storie di quotidiana omosessualità

Notizie dal mondo e dalla città: curiosità, fatti, cronaca...

Moderatori: NinoMed, Bud, Lilleuro

doddi
Non c'è nenti!
Non c'è nenti!
Messaggi: 4823
Iscritto il: 11/05/2011, 12:55
Località: 38°6′41″N 15°39′43″E

http://www.net1news.org/cronaca/abuso-s ... ttivo.html" onclick="window.open(this.href);return false;

Inghilterra, genitori gay abusano del figlio adottivo
Ignorato dai servizi sociali che lo considerano pazzo sottoponendolo a cure farmacologiche oggi Andy Cannon dopo anni di lotte anche legali ha avuto la sua rivincita. La Mia Pubblicit�SOCIAL: Un incubo durato anni quello di Andy Cannon, oggi 23 enne, che solo oggi dopo innumerevoli battaglie legali ha visto un punto di svolta nella sua vita, e nella battaglia lo ha accompagnato la moglie Redeana con cui ha due figli piccoli da crescere, anche lei pienamente soddisfatta nell'intravedere la parola "fine" agli atroci incubi del passato di Andy.

Succede a Wakefield, nello Yorkshire, tutto ebbe inizio quando il giovane, alla tenera età di 8 anni è stato portato via dalla madre per decisione dei servizi sociali i quali lo affidarono in seguito a David Cannon, ritenuto idoneo dalla corte, che in seguito diventerà il suo aguzzino, con lui anche John Scarfe, suo compagno di allora, ritenuto idoneo anch'esso nonostante una precedente condanna per aggressione proprio ai danni della madre naturale di Andy. Così ogni giorno al rientro da scuola il giovane è costretto controvoglia a subire abusi di vario tipo che vanno dall'ingestione forzata di pasticche di extasy fino alle violenze sessuali. Le sue denunce con tanto di prove materiali quali evidenti ematomi non sono però bastate ai servizi sociali che per tutta risposta lo hanno sottoposto a trattamento farmacologico sospettando in lui alcuni disturbi mentali: “Ricordo la prima violenza sessuale intorno ai 9 anni. Papà iniziò a frequentare uomini senza che io e le mie sorelle ci rendessimo conto della sua omosessualità. Per noi il suo compagno era solo un uomo qualsiasi che viveva con noi.”. “Quando tornavo a casa da scuola, se papà era nervoso per qualcosa per me erano botte; poco tempo dopo sono iniziati gli abusi sessuali, i servizi sociali non mi hanno mai creduto”.

Oggi Andy è un uomo nuovo, ha vinto la lotta col passato nonostante le ferite brucino ancora, ma a distanza di anni ha ancora il dente avvelenato nei confronti di chi per il timore di essere "frainteso lo ha abbandonato al suo destino: “Se il mio padre adottivo avesse avuto una relazione eterosessuale, le mie richieste di aiuto e le mie denunce non sarebbero rimaste inascoltate, non hanno voluto ascoltarmi per non essere accusati di discriminazione delle persone gay, per sembrare piuttosto politically correct”.



http://www.telegraph.co.uk/news/uknews/ ... ictim.html" onclick="window.open(this.href);return false;

My gay father’s sexual abuse was swept under the carpet, says victim
A former Army cadet who was sexually abused from the age of nine by his adoptive father and his gay partner has claimed social workers would not have ignored his cries for help had his abusers been heterosexual.

Andy Cannon, 23, with girlfriend Redeana Hammill Photo: CAVENDISH By Patrick Sawer
4:18PM GMT 28 Mar 2013
Social services insisted on returning Andy Cannon to live with the couple, even though staff at Wakefield council had received up to six allegations of physical and sexual abuse over a number of years.

Mr Cannon, now 23, said he believed social workers would have removed him from his abusers had they not been gay.

He said: “If my adoptive dad was in a heterosexual relationship then my complaints would have been listened to earlier.

“It seems the council didn’t want to be seen as victimising gay people – they’d rather look 'politically correct’ and let them get away with it to avoid any repercussions.”

In an independent expert witness report commissioned by Mr Cannon’s legal team, Wakefield social services officials were accused of "folly and gross misjudgement" and of putting the victim at "significant risk" of harm after missing six opportunities to save Mr Cannon from his abusers.

The damning 160-page report by Patrick Ayre, one of the country's leading experts in child abuse negligence cases, said social services records of his history were "fragmentary" and even censored to keep certain details secret.

Mr Ayre wrote: "That any consideration at all was being given to returning the claimant to his father’s care must be regarded as surprising, in view of the concerns which should have been felt both about the possibility of violence and about the allegations made about sexual advances from Mr Scarfe."

During his ordeal Mr Cannon was repeatedly plied with Ecstasy and cannabis before being molested by David Cannon and John Scarfe.

His complaints to care workers were ignored and at one stage he was wrongly diagnosed as having mental disorders.

Both men were eventually arrested and charged after Mr Cannon was readmitted to into council care following a domestic incident, at which point he managed to persuade a Forster carer he was being abused.

Cannon, 54, and 31-year old Scarfe were each jailed for 30 months in 2006, for inciting sexual activity with a child.

Following a five year legal battle Mr Cannon was awarded £25,000 compensation after sueing Wakefield social services department over its care procedures towards him over a seven-year period.

Mr Cannon, a father of two now living in Barnsley, South Yorks, waived his right to anonymity to speak publicly about the scandal.

He said: "I’ve got no problems with anyone being gay as long as they don’t do what my dad did to me. That goes for heterosexual couples too.

"The council should have been there to prevent this from happening but they would rather just sweep it under the carpet. Of course I was happy when I was finally listened to and dad and John were sent to prison – but their conviction was a walk in the park compared to what happened to me.

"I have overdosed so many times in the past and I have tried to kill myself at least six occasions after what happened. I had a breakdown about four years ago and still have days thinking that my girlfriend would have a better life without me.

"I was my dad’s sex toy and there were many times that I thought he was going to kill me. Most people when they grow up want a nice house, highflying job and holidays abroad each year – but all I live for are my kids and my girlfriend."

Cannon was allowed to adopt Andy in December 1997, when the youngster was aged eight. This came despite the fact he had earlier been convicted and put on probation for 12 months for assaulting the boy’s mother, Elaine Moss, possessing cannabis and handling a stolen computer.

Miss Moss had also claimed Cannon had been abusing her son.

A social worker failed to bring the allegations to the attention of the family court and instead called Cannon a "very caring parent who considered his children’s need".

Further allegations of sexual impropriety were made against Cannon by Andy and his mother after he started dating a gay man in 2002 and again when he began a relationship with Scarfe.

