumenti correttivi molto pregnanti ed efficaci.
E' di oggi la dichiarazione di Passera che non c'è più spazio per nuove tasse per cui, come dicevo quando ho aperto questo topic, e come piano piano ci stanno significando i vari ministri e sottosegretari preposti adesso è il tempo dei tagli.
Si parla di circa 300.000 addetti da "esodare", oltre a tagli importanti per i manager ed addirittura congelamento di stipendi e tredicesime.
La PA nel suo insieme, a fronte di servizi spesso scadenti, rappresenta un duplice costo per la collettività, il primo quello reale che per la precisione rappresenta esattamente il 40% del pil, ed il secondo quello sotteso, un costo rappresentato dalla burocrazia e dalla corruzione che incidono per circa 200 mld sulle attività di cittadini ed imprese.
Solo di stipendi, considerando 3,5 milioni di dipedenti diretti, escluse partecipate e municipalizzate siamo ad oltre 200 mld. di costi.



http://borsaitaliana.it.reuters.com/art ... 0W20120619" onclick="window.open(this.href);return false;


Fisco, Passera: non c'è spazio per patrimoniale dopo Imu
martedì 19 giugno 2012 09:58

ROMA (Reuters) - Il ministro dello Sviluppo economico, Corrado Passera, esclude margini di intervento per fare un'imposta patrimoniale o "un'altra grossa tassa" dopo che la manovra correttiva di dicembre ha alzato l'imposizione sugli immobili attraverso l'Imu.
"La fiscalità introdotta nel corso del 'Salva Italia' ha l'obiettivo di mettere una tassa chiara e trasparente sui patrimoni immobiliari cercando di ridurre l'impatto al massimo sulle proprietà immobiliari più ridotte, quindi una forma di patrimoniale coerente con la situazione attuale. Non credo personalmente che un'altra grossa tassa oggi sia qualcosa da fare. Il peso fiscale è già molto elevato, non vediamo e non vedrei spazio per ulteriori interventi", ha detto Passera intervenenendo a una trasmissione radiofonica.

Il ministro ha confermato l'obiettivo assunto dal governo di trovare, attraverso la spending review, risorse sufficienti per sterilizzare l'aumento dell'Iva previsto dal prossimo ottobre, ma ha mostrato cautela sulla capacità del governo di ridurre il carico fiscale.

"Ridurre le tasse a quelli che le pagano è l'obiettivo che abbiamo. Non è pensabile nel breve", ha detto Passera aggiungendo che per abbassare il prelievo tributario bisogna prima ridurre l'evasione e stimolare la crescita economica creando le condizioni per avere più gettito.
Se coloro che vincono le gare hanno certificati antimafia ma sono in strette relazioni con altre imprese sottoposte all'attenzione della mafia,tutte munite di certificazioni delle prefetture,allora è un problema diverso che non compete a me valutare. I.F.
Avatar utente
EktorBaboden
Forumino Malato
Forumino Malato
Messaggi: 1007
Iscritto il: 11/05/2011, 19:47

E' notte alta e sono sveglio!!
sei sempre tu il mio chiodo fisso

Ancora
ancora
ancora

:fifi:

:mrgreen:
AMOMARANTO LIBERO
Avatar utente
Regmi
Non c'è nenti!
Non c'è nenti!
Messaggi: 4234
Iscritto il: 11/05/2011, 16:55

EktorBaboden ha scritto:E' notte alta e sono sveglio!!
sei sempre tu il mio chiodo fisso

Ancora
ancora
ancora

:fifi:

:mrgreen:
:roftl: :roftl:

OT- era parecchio che non ti leggevo e il ritorno è beneaugurante.
La speranza appartiene ai figli.
Noi adulti abbiamo già sperato e quasi sempre perso.
Avatar utente
EktorBaboden
Forumino Malato
Forumino Malato
Messaggi: 1007
Iscritto il: 11/05/2011, 19:47

Regmi ha scritto:
EktorBaboden ha scritto:E' notte alta e sono sveglio!!
sei sempre tu il mio chiodo fisso

Ancora
ancora
ancora

:fifi:

:mrgreen:
:roftl: :roftl:

OT- era parecchio che non ti leggevo e il ritorno è beneaugurante.
:lol: :lol:

Guarda...
Qualcuno non mi crederà 8-)
ma sto lavorando veramente tanto... :o.o:

Paura dello spending review :mrgreen:
AMOMARANTO LIBERO
Avatar utente
Regmi
Non c'è nenti!
Non c'è nenti!
Messaggi: 4234
Iscritto il: 11/05/2011, 16:55

EktorBaboden ha scritto:
Regmi ha scritto:
EktorBaboden ha scritto:E' notte alta e sono sveglio!!
sei sempre tu il mio chiodo fisso

Ancora
ancora
ancora

:fifi:

:mrgreen:
:roftl: :roftl:

OT- era parecchio che non ti leggevo e il ritorno è beneaugurante.
:lol: :lol:

Guarda...
Qualcuno non mi crederà 8-)
ma sto lavorando veramente tanto... :o.o:

Paura dello spending review :mrgreen:
E io sono tra quelli.
Come anche credo che tu sia un incallito evasore :bash:
:thumleft
La speranza appartiene ai figli.
Noi adulti abbiamo già sperato e quasi sempre perso.
pincopallino
Forumino Scelto
Forumino Scelto
Messaggi: 763
Iscritto il: 23/05/2011, 9:30

il Professore :salut :
OronzoPugliese ha scritto: Ammesso (ma non si capisce perchè) che tutti i dipendenti statali si futtunu u stipendiu, le retribuzioni nel pubblico impiego incidono per circa l'11% del PIL (dati Eurostat di giugno 2012); ma mentre negli ultimi 10 anni le retribuzioni di impiegati, insegnanti, bidelli e compagnia cantante sono complessivamente diminuite, essendo contestualmente ridottosi di oltre 100 mila unità il contingente dei pubblici dipendenti, sono invece aumentate quelle di dirigenti e manager, tant'è che il rapporto tra salari è passato, dal 2001 ad oggi, da 1/2 a 1/3.

Chi "si brucia mezzo pil", come intendi tu, sono sanità e soprattutto costi della politica, diretti ed indiretti, che però conviene, guardacaso, far rientare nel calderone degli "statali", così che demagogia e qualunquismo possano crescere e proliferare bellamente.

Se poi vogliamo continuare a vedere cu è chi si bampa u Pil, scopriamo che, invece, è l'evasione fiscale (e quella sì che è fottere) ad incidere per un bel 18% di Prodotto Interno Lordo (dati Corte dei Conti). Indovina indovinello: quali categorie di lavoratori rientrano nel 93% di evasori? E che facciamo, seguiamo la tua linea e diciamo allora che "buona parte" di tutti gli imprenditori, commercianti, autonomi ed artigiani sono ladri e farabutti?
Avatar utente
EktorBaboden
Forumino Malato
Forumino Malato
Messaggi: 1007
Iscritto il: 11/05/2011, 19:47

Regmi ha scritto: E io sono tra quelli.
Come anche credo che tu sia un incallito evasore :bash:
:thumleft
OT: proprio oggi all'agenzia delle entrate, IO, ho consegnato i documenti relativi alla denuncia dei redditi del 2010 (quindi spese sostenute nel 2009): scontrini della farmacia, ricevute mediche, assicurazione sulla vita, rette d'asilo e e spese per l'istruzione etc etc. Oltretutto, e giustamente, dopo aver pagato regolarmente le mie tassine mi hanno, a campione (a quanto sembra il campione sta aumentando, e meno male) controllato.
Un consiglio: non buttate niente se non prima passano, mi sembra, 5 anni.
Questi per colpa dello spending review si son messi a controllare a tappeto. :o.o:
AMOMARANTO LIBERO
doddi
Non c'è nenti!
Non c'è nenti!
Messaggi: 4823
Iscritto il: 11/05/2011, 12:55
Località: 38°6′41″N 15°39′43″E

EktorBaboden ha scritto:E' notte alta e sono sveglio!!
sei sempre tu il mio chiodo fisso

Ancora
ancora
ancora

:fifi:

:mrgreen:

:roll: ...mah
Se coloro che vincono le gare hanno certificati antimafia ma sono in strette relazioni con altre imprese sottoposte all'attenzione della mafia,tutte munite di certificazioni delle prefetture,allora è un problema diverso che non compete a me valutare. I.F.
Avatar utente
EktorBaboden
Forumino Malato
Forumino Malato
Messaggi: 1007
Iscritto il: 11/05/2011, 19:47

doddi ha scritto:
EktorBaboden ha scritto:E' notte alta e sono sveglio!!
sei sempre tu il mio chiodo fisso

Ancora
ancora
ancora

:fifi:

:mrgreen:

:roll: ...mah
Doddi sorridi!!

Anche il semplice gesto aiuta!! :mrgreen:
AMOMARANTO LIBERO
Avatar utente
goldenboy
Forumino Malatissimo
Forumino Malatissimo
Messaggi: 2789
Iscritto il: 11/05/2011, 12:43
Località: na vota 'nto bizzolu

EktorBaboden ha scritto:
Regmi ha scritto: E io sono tra quelli.
Come anche credo che tu sia un incallito evasore :bash:
:thumleft
OT: proprio oggi all'agenzia delle entrate, IO, ho consegnato i documenti relativi alla denuncia dei redditi del 2010 (quindi spese sostenute nel 2009): scontrini della farmacia, ricevute mediche, assicurazione sulla vita, rette d'asilo e e spese per l'istruzione etc etc. Oltretutto, e giustamente, dopo aver pagato regolarmente le mie tassine mi hanno, a campione (a quanto sembra il campione sta aumentando, e meno male) controllato.
Un consiglio: non buttate niente se non prima passano, mi sembra, 5 anni.
Questi per colpa dello spending review si son messi a controllare a tappeto. :o.o:

soono anche io tra i campioni :mrgreen:
doddi
Non c'è nenti!
Non c'è nenti!
Messaggi: 4823
Iscritto il: 11/05/2011, 12:55
Località: 38°6′41″N 15°39′43″E

