Operazione ''Sistema'': Indagato assessore comunale

Notizie dal mondo e dalla città: curiosità, fatti, cronaca...

Moderatori: NinoMed, Bud, Lilleuro

Avatar utente
goldenboy
Forumino Malatissimo
Forumino Malatissimo
Messaggi: 2789
Iscritto il: 11/05/2011, 12:43
Località: na vota 'nto bizzolu

Regmi ha scritto:
Regmi ha scritto:
goldenboy ha scritto: Il condizionale sta chiaramente a indicare che sono solo supposzioni, ossia chiacchiere degne del più rinomato bizzolu, tutte da provare...e fino al terzo gardo di giudizio. :read:

Fino ad allora il già citato onore è salvo :fifi:


parliamo di fuffa..nessun politico è indagato :salut
A saluti e ...figghi masculi :beer:
A vostra :beer:
Avatar utente
goldenboy
Forumino Malatissimo
Forumino Malatissimo
Messaggi: 2789
Iscritto il: 11/05/2011, 12:43
Località: na vota 'nto bizzolu

http://www.newz.it/2011/11/08/operazion ... co/120406/" onclick="window.open(this.href);return false;
Malaca
Forumino Scelto
Forumino Scelto
Messaggi: 612
Iscritto il: 14/05/2011, 9:57

Avevo indovinato pure io, anche lui uomo di riferimento del grande Peppino DJ, ricordate che Arena ha voluto cambiare gli assessori... LA NOVITA' PRIMA DI TUTTO....



E si vede...



IL NUOVO CHE AVANZA, IL MODELLO REGGIO CONTINUA....
Avatar utente
Motociclista
Forumino Malatissimo
Forumino Malatissimo
Messaggi: 1795
Iscritto il: 11/05/2011, 19:51

Non c'è nenti i pighiari...non si sarva nuddu i sti politici...ed andremo sempre giù al fondo...
Mariotta
Forumino Malato
Forumino Malato
Messaggi: 1400
Iscritto il: 12/05/2011, 19:24

goldenboy ha scritto:
Regmi ha scritto:
goldenboy ha scritto:http://www.strill.it/index.php?option=c ... &Itemid=86

Reggio, operazione Sistema: nel 2007 volevano condizionare elezioni

Le cosche mafiose di Reggio Calabria, forti del potere economico acquisito, avrebbero tentato di condizionare l'attivita' politica cittadina in occasione della competizione elettorale del 2007, mediante candidati di riferimento a cui assicurare sostegno elettorale. E' quanto emerge dagli atti dell'operazione "Sistema" che stamane ha portato in carcere otto persone, appartenenti o contigue, secondo l'accusa, al clan Crucitti. Le ordinanze della magistratura reggina sono state eseguite dai Carabinieri che hanno anche effettuato il sequestro di alcuni beni.

Il condizionale sta chiaramente a indicare che sono solo supposzioni, ossia chiacchiere degne del più rinomato bizzolu, tutte da provare...e fino al terzo gardo di giudizio. :read:

Fino ad allora il già citato onore è salvo :fifi:


parliamo di fuffa..nessun politico è indagato :salut


foramalocchiu però mi pare si facciano altri nomi... :beer:
Il dolore ci rimette in mezzo alle cose in modo nuovo.
army
Forumino Scelto
Forumino Scelto
Messaggi: 745
Iscritto il: 17/05/2011, 0:08

modello cesso :cheers
Avatar utente
Lixia
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 1734
Iscritto il: 11/05/2011, 13:25
Località: Boh!!! Attualmente zingarìo in Trentino!!!

secondo me è il caso di cambiare il titolo del topic, visto che si pensava fosse indagato ma poi non era più indagato e allora forse aveva contatti ma non è sicuro che non fosse solo una normalissima conoscenza ...ma insomma i chi stamu parramdu?...bah!!!
"Gli amici miei, ed in cui posso fidare, non vivon qui: si trovan lontano, al mio paese, come ogni altra cosa, signori, che mi può recar conforto".

Putrusinu ogni mineshra!

