Palmi: Magistrato arrestato per corruzione

Notizie dal mondo e dalla città: curiosità, fatti, cronaca...

Moderatori: NinoMed, Bud, Lilleuro

Rispondi
UnVeroTifoso
Forumino Malatissimo
Forumino Malatissimo
Messaggi: 1761
Iscritto il: 11/05/2011, 13:54

Magistrato calabrese arrestato per corruzione
In manette Giancarlo Giusti, del tribunale di Palmi. L'accusa: viaggi pagati dalla 'ndrangheta e incarichi pilotati

MILANO - Un giudice calabrese, Giancarlo Giusti, in servizio presso il tribunale di Palmi è stato arrestato questa mattina dalla procura distrettuale antimafia di Milano con l'accusa di corruzione. Il gip Giuseppe Gennari, su richiesta dei pm Ilda Boccassini e Paolo Storari, contesta al magistrato viaggi e soggiorni pagatigli dal clan di 'ndrangheta Lampàda (vicenda questa già emersa mesi fa quando la toga era stata indagata), ma anche l'assegnazione di incarichi professionali a custodi e amministratori giudiziari quando Giusti era giudice delle esecuzioni. Quattro mesi fa, nella stessa inchiesta sui Lampada il pool antimafia milanese aveva fatto arrestare anche il presidente della sezione Misure di prevenzione del tribunale di Reggio Calabria.


http://www.corriere.it/cronache/12_marz ... 2752.shtml" onclick="window.open(this.href);return false;
"Nani su iddi e vvonnu a tutti nani;
Nci vannu terra terra, peri e mmani;
E pa malignità brutta e superba,
Ccà non crisci chi erba, erba, erba"
(Nicola Giunta)
Avatar utente
goldenboy
Forumino Malatissimo
Forumino Malatissimo
Messaggi: 2789
Iscritto il: 11/05/2011, 12:43
Località: na vota 'nto bizzolu

http://regginalife.com/forum/viewtopic. ... &start=180" onclick="window.open(this.href);return false;


:na:

:fifi: :fifi: :fifi:
UnVeroTifoso
Forumino Malatissimo
Forumino Malatissimo
Messaggi: 1761
Iscritto il: 11/05/2011, 13:54

Se leggi l'ora ho postato prima io... :wink
"Nani su iddi e vvonnu a tutti nani;
Nci vannu terra terra, peri e mmani;
E pa malignità brutta e superba,
Ccà non crisci chi erba, erba, erba"
(Nicola Giunta)
doddi
Non c'è nenti!
Non c'è nenti!
Messaggi: 4823
Iscritto il: 11/05/2011, 12:55
Località: 38°6′41″N 15°39′43″E

UnVeroTifoso ha scritto:
Se leggi l'ora ho postato prima io... :wink

Esatto, 2 minuti prima... io stavo cercando quello vecchio per inserirlo, senza aprirne uno nuovo :thumright

Stavota u giallongu non avi curpa 8-) .... anche se poteva metterlo nel vecchio :mrgreen: :mrgreen:
Se coloro che vincono le gare hanno certificati antimafia ma sono in strette relazioni con altre imprese sottoposte all'attenzione della mafia,tutte munite di certificazioni delle prefetture,allora è un problema diverso che non compete a me valutare. I.F.
reggino
Non c'è nenti!
Non c'è nenti!
Messaggi: 4512
Iscritto il: 12/05/2011, 19:30
Località: l'isola che non c'è

‘Ndrangheta, giudice Giusti arrestato per corruzione aggravata dalla finalità mafiosa
Secondo l’accusa, il magistrato avrebbe ricevuto dal clan Lampada almeno 71 mila euro e, avendo venduto alla 'ndrangheta la propria funzione, avrebbe "violato i principi di imparzialità, probità e indipendenza". L'arresto è stato eseguito dalle Squadre mobili di Milano e Reggio Calabria, che gli hanno notificato l’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip Giuseppe Gennari su richiesta della Direzione distrettuale antimafia
Giancarlo Giusti, gip presso il tribunale di Palmi e poi sospeso dal Consiglio superiore della magistratura, è stato arrestato per corruzione aggravata dalla finalità mafiosa nell’ambito dell’inchiesta della Direzione distrettuale antimafia di Milano sul clan della ‘ndrangheta dei Lampada. Lo ha comunicato il procuratore della Repubblica di Milano Edmondo Bruti Liberati. Secondo l’accusa, il magistrato avrebbe ricevuto dal clan almeno 71 mila euro e, avendo venduto al clan della ‘ndrangheta la propria funzione, avrebbe “violato i principi di imparzialità, probità e indipendenza”. Giusti, 45 anni, è stato bloccato dalla polizia nella sua abitazione di Cittanova: l’arresto è stato eseguito dalle Squadre mobili di Milano e Reggio Calabria, che hanno notificato al giudice l’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip di Milano su richiesta della Dda.

