Scopelliti parla di Ndrangheta....

Notizie dal mondo e dalla città: curiosità, fatti, cronaca...

Moderatori: Bud, NinoMed, Lilleuro

Avatar utente
ManAGeR78
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 3010
Iscritto il: 11/05/2011, 16:35
Località: La Sponda PADRONA dello Stretto!

doddi ha scritto: Personali perchè i vantaggi ed i rapporti erano tali, a quanto pare. Non operava, a quanto pare, per nome o per conto del partito o dell'assemblea di cui fà ancora parte. Spero di essere stato più chiaro. A tal proposito Talarico in sede consiliare ha detto delle cose molto interessanti.
Si e poi c'era la marmotta che incartava la cioccolata... :mrgreen:
Scherzi a parte doddi, la classe politica di questi anni dovrà farsi perdonare parecchio negli anni a venire...
Immagine

"I know I was born and I know that I'll die. The in between is mine. I AM MINE!" (Eddie Vedder)
Avatar utente
aquamoon
Forumino Malatissimo
Forumino Malatissimo
Messaggi: 2322
Iscritto il: 11/05/2011, 13:59

doddi ha scritto: Di Scopelliti.
Una risposta al parmigiano sul pesce?
Hai letto l'intervento del Presidente Gerardis?
Piano piano, poco poco...
Acclarato che il responsabile politico della candidatura di morelli o zappalà (non so chi dei due ti scandalizza di meno) è la stessa persona che nella sua lectio magistralis dichiara:
Poi esiste all’interno di questa comunità una parte di cittadini che non sono liberi e sono quindi condizionabili. E’ inutile piangersi addosso”.
cosa dobbiamo dedurne, che la ndrangheta è un problema marginale nemmeno degno di qualche lacrima?
Non ho mai capito, e non sto scherzando, quali capacità oratorie (visto che sui fatti è meglio stendere un velo pietoso) abbiano trovato quei signori che con percentuali bulgare gli tirano la volata.
Non è che a Palazzo San Giorgio o Alemanni si è abituati ad ascoltare finidicitori, retori e accademici della Crusca... scopelliti però un ghost writer con padronanza della lingua e della Logica... potrebbe pure assumerlo...
rutta pi rutta... rumpimula tutta, fate una colletta e affittategli un tutor.
:salut

Gerardis? Cosa avrebbe detto di rivoluzionario in campo culinario?
Il parmigiano sul pesce non si mette... ha forse detto il contrario?
:salut
Sventurata la terra che ha bisogno di eroi
doddi
Non c'è nenti!
Non c'è nenti!
Messaggi: 4823
Iscritto il: 11/05/2011, 12:55
Località: 38°6′41″N 15°39′43″E

aquamoon ha scritto:
doddi ha scritto: Di Scopelliti.
Una risposta al parmigiano sul pesce?
Hai letto l'intervento del Presidente Gerardis?
Piano piano, poco poco...
Acclarato che il responsabile politico della candidatura di morelli o zappalà (non so chi dei due ti scandalizza di meno) è la stessa persona che nella sua lectio magistralis dichiara:
Poi esiste all’interno di questa comunità una parte di cittadini che non sono liberi e sono quindi condizionabili. E’ inutile piangersi addosso”.
cosa dobbiamo dedurne, che la ndrangheta è un problema marginale nemmeno degno di qualche lacrima?
Non ho mai capito, e non sto scherzando, quali capacità oratorie (visto che sui fatti è meglio stendere un velo pietoso) abbiano trovato quei signori che con percentuali bulgare gli tirano la volata.
Non è che a Palazzo San Giorgio o Alemanni si è abituati ad ascoltare finidicitori, retori e accademici della Crusca... scopelliti però un ghost writer con padronanza della lingua e della Logica... potrebbe pure assumerlo...
rutta pi rutta... rumpimula tutta, fate una colletta e affittategli un tutor.
:salut

Gerardis? Cosa avrebbe detto di rivoluzionario in campo culinario?
Il parmigiano sul pesce non si mette... ha forse detto il contrario?
:salut
Non si tratta di responsabilità politica l'accertare la bontà del candidato o la sua condotta, ma penale, che non tocca al Governatore accertare. Ti potrebbe giungere d'aiuto la mia firma su quest'argomento.

