Cambiamenti in vista? nessun ritorno sul mercato...(forse)

Tutto sul basket e sul mito Viola.

Moderatori: NinoMed, Bud, Lilleuro

Rispondi
Avatar utente
Hurricane82
Non c'è nenti!
Non c'è nenti!
Messaggi: 3053
Iscritto il: 11/05/2011, 13:40
Località: Dalla città del MITO

La Viola pensa a qualche modifica
Cappanni forse in campo dall'inizio con Sereni o Gambolati in panchina


Valerio Chinè
Reggio Calabria
Dopo la scoppola di Corato, la Viola torna a lavorare. La disamina di coach Fantozzi, pubblicata ieri sul sito web della società, fa sicuramente onore al tecnico che analizza con grande serenità e lucidità quanto accaduto sul parquet pugliese. Non è il caso di fare processi o generare tensioni all'interno di un gruppo che sta cercando di trovare al proprio interno la forza per riprendere la corsa. È chiaro che siamo in presenza di una sconfitta senza attenuanti, nel corso della quale la Viola non ha giocato sviluppando le enormi potenzialità e facendo valere la maggiore caratura tecnico-tattica a disposizione. Ciò non toglie che incidenti di percorso ne capitano in ogni stagione, arrivano spesso con avvisaglie e forse non ci si rende conto pienamente degli errori se non arriva l'inattesa debacle. Questo è il caso della Viola che perde in casa della penultima forza del campionato, ma che non convince neanche nelle vittorie con Francavilla e Martina Franca.
«Non escludo che possa cambiare qualcosa nel quintetto iniziale – ha detto tra le altre cose il tecnico livornese su http://www.teambasketviola.com" onclick="window.open(this.href);return false; – o negli esercizi di riscaldamento del pre-gara, che evidentemente non ci consentono di partire bene».
Un'ammissione che condividiamo e sulla quale va apprezzata la voglia e l'umiltà di mettere in discussione l'atteggiamento iniziale e un assetto di base forse troppo "leggero". Possibile che già da Bernalda qualcosa cambi nella chimica iniziale e che il totem Cappanni possa cominciare già dal primo quintetto, facendo partire uno tra Sereni e Gambolati dalla panca. In particolare, in questa fase, preoccupa l'involuzione avuta dal piemontese, davvero irriconoscibile nelle ultime sfide.
Ripassando al setaccio gli "orrori" di Corato, preoccupa la prova di Gambolati, che ha girato a vuoto per larghi tratti fallendo spesso canestri in sottomisura, di estrema facilità. Poiché rappresenta una delle risorse sulle quali la società punta parecchio per lo sviluppo di questa stagione, l'obbligo categorico è attenderlo e magari metterlo nelle condizioni di recuperare il rendimento elevato delle prime sfide sviscerando nel contempo le qualità che l'hanno posizionato ai primi posti nella "lista della spesa" estiva. Giusto per tranquillizzare tutti e non creare casi inutili, non sussistono "fattori" esterni ad essere intervenuti né nelle asserite scarse motivazioni di Corato né nel rendimento inferiore alle attese delle ultime uscite. Società e squadra si sono incontrate martedì alla ripresa, non sono mancate parole forti da parte del quartier generale neroarancio che ha ribadito – nelle quattro mura dello spogliatoio del Pentimele – la volontà di voler arrivare fino in fondo senza nessuna attenuante. Ciò significa che, avvii soft o atteggiamenti molli non saranno tollerati, mentre qualsiasi risultato scaturito da una prestazione "aggressiva" sarà comunque difeso e accettato. In poche parole, talento o qualità alla mano, la Viola deve giocare da "Viola" e come tale deve andare in ogni dove con entusiasmo e fame di successo. Sia Agrigento che Giugliano meritano identico approccio e medesime motivazioni. Il secondo concetto che i massimi esponenti neroarancio hanno ribadito è che la Viola non è sul mercato, la squadra è già completa così.
Ultima modifica di Hurricane82 il 24/11/2011, 14:05, modificato 1 volta in totale.
colpoinfernaleomicid
Forumino Scelto
Forumino Scelto
Messaggi: 796
Iscritto il: 29/05/2011, 20:01