Nella nota firmata da Bruti Liberati si legge che “in data odierna, nell’ambito del procedimento Valle/Lampada, è stata notificata l’ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip di Milano”, Giuseppe Gennari, “nei confronti del dottor Giancarlo Giusti, magistrato, già in servizio presso il Tribunale di Reggio Calabria e quindi di Palmi, sospeso dalle funzioni con delibera della Sezione disciplinare del Csm”, lo scorso 16 dicembre. Giusti, stando al capo di imputazione, è accusato di corruzione “fino al giugno 2010” in concorso con il presunto boss della ‘ndrangheta calabrese radicata a Milano, Giulio Lampada. Il magistrato, infatti, in concorso anche “con persone non identificate” per “compiere e per aver compiuto atti contrari ai doveri d’ufficio, in palese violazione dei principi di imparzialità, probità e indipendenza tipici della funzione giudiziaria, si metteva a disposizione di Giulio Lampada”. Tale “mercimonio della funzione”, si legge nell’imputazione, “veniva posto in essere dal magistrato al fine di ricevere e dopo aver ricevuto le utilità economiche da Giulio Lampada e da soggetti a quest’ultimo collegati, tra cui Mario Giglio e Minasi Vincenzo per un valore complessivo di almeno 71 mila euro”. Il tutto con “l’aggravante di aver commesso il fatto al fine di favorire l’associazione di tipo mafioso”.

La posizione di Giancarlo Giusti era da tempo sotto stretta osservazione da parte degli investigatori milanesi. Nella prima tranche dell’inchiesta erano emerse intercettazioni compromettenti a carico del giudice del Tribunale di Palmi, accusato di avere sfruttato l’amicizia con i Lampada per ottenere viaggi e soggiorni a Milano in resort molto costosi. Il tutto, sempre secondo l’accusa, in compagnia di avvenenti escort (una ventina il numero calcolato dagli investigatori milanesi) “offerte” dai fratelli Francesco e Giulio Lampada tra il 2008 e il 2009. Secondo diversi resoconti giornalistici, Giusti svolgeva funzioni di gip-gup al Tribunale di Palmi. In realtà, il magistrato non avrebbe mai esercitato la funzione di giudice per le indagini preliminari. Fino al giorno del blitz della mobile di Milano, il magistrato ha svolto le funzioni di giudice monocratico prevalentemente nella sezione di Cinquefrondi, sede distaccata del Tribunale di Palmi. Secondo indiscrezioni raccolte in ambienti giudiziari, il presidente del Tribunale di Palmi, Anna Maria Arena, avrebbe in effetti, in un primo momento, previsto per Giusti il trasferimento dalle funzioni di giudice monocratico a quelle di gip. Ma le notizie trapelate dalla Lombardia sul suo coinvolgimento nell’inchiesta milanese avrebbero bloccato l’assegnazione del nuovo incarico.

Lo scorso 30 novembre, nell’ambito dell’inchiesta coordinata dal procuratore aggiunto Ilda Boccassini e dai pm Paolo Storari e Alessandra Dolci, era stato arrestato un altro magistrato, poi sospeso dal Csm, il presidente delle misure di Prevenzione del Tribunale di Reggio Calabria, Vincenzo Giuseppe Giglio. In carcere erano finite anche altre 8 persone: il cugino di Giglio, il medico Vincenzo Giglio, il consigliere regionale della Calabria Francesco Morelli (Pdl), l’avvocato Vincenzo Minasi, il maresciallo della Guardia di Finanza Luigi Mongelli e un ‘fedelissimo’, Raffaele Fermino. E poi anche Giulio Lampada, “il regista di tutte le operazioni” e il fratello Francesco, gestori di bar e locali e veri e propri imprenditori nel settore dei giochi di azzardo, la moglie di quest’ultimo Maria Valle (lei però ai domiciliari) e suo fratello Leonardo, l’unico componente “spendibile della famiglia all’esterno”.

Per tutti il processo con rito immediato comincerà nelle prossime settimane. Il 27 gennaio scorso, poi, erano stati arrestati anche 3 finanzieri e il direttore del lussuoso hotel milanese ‘Brun’, accusato di favoreggiamento personale. In quell’albergo, secondo l’accusa, Giusti avrebbe soggiornato pagato dalla cosca e incontrato escort.

http://www.ilfattoquotidiano.it/2012/03 ... sa/200630/" onclick="window.open(this.href);return false;
https://www.youtube.com/watch?v=-JQINuybHL4" onclick="window.open(this.href);return false;
Avatar utente
goldenboy
Forumino Malatissimo
Forumino Malatissimo
Messaggi: 2789
Iscritto il: 11/05/2011, 12:43
Località: na vota 'nto bizzolu

doddi ha scritto:
UnVeroTifoso ha scritto:
Se leggi l'ora ho postato prima io... :wink

Esatto, 2 minuti prima... io stavo cercando quello vecchio per inserirlo, senza aprirne uno nuovo :thumright

Stavota u giallongu non avi curpa 8-) .... anche se poteva metterlo nel vecchio :mrgreen: :mrgreen:

come non ha colpa....c'era un topic bastava cercarlo e riprenderlo :wink
Avatar utente
Lixia
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 1734
Iscritto il: 11/05/2011, 13:25
Località: Boh!!! Attualmente zingarìo in Trentino!!!

aaahh brutta storia questa , quando si tratta di uomini di legge è sempre peggio leggere ste cose
"Gli amici miei, ed in cui posso fidare, non vivon qui: si trovan lontano, al mio paese, come ogni altra cosa, signori, che mi può recar conforto".