Immagine
Mariotta
Forumino Malato
Forumino Malato
Messaggi: 1400
Iscritto il: 12/05/2011, 19:24

Lixia ha scritto:secondo me è il caso di cambiare il titolo del topic, visto che si pensava fosse indagato ma poi non era più indagato e allora forse aveva contatti ma non è sicuro che non fosse solo una normalissima conoscenza ...ma insomma i chi stamu parramdu?...bah!!!


più che normale intercettazione da ciò che ho letto mi sembra una conoscenza a fini...elettivi nels enso che si parla esplicitamente di voti e appoggi oltre che di zone da spartire per garantirsi un appoggio elettorale. Il voto di scambio è reato, che poi non sia indagato, lo stesso strill ha forse rettificato questa cosa :wink
Il dolore ci rimette in mezzo alle cose in modo nuovo.
Avatar utente
Regmi
Non c'è nenti!
Non c'è nenti!
Messaggi: 4234
Iscritto il: 11/05/2011, 16:55

Mariotta ha scritto:


foramalocchiu però mi pare si facciano altri nomi... :beer:
Siiiiiiii
Non si dicono ste cose.
muta.
:wink
La speranza appartiene ai figli.
Noi adulti abbiamo già sperato e quasi sempre perso.
Mariotta
Forumino Malato
Forumino Malato
Messaggi: 1400
Iscritto il: 12/05/2011, 19:24

Regmi ha scritto:
Mariotta ha scritto:


foramalocchiu però mi pare si facciano altri nomi... :beer:
Siiiiiiii
Non si dicono ste cose.
muta.
:wink

più che muta dovrei essere orba :see: :scrolleye:
Il dolore ci rimette in mezzo alle cose in modo nuovo.
mohammed
Forumino Malatissimo
Forumino Malatissimo
Messaggi: 2127
Iscritto il: 11/05/2011, 15:05

quando poi qualcuno dice che a rc la destra vince con l'appoggio della ndrangheta qualcuno qui si incazza assai, come se certe cose non fossero di dominio pubblico prima ancora che qualche magistrato indaghi...
Allah è grande, Gheddafi è il suo profeta!
Avatar utente
Lixia
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 1734
Iscritto il: 11/05/2011, 13:25
Località: Boh!!! Attualmente zingarìo in Trentino!!!

bah...è normalissimo che una cosca raccolga i voti a un politico?
a reggio si evidentemente
army non ho mica detto che è normale, mi spiego prima trapela che un assessore è indagato ..poi no!!! ma dai non è indagato, però dalle intercettazioni che si leggono insomma dai non direi proprio che sta in una bella posizione , appunto perchè non indagarlo , non indaghi quando un reato non c'è ma indaghi quando non sai se c'è o meno un reato perchè ci sono fatti che ti inducono a ritenere che Tizio abbia commesso un reato , qui siamo alle solite ovvero alla differenza sostanziale tra Indagine e Incriminazione.
Es. Lixia viene indagata per l'IPOTESI di reato di spaccio di cioccolata perchè da intercettazioni e fatti ed eventi è emerso che continuativamente spacciava e consumava cioccolata.

Mi indagano col consenso e controllo del Gip

Alla conclusione delle indagini il PM formula il capo di imputazione ( INCRIMINAZIONE Dove da semplice indagata passo ad imputata) e qui allora son dolori, essere indagati non è nulla di che rispetto a quello che vuol dire essere imputati.

Una volta imputata il Gup dice
Soluzione A: SI è vero Lixia è stata intercettata più volte a spacciare e consumare cioccolata addirittura c'è un video di lei che si lecca le dita colme di nutella
Soluzione B: no non avete prove ma solo indizi e comunque non provano un bel nulla perchè in realtà Lixia ha solo guardato il banco della cioccolata più volte senza neanche toccarla , ci stava solo famelicamente davanti , anche perchè è a dieta e quindi il GUP dice "Non luogo a procedere ".

Essere indagati non è mica tanto grave , la cosa grave è che il fatto che uno è o meno indagato non dovrebbe trapelare , se trapela ciò succede o perchè c'è una talpa oppure perchè nell'ambito di un indagine più grande il Pm col consenso del GIP desecreta alcuni fatti per dare una mossa alle indagini in fase di stallo... per esempio

Per il resto no, non credo per nulla sia normale che una cosca raccolga i voti per un politico e se ciò avviene o si hanno le prove che ciò è avvenuto mi chiedo perchè questo politico non sia in galera , ecco cosa voleva dire la mia esclamazione di stupore cit. "I chi stamu parrandu"
"Gli amici miei, ed in cui posso fidare, non vivon qui: si trovan lontano, al mio paese, come ogni altra cosa, signori, che mi può recar conforto".

Putrusinu ogni mineshra!

