SEMPRE PIU' IL GOVERNO DELLE BANCHE

Notizie dal mondo e dalla città: curiosità, fatti, cronaca...

Moderatori: NinoMed, Bud, Lilleuro

Rispondi
mubald
Non c'è nenti!
Non c'è nenti!
Messaggi: 4085
Iscritto il: 11/05/2011, 14:23

Un altro esempio.Dove io lavoro c'e' chi ha l'accredito dello stipendio e chi,come me,ha l'assegno .Fino al mese scorso io incassavo direttamente l'assegno perche',pur avendo conti correnti,non voglio l'accredito in quanto voglio gestire io i miei conti.Ora non e' piu' possibile in quanto non posso incassare importi superiori a 1000 euro.Per la serie costringi chi non ha il conto a farselo ,a prescindere se poi fai l'accredito o meno.Una volta aprire un conto corrente bancario era una scelta,ora e' diventato obbligatorio
AH,la vita!Sei single?Ti mancano cose che puoi avere da accoppiato.Sei accoppiato?Non puoi avere tutte le liberta' che hai da single
Avatar utente
kimba
Forumino Malato
Forumino Malato
Messaggi: 1027
Iscritto il: 11/05/2011, 13:56

abbassati lo stipendio a 999€ :mrgreen:
mubald
Non c'è nenti!
Non c'è nenti!
Messaggi: 4085
Iscritto il: 11/05/2011, 14:23

kimba ha scritto:abbassati lo stipendio a 999€ :mrgreen:

Battuta per battuta,ho proposto(ripeto come battuta) che mi facessero un ass.di 999 e un altro per residuo.Detto cio',sono cose che per me ti sconvolgono la vita
AH,la vita!Sei single?Ti mancano cose che puoi avere da accoppiato.Sei accoppiato?Non puoi avere tutte le liberta' che hai da single
mubald
Non c'è nenti!
Non c'è nenti!
Messaggi: 4085
Iscritto il: 11/05/2011, 14:23

L'ho messo qui anche se forse e' da chiacchiere pure se rispetta alla lettera cosa sta avvenendo nell'attualita'
AH,la vita!Sei single?Ti mancano cose che puoi avere da accoppiato.Sei accoppiato?Non puoi avere tutte le liberta' che hai da single
Paolo_Padano
Forumino Malatissimo
Forumino Malatissimo
Messaggi: 1986
Iscritto il: 11/05/2011, 13:02

Caro Mubald ma cosa ti aspettavi da un governo tenuto in piedi da un parlamento che deriva dal fallimento del capitalismo e del neo liberismo appoggiato dagli stessi inetti del governo berlusconi e dalla sinistra liberale. L'unica differenza che perlomeno monti non ha la faccia da kulo del precedente che è in attesa che compino le loro missioni per ritornare a fare gli inetti e che nel frattempo di okkupa di gnocca e del milan. Questi hanno votato e ce li teniamo fino alle prossime elezioni :salut
Lillu Fotti: "aundi ioca Spread cu cattu si mu rununu a paremetru zeru"
Lillu Foti: "non bogghiu 'nchinari poi mi rinnu chi vonnnu a squatra mi 'ndi sarbamu"
Avatar utente
cozzina1
Non c'è nenti!
Non c'è nenti!
Messaggi: 4430
Iscritto il: 11/05/2011, 14:08
Località: santropè

Tagli alla casta, un bluff "No al doppio stipendio" Ma spunta già la deroga
Vietato l'accumulo degli stipendi: per chi ricopre due cariche, la seconda retribuzione non può superare il 25% dello stipendio precedente. Ma c'è già la scappatoia
di Andrea Indini - 15 dicembre 2011, 15:51
Commenta
In Italia funziona pressapoco così: una volta fatta la legge ci si affretta a buttar giù la deroga. Ed è così che la legge non è più uguale per tutti.


Lavori alla CameraIngrandisci immagine
Prendiamo, per esempio, i tagli ai costi della pubblica amministrazione. Nella manovra economica, in queste ore al vaglio del parlamento, c'è (quasi) il richio che il comma 3 dell’articolo 23 ter passi inosservato. Si tratta di una deroga al tetto degli stipendi dei vertici della pubblica amministrazione. Si legge: "Con decreto del presidente del Consiglio dei ministri possono essere previste deroghe motivate per le posizioni apicali delle rispettive amministrazioni ed è stabilito un limite massimo a titolo di rimborso spese".

Il comma è sibillino, ma piuttosto chiaro. La norma stabilisce che per il personale chiamato a ricoprire funzioni direttive nei ministeri e neltre amministrazioni pubbliche, la retribuzione non può superare un quarto (il 25%) del trattamento economico percepito. In parole povere: chi ricopre il doppio incarico non percepisce più due stipendi, ma soltanto uno più un quarto di quello precedente.

Tuttavia, la stessa norma garantisce anche la scappatoia. Nello stesso articolo del decreto "salva Italia" che riguarda le retribuzioni nelle pubbliche amministrazioni, è infatti previsto che con decreto del presidente del Consiglio, previo parere delle competenti Commissioni parlamentari, può essere ridefinito il trattamento economico annuo di chiunque riceva retribuzioni a carico delle finanze pubbliche "stabilendo come parametro massimo di riferimento il trattamento del primo presidente della Corte di Cassazione". I primi ad alzare le barricate sono stati i dipietristi che hanno attaccato duramente il "comma ad personam" perché rivolto a "chi, anche ministri di questo esecutivo, siede su poltrone di vertice all’interno della pubblica amministrazione e non ha gradito la norma che prevede la riduzione degli stipendi". E pensare che il premier Mario Monti in persona aveva garantito: "Non è vero che pagano sempre i soliti. E’ un luogo comune".

http://www.ilgiornale.it/interni/tagli_ ... comments=1" onclick="window.open(this.href);return false;
L'ignoranza è meno dannosa del confuso sapere.
Cesare Beccaria
un giorno senza un sorriso è un giorno perso(C.Chaplin)
Rispondi