Caso Nazionale - Palermo al voto per le Comunali

Notizie dal mondo e dalla città: curiosità, fatti, cronaca...

Moderatori: NinoMed, Bud, Lilleuro

Rispondi
Avatar utente
NinoMed
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 5430
Iscritto il: 03/05/2011, 0:34

Apro un 3d slegato dal discorso generale fatto sulla situazione di del PD, di cui stavamo discutendo altrove, perchè sembra esserci in atto una vera e prorpia sfida partitica e Palermo sembra essere il prossimo laboratorio politico nazionale.

nelle ultime settimane si è passati dalle primaria del centrosinistra con tutto quello che ne è derivato, ai 3 candidati della destra di cui uno cambia schieramento, al rilancio dei singoli che faranno gara personale. Il terzo polo che si sgretola e si divide, il centrodestra che si accoppia in due candidati uno con udc un altro sostenuto da liste civiche.
Have a Nice Day
Avatar utente
NinoMed
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 5430
Iscritto il: 03/05/2011, 0:34

Comunali, Fli e Mpa candidano Aricò

Il Terzo Polo abbandona Costa dopo l'apertura al Pdl
Idv e Sel invitano Rita Borsellino a non mollare

Alessandro Aricò
PALERMO - Fli e Mpa ufficializzano la candidatura di Alessandro Aricò a sindaco di Palermo. Era stato il vicepresidente del partito Italo Bocchino a lanciare in mattinata, il nuovo nome per le comunali di Palermo. «Costruiremo a Palermo una lista del Terzo polo alternativa alla sinistra e alla gestione fallimentare di Cammarata», ha detto Bocchino definendo la decisione del candidato Costa di aprire al Pdl «una prova di tafazzismo». «Ora non ha più noi di Fli», ha concluso, «non ha Lombardo e non si sa se avrà il Pdl e l'Udc». La frattura è arrivata all'indomani dell'apertura fatta dal candidato al Pdl.

PARTITI NEL CAOS - Discussioni, polemiche e divisioni continuano dunque a lacerare a Palermo il centrodestra ed il centrosinistra in vista delle elezioni amministrative. Si fa sempre più tesa la situazione anche nel centrosinistra, dove c'è aria di attesa in previsione del responso della Commissione di garanzia che dovrà pronunciarsi sull'esito delle primarie vinte da Fabrizio Ferrandelli, ma accompagnate da contestazioni e persino da un'inchiesta giudiziaria su presunti brogli.

LOMBARDO SCARICA COSTA - L'attenzione è puntata sul Pdl, che ufficialmente non si è ancora pronunciato dopo l'apertura del candidato sindaco Massimo Costa, che ha rivolto un appello proprio ad Angelino Alfano e a Francesco Cascio. Costa ha parlato di «eccezionale gravità della situazione economica e sociale della città, che impegna la coalizione a fare un appello a tutte le forze sociali, economiche, imprenditoriali, culturali, ai movimenti politici e del territorio, a tutti gli elettori palermitani, a ritrovarsi su una candidatura e un progetto di innovazione e cambiamento». Appello che ha scatenato la reazione di Mpa e Fli, che hanno così preso le distanze dallo stesso Costa. Esplicito il presidente della Regione e leader Mpa, Raffaele Lombardo: «Pensavo che Costa potesse rappresentare l'alternativa e la discontinuità. Invece, si è rivelato tutt'altra cosa: non è più il nostro candidato».

LUPO: «MI DIMETTO DOPO IL VOTO» - E restano sempre agitate le acque nel centrosinistra, dove comunque nel Pd si respira almeno per il momento un'apparente tregua dopo che il segretario Giuseppe Lupo ha annunciato di essere disponibile a rimettere il mandato, dopo le elezioni amministrative, «per favorire l'unità ed aprire una nuova fase del Partito democratico in Sicilia». Il primo effetto è che il presidente dell'Assemblea regionale del Pd siciliano, Enzo Napoli, accogliendo la richiesta del segretario Lupo e l'appello del coordinatore della segreteria nazionale, Maurizio Migliavacca, ha rinviato al 27 maggio l'Assemblea Regionale, inizialmente convocata per ieri. Ed intanto, sembra che il partito si stia compattando attorno al candidato vincitore delle primarie, Fabrizio Ferrandelli, che è già in campagna elettorale.