Gerardis ha detto un'ovvietà, almeno per me, ma non per altri. Soprattutto se, gli altri, convinti di un qualcosa a priori. E naturalmente la tua convinzione io non ce l'ho altrimenti sarei andato bellamente in gita quel giorno.

Ecco le parole del Presidente del Tribunale:
"Detto questo, però, non va dimenticato che si sta qui parlando appunto di condotte individuali. Bene ha detto il Procuratore della Repubblica di Milano: l’indagine riguarda singoli magistrati, non certo uffici giudiziari.
...
Sappiamo tutti che questa è un cancro che pervade le cellule dell’organismo; ma altro è dire che esso si è esteso anche ad organi che avrebbero dovuto restare immuni, altro è affermare che questi ne siano irrimediabilmente invasi.

Credo che la migliore risposta sia intanto continuare nel lavoro che stiamo svolgendo; ed i magistrati del tribunale ne sono assolutamente consapevoli.

Certo, non è possibile con nessun tipo di controllo preventivo scoprire condotte private che non si traducano in atti o comportamenti d’ufficio. Nessuno di noi può travalicare l’altrui vita privata, di cui ognuno risponde individualmente. Rifletteremo tuttavia sin dai prossimi giorni – è questo l’impegno che assumo in questa sede – su come rendere ancora più trasparenti, e pubblici, i percorsi di vita individuali e familiari di ciascuno di noi."
Se coloro che vincono le gare hanno certificati antimafia ma sono in strette relazioni con altre imprese sottoposte all'attenzione della mafia,tutte munite di certificazioni delle prefetture,allora è un problema diverso che non compete a me valutare. I.F.
Avatar utente
Regmi
Non c'è nenti!
Non c'è nenti!
Messaggi: 4234
Iscritto il: 11/05/2011, 16:55

spiny79 ha scritto:il discorso di scopelliti è pienamente condivisibile, purtroppo siamo arrivati al punto in cui non si sa dove finisca il lecito ed inizi l'illecito, anche persone apparentemente perbene e dalla vita sociale e professionale irreprensibile si dimostrano colluse con organizzazioni criminali...

ma la soluzione qual è?

aspettare anni finchè si concludano le indagini della magistratura e poi altri anni in attesa di una sentenza definitiva?

ma nel frattempo quel politico corrotto o quel funzionario pubblico corrotto il danno lo hanno già fatto, favorendo magari i loro amici ndranghetisti a discapito di un cittadino onesto ad esempio nell'assegnazione di un appalto o nel rilascio di licenze...

la giustizia è troppo lenta per garantire la trasparenza della politica, ed allora deve essere la politica stessa a fare chiarezza e pulizia al suo interno, per cui quando scopelliti dice se può fare l'investigatore io gli rispondo di sì, anzi lo DEVE fare, altrimenti il sistema non cambierà mai e ci saranno sempre casi come zappalà o morelli ed altri ancora...

Fammi capire spiny :scratch

Quindi se io fossi un candidato ad una carica elettiva di prestigio, oltre che coordinatore e responsabile della compilazione delle liste che concorrono a mio sostegno di un ics movimento o partito che per giunta ha stilato un codice etico a cui attenersi, e, tanto per fare un piccolo esempio, candidassi o assegnassi, dopo essere stato eletto, degli incarichi istituzionali (pur non avendone avuto l’imprimatur democratico) qualcuno che già notoriamente ha avuto dei rapporti testimoniati da atti giudiziari che, sia ben inteso, non sono di nessuna rilevanza penale, con la malavita organizzata e affermassi che quotidianamente la combatto compiacendomi della presenza dello Stato (come se la carica che ho nel frattempo assunto non ne fosse una sua rilevante parte) sarei autorevolmente credibile ai tuoi occhi?
:salut
La speranza appartiene ai figli.
Noi adulti abbiamo già sperato e quasi sempre perso.
doddi
Non c'è nenti!
Non c'è nenti!
Messaggi: 4823
Iscritto il: 11/05/2011, 12:55
Località: 38°6′41″N 15°39′43″E