Hurricane82 ha scritto:La Viola pensa a qualche modifica
Cappanni forse in campo dall'inizio con Sereni o Gambolati in panchina


Valerio Chinè
Reggio Calabria
Dopo la scoppola di Corato, la Viola torna a lavorare. La disamina di coach Fantozzi, pubblicata ieri sul sito web della società, fa sicuramente onore al tecnico che analizza con grande serenità e lucidità quanto accaduto sul parquet pugliese. Non è il caso di fare processi o generare tensioni all'interno di un gruppo che sta cercando di trovare al proprio interno la forza per riprendere la corsa. È chiaro che siamo in presenza di una sconfitta senza attenuanti, nel corso della quale la Viola non ha giocato sviluppando le enormi potenzialità e facendo valere la maggiore caratura tecnico-tattica a disposizione. Ciò non toglie che incidenti di percorso ne capitano in ogni stagione, arrivano spesso con avvisaglie e forse non ci si rende conto pienamente degli errori se non arriva l'inattesa debacle. Questo è il caso della Viola che perde in casa della penultima forza del campionato, ma che non convince neanche nelle vittorie con Francavilla e Martina Franca.
«Non escludo che possa cambiare qualcosa nel quintetto iniziale – ha detto tra le altre cose il tecnico livornese su http://www.teambasketviola.com" onclick="window.open(this.href);return false; – o negli esercizi di riscaldamento del pre-gara, che evidentemente non ci consentono di partire bene».
Un'ammissione che condividiamo e sulla quale va apprezzata la voglia e l'umiltà di mettere in discussione l'atteggiamento iniziale e un assetto di base forse troppo "leggero". Possibile che già da Bernalda qualcosa cambi nella chimica iniziale e che il totem Cappanni possa cominciare già dal primo quintetto, facendo partire uno tra Sereni e Gambolati dalla panca. In particolare, in questa fase, preoccupa l'involuzione avuta dal piemontese, davvero irriconoscibile nelle ultime sfide.
Ripassando al setaccio gli "orrori" di Corato, preoccupa la prova di Gambolati, che ha girato a vuoto per larghi tratti fallendo spesso canestri in sottomisura, di estrema facilità. Poiché rappresenta una delle risorse sulle quali la società punta parecchio per lo sviluppo di questa stagione, l'obbligo categorico è attenderlo e magari metterlo nelle condizioni di recuperare il rendimento elevato delle prime sfide sviscerando nel contempo le qualità che l'hanno posizionato ai primi posti nella "lista della spesa" estiva. Giusto per tranquillizzare tutti e non creare casi inutili, non sussistono "fattori" esterni ad essere intervenuti né nelle asserite scarse motivazioni di Corato né nel rendimento inferiore alle attese delle ultime uscite. Società e squadra si sono incontrate martedì alla ripresa, non sono mancate parole forti da parte del quartier generale neroarancio che ha ribadito – nelle quattro mura dello spogliatoio del Pentimele – la volontà di voler arrivare fino in fondo senza nessuna attenuante. Ciò significa che, avvii soft o atteggiamenti molli non saranno tollerati, mentre qualsiasi risultato scaturito da una prestazione "aggressiva" sarà comunque difeso e accettato. In poche parole, talento o qualità alla mano, la Viola deve giocare da "Viola" e come tale deve andare in ogni dove con entusiasmo e fame di successo. Sia Agrigento che Giugliano meritano identico approccio e medesime motivazioni. Il secondo concetto che i massimi esponenti neroarancio hanno ribadito è che la Viola non è sul mercato, la squadra è già completa così.
sugli atteggiamenti molli hanno detto bene! In più vorrei capire perché nella partita contro Martina Franca, la loro squadra alle 17:25 ha fatto ingresso in campo per il consueto riscaldamento (quindi hanno avuto 35 min abbondanti per riscaldarsi) mentre noi siamo entrati in campo alle 17:45 ? ( venti minuti dopo di loro). Forse i nostri giocatori sono speciali, superuomini e non hanno bisogno di riscaldamento? Sono le cose strane che non ho potuto fare a meno di notare in queste ultime partite! Troppa supponenza e leggerezza o poca voglia? Visto anche che nell'articolo si nota come lo stesso Allenatore vuole cambiare qualche metodo...
Sul fatto che la squadra sia già completa avrei qualche dubbio, più che altro per Cappanni, che non mi pare in gran forma ed é molto nervoso, non é possibile che ad ogni sua partita commette un tecnico, inoltre non prende un rimbalzo neanche a sparargli! Ma non ho fretta di capire se fa per la Viola o meno, può arrivare anche a Gennaio - Febbraio, poi eventualmente se proprio non va la società saprà meglio di me come ovviare, tanto a noi non interessa lottare per il primo posto dal momento che ci basta giocare i play off e perdere la finale per accedere al triangolare; quindi non vedo i drammi di quelli che dicono che bisogna finire in testa alla classifica (ricordo che Patti quando é salito non era in testa). Per Coronini dico che potrebbe andare anche bene perché tecnicamente é valido e ha una gran visione di gioco, ma é indubbio che deve assolutissimamente alzare i ritmi perché al trotto puoi giocare solo con le grandi squadre, con le squadre di bassa classifica piene di ragazzini devi invece correre a 1000!
ethan
Forumino Malatissimo
Forumino Malatissimo
Messaggi: 1604
Iscritto il: 11/05/2011, 13:44