Immagine
Avatar utente
Regmi
Non c'è nenti!
Non c'è nenti!
Messaggi: 4234
Iscritto il: 11/05/2011, 16:55

Lixia ha scritto:
bah...è normalissimo che una cosca raccolga i voti a un politico?
a reggio si evidentemente
army non ho mica detto che è normale, mi spiego prima trapela che un assessore è indagato ..poi no!!! ma dai non è indagato, però dalle intercettazioni che si leggono insomma dai non direi proprio che sta in una bella posizione , appunto perchè non indagarlo , non indaghi quando un reato non c'è ma indaghi quando non sai se c'è o meno un reato perchè ci sono fatti che ti inducono a ritenere che Tizio abbia commesso un reato , qui siamo alle solite ovvero alla differenza sostanziale tra Indagine e Incriminazione.
Es. Lixia viene indagata per l'IPOTESI di reato di spaccio di cioccolata perchè da intercettazioni e fatti ed eventi è emerso che continuativamente spacciava e consumava cioccolata.

Mi indagano col consenso e controllo del Gip

Alla conclusione delle indagini il PM formula il capo di imputazione ( INCRIMINAZIONE Dove da semplice indagata passo ad imputata) e qui allora son dolori, essere indagati non è nulla di che rispetto a quello che vuol dire essere imputati.

Una volta imputata il Gup dice
Soluzione A: SI è vero Lixia è stata intercettata più volte a spacciare e consumare cioccolata addirittura c'è un video di lei che si lecca le dita colme di nutella
Soluzione B: no non avete prove ma solo indizi e comunque non provano un bel nulla perchè in realtà Lixia ha solo guardato il banco della cioccolata più volte senza neanche toccarla , ci stava solo famelicamente davanti , anche perchè è a dieta e quindi il GUP dice "Non luogo a procedere ".

Essere indagati non è mica tanto grave , la cosa grave è che il fatto che uno è o meno indagato non dovrebbe trapelare , se trapela ciò succede o perchè c'è una talpa oppure perchè nell'ambito di un indagine più grande il Pm col consenso del GIP desecreta alcuni fatti per dare una mossa alle indagini in fase di stallo... per esempio

Per il resto no, non credo per nulla sia normale che una cosca raccolga i voti per un politico e se ciò avviene o si hanno le prove che ciò è avvenuto mi chiedo perchè questo politico non sia in galera , ecco cosa voleva dire la mia esclamazione di stupore cit. "I chi stamu parrandu"
Sulla richiesta di cambiare il titolo del Topic in quanto non corrispondente alla realtà non si può non essere d'accordo.

Sul resto credo che una distinzione tra le responsabilità penali, tutte da dimostrare, e quelle politiche sia assolutamente dovuta.
A maggior ragione se è il politico, o aspirante tale, (e non so se anche nel caso in questione sia successo) che va a "caccia" di voti e non vicecersa.

:salut
La speranza appartiene ai figli.
Noi adulti abbiamo già sperato e quasi sempre perso.
Avatar utente
Lixia
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 1734
Iscritto il: 11/05/2011, 13:25
Località: Boh!!! Attualmente zingarìo in Trentino!!!

Regmi ha scritto:
Lixia ha scritto:
bah...è normalissimo che una cosca raccolga i voti a un politico?
a reggio si evidentemente
army non ho mica detto che è normale, mi spiego prima trapela che un assessore è indagato ..poi no!!! ma dai non è indagato, però dalle intercettazioni che si leggono insomma dai non direi proprio che sta in una bella posizione , appunto perchè non indagarlo , non indaghi quando un reato non c'è ma indaghi quando non sai se c'è o meno un reato perchè ci sono fatti che ti inducono a ritenere che Tizio abbia commesso un reato , qui siamo alle solite ovvero alla differenza sostanziale tra Indagine e Incriminazione.
Es. Lixia viene indagata per l'IPOTESI di reato di spaccio di cioccolata perchè da intercettazioni e fatti ed eventi è emerso che continuativamente spacciava e consumava cioccolata.

Mi indagano col consenso e controllo del Gip

Alla conclusione delle indagini il PM formula il capo di imputazione ( INCRIMINAZIONE Dove da semplice indagata passo ad imputata) e qui allora son dolori, essere indagati non è nulla di che rispetto a quello che vuol dire essere imputati.