Regmi ha scritto:
spiny79 ha scritto:il discorso di scopelliti è pienamente condivisibile, purtroppo siamo arrivati al punto in cui non si sa dove finisca il lecito ed inizi l'illecito, anche persone apparentemente perbene e dalla vita sociale e professionale irreprensibile si dimostrano colluse con organizzazioni criminali...

ma la soluzione qual è?

aspettare anni finchè si concludano le indagini della magistratura e poi altri anni in attesa di una sentenza definitiva?

ma nel frattempo quel politico corrotto o quel funzionario pubblico corrotto il danno lo hanno già fatto, favorendo magari i loro amici ndranghetisti a discapito di un cittadino onesto ad esempio nell'assegnazione di un appalto o nel rilascio di licenze...

la giustizia è troppo lenta per garantire la trasparenza della politica, ed allora deve essere la politica stessa a fare chiarezza e pulizia al suo interno, per cui quando scopelliti dice se può fare l'investigatore io gli rispondo di sì, anzi lo DEVE fare, altrimenti il sistema non cambierà mai e ci saranno sempre casi come zappalà o morelli ed altri ancora...

Fammi capire spiny :scratch

....
:lol: :lol: :lol:
Quando parte così , bella ciao, di solito ha colore servito che batte il poker (secondo le sue incontestabili ed universali regole), occhio al bluff :fifi:

Ti avevo suggerito una sana frischiata di alleggerimento :fifi:
Se coloro che vincono le gare hanno certificati antimafia ma sono in strette relazioni con altre imprese sottoposte all'attenzione della mafia,tutte munite di certificazioni delle prefetture,allora è un problema diverso che non compete a me valutare. I.F.
Avatar utente
Regmi
Non c'è nenti!
Non c'è nenti!
Messaggi: 4234
Iscritto il: 11/05/2011, 16:55

doddi ha scritto:
aquamoon ha scritto:
doddi ha scritto: Di Scopelliti.
Una risposta al parmigiano sul pesce?
Hai letto l'intervento del Presidente Gerardis?
Piano piano, poco poco...
Acclarato che il responsabile politico della candidatura di morelli o zappalà (non so chi dei due ti scandalizza di meno) è la stessa persona che nella sua lectio magistralis dichiara:
Poi esiste all’interno di questa comunità una parte di cittadini che non sono liberi e sono quindi condizionabili. E’ inutile piangersi addosso”.
cosa dobbiamo dedurne, che la ndrangheta è un problema marginale nemmeno degno di qualche lacrima?
Non ho mai capito, e non sto scherzando, quali capacità oratorie (visto che sui fatti è meglio stendere un velo pietoso) abbiano trovato quei signori che con percentuali bulgare gli tirano la volata.
Non è che a Palazzo San Giorgio o Alemanni si è abituati ad ascoltare finidicitori, retori e accademici della Crusca... scopelliti però un ghost writer con padronanza della lingua e della Logica... potrebbe pure assumerlo...
rutta pi rutta... rumpimula tutta, fate una colletta e affittategli un tutor.
:salut

Gerardis? Cosa avrebbe detto di rivoluzionario in campo culinario?
Il parmigiano sul pesce non si mette... ha forse detto il contrario?
:salut
Non si tratta di responsabilità politica l'accertare la bontà del candidato o la sua condotta, ma penale, che non tocca al Governatore accertare. Ti potrebbe giungere d'aiuto la mia firma su quest'argomento.

Gerardis ha detto un'ovvietà, almeno per me, ma non per altri. Soprattutto se, gli altri, convinti di un qualcosa a priori. E naturalmente la tua convinzione io non ce l'ho altrimenti sarei andato bellamente in gita quel giorno.

Ecco le parole del Presidente del Tribunale:
"Detto questo, però, non va dimenticato che si sta qui parlando appunto di condotte individuali. Bene ha detto il Procuratore della Repubblica di Milano: l’indagine riguarda singoli magistrati, non certo uffici giudiziari.
...
Sappiamo tutti che questa è un cancro che pervade le cellule dell’organismo; ma altro è dire che esso si è esteso anche ad organi che avrebbero dovuto restare immuni, altro è affermare che questi ne siano irrimediabilmente invasi.