Mr Cannon, who is now expecting a third child with his girlfriend Redeana, 23, said: "I first remember being sexually abused at around nine years old. Dad started seeing men around that time although nothing was explained to me or my sisters that he was gay or bi – his partner was just a man that lived with us."

"When I told social workers they didn’t believe me. When I got home from school, if my dad was wound up by something I would pay for it with a beating. Then later on he would sexually abuse me."

On 12 August 2004, Andy was returned to Cannon’s care nine days after running away from home and filing a complaint against him.

Mr Cannon was eventually readmitted to the care of a social services assessment unit on 16 August 2004, following a fight with Scarfe. This time he managed to persuade social workers he was being abused and he was placed with a different foster carer.

Cannon and Scarfe were jailed at Sheffield Crown Court in May 2006 after being convicted of causing or inciting a male child under 16 to engage in sexual activity and taking indecent photographs of a child.

They were ordered to sign the Sex Offender Register and banned from working with children for life. The pair are now understood to be living in the Leeds area.

Jim Crook, Wakefield Council’s interim Corporate Director for Wakefield Council’s Family Services, said: "We are very sorry about what happened and have apologised. We have learned from his experiences and have improved our services. Staff at a very senior level in the service remain in regular contact with Mr Cannon."

He added the council’s processes for adoption and for dealing with allegations were robust and based on the principle of treating everyone the same, whatever their background.
Se coloro che vincono le gare hanno certificati antimafia ma sono in strette relazioni con altre imprese sottoposte all'attenzione della mafia,tutte munite di certificazioni delle prefetture,allora è un problema diverso che non compete a me valutare. I.F.
doddi
Non c'è nenti!
Non c'è nenti!
Messaggi: 4823
Iscritto il: 11/05/2011, 12:55
Località: 38°6′41″N 15°39′43″E

Non so se qualcuno conosce Nino, calabrese di Taurianova ... vi "offro" il suo contributo


http://www.ilgiornale.it/news/interni/i ... 14414.html" onclick="window.open(this.href);return false;

Io omosessuale e cattolico in lotta contro le lobby gay


Parla l'attore Nino Spirlì: "Le esternazioni della Biancofiore? Non esulto. Ma mi infurio quando dicono che la tutela dei miei diritti è esclusiva della sinistra"

Nino Spirlì - Lun, 06/05/2013 - 07:53
Ma, basta! Ma cos'è questa corsa all'accaparramento a sinistra dell'ultimo dei gay? Mi infurio quando leggo e sento che la tutela dei miei diritti è scritta a matita rossa! Sono già in assetto da guerra, pronto come un Samurai a difendere la dignità della mia libertà di «uomosessuale» da qualsiasi ridicolaggine della politichetta.
Da anni lotto per mantenermi libero da ogni marchio, da ogni categorizzazione.


Da una vita, non concedo un millimetro alle tessere di partito. E sì, che di tessere avrei potuto collezionarne una quantità spropositata: movimenti d'opinione, associazioni culturali, gruppi religiosi, partiti politici, saune, discoteche, pub, e chissà, forse, autofficine, verdurai e speziali. Tutti Rainbow! Ma, io, mai! Mi hanno cercato in tanti. Hanno tentato di farmi indossare la giubba. Rossa, rosa, arcobaleno. Ed io, ancora, mai!

E, per questo, non faccio parte di quella schiera di froci riconosciuti e autorizzati a parlare in pubblico a nome della categoria. I cotonati televisivi. I sibilanti radiofonici. Gli impomatati politici. I larvanti filoreligiosi. Non ci prendo parte e non mi taglio le vene. Anzi. Ho più tempo da dedicare alla mia vita. Alla famiglia. Al mio Dio. Al lavoro. Ai miei progetti sociali, come MafiaNò! Spendo le mie giornate, adesso, nella mia ritrovata Calabria. L'attenzione delle istituzioni, la stima della gente comune, la dignità del consenso: ecco cosa si ottiene, quando si resta liberi da ogni marchio a fuoco. Rabbrividisco se qualcuno dice cazzate sull'omosessualità (non solo sui gay). A prescindere che la castroneria parta da destra o da sinistra.

E voto a destra. E sono cattolico, e praticante. E detesto ogni forma di dittatura. Da quella politica e sociale, a quella filosofica e culturale. Non amo le imposizioni letterarie, né quelle delle arti figurative. Non mi piace il «teatro di qualcuno», né la musica di partito. O, meglio, leggo tutto, osservo tutto, ascolto di ogni, studio e scelgo! Ecco, scelgo. Sempre. E, per farlo lucidamente, coscientemente, serenamente, me ne fotto delle tessere e delle opportunità pilotate.

Delle polemiche di queste ultime ore, ne indosso il disagio: le esternazioni della Biancofiore non mi fanno certo brindare a spumante. Ma sono le «sue» posizioni, tutte da verificare. I miei amici «di destra» mi hanno telefonato, dissociandosene. E questo mi conferma che, su questo argomento, l'opinione resta tutta e solo personale.
Sulla tutela dei diritti di tutti, invece, la politica ha l'obbligo di intervenire. Confrontandosi, e tenendo conto della velocità con cui la società si evolve e del vigore con cui gliene chiede la soluzione. Oltre questo fiume di polemiche e urgenze di prime pagine, ci sono gli omosessuali che lavorano o si fanno mantenere, guardano la tv o leggono un libro, guidano la macchina o vanno in bus, piangono per le parole di una canzone, fanno a pugni, pagano le tasse o le evadono, aiutano gli anziani o li odiano, digrignano i denti o russano. O sperano di sposarsi. O, anche, no.

Nino Spirlì
Attore e autore del libro "Diario di una vecchia checca"
Se coloro che vincono le gare hanno certificati antimafia ma sono in strette relazioni con altre imprese sottoposte all'attenzione della mafia,tutte munite di certificazioni delle prefetture,allora è un problema diverso che non compete a me valutare. I.F.
mohammed
Forumino Malatissimo
Forumino Malatissimo
Messaggi: 2127
Iscritto il: 11/05/2011, 15:05

doddi ha scritto:Non so se qualcuno conosce Nino, calabrese di Taurianova ... vi "offro" il suo contributo


http://www.ilgiornale.it/news/interni/i ... 14414.html" onclick="window.open(this.href);return false;

Io omosessuale e cattolico in lotta contro le lobby gay


Parla l'attore Nino Spirlì: "Le esternazioni della Biancofiore? Non esulto. Ma mi infurio quando dicono che la tutela dei miei diritti è esclusiva della sinistra"

Nino Spirlì - Lun, 06/05/2013 - 07:53
Ma, basta! Ma cos'è questa corsa all'accaparramento a sinistra dell'ultimo dei gay? Mi infurio quando leggo e sento che la tutela dei miei diritti è scritta a matita rossa! Sono già in assetto da guerra, pronto come un Samurai a difendere la dignità della mia libertà di «uomosessuale» da qualsiasi ridicolaggine della politichetta.
Da anni lotto per mantenermi libero da ogni marchio, da ogni categorizzazione.