Spero che Fantozzi non sia stato risparmiato dalle bestemmie del Dg
Avatar utente
Hurricane82
Non c'è nenti!
Non c'è nenti!
Messaggi: 3053
Iscritto il: 11/05/2011, 13:40
Località: Dalla città del MITO

ethan ha scritto:Spero che Fantozzi non sia stato risparmiato dalle bestemmie del Dg
penso di no :mrgreen: ...

cmq in un certo senso credo che sarebbe meglio che correggessi il titolo, perchè conoscendo il DG Condello non ci metterei la mano sul fuoco sul "non" intervento nel mercato...chissà! :scratch
Avatar utente
armageddon
Forumino Scelto
Forumino Scelto
Messaggi: 355
Iscritto il: 21/05/2011, 22:56

colpoinfernaleomicid ha scritto:
Hurricane82 ha scritto:La Viola pensa a qualche modifica
Cappanni forse in campo dall'inizio con Sereni o Gambolati in panchina


Valerio Chinè
Reggio Calabria
Dopo la scoppola di Corato, la Viola torna a lavorare. La disamina di coach Fantozzi, pubblicata ieri sul sito web della società, fa sicuramente onore al tecnico che analizza con grande serenità e lucidità quanto accaduto sul parquet pugliese. Non è il caso di fare processi o generare tensioni all'interno di un gruppo che sta cercando di trovare al proprio interno la forza per riprendere la corsa. È chiaro che siamo in presenza di una sconfitta senza attenuanti, nel corso della quale la Viola non ha giocato sviluppando le enormi potenzialità e facendo valere la maggiore caratura tecnico-tattica a disposizione. Ciò non toglie che incidenti di percorso ne capitano in ogni stagione, arrivano spesso con avvisaglie e forse non ci si rende conto pienamente degli errori se non arriva l'inattesa debacle. Questo è il caso della Viola che perde in casa della penultima forza del campionato, ma che non convince neanche nelle vittorie con Francavilla e Martina Franca.
«Non escludo che possa cambiare qualcosa nel quintetto iniziale – ha detto tra le altre cose il tecnico livornese su http://www.teambasketviola.com" onclick="window.open(this.href);return false; – o negli esercizi di riscaldamento del pre-gara, che evidentemente non ci consentono di partire bene».
Un'ammissione che condividiamo e sulla quale va apprezzata la voglia e l'umiltà di mettere in discussione l'atteggiamento iniziale e un assetto di base forse troppo "leggero". Possibile che già da Bernalda qualcosa cambi nella chimica iniziale e che il totem Cappanni possa cominciare già dal primo quintetto, facendo partire uno tra Sereni e Gambolati dalla panca. In particolare, in questa fase, preoccupa l'involuzione avuta dal piemontese, davvero irriconoscibile nelle ultime sfide.