Credo che la migliore risposta sia intanto continuare nel lavoro che stiamo svolgendo; ed i magistrati del tribunale ne sono assolutamente consapevoli.

Certo, non è possibile con nessun tipo di controllo preventivo scoprire condotte private che non si traducano in atti o comportamenti d’ufficio. Nessuno di noi può travalicare l’altrui vita privata, di cui ognuno risponde individualmente. Rifletteremo tuttavia sin dai prossimi giorni – è questo l’impegno che assumo in questa sede – su come rendere ancora più trasparenti, e pubblici, i percorsi di vita individuali e familiari di ciascuno di noi."

Mettere il parmigiano sul pesce, quando ti ostini a non voler distinguere tra responsabilità individuali e politiche e tra i diversi e distinti ruoli che hanno gli organi dello Stato, è una tua prerogativa. Mica sua.


PS- una piccola lisciatina. Piccola perche non vorrei vederti ... :biker:
La speranza appartiene ai figli.
Noi adulti abbiamo già sperato e quasi sempre perso.
ciesse
Forumino Scelto
Forumino Scelto
Messaggi: 389
Iscritto il: 11/05/2011, 18:02

Mi sembrava d'aver capito che secondo la Procura di Milano l'Antimafia non esiste.: è solo chiacchiera.
Penso che questo tipo di convegni rientra nella categoria.

Interessante solo il buffet.
:salut
Avatar utente
Regmi
Non c'è nenti!
Non c'è nenti!
Messaggi: 4234
Iscritto il: 11/05/2011, 16:55

doddi ha scritto:
Regmi ha scritto:

Fammi capire spiny :scratch

....
:lol: :lol: :lol:
Quando parte così , bella ciao, di solito ha colore servito che batte il poker (secondo le sue incontestabili ed universali regole), occhio al bluff :fifi:

Ti avevo suggerito una sana frischiata di alleggerimento :fifi:



Se gli argomenti giuridicamente riscontrati li consideri un bluff è tutto, e ancor di più, chiaro.

Piuttosto, e tanto per restare in tema, più di una coppia di 6 in mano tu non hai.
Ti sembra di vincere quando, in effetti, è la comunità tutta a perdere.

Argomenti (lascia stare il britannia e la tua firma che qui non c'azzecca un tubo) please :read:
La speranza appartiene ai figli.
Noi adulti abbiamo già sperato e quasi sempre perso.
Avatar utente
spiny79
Forumino Malato
Forumino Malato
Messaggi: 906
Iscritto il: 11/05/2011, 13:56

Regmi ha scritto:Fammi capire spiny :scratch
a me sembra che a volte la politica scarichi le proprie responsabilità, dirette o indirette che siano, su altre istituzioni come la magistratura, con la scusa che non sono di sua competenza, ben sapendo che l'iter giudiziario richiederà tempo e magari alla fine porterà a risultati irrilevanti...

quando vuole la politica sa vita morte e miracoli di chiunque, riesce ad arrivare ovunque ed a fare qualunque cosa, ma poi quando le si chiede chiarezza e trasparenza sui propri candidati, di qualsiasi partito siano, dice che non è compito suo accertare, che non è tenuta a sapere...
ciesse
Forumino Scelto
Forumino Scelto
Messaggi: 389
Iscritto il: 11/05/2011, 18:02

Gerardis è il Presidente del Tribunale dove la scorrettissima condotta del Giusti (quello che avrebbe dovuto fare il mafioso) era notissima e nessuno nella casta ha mai ravvisato profili di reato. Si era provveduto al trasferimento ad altro ufficio in altra sede.

Le indagini della procura di Milano riguardano proprio il periodo in cui il nostro campione era a Reggio al Trib. Fallimentare.

E Dov'è l'autocritica? :redface
no le dimissioni, sarebbe un'"assunzione di responsabilità" inconcepibile!!
Non è che per caso anche il Tribunale di Reggio del relatore è "ambiente ostile"??