Da una vita, non concedo un millimetro alle tessere di partito. E sì, che di tessere avrei potuto collezionarne una quantità spropositata: movimenti d'opinione, associazioni culturali, gruppi religiosi, partiti politici, saune, discoteche, pub, e chissà, forse, autofficine, verdurai e speziali. Tutti Rainbow! Ma, io, mai! Mi hanno cercato in tanti. Hanno tentato di farmi indossare la giubba. Rossa, rosa, arcobaleno. Ed io, ancora, mai!

E, per questo, non faccio parte di quella schiera di froci riconosciuti e autorizzati a parlare in pubblico a nome della categoria. I cotonati televisivi. I sibilanti radiofonici. Gli impomatati politici. I larvanti filoreligiosi. Non ci prendo parte e non mi taglio le vene. Anzi. Ho più tempo da dedicare alla mia vita. Alla famiglia. Al mio Dio. Al lavoro. Ai miei progetti sociali, come MafiaNò! Spendo le mie giornate, adesso, nella mia ritrovata Calabria. L'attenzione delle istituzioni, la stima della gente comune, la dignità del consenso: ecco cosa si ottiene, quando si resta liberi da ogni marchio a fuoco. Rabbrividisco se qualcuno dice cazzate sull'omosessualità (non solo sui gay). A prescindere che la castroneria parta da destra o da sinistra.

E voto a destra. E sono cattolico, e praticante. E detesto ogni forma di dittatura. Da quella politica e sociale, a quella filosofica e culturale. Non amo le imposizioni letterarie, né quelle delle arti figurative. Non mi piace il «teatro di qualcuno», né la musica di partito. O, meglio, leggo tutto, osservo tutto, ascolto di ogni, studio e scelgo! Ecco, scelgo. Sempre. E, per farlo lucidamente, coscientemente, serenamente, me ne fotto delle tessere e delle opportunità pilotate.

Delle polemiche di queste ultime ore, ne indosso il disagio: le esternazioni della Biancofiore non mi fanno certo brindare a spumante. Ma sono le «sue» posizioni, tutte da verificare. I miei amici «di destra» mi hanno telefonato, dissociandosene. E questo mi conferma che, su questo argomento, l'opinione resta tutta e solo personale.
Sulla tutela dei diritti di tutti, invece, la politica ha l'obbligo di intervenire. Confrontandosi, e tenendo conto della velocità con cui la società si evolve e del vigore con cui gliene chiede la soluzione. Oltre questo fiume di polemiche e urgenze di prime pagine, ci sono gli omosessuali che lavorano o si fanno mantenere, guardano la tv o leggono un libro, guidano la macchina o vanno in bus, piangono per le parole di una canzone, fanno a pugni, pagano le tasse o le evadono, aiutano gli anziani o li odiano, digrignano i denti o russano. O sperano di sposarsi. O, anche, no.

Nino Spirlì
Attore e autore del libro "Diario di una vecchia checca"
essendo cattolico praticante o si astiene o deve andare a confessarsi ogni volta che tromba, i cattolici praticanti omosessuali non sono molto riconosciuti da santa madre chiesa ammenocche' non siano sacerdoti cardinali ecc. ecc.
Allah è grande, Gheddafi è il suo profeta!
suonatore Jones

Gli abusi ci sono tra i gay come tra gli etero. Quella storia è triste, ma non eseplificativa di un bel niente, tranne che della stronzaggine del padre. Che era ANCHE omosessuale.

Sulla seconda storia, quella del gay cattolico di destra che combatte le lobby gay di sinistra, sorrido.
Caspita, un gay di destra. Uuuuu. Ci ho abitato sei mesi con un gay cattolico di forza nuova di lucca. E sticazzi? Non sono i gay che schifano la chiesa; è la chiesa che li schifa. Non sono i gay che schifano la destra; è la destra che li schifa.
C'è una bella differenza.
Lui ha trovato la sua pace, dice. Oppure manda avanti gli altri a combattere per i suoi diritti. Oppure è molto cattolico e ragiona del matrimonio come i cattolici con l'aborto: io non lo voglio fare, quindi NESSUNO deve poterlo fare.
Nino ha trovato bene il modo di risaltare: un gay cattolico di destra che combatte contro il matrimonio. Auguri.
doddi
Non c'è nenti!
Non c'è nenti!
Messaggi: 4823
Iscritto il: 11/05/2011, 12:55
Località: 38°6′41″N 15°39′43″E

http://www.centriantiviolenza.eu/diritt ... di-7-anni/" onclick="window.open(this.href);return false;

Coppia lesbica tortura bambino di 7 anni
Pubblicato il 10 luglio 2011 da SilvioA


Il piccolo Sean G. di 7 anni è stato trovato mentre vagava in un parco e elemosinava cibo. Il povero bambino pesava solo 17 kg. Viveva presso la coppia lesbica S.S. (45 anni) e J.L.M. (26 anni), ora accusate di abuso su minore aggravato.

Le due vengono accusate di averlo costretto a bere shampoo, di averlo bruciato con sigarette, drogato con un narcotico per adulti, minacciato con un coltello, legato per i polsi e costretto a stare in posizione verticale per ore, costretto ad usare un armadio come gabinetto, di avergli amputato l’alluce del piede sinistro, che era rotto. Aveva ustioni da corda sui polsi, essendo stato lasciato appeso ad un lampadario. La testa di Sean era coperta di lividi e bozzi, ritenuti essere segni di pugni o colpi inferti con altri oggetti. Aveva ustioni sui lati delle orecchie, ritenute essere causate dall’essere stato trascinato. Il dottore che ha fornito le prime cure teme che i calci ripetuti possano avergli danneggiato gli organi interni.

Le donne non hanno fornito giustificazioni per gli abusi. Essendo la loro vittima un bambino maschio, si può ipotizzare che l’odio di genere lesbo-femminista contro il maschile sia concausa. Le due sono state arrestate e si accusano a vicenda di avere guidato gli abusi. Nel timore che gli abusi venissero notati, non hanno permesso al piccolo di frequentare la scuola; e ci si chiede come mai nessuno ha notato quello che stava accadendo prima che il piccolo riuscisse a salvarsi da solo. Il piccolo è parente di una ex compagna della lesbica più anziana, che si era procurata un falso certificato di nascita.