IDV E SEL INVITANO BORSELLINO A NON MOLLARE - Mentre Idv e Sel, invitano Rita Borsellino a non mollare, altrimenti si dicono intenzionati a sostenere un altro candidato che sono pronti a gettare nell'agone della campagna elettorale, che si annuncia rovente. Ed in campo per la campagna elettorale sono intanto scesi due candidati minori: il manager Tommaso Dragotto, di Impresa Palermo, ed il generale Antonio Pappalardo, ex presidente del Cocer Carabinieri, sostenuto dalla lista Melograno Mediterraneo.


http://corrieredelmezzogiorno.corriere. ... 0284.shtml" onclick="window.open(this.href);return false;
Have a Nice Day
Avatar utente
NinoMed
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 5430
Iscritto il: 03/05/2011, 0:34

Pdl, sciolto il nodo del candidato: con Costa nella corsa a sindaco

Tramonta quindi la possibile candidatura del presidente dell'Ars Francesco Cascio

PALERMO - Il Pdl «salva» la candidatura di Massimo Costa a sindaco di Palermo. Tramonta quindi la possibile corsa alle amministrative del presidente dell'Ars Francesco Cascio. È il risultato di una riunione cui hanno a partecipato Antonello Antinoro e Nino Nascè per il cosiddetto Cantiere Popolare, che appoggia la candidatura a sindaco di Marianna Caronia, e Giampiero Cannella e Francesco Scoma per il Pdl, che si è tenuta a Palermo. La Caronia ha stretto un accordo con Costa: i partiti che li sostengono convergeranno su chi dei due andrà al ballottaggio.

«Il repentino mutamento del quadro politico e l'accelerazione che ha portato alla rottura del Terzo Polo, senza dimenticare la pessima prova di sè che il centrosinistra ha offerto in occasione delle primarie, hanno suggerito di modificare il percorso, facendo sì che si sottoponesse al giudizio degli elettori al primo turno la candidatura di Marianna Caronia sostenuta da Cantiere Popolare, dalla lista Amo Palermo e da altre liste civiche, e la candidatura di Massimo Costa, sostenuta dal Pdl, dall'Udc e da Grande Sud», dicono Antonello Antinoro, Nino Nascè, Giampiero Cannella e Francesco Scoma.

«Nell'eventualità di un ballottaggio - aggiungono - e quindi di secondo turno, l'impegno delle due formazioni politiche, Pdl e Cantiere Popolare, è quello di ritrovarsi sulla stessa posizione, nella consapevolezza che il bene della città di Palermo non possa prescindere dalla formazione di un'area dei moderati che Pdl e Cantiere Popolare insieme rappresentano e che intendono valorizzare con il contributo di altri soggetti». «Pdl e Cantiere Popolare - concludono - da alleati strategici, sin dall'origine della loro formazione, si sono posti l'obiettivo dell'allargamento dell'area dei moderati a Palermo, in Sicilia e nel Paese. In quest'ottica, con riferimento alle elezioni amministrative di Palermo, si era in un primo tempo concordata la celebrazione di primarie di coalizione per l'indicazione del candidato sindaco, rispetto alle quali avevano dato la loro generosa disponibilità Marianna Caronia, Pippo Enea e Francesco Scoma».


http://corrieredelmezzogiorno.corriere. ... 9615.shtml" onclick="window.open(this.href);return false;
Have a Nice Day
Avatar utente
NinoMed
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 5430
Iscritto il: 03/05/2011, 0:34

Comunali, Grillo (al telefono) lancia il suo candidato. Nell'arena anche Caronia (Pid)
Il comico: «Ci avete sbolognato la mafia al Nord, brutte merde, ora da qui deve partire il cambiamento». L'ex vice di Cammarata: «Riorganizzerò la burocrazia cittadina»