Putrusinu ogni mineshra!

Immagine
ciesse
Forumino Scelto
Forumino Scelto
Messaggi: 389
Iscritto il: 11/05/2011, 18:02

MILANO - Aveva «l'ossessione per il sesso» Giancarlo Giusti, gip presso il tribunale della cittadina calabrese di Palmi e poi sospeso dal Csm, arrestato per corruzione aggravata dalla finalità mafiosa nell'ambito dell'inchiesta della Dda di Milano sul clan dell'ndrangheta dei Lampada. Secondo l'accusa, il magistrato avrebbe ricevuto dal clan almeno 71 mila euro. Giusti aveva «l'ossessione per il sesso» e per «divertimenti», affari, conoscenze utili, scrive il gip Giuseppe Gennari nell'ordinanza di custodia cautelare a suo carico. L'ex gip di Palmi - sospeso dalle funzioni con delibera della sezione disciplinare del Csm, lo scorso 16 dicembre - da tempo perquisito e indagato nell'ambito dell'inchiesta milanese sulla 'ndrangheta, sarebbe stato corrotto non soltanto con il denaro, ma anche con una serie di viaggi e soggiorni a Milano, con l'utilizzo di una ventina di escort diverse.

«SERATA PAZZESCA TRA DONNE E VINO» - Dall'ordinanza di custodia cautelare emergono molti particolari sull'agenda informatica sequestrata allo stesso magistrato. Questo diario descrive la «bella vita» che il giudice conduceva durante le sue trasferte a Milano, spesato da un clan della 'ndrangheta, «fra donne, amore, vino e affari». Il 21 settembre del 2008, per esempio, Giusti scriveva sul suo diario: «Va bene il convegno. Serata di venerdì pazzesca fra donne e vino. Notte di amore con Natascia, ubriachi cotti». E poi il 10 ottobre del 2008: «Due giorni a Milano fra donne, amore, vino e affari, la squadra c'è e sembra funzionare. Due belle notti con Elisabetta, dolce ragazza russa». Il gip Giuseppe Gennari scrive che in quell'occasione Giusti «ha soggiornato all'hotel Melià dal 6 all'8 ottobre 2008» assieme a Fabio Pullano, perito del Tribunale di Reggio Calabria dove il magistrato lavorava alle esecuzioni immobiliari. A Pullano, secondo le indagini, Giusti avrebbe affidato consulenze su aste immobiliari per circa 300 mila euro. Il viaggio aereo da Reggio Calabria a Milano, come scrive il gip, venne «pagato da Giulio Lampada», presunto boss.

ANNA, SIMONA E LE ALTRE - E poi a novembre del 2008 Giusti scrive «Torno da Milano. Costituita società, ora dobbiamo chiudere affari». Secondo l'accusa, il magistrato sarebbe stato il socio occulto in una società del clan Lampada che acquisiva immobili alle aste di cui lo stesso magistrato si occupava. E poi ancora: «ho conosciuto Anna, ragazza di Mosca, bella e intelligente, problematica, ottimo amore». Poi un'altra annotazione: «A Milano mi accorgo che per mantenere Simona occorrono molti soldi, meglio essere chiari con lei, o aspettare di fare affari o non vederci più». Il 26 luglio 2009 il magistrato scrive: «Venerdì notte brava con (...) Simona e Alessandra. Grande amore nella casa di Gregorio». Secondo il gip, Giusti è un «personaggio fragilissimo e, per costume di vita, esposto alla tentazione di condotte illecite». Sempre stando all'ordinanza, il «dato gravissimo in termini di pericolosità sociale» è che il magistrato ha ceduto «immediatamente ai richiami di Lampada che offre da subito donne pagate, divertimenti, affari, conoscenze utili».

http://milano.corriere.it/milano/notizi ... 0658.shtml" onclick="window.open(this.href);return false;
sognatore82
Forumino Scelto
Forumino Scelto
Messaggi: 456
Iscritto il: 08/08/2011, 11:20
Località: gerace

Lixia ha scritto:aaahh brutta storia questa , quando si tratta di uomini di legge è sempre peggio leggere ste cose


è ancora non viristi nenti
a reggio calabria del comunismo è rimasto solo il pcl

la speranza vera ma misera rimane il 5 stelle !
Avatar utente
goldenboy
Forumino Malatissimo
Forumino Malatissimo
Messaggi: 2789
Iscritto il: 11/05/2011, 12:43
Località: na vota 'nto bizzolu

http://ildispaccio.it/23-primo-piano/51 ... ne-a-sarra" onclick="window.open(this.href);return false;
Rispondi