Il piccolo Sean è stato ricoverato in ospedale: il dottore Dobson crede che riuscirà a riprendersi e commenta “da 35 anni che faccio questo lavoro, non avevo mai visto un bambino brutalizzato in così tanti modi”.

Fonti: ABCnews, ToySoldier, BadBreeders.


--------------------------------------------------------------------------------


http://abcnews.go.com/US/story?id=3893712&page=1" onclick="window.open(this.href);return false;

Sheriff: Women Drugged, Starved Boy

By DAVID SCHOETZ
Nov. 21, 2007
Domestic partners Suzette Stevenson, 45, and Jamie Lynn Martin, 26, have been charged with aggravated child abuse after a 7-year-old boy illegally in their care escaped from the two women after they allegedly drugged him and left him in a car as they shopped for a Florida timeshare.

The boy, who is not a biological child to either woman, was allegedly tied by his wrists and made to stand in an upright position for hours at a time, forced to drink shampoo, was burned with cigarettes and had to urinate and defecate in a closet, according the Baker County Sheriff's Office documents.

The boy was born in 2000 in California. After his mother became involved in drugs, he was taken away from the mother and given to his father, Baker County Sheriff Joey Dobson told ABC News. The father, who allegedly did not want to care for the child, gave him to an aunt, who was in a relationship with Stevenson.

Dobson said that Stevenson then purchased an illegal birth certificate for the boy after his aunt, her domestic partner, died. "It's not legally sound at all in any way shape or form," he said. Stevenson then came to Baker County, Fla., in September 2005 to meet Martin, whom she had developed a relationship with over the Internet, Dobson said.

The boy got into trouble at a Baker County day care center last year after he tried to steal food from his peers. The day care operators notified Stevenson, who pulled the boy from the day care and did not send him back to school this fall, Dobson said.

Baker County authorities, however, were not formally brought into the case until recently, when the two women allegedly brought the boy about two hours away to Osceola County, Fla., near Orlando, with the promise of taking him to Disney World "if he was a good boy," Dobson said.

Instead, the two women allegedly threatened him with a box cutter and left him in a car, drugged with some type of adult sleeping pill, as they tried to collect $100 in a real estate promotion awarded to anyone who visited a timeshare open house. "These two individuals couldn't afford a hotel room, nevertheless a $350,000 time share," Dobson said.

The boy then wandered into the open house, Dobson said, and Osceola County deputies, as well as social services, were called when the boy complained about being hungry.

According to interviews with the boy, as well as with the two women, investigators were able to collect enough evidence to arrest the women, who remain jailed in separate Florida facilities after they were arrested last week. Stevenson's bond has been set at $150,000 and Martin's is $75,000. Both are being represented by public defenders.

In interviews with investigators, each woman blamed the other for leading the abuse, according the sheriff's office documents. Stevenson said that Martin didn't like the boy because he was mixed race. Martin countered in her interview that Stevenson would keep the boy out of school because she feared his teachers would notice injuries he sustained due to their abuse.

The child remains hospitalized in an Orange County, Fla., hospital. At one point, he was listed in critical condition, but Dobson said that he is expected to recover and will remain in the custody of the state's social services.

"In my 35 years on the job, I don't know if I've ever seen a child that's been abused in so many ways he has," Dobson said.
Se coloro che vincono le gare hanno certificati antimafia ma sono in strette relazioni con altre imprese sottoposte all'attenzione della mafia,tutte munite di certificazioni delle prefetture,allora è un problema diverso che non compete a me valutare. I.F.
doddi
Non c'è nenti!
Non c'è nenti!
Messaggi: 4823
Iscritto il: 11/05/2011, 12:55
Località: 38°6′41″N 15°39′43″E

Sto riportando esempi di vita vissuta, pura cronaca, ce ne sono a decine, nulla di becero, per tua informazione. Ciascuno sarà pur libero di, descrivere, parlare o riportare ciò che crede o che condivide.


Un'analisi (scientifica) del fenomeno in America



http://www.dirittodicritica.com/2012/06 ... ero-84532/" onclick="window.open(this.href);return false;



“Bambini più problematici nelle coppie gay”, lo studio che “riabilita” la famiglia etero

La ricerca, più elaborata e completa rispetto ai precedenti studi, è stata commissionata da due istituti conservatori

Scritto da Alessandro Proietti il 14 giugno 2012 in Società

Le conclusioni del nuovo rapporto fanno riflettere e spostano, nuovamente, l’ago della bilancia a favore delle coppie eterosessuali: gli adulti, cresciuti in una famiglia con genitori dello stesso sesso, presentano maggiori problematiche rispetto a coloro che hanno vissuto nelle famiglie “convenzionali”. E’ questo il dato che emerge dallo studio redatto da Markus Regnerus, sociologo dell’Università di Austin, in Texas.

La ricerca, “New Family Structures Study” (NFSS), ribalta quanto, precedentemente, dimostrato da altri studi in tema di benessere dei figli di genitori gay e lesbiche, considerati emotivamente più sani e stabili rispetto alle coppie etero sposate. Al contrario, nel rapporto, commissionato dall’Istituto “Whiterspoon” e dalla Fondazione “Bradley” (di matrice conservatrice), si evince come gli adulti cresciuti con genitori dello stesso sesso abbiano una probabilità più che doppia di contrarre disturbi legati all’ansia, alla depressione e alle relazioni interpersonali. Gli adulti avrebbero meno possibilità, rispetto a coloro che sono cresciuti in famiglie etero, di avere un lavoro a tempo pieno, meno probabilità di essere eletti alle elezioni del 2008 e con un livello d’istruzione inferiore.

Questi effetti sembrerebbero essere più marcati per le persone le cui madri avevano avuto rapporti omosessuali rispetto alla figura paterna. Ciò sarebbe confermato anche grazie a fattori come l’età, il sesso, la razza, la ricchezza percepita, se la persona è stata vittima di bullismo. Figli maggiorenni, di madri lesbiche, avrebbero maggiori possibilità di tradire il proprio partner, di fumare marijuana e di essere arrestati per aver commesso reati. Il 23% degli intervistati, che ha avuto una mamma lesbica ha, inoltre, dichiarato di aver subito un abuso sessuale da un genitore, rispetto al 2% dei figli di coppie etero. La ricerca, nonostante la grande mole di rilevazioni e dati, sembra soffrire di una evidente impronta marcatamente conservatrice e cattolica. L’autore del rapporto, Mark Regnerus, ha, infatti, scritto diversi saggi sul magazine evangelico “Christianity Today”.