PALERMO - «La mafia? Ce l'avete sbolognata a noi al Nord, brutte merde che non siete altro...Ed è anche per questo il cambiamento deve partire dalla Sicilia. Non votando per i vecchi partiti». Lo ha detto stamattina Beppe Grillo, collegato al telefono in occasione della presentazione del candidato a sindaco Riccardo Nuti, 30 anni, e dei 39 partecipanti alla corsa per un seggio al consiglio comunale per le amministrative del 6 e 7 maggio a Palermo. In sala a sostegno del movimento Cinque stelle anche l'attore Claudio Gioè: «Sono palermitano ed è per questo che voglio che la mia città sia vivibile - ha affermato - E certamente non darò il mio voto a quelle facce di bronzo dei rappresentanti dei partiti che hanno portato al degrado e al fallimento le casse comunali con conti in rosso per 500 milioni di euro». «Il Movimento cinque stelle non fa alleanze con nessun partito - ha annunciato Nuti - perchè a noi non interessa la spartizione delle poltrone». «Il trenta per cento delle persone nella nostra lista civica sono donne e l'età media è di 35 anni - ha aggiunto - nessun politico di professione ma cittadini che mettono la loro competenza a disposizione del bene comune».

IL PROGRAMMA DI CARONIA - In campo per la competizione amministrativa anche Marianna Caronia, l'eurodeputata del Pid ed ex vice di Cammarata ( «È il modo di fare politica che ci rende distanti per questo mi sono dimessa da vicesindaco», ha detto), che ha presentato il suo progetto. Riorganizzazione dell'apparato burocratico e amministrativo del Comune di Palermo, gestione delle emergenze, rivalutazione delle periferie, sicurezza: questi i punti principali. «Il momento è difficile, ma il cambiamento in questa città è possibile, e sono fortemente disponibile a dare il mio contributo per rendere Palermo migliore». «Il programma sarà definito - ha sottolineato l'ex vicesindaco - anche grazie all'apporto e il contributo di partiti, liste civiche e movimenti, che sostengono la mia candidatura che spero di ufficializzare nelle prossime 48 ore. La mia», ha detto, «è stata una candidatura voluta da 40 mila persone, non è autoreferenziale. Chi mi sostiene non sostiene solo me ma un nuovo modo di far politica». Alla domanda se teme gli altri candidati in corsa per la poltrona di primo cittadino ha risposto: «Non temo nessuno, mi auguro piuttosto che questa competizione elettorale si svolga in un clima di correttezza».
Have a Nice Day
Avatar utente
NinoMed
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 5430
Iscritto il: 03/05/2011, 0:34

ELEZIONIOrlando si candida a sindaco
sancita la rottura tra Pd e IdvL'ex sindaco della Primavera torna in campo e sfida Fabrizio Ferrandelli, vincitore delle contestatissime primarie del centrosinistra del 4 marzo. A sostenerlo ci saranno Idv e con ogni probabilità Fds-Prc e i Verdi. "Un'Altra storia" prende le distanze dal vincitore delle primarie ma non ufficializza il sostegno a Orlandodi EMANUELE LAURIA

Leoluca Orlando e Rita Borsellino
PALERMO - Ha "bucato" il giorno della primavera, non l'appuntamento con le urne. E per la quarta volta - in cinque competizioni svolte dall'avvento dell'elezione diretta del sindaco - Leoluca Orlando sarà protagonista. L'annuncio ufficiale solo stamattina, in una conferenza stampa convocata in un albergo del centro. Ma ormai il dado è tratto. Riecco il Professore, sempre più a suo agio nei panni dell'Orlando furioso, stavolta lanciato a razzo contro i già fragili equilibri del centrosinistra. Ha deciso, il portavoce di Italia dei Valori, dopo aver disconosciuto il risultato delle primarie macchiate a suo dire da brogli e inquinamento politico e avere incassato, da parte del Pd, la conferma della candidatura di Fabrizio Ferrandelli.

Alla fine Orlando scende in campo contro il suo ex pupillo, che lo accoglie nella contesa accusandolo subito di "tradimento". A sostenere Leoluca, oltre alla lista di Italia dei Valori, ci saranno Federazione della Sinistra e Verdi, forse anche "Un'altra storia", il movimento di Rita Borsellino, che però ha preso le distanze: "Il mio impegno continua fuori dalle elezioni al fianco di tutti i cittadini del centrosinistra", dice l'eurodeputata. Con Orlando non ci sarà probabilmente Sel, che ieri sera ha riunito il suo esecutivo provinciale alla presenza dell'inviato della segreteria nazionale, Francesco Ferrara. Il partito di Vendola è orientato a dare il sostegno a Ferrandelli, malgrado i malumori espressi, anche ieri, da alcuni esponenti quali l'ex deputato Francesco Cantafia e la consigliera comunale Nadia Spallitta. Quest'ultima ieri ha ribadito di considerare "la candidatura di Orlando importantissima e utile all'intero centrosinistra".