Ripassando al setaccio gli "orrori" di Corato, preoccupa la prova di Gambolati, che ha girato a vuoto per larghi tratti fallendo spesso canestri in sottomisura, di estrema facilità. Poiché rappresenta una delle risorse sulle quali la società punta parecchio per lo sviluppo di questa stagione, l'obbligo categorico è attenderlo e magari metterlo nelle condizioni di recuperare il rendimento elevato delle prime sfide sviscerando nel contempo le qualità che l'hanno posizionato ai primi posti nella "lista della spesa" estiva. Giusto per tranquillizzare tutti e non creare casi inutili, non sussistono "fattori" esterni ad essere intervenuti né nelle asserite scarse motivazioni di Corato né nel rendimento inferiore alle attese delle ultime uscite. Società e squadra si sono incontrate martedì alla ripresa, non sono mancate parole forti da parte del quartier generale neroarancio che ha ribadito – nelle quattro mura dello spogliatoio del Pentimele – la volontà di voler arrivare fino in fondo senza nessuna attenuante. Ciò significa che, avvii soft o atteggiamenti molli non saranno tollerati, mentre qualsiasi risultato scaturito da una prestazione "aggressiva" sarà comunque difeso e accettato. In poche parole, talento o qualità alla mano, la Viola deve giocare da "Viola" e come tale deve andare in ogni dove con entusiasmo e fame di successo. Sia Agrigento che Giugliano meritano identico approccio e medesime motivazioni. Il secondo concetto che i massimi esponenti neroarancio hanno ribadito è che la Viola non è sul mercato, la squadra è già completa così.
sugli atteggiamenti molli hanno detto bene! In più vorrei capire perché nella partita contro Martina Franca, la loro squadra alle 17:25 ha fatto ingresso in campo per il consueto riscaldamento (quindi hanno avuto 35 min abbondanti per riscaldarsi) mentre noi siamo entrati in campo alle 17:45 ? ( venti minuti dopo di loro). Forse i nostri giocatori sono speciali, superuomini e non hanno bisogno di riscaldamento? Sono le cose strane che non ho potuto fare a meno di notare in queste ultime partite! Troppa supponenza e leggerezza o poca voglia? Visto anche che nell'articolo si nota come lo stesso Allenatore vuole cambiare qualche metodo...
Sul fatto che la squadra sia già completa avrei qualche dubbio, più che altro per Cappanni, che non mi pare in gran forma ed é molto nervoso, non é possibile che ad ogni sua partita commette un tecnico, inoltre non prende un rimbalzo neanche a sparargli! Ma non ho fretta di capire se fa per la Viola o meno, può arrivare anche a Gennaio - Febbraio, poi eventualmente se proprio non va la società saprà meglio di me come ovviare, tanto a noi non interessa lottare per il primo posto dal momento che ci basta giocare i play off e perdere la finale per accedere al triangolare; quindi non vedo i drammi di quelli che dicono che bisogna finire in testa alla classifica (ricordo che Patti quando é salito non era in testa). Per Coronini dico che potrebbe andare anche bene perché tecnicamente é valido e ha una gran visione di gioco, ma é indubbio che deve assolutissimamente alzare i ritmi perché al trotto puoi giocare solo con le grandi squadre, con le squadre di bassa classifica piene di ragazzini devi invece correre a 1000!