Il rapporto si basa su dei sondaggi rappresentativi a livello nazionale di circa 15.600 persone, di cui 250 hanno riferito di aver avuto un genitore con un partner dello stesso sesso. La scelta del campione, ha sostenuto l’autore della ricerca, non è stata casuale. Tuttavia, le persone scelte tra una fascia d’età compresa tra i 18 e i 39 anni, non rappresentano uno spettro esaustivo della società degli ultimi 20 anni. Inoltre, non è chiaro se gli adulti abbiano sperimentato una situazione di divorzio, prima che un genitore abbia intrapreso una relazione con un’altra persona dello stesso sesso. Poco chiari, i metodi di comparazione e le connessioni tra le due tipologie, specie se a intervenire sono altre variabili come l’origine etnica, l’età, la ricchezza ecc.

Un plauso alla ricerca è venuto dal sociologo Paul Amato, della Penn State University, che ha definito il lavoro “come il migliore rispetto ai precedenti, per rilevare le differenze tra gruppi diversi della popolazione. Lo studio – ha sottolineato Amato al Time –, non deve essere strumentalizzato da chi vuole limitare i diritti civili delle persone”. L’autore della ricerca, da parte sua, insiste sul fatto che l’intento non è quello di demonizzare i genitori dello stesso sesso: “Molti genitori gay – ha precisato al Time – sono eccellenti. Mi concentro sull’obiettivo del rapporto, non sui risvolti politici”.
Se coloro che vincono le gare hanno certificati antimafia ma sono in strette relazioni con altre imprese sottoposte all'attenzione della mafia,tutte munite di certificazioni delle prefetture,allora è un problema diverso che non compete a me valutare. I.F.
doddi
Non c'è nenti!
Non c'è nenti!
Messaggi: 4823
Iscritto il: 11/05/2011, 12:55
Località: 38°6′41″N 15°39′43″E

Altri esempi di violenze su bambini affindati a coppie omosessuali.


http://www.centriantiviolenza.eu/diritt ... ceva-papa/" onclick="window.open(this.href);return false;


Coppia lesbica picchia a morte bambino di 4 anni: “Non diceva Papà”

Pubblicato il 15 dicembre 2011 da NEWS


Johannesburg – Bambino di 4 anni, è stato brutalmente percosso, e ucciso, per essersi rifiutato di chiamare la compagna della madre, “papà”.

Lydia Nkomo, e sua figlia Aletta Lesiba, entrambe commesse (nere) nel negozio di proprietà della coppia (bianca), hanno riferito di aver visto la compagna della madre biologica scagliarsi violentemente contro il bambino dopo la richiesta, ed il conseguente rifiuto dello stesso, di chiamare la donna, papà.

Entrambe le commesse hanno testimoniato d’aver visto la compagna della madre picchiare violentemente il bambino sotto gli occhi della madre naturale, senza che questa sia minimamente intervenuta per proteggerlo.

Al bambino sono state riscontrate lesioni di tale entità, da esse paragonate a quelle causate dalla caduta da un secondo piano di un edificio.
http://www.mg.co.za/articlePage.aspx?ar ... _national/#" onclick="window.open(this.href);return false;
Trad. da The Star newspaper del 23/03/2006



----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

http://www.tgcom24.mediaset.it/mondo/ar ... 0919.shtml" onclick="window.open(this.href);return false;

Coppia lesbo picchia a morte figlio
Harlem, il bimbo aveva due anni
Un bambino di due anni è stato ucciso dalle percosse delle sue mamme, una coppia lesbica, che lo frustavano con una cintura e lo bastonavano per educarlo al controllo dei bisogni fisiologici. Il corpo martoriato del piccolo è rimasto abbandonato per ore nel bagno della casa di Harlem prima che una delle due donne chiamasse il pronto soccorso. Le due ora sono accusate di omicidio di secondo grado.


Sul piccolo Yiovanni Tellez sono stati trovati più di sessanta lividi, tre costole rotte, lesioni letali al fegato e allo stomaco e una gamba spezzata.

A chiamare i soccorsi è stata Carmen Molina, 32 anni, la convivente della madre biologica del piccolo, Zahira Matos, 20 anni. Sulle due donne ora pesa l'accusa di omicidio di secondo grado, decisa dal tribunale criminale di Manhattan, nell'unico giorno in cui la madre del piccolo ha mostrato un segno di disperazione di fronte a tanta violenza commessa.

Ai poliziotti che l'hanno interrogata, la madre, che era già stata accusata di abuso su minori dalla polizia del Michigan dove aveva vissuto fino a poco tempo fa, ha ammesso di aver picchiato piu' volte il figlio e che lo stesso aveva fatto ripetutamente la compagna. Zahira ha raccontato che il figlio fu lasciato per ore morente, abbandonato sul pavimento, in presenza anche degli altri due figli della donna, una bambina di sei anni e un'altra di pochi mesi, ora tenute in custodia.

E' stata Carmen che ha ricostruito per gli agenti l'agghiacciante dinamica dell'infanticidio. Ha ammesso di aver perso la testa per la rabbia sabato scorso quando si è accorta che Yiovanni aveva di nuovo sporcato le mutandine. Ha preso a pugni il bambino colpendolo violentemente allo stomaco, poi lo ha immerso nella vasca da bagno per lavarlo, abbandonandocelo. Quando è tornata nel bagno, Carmen ha trovato il bimbo steso per terra con una gamba in una posizione innaturale. Ma nonostante le condizioni disperate del bambino, Carmen non si è preoccupata di accudirlo. Né lo ha fatto la madre, quando, rientrata in casa, ha trovato il figlio con ferite alla testa e su tutto il corpo.

Il bambino, vittima di un episodio che ora appare sulle prima pagine di tutti i tabloid newyorchesi, non ha quindi ricevuto medicazioni fino alle due di notte, quando la Molina si è decisa a bussare alla porta di un vicino di casa chiedendo di usare il telefono per chiamare il pronto soccorso. Yiovanni è stato trasportato al St. Luke's-Roosevelt Hospital Center, ma il suo corpicino era già livido prima di lasciare la casa di Harlem.

Yiovanni è morto in ospedale alle 02:26 del mattino. Scioccata la polizia, che non ha risparmiato commenti sulle due donne: "Hanno brutalizzato il bambino per molto tempo", ha detto un poliziotto accorso sul posto: "Sono dei mostri." Unanimi tutti i vicini che conoscevano a malapena le due donne, ma dall'appartamento delle quali si sentivano troppo spesso pianti e urla. Le più acute, proprio quel sabato sera.