LEGGI E COMMENTA / Il dibattito su Twitter

Ma è comunque un Orlando più solo del passato, quello che va a completare il folto lotto di concorrenti alle amministrative di maggio (undici candidati). Determinato, l'ex sindaco, a far valere la sua popolarità, a sfruttare il vantaggio della nuova legge elettorale che affievolisce l'effetto traino delle liste, e ad attirare un consenso trasversale. A catturare voti anche all'interno del partito democratico. Ieri Forchette Rotte, il movimento vicino al deputato regionale Davide Faraone (giunto terzo alle primarie), ha annunciato l'appoggio al portavoce di Idv: "Sogniamo una nuova primavera per Palermo. Se Leoluca Orlando e Rita Borsellino decidono di impegnarsi in prima persona alle elezioni di maggio per costruire una nuova stagione noi saremo con loro con la nostra lista di ragazze e ragazzi e daremo il nostro contributo per spazzare via l'inverno".

GUARDA / Lo speciale primarie di Repubblica.it

Fra le indiscrezioni delle ultime ore, anche la possibile presenza di Antonio Di Pietro come capolista di Italia dei Valori. Ieri il leader ha detto di affidarsi ai suoi dirigenti siciliani: "Ciò che decidono a Palermo è come se lo decidessimo noi, Idv rispetterà la volontà di militanti, elettori, classe dirigente e della Sicilia. Noi abbiamo preso atto - dice l'ex pm - che un istituto importante della democrazia diretta come le primarie è stato sporcato in modo irreparabile, lo dice la relazione dei garanti e l'indagine della magistratura. È stato come un goal in fuorigioco in una partita di calcio".

TABELLA / Primarie, i risultati seggio per seggio

Ma proprio la decisione di Orlando di candidarsi trascurando l'esito delle primarie ha provocato scossoni a livello nazionale. Walter Veltroni reputa "uno sbaglio" la scelta dell'ex sindaco: "Dovunque, in tutta Italia, il Pd ha partecipato a primarie nelle quali spesso è capitato che vincessero candidati non del Pd, ha saputo garantire il suo sostegno. Le primarie hanno avuto un esito, hanno partecipato tutte le forze del centrosinistra. Quale che sia il risultato, io auspicavo un altro risultato, le primarie si fanno e devono avere un esito rispettato e condiviso". E altri deputati del Pd, da Farinone a De Micheli, attaccano l'ex sindaco. E l'Udc, dopo la scelta di Orlando, invita il Pd a divellere l'alleanza a sinistra: "Che coerenza l'Italia dei Valori!", sbotta il segretario Lorenzo Cesa. "Prima fa le primarie di coalizione a Palermo - dice - poi visto che il risultato non le piace candida Leoluca Orlando. Se questo è il patto di Vasto, sarà meglio che il Pd rifletta seriamente".

(23 marzo 2012)


http://palermo.repubblica.it/cronaca/20 ... ef=HREC1-6" onclick="window.open(this.href);return false;
Have a Nice Day
Avatar utente
NinoMed
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 5430
Iscritto il: 03/05/2011, 0:34

:muro: :muro: :muro:

che gran confusione.

sono curioso di sapere come ne escono.
il centrosinistra aveva l'opportunità di vincere le elezioni visa la divisione che regna a destra, ma sta facendo anche peggio :zip:
Have a Nice Day
doddi
Non c'è nenti!
Non c'è nenti!
Messaggi: 4823
Iscritto il: 11/05/2011, 12:55
Località: 38°6′41″N 15°39′43″E

In pratica delle primarie non frega più nulla a nessuno ... Tafazzi in confronto è un dilettante.


http://www.youtube.com/watch?v=io5yafljkcI" onclick="window.open(this.href);return false; :mrgreen:
Se coloro che vincono le gare hanno certificati antimafia ma sono in strette relazioni con altre imprese sottoposte all'attenzione della mafia,tutte munite di certificazioni delle prefetture,allora è un problema diverso che non compete a me valutare. I.F.
Avatar utente
goldenboy
Forumino Malatissimo
Forumino Malatissimo
Messaggi: 2789
Iscritto il: 11/05/2011, 12:43
Località: na vota 'nto bizzolu

Sicilia.... :muro: :muro:
Avatar utente
NinoMed
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 5430
Iscritto il: 03/05/2011, 0:34

doddi ha scritto:In pratica delle primarie non frega più nulla a nessuno ... Tafazzi in confronto è un dilettante.


http://www.youtube.com/watch?v=io5yafljkcI" onclick="window.open(this.href);return false; :mrgreen:

e quello che sta accadendo qui con l'interessamento di tutti i vertici dei maggiori partiti politici schierati non è questione solo di primarie e PD.