:na: :na:
Avatar utente
Regmi
Non c'è nenti!
Non c'è nenti!
Messaggi: 4234
Iscritto il: 11/05/2011, 16:55

spiny79 ha scritto:
Regmi ha scritto:Fammi capire spiny :scratch
a me sembra che a volte la politica scarichi le proprie responsabilità, dirette o indirette che siano, su altre istituzioni come la magistratura, con la scusa che non sono di sua competenza, ben sapendo che l'iter giudiziario richiederà tempo e magari alla fine porterà a risultati irrilevanti...

quando vuole la politica sa vita morte e miracoli di chiunque, riesce ad arrivare ovunque ed a fare qualunque cosa, ma poi quando le si chiede chiarezza e trasparenza sui propri candidati, di qualsiasi partito siano, dice che non è compito suo accertare, che non è tenuta a sapere...
Quindi, e se non ho capito male, la tua risposta è che non sarei credibile.
Adessso, applicando la proprietà transitiva, otterrai la risposta al tuo primo post. :wink
La speranza appartiene ai figli.
Noi adulti abbiamo già sperato e quasi sempre perso.
Avatar utente
pab397
Forumino Malato
Forumino Malato
Messaggi: 1153
Iscritto il: 26/05/2011, 22:06

aquamoon ha scritto:
doddi ha scritto: Di Scopelliti.
Una risposta al parmigiano sul pesce?
Hai letto l'intervento del Presidente Gerardis?
Piano piano, poco poco...
Acclarato che il responsabile politico della candidatura di morelli o zappalà (non so chi dei due ti scandalizza di meno) è la stessa persona che nella sua lectio magistralis dichiara:
Poi esiste all’interno di questa comunità una parte di cittadini che non sono liberi e sono quindi condizionabili. E’ inutile piangersi addosso”.
cosa dobbiamo dedurne, che la ndrangheta è un problema marginale nemmeno degno di qualche lacrima?
Non ho mai capito, e non sto scherzando, quali capacità oratorie (visto che sui fatti è meglio stendere un velo pietoso) abbiano trovato quei signori che con percentuali bulgare gli tirano la volata.
Non è che a Palazzo San Giorgio o Alemanni si è abituati ad ascoltare finidicitori, retori e accademici della Crusca... scopelliti però un ghost writer con padronanza della lingua e della Logica... potrebbe pure assumerlo...
rutta pi rutta... rumpimula tutta, fate una colletta e affittategli un tutor.
:salut
...
In effetti, è una delle cose che pensavo anche io leggendo il post d'apertura.
Non so, poi, chi ha trascritto il discorso di Scopelliti, ma l'uso delle virgole, evidentemente, per costui, è un optional.
Poi ci si domanda perchè ci mette tanto .... a leggere le carte 8-)
Immagine

sono talmente comunista che da bambino mi mangiavo da solo
Avatar utente
Regmi
Non c'è nenti!
Non c'è nenti!
Messaggi: 4234
Iscritto il: 11/05/2011, 16:55

pab397 ha scritto:
In effetti, è una delle cose che pensavo anche io leggendo il post d'apertura.
Non so, poi, chi ha trascritto il discorso di Scopelliti, ma l'uso delle virgole, evidentemente, per costui, è un optional.
Poi ci si domanda perchè ci mette tanto .... a leggere le carte 8-)
E' stato certificato che qui il britannia non 'ncintra
E' l'ottico che è in ritardo nelle consegne.
8-)
La speranza appartiene ai figli.
Noi adulti abbiamo già sperato e quasi sempre perso.
Avatar utente
Regmi
Non c'è nenti!
Non c'è nenti!
Messaggi: 4234
Iscritto il: 11/05/2011, 16:55

doddi ha scritto:
..........
Sempre a proposito di formaggio e costardelle :mrgreen:
tu che sei abilissimo a leggere tra le righe e, munito di pinne e occhiali d'ordinanza, a scrutare i fondali marini
le vedi piccole o grosse in questa dichiarazione.


http://www.strill.it/index.php?option=c ... &id=114974" onclick="window.open(this.href);return false;

La moglie di Zappalà risponde a Scopelliti: "A nessuno è consentito rigirare il coltello nella piaga"