scusami ma non sono daccordo con te per questi motivi:

1: la squadra è stata costruita per vincere come confermato dalle recenti dichiarazioni di Condello quindi pensare di puntare al secondo posto, oltre ad essere psicologicamente pericoloso è un atteggiamento inaccettabile (bisogna pensare a vincerle tutte poi se si arriva secondi battiamo le mani ai vincitori della regular season ma non prima di aver dato tutto) sia da parte della società che ha investito tanto per portare a casa giocatori di qualità sia per i tifosi....

2: in relazione al punto 1 il primo posto dà il vantaggio del fattore campo nell eventuale bella agli spareggi play off....non è certo una equazione perfetta che da come risultato la promozione ma è un fatto non trascurabile, anzi, forse determinante....

3: in relazione ai punti 1 e 2....arrivare alla finale play off da sì il diritto, nel caso si perda la finale, alla partecipazione del triangolare per spareggiare con le altre perdenti dei due gironi ma anche qui trattasi di autentica roulette russa....ricordo a chi se ne fosse dimenticato, che l anno scorso tutti dicevano che il girone sud, ovvero il nostro, era il più forte, salvo poi ritrovarsi sbattuti fuori alla prima partita delle finali di coppa Italia con Zepa Marostica......quindi chi dice che ce la facciamo......

Conclusione.....tutti devono fare la propria parte....società, giocatori e pubblico....per un grande obbiettivo....l unico possibile.....la ferita di Giugno è ancora aperta....rimarginiamola quest anno....tutti quanti insieme....avanti tutta....
simp e imp
Forumino Scelto
Forumino Scelto
Messaggi: 563
Iscritto il: 15/05/2011, 21:25

Vabbò... la vogliamo voltare una volta per tutte sta maledetta pagina? E apriamolo questo topic su Bernalda che tra poco più di 2 giorni si gioca di nuovo!!!
colpoinfernaleomicid
Forumino Scelto
Forumino Scelto
Messaggi: 796
Iscritto il: 29/05/2011, 20:01

armageddon ha scritto:
colpoinfernaleomicid ha scritto:
Hurricane82 ha scritto:La Viola pensa a qualche modifica
Cappanni forse in campo dall'inizio con Sereni o Gambolati in panchina