Il centro sinistra sta facendo una pessima figura e sta buttando la possibilità di vincere, a destra la situazione non è migliore, non mi stupirei se ci fosse qualche terzo incomodo a strappare voti.

è una situazione nuova e ingarbugliata. forse molti la stanno sottovalutando ma qui secondo me si sta delineando un quadro politico nuovo.
Have a Nice Day
Avatar utente
NinoMed
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 5430
Iscritto il: 03/05/2011, 0:34

goldenboy ha scritto:Sicilia.... :muro: :muro:
come dicevo a Doddi, non è questione siciliana, ma sta diventando un caso nazionale ;)
Have a Nice Day
Ale85
Forumino Scelto
Forumino Scelto
Messaggi: 501
Iscritto il: 15/05/2011, 18:33

A Palermo centrosinistra spaccato, A Catanzaro centrosinista unito che forse potrebbe vincere con Scalzo (forse addirittura al primo turno), perchè Pdl e Udc si sono separati e il Pdl presenta Abramo che stato sconfitto nettamente da Loiero nel 2005.
Avatar utente
NinoMed
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 5430
Iscritto il: 03/05/2011, 0:34

Ale85 ha scritto:A Palermo centrosinistra spaccato, A Catanzaro centrosinista unito che forse potrebbe vincere con Scalzo (forse addirittura al primo turno), perchè Pdl e Udc si sono separati e il Pdl presenta Abramo che stato sconfitto nettamente da Loiero nel 2005.

qui non c'è solo il centrosinistra spaccato, ma come dicevo anche il centro destra o il terzo polo :D

PD sostiene il candidato delle primaria con parte di IDV
l'IDV e parte della sinistra sosterranno Leoluca Orlando (con la Borsellino che si è tirata indietro)
metà PDl si schiera con l'UDC a sostenere quello che era prima il candidato del terzo polo
l'altro metà Pdl e parte della destra sosterrà il vice sindaco uscente
poi c'è il candidato Fli e Mpa
poi c'è Dragotto
poi c'è il 5stelle
....

e in tutto questo ho appena scoperto che hanno cambiato la legge elettorale e ai seggi sarà il delirio :D
praticamente il voto al singolo candidato non porterà in automatico il voto al candidato sindaco di riferimento
Have a Nice Day
doddi
Non c'è nenti!
Non c'è nenti!
Messaggi: 4823
Iscritto il: 11/05/2011, 12:55
Località: 38°6′41″N 15°39′43″E

Se al PD va bene riuscira' a portare il candidato ufficiale, delle primarie al ballottaggio.
Penso che pero' Orlando e Ferrandelli rischiano persino di non arrivarci...
Se coloro che vincono le gare hanno certificati antimafia ma sono in strette relazioni con altre imprese sottoposte all'attenzione della mafia,tutte munite di certificazioni delle prefetture,allora è un problema diverso che non compete a me valutare. I.F.
Avatar utente
NinoMed
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 5430
Iscritto il: 03/05/2011, 0:34

doddi ha scritto:Se al PD va bene riuscira' a portare il candidato ufficiale, delle primarie al ballottaggio.
Penso che pero' Orlando e Ferrandelli rischiano persino di non arrivarci...

non sarei così sicuro, anzi per quello secondo me è u nsuicidio della sinistra questa divisione.

ma lo stesso suicidio è a destra
11 candidati sono moltissimi
ognuno tirerà acqua al suo mulino e toglierà voti agli altri.

il candidato fli,mpa,Api che chiama ancora oggi l'UDC a lasciare il PDl, che nel frattempo si è diviso in due.

secondo me farà bene anche il 5stelle.
Have a Nice Day
Rispondi