Di seguito pubblichiamo integralmente la lettera inviataci dalla moglie dell'ex consigliere regionale Zappalà Le parole pronunziate dal Presidente Scopelliti circa la necessità di "buttare a mare" le chiavi della cella di Nuoro ove da circa un anno e' ristretto mio marito credo siano parse inopportune non solo a me e alle mie figlie,ma anche a tanti calabresi stanchi di atteggiamenti antimafia che non hanno il pregio della coerenza,della costanza e della serenità di giudizio.
Mio marito è un uomo disperato perche' sta pagando un prezzo altissimo per l'errore di un attimo:meriterebbe quanto meno un atteggiamento di umana pieta'.
E nessuno puo' ergersi a giudice,anche se non ha scheletri negli armadi,quando ancora e' la Corte d'appello a doversi pronunziare.
Cosi' come a nessuno e' consentito rigirare il coltello nella piaga non guardando alle travi conficcate negli occhi di tante persone che vagano nei territori della politica,senza che nessuno decida non diro' di gettare le chiavi,ma di usarne per fare uscire gli odori malsani che vi stazionano.
La ringrazio per l'ospitalita'.
Francesca Parisi Zappalà
La speranza appartiene ai figli.
Noi adulti abbiamo già sperato e quasi sempre perso.
Avatar utente
RoLaf
Apprendista Forumino
Apprendista Forumino
Messaggi: 79
Iscritto il: 16/05/2011, 13:47

Che Scopelliti possa fare finta di non sapere non ci sono dubbi.

Ma che qualcuno di noi debba credere alla sua "meraviglia" per situazioni del genere è quantomeno fantasioso.

Potrei scrivere uno per uno il nome dei consiglieri reggini appartenenti alla cosidetta "zona grigia".

Purtroppo ne io ne le FdO abbiamo, ancora, prove incontrovertibili di colpevolezza.

Aspettiamo fiduciosi le nuove inchieste :thumright
Ad maiora semper
Avatar utente
OronzoPugliese
Forumino Malatissimo
Forumino Malatissimo
Messaggi: 2432
Iscritto il: 11/05/2011, 12:57

RoLaf ha scritto:Purtroppo ne io ne le FdO abbiamo, ancora, prove incontrovertibili di colpevolezza.

Esistono però altri elementi probatori, questi sì icontrovertibili, di rapporti di vicinanza estrema tra questi politici ed ambienti malavitasi, tali da determinare, se fossimo come dico solitamente in un paese normali, una palese impossibilità di poter proseguire il loro ruolo istituzionale poichè, come diceva Borsellino nella ormai notissima lectio magistralis tenuta pochi mesi prima di essere trucidato, si tratta chiaramente di gente "inaffidabile nella gestione della cosa pubblica", anche inj assenza di rilevanza penale.

Esempio pratico: può una persona che, parlando con un noto boss mafioso, gli comunica che il suo ufficio in comune ed il suo computer sono a sua completa disposizione, ricoprire una carica pubblica in provincia? Nel mondo normale no, da noi si. E partecipare pure al dibattito sull'area grigia...
Immagine
"Mister te sarà ti, muso de mona. Mi son el signor Nereo Rocco"
Avatar utente
Motociclista
Forumino Malatissimo
Forumino Malatissimo
Messaggi: 1795
Iscritto il: 11/05/2011, 19:51

OronzoPugliese ha scritto: Esempio pratico: può una persona che, parlando con un noto boss mafioso, gli comunica che il suo ufficio in comune ed il suo computer sono a sua completa disposizione, ricoprire una carica pubblica in provincia? Nel mondo normale no, da noi si. E partecipare pure al dibattito sull'area grigia...
ogni riferimento è puramente casuale... :wink :salut
Mariotta
Forumino Malato
Forumino Malato
Messaggi: 1400
Iscritto il: 12/05/2011, 19:24

Regmi ha scritto:
doddi ha scritto:
..........
Sempre a proposito di formaggio e costardelle :mrgreen:
tu che sei abilissimo a leggere tra le righe e, munito di pinne e occhiali d'ordinanza, a scrutare i fondali marini
le vedi piccole o grosse in questa dichiarazione.


http://www.strill.it/index.php?option=c ... &id=114974" onclick="window.open(this.href);return false;

La moglie di Zappalà risponde a Scopelliti: "A nessuno è consentito rigirare il coltello nella piaga"