--------------------------------------------------------------------------------------------------

http://www.dailymail.co.uk/news/article ... ebook.html" onclick="window.open(this.href);return false;


Lesbian couple 'dressed adopted son in girl's clothes and posted photo on Facebook'
By Richard Shears
UPDATED: 09:14 GMT, 12 September 2011
Comments (81) Share

..A six-year-old boy was dressed in girl's clothes by his lesbian foster parents and the humiliating photo was posted on Facebook, court documents have revealed.

One of the Australian women was preparing for a sex change to become a man - while her girlfriend was having fertility treatment, according to a Sydney newspaper.

The boy, given the pseudonym Campbell by the New South Wales Children's Court, has since been taken away from the couple and the Facebook picture removed.

Embarrassment: The humiliating photo was posted on Facebook, New South Wales Children's Court in Australia heard (library image)
When she learned of the boy who had been dressed in girl's clothes, former Children's Court magistrate Barbara Holborow declared: 'Oh my God - what are we doing?'

She told Sydney's Daily Telegraph that she had called for a full inquiry into the decision to place the boy with the lesbian women.

The case has caused outrage among same-sex women who said it gave the impression that lesbians were bad parents.
More...Putting baby in nursery 'could raise its risk of heart disease' because it sends stress levels soaring
'I hope that I can make my father proud of the young men my brother and I have become': Boy who touched the nation's hearts honours dad who died in North Tower

But Families Minister Pru Goward has demanded a full explanation from child welfare service Barnardos, which had arranged for the two women to become foster parents for the boy and his older sister.

'I am seeking advice from Barnardos to confirm that care arrangements were appropriate and the well-being of the children was paramount', she said.

The paper said the boy's story, described as one of the saddest in New South Wales, was revealed in a Supreme Court judgement posted in a document called Childlren's Law News.

The boy's birth mother had tried but failed in the Supreme Court to win back custody of her son.


Court documents were obtained from the New South Wales Children's Court (pictured) in Sydney
But it has been learned that the new foster parents who now have him in their care have said they want to adopt him.

Campbell was 18 months old in 2006 when he was taken into care with his four stepbrothers and two stepsisters after complaints of physical and mental abuse by their parents.

In 2009 Campbell and his sister 'Abby' aged 12, were placed with the lesbian couple.

Because things did not work out for Abby she was moved from the couple and it was later that Campbell was dressed in girl's clothing and his photo posted on Facebook..

As the controversy grew in Australia yesterday, one supporter of the lesbian couple said the insinuation appeared to be that simply placing the children with a lesbian couple was the problem and that the foster care agency should have known that any woman crazy enough to be a lesbian was likely to 'humiliate' a child.

In a separate recent controversial case in Australia a man who became a donor father so a lesbian couple could have a child had his name removed from the youngster's birth certificate following the women's break-up.

A judge agreed to remove the father's name from the little girl's birth certificate after the birth mother's former partner asked a court to replace his name with her own.


Read more: http://www.dailymail.co.uk/news/article ... z2Sar2P5FI" onclick="window.open(this.href);return false;
Follow us: @MailOnline on Twitter | DailyMail on Facebook
Se coloro che vincono le gare hanno certificati antimafia ma sono in strette relazioni con altre imprese sottoposte all'attenzione della mafia,tutte munite di certificazioni delle prefetture,allora è un problema diverso che non compete a me valutare. I.F.
UnVeroTifoso
Forumino Malatissimo
Forumino Malatissimo
Messaggi: 1761
Iscritto il: 11/05/2011, 13:54

suonatore Jones ha scritto:Gli abusi ci sono tra i gay come tra gli etero. Quella storia è triste, ma non eseplificativa di un bel niente, tranne che della stronzaggine del padre. Che era ANCHE omosessuale.

Sulla seconda storia, quella del gay cattolico di destra che combatte le lobby gay di sinistra, sorrido.
Caspita, un gay di destra. Uuuuu. Ci ho abitato sei mesi con un gay cattolico di forza nuova di lucca. E sticazzi? Non sono i gay che schifano la chiesa; è la chiesa che li schifa. Non sono i gay che schifano la destra; è la destra che li schifa.
C'è una bella differenza.
Lui ha trovato la sua pace, dice. Oppure manda avanti gli altri a combattere per i suoi diritti. Oppure è molto cattolico e ragiona del matrimonio come i cattolici con l'aborto: io non lo voglio fare, quindi NESSUNO deve poterlo fare.
Nino ha trovato bene il modo di risaltare: un gay cattolico di destra che combatte contro il matrimonio. Auguri.
:salut :salut :salut :salut

Per il resto che dire: per ogni storia postata edit NinoMed ce ne sarebbero altrettante nelle coppie etero...Non dimostrano proprio un bel nulla. Ci sono stronzi etero e stronzi gay. Criminali etero e criminali gay. Etero a cui vengono tolti i figli per violenze domestiche e gay che non sarebbero in grado di badare un cagnolino. E dunque?
"Nani su iddi e vvonnu a tutti nani;
Nci vannu terra terra, peri e mmani;
E pa malignità brutta e superba,
Ccà non crisci chi erba, erba, erba"
(Nicola Giunta)
doddi
Non c'è nenti!
Non c'è nenti!
Messaggi: 4823
Iscritto il: 11/05/2011, 12:55
Località: 38°6′41″N 15°39′43″E

UnVeroTifoso ha scritto:
suonatore Jones ha scritto:Gli abusi ci sono tra i gay come tra gli etero. Quella storia è triste, ma non eseplificativa di un bel niente, tranne che della stronzaggine del padre. Che era ANCHE omosessuale.

Sulla seconda storia, quella del gay cattolico di destra che combatte le lobby gay di sinistra, sorrido.
Caspita, un gay di destra. Uuuuu. Ci ho abitato sei mesi con un gay cattolico di forza nuova di lucca. E sticazzi? Non sono i gay che schifano la chiesa; è la chiesa che li schifa. Non sono i gay che schifano la destra; è la destra che li schifa.
C'è una bella differenza.
Lui ha trovato la sua pace, dice. Oppure manda avanti gli altri a combattere per i suoi diritti. Oppure è molto cattolico e ragiona del matrimonio come i cattolici con l'aborto: io non lo voglio fare, quindi NESSUNO deve poterlo fare.
Nino ha trovato bene il modo di risaltare: un gay cattolico di destra che combatte contro il matrimonio. Auguri.
:salut :salut :salut :salut

Per il resto che dire: per ogni storia postata edit NinoMed ce ne sarebbero altrettante nelle coppie etero...Non dimostrano proprio un bel nulla. Ci sono stronzi etero e stronzi gay. Criminali etero e criminali gay. Etero a cui vengono tolti i figli per violenze domestiche e gay che non sarebbero in grado di badare un cagnolino. E dunque?