Si stà arrivando al punto...ci si può preparare alla rivoluzione come hanno già annunciato i sindacati. Riduzione dell'organico, soprattutto dei dirigenti, e dei benefit (si parla di buoni pasto)


http://www.corriere.it/economia/12_lugl ... 60ad.shtml" onclick="window.open(this.href);return false;


Il piano
Il taglio degli statali, via un dirigente su cinque e il 10 per cento dei ministeriali
In tre anni saltano 100 mila dipendenti. Diecimila entro il 2012
I provvedimenti allo studio per il pubblico impiego



ROMA - Saranno qualcosa meno di diecimila entro l'anno e 80-90 mila entro il 2014. In totale, nell'arco di tre anni, la cura dimagrante per il popolo del pubblico impiego (circa tre milioni e mezzo di lavoratori) sarà di 100 mila dipendenti. In parte accompagnati verso la pensione con il ricorso alla mobilità o con una proroga della riforma Fornero (ancora da decidere) e la gran massa dovuta al riassetto organizzativo e al contestuale blocco del turn over. Per i dirigenti di prima e seconda fascia il taglio sarà più forte, del 20%. Nessuna abolizione anche parziale della tredicesima e per quanto riguarda i buoni pasto verranno tutti ricondotti alla cifra «storica» di 7 euro.

Questo è lo schema a cui fino a tarda sera di ieri, eccetto la pausa per la partita Italia-Spagna, stavano lavorando i tecnici di Palazzo Vidoni sede del ministero della Funzione Pubblica. Oggi le varie soluzioni escogitate dagli uomini del ministro Filippo Patroni Griffi verranno analizzate dagli economisti del Tesoro e della Ragioneria generale dello Stato. Poi domani l'incontro con i sindacati e nei giorni successivi la messa a punto del decreto sulla spending review che conterrà anche altre innovazioni. Come la riduzione del 50% delle auto blu, il tetto di tre persone nei consigli di amministrazione nelle società controllate da Stato ed enti locali ma non quotate, l'obbligatorietà della fruizione delle ferie per i dipendenti pubblici (dirigenti compresi) senza la possibilità di compensi sostitutivi, la stretta sulle consulenze introducendo la proibizione di assegnazione di incarichi ad ex dipendenti.


La cifra magica è quella della riduzione del 10% per i dipendenti ministeriali (circa 180 mila) in virtù di quanto deliberato dal governo come esempio da seguire lo scorso 15 di giugno quando ha stabilito lo snellimento della pianta organica della presidenza del Consiglio e del ministero dell'Economia. «Noi dobbiamo essere come la moglie di Cesare - ebbe a dire il viceministro del Tesoro Vittorio Grilli - al di sopra di ogni sospetto». Insomma se vuoi che gli altri seguano, devi dare il buon esempio. Vedremo tra oggi e domani in che modo gli altri ministeri hanno seguito in base al loro impegno di presentare entro il mese un progetto di snellimento.


Lo schema di accompagnamento verso l'uscita per i dipendenti anziani dovrebbe essere il seguente: due anni di mobilità all'80% dello stipendio con alcune procedure che scattano qualora si verifichi la situazione da «esodato». Per esempio, chi matura i requisiti entro il 2014 dovrebbe far valere le regole più favorevoli antecedenti la riforma Fornero. Per lo Stato si tratterebbe di un anticipo di alcuni anni compensato però dal rinvio della liquidazione che verrebbe erogata solo al compimento dei 66 anni.
Dopo la pubblicazione del rapporto Irpa (l'Istituto di ricerche sulla pubblica amministrazione fondato nel 2004 da Sabino Cassese) in cui venivano evidenziati tutti gli sprechi e gli extra costi derivanti dal cosiddetto «capitalismo municipale», cioè quelle migliaia di società controllate dagli enti locali e serbatoi di poltrone per politici trombati, anche l'Upi ha fatto la sua proposta. L'Unione delle province italiane (per altro in odore di tagli e forti accorpamenti) ha segnalato al governo una sorta di «autoriforma» che «garantirà allo Stato 5 miliardi di risparmi» derivanti dalla riduzione delle Province, l'istituzione delle città metropolitane e la riorganizzazione degli uffici territoriali dello Stato». L'Upi ha calcolato che sono ben 3.127 le società, i consorzi ed enti vari - «buona parte delle quali create dal nulla solo per spartire poltrone e gestire potere» - che costano 7 miliardi di euro l'anno 2 dei quali per i consigli di amministrazione.


Roberto Bagnoli
2 luglio 2012 | 10:06
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Se coloro che vincono le gare hanno certificati antimafia ma sono in strette relazioni con altre imprese sottoposte all'attenzione della mafia,tutte munite di certificazioni delle prefetture,allora è un problema diverso che non compete a me valutare. I.F.
Rispondi