Di seguito pubblichiamo integralmente la lettera inviataci dalla moglie dell'ex consigliere regionale Zappalà Le parole pronunziate dal Presidente Scopelliti circa la necessità di "buttare a mare" le chiavi della cella di Nuoro ove da circa un anno e' ristretto mio marito credo siano parse inopportune non solo a me e alle mie figlie,ma anche a tanti calabresi stanchi di atteggiamenti antimafia che non hanno il pregio della coerenza,della costanza e della serenità di giudizio.
Mio marito è un uomo disperato perche' sta pagando un prezzo altissimo per l'errore di un attimo:meriterebbe quanto meno un atteggiamento di umana pieta'.
E nessuno puo' ergersi a giudice,anche se non ha scheletri negli armadi,quando ancora e' la Corte d'appello a doversi pronunziare.
Cosi' come a nessuno e' consentito rigirare il coltello nella piaga non guardando alle travi conficcate negli occhi di tante persone che vagano nei territori della politica,senza che nessuno decida non diro' di gettare le chiavi,ma di usarne per fare uscire gli odori malsani che vi stazionano.
La ringrazio per l'ospitalita'.
Francesca Parisi Zappalà


i cosi giusti
Il dolore ci rimette in mezzo alle cose in modo nuovo.
Avatar utente
Regmi
Non c'è nenti!
Non c'è nenti!
Messaggi: 4234
Iscritto il: 11/05/2011, 16:55

Altra piccata risposta.
I nervi sono scoperti 8-)

http://www.strill.it/index.php?option=c ... &Itemid=86" onclick="window.open(this.href);return false;