Mi pare che si stia scoprendo l'acqua calda... E secondo te, edit NinoMed , che cosa voleva significare?



p.s.: Anticipatamente ringrazio ed inoltro. edit NinoMed :thumright
Se coloro che vincono le gare hanno certificati antimafia ma sono in strette relazioni con altre imprese sottoposte all'attenzione della mafia,tutte munite di certificazioni delle prefetture,allora è un problema diverso che non compete a me valutare. I.F.
mohammed
Forumino Malatissimo
Forumino Malatissimo
Messaggi: 2127
Iscritto il: 11/05/2011, 15:05

http://www.net1news.org/ges%C3%B9-era-g ... dania.html" onclick="window.open(this.href);return false;
Allah è grande, Gheddafi è il suo profeta!
suonatore Jones

doddi ha scritto:Sto riportando esempi di vita vissuta, pura cronaca, ce ne sono a decine, nulla di becero, per tua informazione. Ciascuno sarà pur libero di, descrivere, parlare o riportare ciò che crede o che condivide.


Un'analisi (scientifica) del fenomeno in America



http://www.dirittodicritica.com/2012/06 ... ero-84532/" onclick="window.open(this.href);return false;



“Bambini più problematici nelle coppie gay”, lo studio che “riabilita” la famiglia etero

La ricerca, più elaborata e completa rispetto ai precedenti studi, è stata commissionata da due istituti conservatori

Scritto da Alessandro Proietti il 14 giugno 2012 in Società

Le conclusioni del nuovo rapporto fanno riflettere e spostano, nuovamente, l’ago della bilancia a favore delle coppie eterosessuali: gli adulti, cresciuti in una famiglia con genitori dello stesso sesso, presentano maggiori problematiche rispetto a coloro che hanno vissuto nelle famiglie “convenzionali”. E’ questo il dato che emerge dallo studio redatto da Markus Regnerus, sociologo dell’Università di Austin, in Texas.

La ricerca, “New Family Structures Study” (NFSS), ribalta quanto, precedentemente, dimostrato da altri studi in tema di benessere dei figli di genitori gay e lesbiche, considerati emotivamente più sani e stabili rispetto alle coppie etero sposate. Al contrario, nel rapporto, commissionato dall’Istituto “Whiterspoon” e dalla Fondazione “Bradley” (di matrice conservatrice), si evince come gli adulti cresciuti con genitori dello stesso sesso abbiano una probabilità più che doppia di contrarre disturbi legati all’ansia, alla depressione e alle relazioni interpersonali. Gli adulti avrebbero meno possibilità, rispetto a coloro che sono cresciuti in famiglie etero, di avere un lavoro a tempo pieno, meno probabilità di essere eletti alle elezioni del 2008 e con un livello d’istruzione inferiore.

Questi effetti sembrerebbero essere più marcati per le persone le cui madri avevano avuto rapporti omosessuali rispetto alla figura paterna. Ciò sarebbe confermato anche grazie a fattori come l’età, il sesso, la razza, la ricchezza percepita, se la persona è stata vittima di bullismo. Figli maggiorenni, di madri lesbiche, avrebbero maggiori possibilità di tradire il proprio partner, di fumare marijuana e di essere arrestati per aver commesso reati. Il 23% degli intervistati, che ha avuto una mamma lesbica ha, inoltre, dichiarato di aver subito un abuso sessuale da un genitore, rispetto al 2% dei figli di coppie etero. La ricerca, nonostante la grande mole di rilevazioni e dati, sembra soffrire di una evidente impronta marcatamente conservatrice e cattolica. L’autore del rapporto, Mark Regnerus, ha, infatti, scritto diversi saggi sul magazine evangelico “Christianity Today”.

Il rapporto si basa su dei sondaggi rappresentativi a livello nazionale di circa 15.600 persone, di cui 250 hanno riferito di aver avuto un genitore con un partner dello stesso sesso. La scelta del campione, ha sostenuto l’autore della ricerca, non è stata casuale. Tuttavia, le persone scelte tra una fascia d’età compresa tra i 18 e i 39 anni, non rappresentano uno spettro esaustivo della società degli ultimi 20 anni. Inoltre, non è chiaro se gli adulti abbiano sperimentato una situazione di divorzio, prima che un genitore abbia intrapreso una relazione con un’altra persona dello stesso sesso. Poco chiari, i metodi di comparazione e le connessioni tra le due tipologie, specie se a intervenire sono altre variabili come l’origine etnica, l’età, la ricchezza ecc.

Un plauso alla ricerca è venuto dal sociologo Paul Amato, della Penn State University, che ha definito il lavoro “come il migliore rispetto ai precedenti, per rilevare le differenze tra gruppi diversi della popolazione. Lo studio – ha sottolineato Amato al Time –, non deve essere strumentalizzato da chi vuole limitare i diritti civili delle persone”. L’autore della ricerca, da parte sua, insiste sul fatto che l’intento non è quello di demonizzare i genitori dello stesso sesso: “Molti genitori gay – ha precisato al Time – sono eccellenti. Mi concentro sull’obiettivo del rapporto, non sui risvolti politici”.

le parti evidenziate sono interessanti.
Avatar utente
NinoMed
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 5430
Iscritto il: 03/05/2011, 0:34

.
Have a Nice Day
UnVeroTifoso
Forumino Malatissimo
Forumino Malatissimo
Messaggi: 1761
Iscritto il: 11/05/2011, 13:54

La festa delle due mamme. La cover del New Yorker in favore del matrimonio tra le persone dello stesso sesso

Domenica prossima, 12 maggio, è la festa della mamma. In America il popolare magazine The New Yorker, la celebra così, con la copertina dell'ultimo numero dedicata a una famiglia che di mamme ne ha due. L'illustrazione è opera del fumettista americano Chris Ware, ed è chiaramente in sostegno della battaglia per il "same-sex marriage" che si sta combattendo in America negli ultimi mesi. "Di cosa bisogna avere paura? - si chiede Ware nel commento alla sua cover sul sito del magazine - Quello che conta è l'affetto nei confronti dei bambini che vengono cresciuti. Mia moglie, un'insegnante di biologia, dice sempre: "Perché tutte queste persone sono così preoccupate da chi dorme con chi?".

