Tangenti Finmecca-Enav Per Alemanno nuova questione morale

Notizie dal mondo e dalla città: curiosità, fatti, cronaca...

Moderatori: NinoMed, Bud, Lilleuro

Rispondi
Malaca
Forumino Scelto
Forumino Scelto
Messaggi: 612
Iscritto il: 14/05/2011, 9:57

Il segretario Miccoli: "Dopo lo scandalo parentopoli, la condanna per violenza sessuale di don Ruggero Conti, l'arresto per camorra del suo consigliere Magliocca, la vicenda Andrini-Mookbel, il sindaco deve chiarire la sua posizione". Masini: "Vogliamo sapere se c'entrano anche gli appalti del Campidoglio"

Tangenti Finmeccanica-Enav, il Pd romano "Per Alemanno nuova questione morale" Il sindaco Gianni Alemanno
Nell'inchiesta sulle tangenti Finmeccanica-Enav, fra i tanti politici coinvolti, è spuntato anche il nome del sindaco Gianni Alemanno. Racconta infatti il "pentito" Tommaso Di Lernia che Raffaello Rizzo (braccio destro dell'ad di Enav Guido Pugliesi) "favoriva anche le imprese che erogavano finanziamenti alla frangia romana di An riconducibile al sindaco Alemanno".

Immediata la reazione del Pd romano: "Chiediamo a Gianni Alemanno di chiarire al più presto la questione delle tangenti Enav in cui anche oggi viene pesantemente coinvolto. Non bastava lo scandalo parentopoli, l'arresto per camorra del suo collaboratore Giorgio Magliocca, le inchieste sul suo delegato all'Expo, Franco Maria Orsi, la condanna a 15 anni e 4 mesi di reclusione per violenza su minori a don Ruggero Conti, suo consulente alla famiglia nella campagna elettorale. E poi la strana rete che collegava Stefano Andrini, da Alemanno nominato amministratore delegato di una importante società dell'Ama di Franco Panzironi, con Gennaro Mokbel. Passando per scandali e scandaletti, fino ad arrivare alla richiesta di condanna per bancarotta fraudolenta al suo nuovo spin doctor Luigi Crespi. Ci sembra evidente che il Campidoglio targato Alemanno è al centro di una nuova questione morale. Il sindaco per ora tace e fugge dalle sue responsabilità, che sono quelle di chiarire di fronte ai romani tutte queste oscure vicende". Lo dichiara in una nota Marco Miccoli, segretario del Pd Roma.

"Ci risiamo. Escono le notizie sulle tangenti
Enav - afferma il consigliere Pd Paolo Masini - e ricompare per l'ennesima volta il nome di Gianni Alemanno. E' da mesi che chiediamo al sindaco di chiarire questa oscura vicenda. Vogliamo sapere se nel torbido affare Enav c'entrano anche appalti del Campidoglio. Finora il sindaco ha sempre evitato di spiegare la sua posizione, ma questo è intollerabile. I romani chiedono al sindaco trasparenza, soprattutto dopo i numerosi casi di malagestione a partire da parentopoli, la 'madre' di tutti gli scandali".

"Ci sembrano doverosi alcuni chiarimenti da parte del sindaco in merito all'inchiesta Enav e alle testimonianze che in questi giorni lo stanno chiamando in causa insieme ad altri esponenti e suoi sodali ai tempi di An. Alla politica spetta il compito di fare chiarezza e dimostrare ai cittadini, prima che nelle sedi giudiziarie, la totale estraneità ai fatti rilevati dalla procura", afferma la deputata del pd Ileana Argentin, membro della commissione Affari sociali della camera.

(22 novembre 2011)
Rispondi