Rapina in villa a Perugia, altri due fermi

Notizie dal mondo e dalla città: curiosità, fatti, cronaca...

Moderatori: NinoMed, Bud, Lilleuro

Rispondi
Avatar utente
cozzina1
Non c'è nenti!
Non c'è nenti!
Messaggi: 4430
Iscritto il: 11/05/2011, 14:08
Località: santropè

Rapina in villa a Perugia, altri due fermi
Bloccati due romeni, un altro già fermato nei giorni scorsi
16 marzo, 21:42

Rapine villa: il padre di Luca Rosi, sono bestie

di Claudio Sebastiani

Erano fuggiti all'estero subito dopo l'omicidio di Luca Rosi ma stavano tornando: Iulian Ghiorghita e Aurel Rosu, romeni di 31 e 20 anni praticamente incensurati, sono stati bloccati dai carabinieri appena passato il confine tra Slovenia e Italia. A entrambi è stata notificata un'ordinanza di custodia cautelare in carcere con la quale vengono accusati della rapina a Ramazzano di Perugia finita con l'omicidio del bancario trentottenne, il 2 marzo, e quella in una villetta di Resina, nei primi giorni di febbraio, nel corso della quale una donna venne violentata (da Ghiorghita ipotizzano gli investigatori). Un loro complice, probabilmente anche lui romeno, è ricercato perché ritenuto coinvolto nell'azione che portò all'omicidio Rosi. "Barbaramente ammazzato" con cinque colpi di pistola ha detto il comandante provinciale dei carabinieri, colonnello Angelo Cuneo, nella villetta dei genitori dove c' erano anche il nipote di otto anni e la madre. Dopo avere reagito quando uno dei malviventi si era rivolto alla compagna dicendo "tu vieni". Colpito a morte anche se, ormai ferito, si fosse rifugiato in camera. Ghiorghita e Rosu sono stati bloccati a bordo di un pulmino Mercedes che fa la spola con l'est europeo. Perché stessero tornando dopo essere scappati in Romania, dove erano monitorati dall'Arma, non è chiaro.

Così come deve essere accertato dove fossero diretti i due, che risiedono nella zona di Vercelli, senza un'occupazione stabile e da dove si sono recati più volte - è emerso dalle indagini - in Umbria (anche in treno). Ai presunti responsabili dell'omicidio Rosi e della rapina con violenza sessuale (della quale non è accusato il ricercato) i militari sono giunti al termine di una complessa indagine nella quale sono stati impegnati vari reparti dei carabinieri coordinati dalla procura del capoluogo umbro. Un'inchiesta complessa perché i malviventi hanno sempre agito a volto coperto e indossando i guanti. Gli investigatori hanno però raccolto "elementi inconfutabili" che li "inchiodano" ai due colpi. Come il Dna di Ghiorghita recuperato in occasione dello stupro (della madre della compagna del proprietario della villetta dove c' era anche la nipote quattordicenne) e risultato lo stesso repertato in un piccolo appartamento utilizzato come covo prima della fuga e quello isolato su una scarpa abbandonata in un'altra rapina in villa, a Torgiano il 12 giugno scorso. Ma anche la testimonianza del presunto basista della rapina di Resina, fermato nei giorni scorsi. Colpo nel quale era stata sottratta anche un pistola semiautomatica che gli inquirenti sospettano sia la stessa calibro nove usata nel colpo nella casa dei genitori di Rosi, malmenato quando - è stato ricordato - aveva già le mani legate dietro la schiena. I tre rapinatori erano fuggiti con la sua auto recuperata nei pressi dell'appartamento utilizzato come covo.

Una piccola abitazione nella quale viveva anche una straniera legata a Ghiorghita e rintracciata dai carabinieri mentre stava per imbarcarsi su un volo per la Romania. E' stata quindi la donna (a carico della quale non sono stati presi provvedimenti) a fornire indicazioni ritenute utili - hanno spiegato gli investigatori - sull'omicidio del bancario. Altri elementi sono giunti dall'esame del traffico telefonico cellulare nelle aree delle tre rapine. Tracce seguite dai carabinieri in Italia e all'estero. Una vera e propria caccia all'uomo che ha portato stamani a bloccare Ghiorghita e Rosu. Ma anche il loro complice sembra avere ormai le ore contate.

http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche ... 61401.html" onclick="window.open(this.href);return false;

mi pare che ancora non ci siano prove certe...se si dovesse giungere alla certezza della loro colpevolezza....li darei in pasto ai parenti del povero ragazzo... :salut
L'ignoranza è meno dannosa del confuso sapere.
Cesare Beccaria
un giorno senza un sorriso è un giorno perso(C.Chaplin)
Avatar utente
st.george legion
Forumino Scelto
Forumino Scelto
Messaggi: 513
Iscritto il: 11/05/2011, 14:31
Località: gebbions city......palizzi blood LA MAGNA GRECIA

per me continua la linea dell'occhio per occhio dente per dente ,con certi animali (con tutto il rispetto per gli animali che nn agiscono cosi') non credo alla scuola di pensiero della "riabilitazione".
se devo rischiare di eliminare dalla faccia della terra una bestia immonda che potrebbe avere una percentuale di riabilitarsi mettendo a repentaglio altre vite innocenti in un futuro dove la bestia sara' libera sicuramente conoscendo la giustizia italiana, allora scelgo senza alcun dubbio la possibilita' di sbagliare a sfavore della bestia.
alla fine non sarebbe un grave errore.... :evil:
« Ecco l'antica Reggio, le cui origini si perdono nella notte dei tempi! Ecco la Reggio della Magna Grecia. »
(Papa Giovanni Paolo II, Reggio Cal, 7 ottobre 1984)
musica tu cosmu stin calavria greca RHEGION 730 A.C.
Immagine
Avatar utente
Lixia
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 1734
Iscritto il: 11/05/2011, 13:25
Località: Boh!!! Attualmente zingarìo in Trentino!!!

spero li sbattano in galera per il resto della loro vita mi dispiace solo che li dobbiamo campare noi
"Gli amici miei, ed in cui posso fidare, non vivon qui: si trovan lontano, al mio paese, come ogni altra cosa, signori, che mi può recar conforto".

Putrusinu ogni mineshra!

Immagine
Avatar utente
st.george legion
Forumino Scelto
Forumino Scelto
Messaggi: 513
Iscritto il: 11/05/2011, 14:31
Località: gebbions city......palizzi blood LA MAGNA GRECIA

Lixia ha scritto:spero li sbattano in galera per il resto della loro vita mi dispiace solo che li dobbiamo campare noi
appunto fosse per me ci risparmieremmo anche questi soldi,certa gente non merita di vivere...
da sottolineare che l'ecuadoregna violentata di 54 anni ha supplicato il suo aguzzino piu' volte dicendogli di non farlo che potrebbe essere sua madre :twisted:
« Ecco l'antica Reggio, le cui origini si perdono nella notte dei tempi! Ecco la Reggio della Magna Grecia. »
(Papa Giovanni Paolo II, Reggio Cal, 7 ottobre 1984)
musica tu cosmu stin calavria greca RHEGION 730 A.C.
Immagine
Rispondi