Valerio Chinè
Reggio Calabria
Dopo la scoppola di Corato, la Viola torna a lavorare. La disamina di coach Fantozzi, pubblicata ieri sul sito web della società, fa sicuramente onore al tecnico che analizza con grande serenità e lucidità quanto accaduto sul parquet pugliese. Non è il caso di fare processi o generare tensioni all'interno di un gruppo che sta cercando di trovare al proprio interno la forza per riprendere la corsa. È chiaro che siamo in presenza di una sconfitta senza attenuanti, nel corso della quale la Viola non ha giocato sviluppando le enormi potenzialità e facendo valere la maggiore caratura tecnico-tattica a disposizione. Ciò non toglie che incidenti di percorso ne capitano in ogni stagione, arrivano spesso con avvisaglie e forse non ci si rende conto pienamente degli errori se non arriva l'inattesa debacle. Questo è il caso della Viola che perde in casa della penultima forza del campionato, ma che non convince neanche nelle vittorie con Francavilla e Martina Franca.
«Non escludo che possa cambiare qualcosa nel quintetto iniziale – ha detto tra le altre cose il tecnico livornese su http://www.teambasketviola.com" onclick="window.open(this.href);return false; – o negli esercizi di riscaldamento del pre-gara, che evidentemente non ci consentono di partire bene».
Un'ammissione che condividiamo e sulla quale va apprezzata la voglia e l'umiltà di mettere in discussione l'atteggiamento iniziale e un assetto di base forse troppo "leggero". Possibile che già da Bernalda qualcosa cambi nella chimica iniziale e che il totem Cappanni possa cominciare già dal primo quintetto, facendo partire uno tra Sereni e Gambolati dalla panca. In particolare, in questa fase, preoccupa l'involuzione avuta dal piemontese, davvero irriconoscibile nelle ultime sfide.
Ripassando al setaccio gli "orrori" di Corato, preoccupa la prova di Gambolati, che ha girato a vuoto per larghi tratti fallendo spesso canestri in sottomisura, di estrema facilità. Poiché rappresenta una delle risorse sulle quali la società punta parecchio per lo sviluppo di questa stagione, l'obbligo categorico è attenderlo e magari metterlo nelle condizioni di recuperare il rendimento elevato delle prime sfide sviscerando nel contempo le qualità che l'hanno posizionato ai primi posti nella "lista della spesa" estiva. Giusto per tranquillizzare tutti e non creare casi inutili, non sussistono "fattori" esterni ad essere intervenuti né nelle asserite scarse motivazioni di Corato né nel rendimento inferiore alle attese delle ultime uscite. Società e squadra si sono incontrate martedì alla ripresa, non sono mancate parole forti da parte del quartier generale neroarancio che ha ribadito – nelle quattro mura dello spogliatoio del Pentimele – la volontà di voler arrivare fino in fondo senza nessuna attenuante. Ciò significa che, avvii soft o atteggiamenti molli non saranno tollerati, mentre qualsiasi risultato scaturito da una prestazione "aggressiva" sarà comunque difeso e accettato. In poche parole, talento o qualità alla mano, la Viola deve giocare da "Viola" e come tale deve andare in ogni dove con entusiasmo e fame di successo. Sia Agrigento che Giugliano meritano identico approccio e medesime motivazioni. Il secondo concetto che i massimi esponenti neroarancio hanno ribadito è che la Viola non è sul mercato, la squadra è già completa così.
sugli atteggiamenti molli hanno detto bene! In più vorrei capire perché nella partita contro Martina Franca, la loro squadra alle 17:25 ha fatto ingresso in campo per il consueto riscaldamento (quindi hanno avuto 35 min abbondanti per riscaldarsi) mentre noi siamo entrati in campo alle 17:45 ? ( venti minuti dopo di loro). Forse i nostri giocatori sono speciali, superuomini e non hanno bisogno di riscaldamento? Sono le cose strane che non ho potuto fare a meno di notare in queste ultime partite! Troppa supponenza e leggerezza o poca voglia? Visto anche che nell'articolo si nota come lo stesso Allenatore vuole cambiare qualche metodo...
Sul fatto che la squadra sia già completa avrei qualche dubbio, più che altro per Cappanni, che non mi pare in gran forma ed é molto nervoso, non é possibile che ad ogni sua partita commette un tecnico, inoltre non prende un rimbalzo neanche a sparargli! Ma non ho fretta di capire se fa per la Viola o meno, può arrivare anche a Gennaio - Febbraio, poi eventualmente se proprio non va la società saprà meglio di me come ovviare, tanto a noi non interessa lottare per il primo posto dal momento che ci basta giocare i play off e perdere la finale per accedere al triangolare; quindi non vedo i drammi di quelli che dicono che bisogna finire in testa alla classifica (ricordo che Patti quando é salito non era in testa). Per Coronini dico che potrebbe andare anche bene perché tecnicamente é valido e ha una gran visione di gioco, ma é indubbio che deve assolutissimamente alzare i ritmi perché al trotto puoi giocare solo con le grandi squadre, con le squadre di bassa classifica piene di ragazzini devi invece correre a 1000!


scusami ma non sono daccordo con te per questi motivi:

1: la squadra è stata costruita per vincere come confermato dalle recenti dichiarazioni di Condello quindi pensare di puntare al secondo posto, oltre ad essere psicologicamente pericoloso è un atteggiamento inaccettabile (bisogna pensare a vincerle tutte poi se si arriva secondi battiamo le mani ai vincitori della regular season ma non prima di aver dato tutto) sia da parte della società che ha investito tanto per portare a casa giocatori di qualità sia per i tifosi....