Reggio: Zavettieri risponde duramente a Scopelliti

Di seguito nota dell'On. Zavettiri: “Non posso non replicare ad alcune affermazioni del tutto gratuite e mendaci formulate dal Presidente della Regione Calabria nel corso di un intervento nella sua Reggio Calabria in occasione di un dibattito sulla zona grigia e la capacità di infiltrazione della n’drangheta che, come riportato dagli organi di stampa, chiamano incautamente in causa il sottoscritto ed il partito dei Socialisti Uniti che ho l’onore di rappresentare indicandolo quale “ricettacolo” di candidati in odore di santità. Si può comprendere lo stato confusionale in cui versa il nostro Presidente a seguito dei gravi infortuni giudiziari che hanno interessato esponenti di primo piano del suo partito e delle sue liste ma ciò non giustifica il tentativo maldestro di individuare altrove le responsabilità. E’ appena il caso di rammentargli, da cattolico praticante quel’è, il passo del vangelo di Luca che recita «Ipocrita! Togli prima la trave dal tuo occhio e allora ci vedrai bene per togliere la pagliuzza dall’occhio del tuo fratello».
“Non risulta pertanto vero e fondato che i Socialisti Uniti abbiamo sottoscritto alcun codice etico, avendo espresso sullo stesso sin dalle origini - come i fatti hanno poi dimostrato - riserve fondate e motivante sul valore di quel codice senza appellarsi ad un presunto garantismo di comodo e di facciata che viene da taluni sbandierato, ma ribadendo con forza e coerenza che un codice etico non avrebbe dovuto regolamentare situazioni giuridiche già di per sé disciplinate dalla legge - che di suo prescrive il divieto di candidatura ai condannati in primo grado per reati di mafia - ma piuttosto disciplinare circostanze che possono generare fenomeni di corruzione e di commistione, come candidati con interessi diretti e non sempre leciti nel mondo della sanità, dell’energia alternativa, del credito, della formazione, del turismo, ect… dalle spiccate doti camaleontiche che sanno ben mimetizzarsi nelle istituzioni”.
“Un codice, la cui presunta applicazione, lo ribadisco, ha generato situazioni di ipocrisia, opportunismo e doppiopesismo che inquinano non poco la vita politica e democratica del Paese secondo il teorema, rivelatosi nel corso di questi mesi ahimè fondato, che la legge “si applica per gli avversari e si interpreta con gli amici” dove chi risulta sprovvisto di strumenti economici, finanziari e mediatici, delle entrature e delle coperture necessarie, anche giudiziarie - assicurategli magari in cambio l’elargizione di consulenze, incarichi e prebende varie - rimane esposto alla mercé di populisti e mistificatori di vocazione.
“L’affermazione poi secondo cui il sottoscritto si sarebbe impegnato a non candidare il Signorelli nelle propria lista oltre ad essere palesemente falsa conferma l’adagio popolare secondo cui “il buon menzognero deve possedere buona memoria”. Basta infatti rileggere le cronache dei quotidiani locali del giorno successivo alla presentazione delle liste regionali per ritrovarvi la pubblicazione pressoché integrale della lettera con la quale il sottoscritto ha inteso informare della discussa candidatura in questione gli allora vertici nazionali del PDL (Bondi, Verdini e Larussa) unitamente a quelli regionali nella persona del suo Coordinatore allegandovi una memoria sulla posizione giudiziaria del Signorelli. Il tutto, assumendosi la piena, completa e personale responsabilità della candidatura in questione ed annunciando che, in caso di condanna dello stesso, oltre alle mie immediati dimissioni dalla carica politica da me ricoperta, avrei provveduto ad autodenunciarmi alla Magistratura per concorso esterno in associazione mafiosa. Un gesto che, mi sia consentito con modestia, posso permettermi per avere le carte in regola essendo uscito pulito dal ciclone tangentopoli reggino e per fortuna, anche dall’attentato di matrice politico-mafiosa cui sono stato fatto segno perché personaggio sgradito e di impedimento agli interessi di quegli stessi ambienti. Un attentato vero e non come quelli finti compiuti verso il Comune di Reggio".
Sulla posizione di Signorelli è bene inoltre precisare che il provvedimento di scioglimento dello Consiglio comunale di Amantea di cui lo stesso faceva parte è stato – pochi mesi dopo la tornata elettorale regionale - invalidato con sentenza di reintegro del Consiglio di Stato n°3462/2010 del 1 giugno 2010 in cui l’organo giurisdizionale competente mette in evidenza come “… in definitiva, non risulta comprovata una continuità e contiguità dell’attuale consiglio comunale” e con specifico riferimento al Signorelli recita che: “non risulta comprovato se e in che misura l’assessore Signorelli possa essere stato l’anello di collegamento o condizionamento mafioso nei confronti dell’intero Consiglio comunale. “
Il sottoscritto, non ha inteso per questi e tanti altri motivi sottoscrivere ed accettare un “Codice” in contrasto con i suoi convincimenti politici ed in contrasto con la Costituzione, le garanzie ed i diritti basilari dell’uomo e del cittadino, assumendosi la piena responsabilità della candidatura di un giovane che reputa innocente e vittima, individuando nel caso Signorelli, per altro non eletto, una candidatura di lotta politica e disobbedienza civile.
La lista regionale dei “Socialisti Uniti – P.S.I.” al pari di ogni altra lista in cui il sottoscritto si è impegnato è stata sempre formata da donne e uomini liberi ed onesti, che non hanno avuto nulla in cambio se non soddisfazione politica nel partecipare alla crescita civile, sociale e culturale della propria terra a differenza di come sono state composte ad esempio talune liste regionali o per le recenti elezioni del Comune di Reggio Calabria i cui comportamenti potrebbero essere oggetto di attenzione per la violazione non di presunti codici etici, ma del codice penale. Ma noi, preferiamo restare nel campo della politica e svolgere il nostro ruolo di forza libera ed autonoma lasciando il compito di indagine e giudizio alla Magistratura nel cui lavoro riponiamo, non acriticamente, ampia fiducia.
On. Saverio Zavettieri
La speranza appartiene ai figli.
Noi adulti abbiamo già sperato e quasi sempre perso.
Avatar utente
spiny79
Forumino Malato
Forumino Malato
Messaggi: 906
Iscritto il: 11/05/2011, 13:56

rispetto l'opinione della signora zappalà, è giusto che difenda e stia vicina a suo marito in questo momento difficile per la loro famiglia, ma parlare di "errore di un attimo", quando le indagini hanno evidenziato vari incontri e telefonate o intercettazioni ambientali...

cmq non è giusto infierire su chi sta già pagando, sconti la sua pena e poi si ritiri a vita privata...

nel mondo della politica nessuno può fare la morale a nessuno, men che meno con quei toni...
Rispondi