Anche Google rende omaggio alle mamme di tutto il mondo. L'azienda di Mountain View punta sulle "emozioni di una vita" nel suo video tributo pubblicato sulla pagina allestita per l'imminente festa. Il filmato, già virale su YouTube, è un tenero collage di immagini e brevi clip con le mamme e i loro bambini - piccoli e "cresciuti" - assoluti protagonisti. Il tutto accompagnato da una parola ricorrente: "Grazie".


http://www.huffingtonpost.it/2013/05/08 ... _hp_ref=tw" onclick="window.open(this.href);return false;
"Nani su iddi e vvonnu a tutti nani;
Nci vannu terra terra, peri e mmani;
E pa malignità brutta e superba,
Ccà non crisci chi erba, erba, erba"
(Nicola Giunta)
UnVeroTifoso
Forumino Malatissimo
Forumino Malatissimo
Messaggi: 1761
Iscritto il: 11/05/2011, 13:54

“I figli di coppie gay crescono anche meglio di quelli delle famiglie tradizionali”
Lo dicono i risultati preliminari di uno studio condotto dall'università di Melbourne su 500 minori residenti in Australia: le same-sex families sono più unite - suggerisce la ricerca - perché devono affrontare gli attacchi che arrivano dalla società, metabolizzarli e dare loro una spiegazione

di Marco Quarantelli | 7 giugno 2013

Vivono con due mamme o due papà, e sono alla pari con i loro coetanei per autostima, comportamento emozionale e tempo speso in compagnia dei genitori. Ma avrebbero una marcia in più rispetto alla media in tema di benessere complessivo e coesione familiare. I bambini figli di coppie omosessuali crescono altrettanto bene, e sotto alcuni aspetti meglio, rispetto a quelli che vivono nelle famiglie tradizionali. Lo dicono i risultati preliminari di uno studio condotto dall’università di Melbourne su 500 minori residenti in Australia: le same-sex families sono più unite – suggerisce la ricerca – perché devono affrontare gli attacchi che arrivano dalla società, metabolizzarli e dare loro una spiegazione.

The Australian Study of Child Health in Same-Sex Families, si legge sul sito dell’ateneo, è “la più ampia ricerca al mondo” sul tema. E’ iniziata nel 2012, si concluderà nel 2014 e coinvolge 500 minori tra i 2 mesi e i 17 anni e 315 genitori (80% donne, 18% uomini e 2% di altro genere) tra gay, lesbiche, bisex e queer che hanno compilato online o via mail un Child Health Questionnaire riconosciuto dalla comunità scientifica internazionale. Lo scopo è “misurare il benessere fisico, mentale e sociale dei bambini che vivono in questo ambiente”: secondo l’Australian Bureau of Statistics, nel 2011 erano 33mila le coppie omosex che vivevano insieme a 6.120 figli under 25. Tra gli obiettivi c’è anche quello di “studiare il ruolo della discriminazione” sul loro sviluppo. Cinque gli indicatori utilizzati: autostima, emotività, tempo trascorso con i genitori, stato di salute e coesione familiare. “I primi risultati – si legge sull’interim report – suggeriscono che i bambini hanno uno sviluppo normale e ottengono dei punteggi più alti dei coetanei in tema di benessere e coesione familiare per via delle discriminazioni cui sono sottoposti”. E gli scarti sono così marcati che se fossero casuali, spiegano i ricercatori, si verificherebbero in meno di un caso ogni 10 mila.

Secondo lo studio, il modo in cui le same-sex families devono rapportarsi ai fenomeni di omofobia avrebbe un impatto sul modo in cui i loro membri si relazionano tra loro. “Per via della situazione in cui si trovano – spiega Simon Crouch, responsabile del progetto – questi bambini sono più desiderosi di comunicare e affrontare con i loro cari tematiche come il bullismo“. Lo studio indaga inoltre sulla relazione tra il benessere dei piccoli e le discriminazioni cui le loro famiglie possono essere sottoposte a scuola, nelle strutture per l’infanzia, in quelle sanitarie e attraverso i media. “Una discriminazione che può variare dai commenti poco informati alla presa in giro, dal bullismo all’omofobia conclamata, fino al rifiuto”, spiega ancora Crouch. Il modo in cui questi attacchi vengono metabolizzati in seno alla famiglia avrebbe effetti positivi: il confronto su questi temi “favorisce l’apertura mentale e rinforza il carattere dei piccoli”. Un fattore che, è una probabile obiezione, dall’altro lato potrebbe poi diventare un elemento di autoesclusione o parziale isolamento dalla vita sociale.

In Australia le nozze gay non sono consentite (nel 2012 il parlamento ha votato contro e non se ne riparlerà prima delle elezioni di settembre), ma la legge riconosce come coppie di fatto sia le relazioni fra due sessi che dello stesso sesso. Inoltre alle co-madri lesbiche sono riconosciuti gli stessi diritti dei genitori di figli nati da fecondazione in vitro o inseminazione artificiale. Kate Coghlan e Susan Rennie vivono insieme ai loro tre figli: Hannah, 8 anni, Xavier, 6, e Anouk, 5, concepiti con il seme del medesimo donatore. “Noi parliamo di tutto - racconta Kate, 39 anni, al quotidiano australiano The Age - dal modo in cui i bimbi vengono concepiti ai differenti tipi di relazioni che gli esseri umani possono avere. Sono ragazzi molto aperti alla diversità”.

La letteratura scientifica in materia è ampia. Secondo i ricercatori australiani, sono 40 gli studi rilevanti condotti tra il gennaio del 1990 e il marzo 2011. L’ultimo pronunciamento autorevole risale al 21 marzo: quel giorno l’American Academy of Pediatrics, che rappresenta il 99% dei pediatri in attività negli Usa, diede il suo assenso famiglie omogenitoriali. Nel documento Promoting the Well-Being of Children Whose Parents Are Gay or Lesbian, i 60 mila membri dell’accademia si dichiararono a favore sia del “matrimonio civile per le coppie dello stesso sesso” sul quale è attesa entro giugno la decisione della Corte Suprema, sia della “piena adozione e dei diritti di affidamento per tutti i genitori, indipendentemente dall’orientamento sessuale”.


http://www.ilfattoquotidiano.it/2013/06 ... in/618910/" onclick="window.open(this.href);return false;
"Nani su iddi e vvonnu a tutti nani;
Nci vannu terra terra, peri e mmani;
E pa malignità brutta e superba,
Ccà non crisci chi erba, erba, erba"
(Nicola Giunta)
Rispondi