2: in relazione al punto 1 il primo posto dà il vantaggio del fattore campo nell eventuale bella agli spareggi play off....non è certo una equazione perfetta che da come risultato la promozione ma è un fatto non trascurabile, anzi, forse determinante....

3: in relazione ai punti 1 e 2....arrivare alla finale play off da sì il diritto, nel caso si perda la finale, alla partecipazione del triangolare per spareggiare con le altre perdenti dei due gironi ma anche qui trattasi di autentica roulette russa....ricordo a chi se ne fosse dimenticato, che l anno scorso tutti dicevano che il girone sud, ovvero il nostro, era il più forte, salvo poi ritrovarsi sbattuti fuori alla prima partita delle finali di coppa Italia con Zepa Marostica......quindi chi dice che ce la facciamo......

Conclusione.....tutti devono fare la propria parte....società, giocatori e pubblico....per un grande obbiettivo....l unico possibile.....la ferita di Giugno è ancora aperta....rimarginiamola quest anno....tutti quanti insieme....avanti tutta....

Parliamoci chiaro...non abbiamo il passo di Agrigento e questo non é certamente dovuto al fatto che siamo inferiori nell'organico bensì ad un discorso di mentalità dei nostri giocatori che ci penalizza! I giocatori di Agrigento, come avrai notato giocano a spaccare per 40 minuti 40! Se ne sbattono altamente se sono in vantaggio di +20 e continuano a giocare fino al minuto 40 come dei pazzi forsennati e non mi pare abbiano i fucili puntati alle spalle. I nostri spesso e volentieri il primo quarto non lo giocano o perlomeno lo giocano da schifo subendo di tutto e di più (vedi Francavilla e MArtina che ci ha ridicolizzati per non dire annichiliti nel primo quarto con un 13- 25 se non ricordo male). Quindi il problema é che i giocatori forse non hanno ben capito quali sono gli obbiettivi della società e dato che la partita la giocano loro e non la società ci dobbiano affidare al loro operato nella buona o cattiva sorte! Se in campo si 'trangaliano' la società può al massimo come ha egregiamente fatto 'cazziarli' ma se neanche questo é sufficiente non si va da nessuna parte! Sia ben chiaro, che non ho mai messo in dubbio le qualità tecniche del roster ( a parte Cappanni che per me sdice in questo roster vista il livello tecnico dei compagni). Se poi lo scossone della società in settimana ha fatto veramente effetto sui giocatori forse potremmo rimetterci in carreggiata, ma siamo sempre a 4 punti da Agrigento che a quanto pare come tenuta mentale ci sta molto ma molto avanti e dubito che oltre che a Martina Franca possano lasciare per la strada altri 2 punti prima di giocare contro di noi, anzi... Per il discorso di dover arrivare primi per forza non ne sono così convinto sia necessario, dipende dalle seconde degli altri due gironi...lo capiremo meglio dalla coppa italia. Comunque se domanica si dovessero ripetere a Bernalda degli atteggiamenti 'molli' dei nostri, come ha definito la società credo proprio che la prossima settimana qualche 'cucuzza' salterà se non più di una... In ultimo il discorso che forse non hai sottolineato, quello relativo all'ingresso in campo per il riscaldamento ritardato contro Martina (17:45) quando loro erano inceve già dalle 17:25 in campo, cosa ne pensi? Ti sembra una bella cosa?
Paura&Delirio
Forumino Praticante
Forumino Praticante
Messaggi: 278
Iscritto il: 20/05/2011, 23:04

a me nn sembra che il riscaldamento sia alla base dei nostri problemi.piuttosto sono riuscito a vedere i primi due quarti della partita con corato:che dire,inguardabili,molli,accademici,distratti,lenti.siamo stati capaci di far sembrare lo savio e infante due pivot di eurolega...e di far raccogliere gloria anche a ferilli(chi è costui?)..avessimo almeno segnato..e nemmeno quello..da incorniciare le espressioni dei giocatori...
leggevo del probabile addio di laganà:se cosi dev essere,cosi sia,ma mi auguro che la ricerca delle cause di questa "malattia" non si fermi...
ps:stando a quanto dice nell intervista di reggioacanestro,o fantozzi è un idiota,oppure fa lo scecco nel lenzuolo.
colpoinfernaleomicid
Forumino Scelto
Forumino Scelto
Messaggi: 796
Iscritto il: 29/05/2011, 20:01

Paura&Delirio ha scritto:a me nn sembra che il riscaldamento sia alla base dei nostri problemi.piuttosto sono riuscito a vedere i primi due quarti della partita con corato:che dire,inguardabili,molli,accademici,distratti,lenti.siamo stati capaci di far sembrare lo savio e infante due pivot di eurolega...e di far raccogliere gloria anche a ferilli(chi è costui?)..avessimo almeno segnato..e nemmeno quello..da incorniciare le espressioni dei giocatori...
leggevo del probabile addio di laganà:se cosi dev essere,cosi sia,ma mi auguro che la ricerca delle cause di questa "malattia" non si fermi...
ps:stando a quanto dice nell intervista di reggioacanestro,o fantozzi è un idiota,oppure fa lo scecco nel lenzuolo.
Ce l'hai fatta a vedere i primi due quarti? Che uomo! Un vero uomo, un duro dallo stomaco di metallo! Io non l'ho guardata proprio, tanto era vergognosa.
Avatar utente
armageddon
Forumino Scelto
Forumino Scelto
Messaggi: 355
Iscritto il: 21/05/2011, 22:56

io l ho vista tutta ma prima avevo preso il Maalox.... :mrgreen:
Avatar utente
eldelgado
Apprendista Forumino
Apprendista Forumino
Messaggi: 10
Iscritto il: 16/09/2011, 13:59

colpoinfernaleomicid ha scritto:
Paura&Delirio ha scritto:a me nn sembra che il riscaldamento sia alla base dei nostri problemi.piuttosto sono riuscito a vedere i primi due quarti della partita con corato:che dire,inguardabili,molli,accademici,distratti,lenti.siamo stati capaci di far sembrare lo savio e infante due pivot di eurolega...e di far raccogliere gloria anche a ferilli(chi è costui?)..avessimo almeno segnato..e nemmeno quello..da incorniciare le espressioni dei giocatori...
leggevo del probabile addio di laganà:se cosi dev essere,cosi sia,ma mi auguro che la ricerca delle cause di questa "malattia" non si fermi...
ps:stando a quanto dice nell intervista di reggioacanestro,o fantozzi è un idiota,oppure fa lo scecco nel lenzuolo.
Ce l'hai fatta a vedere i primi due quarti? Che uomo! Un vero uomo, un duro dallo stomaco di metallo! Io non l'ho guardata proprio, tanto era vergognosa.
Io mi permetto di dire, e sarò ripetitivo, che qualsiasi pivot sembra di eurolega in confronto ai nostri! Se gambolati non gira, ci ritroviamo con cappanni, che vedo oltretutto totalmente incompatibile con i nostri play. A rimbalzo non è molto presente nonostante un gran fisico. Arti lunghi e muscolosi, per niente sfruttati!
Credo poi che sia normale che un giocatore di 20 anni voglia andare via da una squadra che lo lascia in panca. Fantozzi sono due stagioni che fa ruotare 7 giocatori. De marco e mobilia ne sanno qualcosa. Se laganà va via, non sapremo mai quanto valga. Mi dispiace dirlo, non voglio sollevare questioni, litigi o discussioni ma questa squadra non è stata allestita egregiamente. Anzi in maniera parecchio disordinata!
Rispondi