Una volta imputata il Gup dice
Soluzione A: SI è vero Lixia è stata intercettata più volte a spacciare e consumare cioccolata addirittura c'è un video di lei che si lecca le dita colme di nutella
Soluzione B: no non avete prove ma solo indizi e comunque non provano un bel nulla perchè in realtà Lixia ha solo guardato il banco della cioccolata più volte senza neanche toccarla , ci stava solo famelicamente davanti , anche perchè è a dieta e quindi il GUP dice "Non luogo a procedere ".

Essere indagati non è mica tanto grave , la cosa grave è che il fatto che uno è o meno indagato non dovrebbe trapelare , se trapela ciò succede o perchè c'è una talpa oppure perchè nell'ambito di un indagine più grande il Pm col consenso del GIP desecreta alcuni fatti per dare una mossa alle indagini in fase di stallo... per esempio

Per il resto no, non credo per nulla sia normale che una cosca raccolga i voti per un politico e se ciò avviene o si hanno le prove che ciò è avvenuto mi chiedo perchè questo politico non sia in galera , ecco cosa voleva dire la mia esclamazione di stupore cit. "I chi stamu parrandu"
Sulla richiesta di cambiare il titolo del Topic in quanto non corrispondente alla realtà non si può non essere d'accordo.

Sul resto credo che una distinzione tra le responsabilità penali, tutte da dimostrare, e quelle politiche sia assolutamente dovuta.
A maggior ragione se è il politico, o aspirante tale, (e non so se anche nel caso in questione sia successo) che va a "caccia" di voti e non vicecersa.

:salut
si appunto il titolo del topic va cambiato
"Gli amici miei, ed in cui posso fidare, non vivon qui: si trovan lontano, al mio paese, come ogni altra cosa, signori, che mi può recar conforto".

Putrusinu ogni mineshra!

Immagine
Avatar utente
cozzina1
Non c'è nenti!
Non c'è nenti!
Messaggi: 4430
Iscritto il: 11/05/2011, 14:08
Località: santropè

Reggio, PD: "Arena faccia dimettere subito Morisani"
Mercoledì 09 Novembre 2011 14:17



Di seguito nota Girolamo Demaria, Coordinatore Provinciale PD: L’operazione “Sistema” portata a termine dalla DDA di Reggio Calabria e dal Comando Provinciale dei Carabinieri conferma la pervasività e la capacità di infiltrazione delle organizzazioni della ‘ndrangheta reggina già emerse in altre inchieste in corso e rappresenta un importante risultato nell’opera di disvelamento dei rapporti tra la ‘ndrangheta, la politica e le istituzioni.
Quello che emerge dalla lettura dell’Ordinanza è uno spaccato particolarmente grave ed inquietante.
L’inchiesta mette a nudo minacce ed intimidazioni nei confronti di operatori economici cittadini, taglieggiamenti, usura e acquisizioni forzose di attività economiche e commerciali, controllo capillare del territorio attraverso, finanche, la pretesa di assoggettare la costituzione di un’associazione culturale ad una loro preventiva autorizzazione.
Ed ancora, oltre a fare registrare “la convergenza di interessi da parte di diverse cosche” per l’appuntamento elettorale comunale, fa emergere la loro capacità di infiltrazione ed il peso esercitato sulle suddette competizioni, attraverso rapporti ben coltivati con esponenti della politica locale. Particolarmente allarmante è la circostanza venuta a galla del consigliere comunale Domenique Suraci eletto con la lista “Per Scopelliti Sindaco” che si adopera per far stipulare una convenzione tra la società gestita di fatto dai soggetti finiti agli arresti e i dipendenti di una delle società miste del comune di Reggio Calabria; mentre ancora più grave ed inquietante è quanto emerso circa i tentativi di infiltrazione nell’attività politico-amministrativa cittadina, mediante l’individuazione di candidati di riferimento cui garantire il proprio sostegno elettorale, nell’ottica di poter ottenere in cambio agevolazioni, concretizzatisi nel supporto garantito a beneficio di Pasquale Morisani, candidato nelle elezioni comunali del 2007 nella lista di centro destra “Per Scopelliti Sindaco” ed attuale Assessore comunale ai Lavori Pubblici nella Giunta guidata dal Sindaco Arena.
A tal riguardo, il Dr. Arena assuma un’immediata e conseguente iniziativa nei confronti del suo assessore, pesantemente tirato in ballo dall’odierna inchiesta, per farlo dimettere affinché, al di là delle mancate responsabilità di natura penale, si impedisca che sulla gestione di un assessorato così delicato, qual è quello dei Lavori Pubblici, possano gravare ombre di qualsiasi natura.
Quanto fatto emergere da questa nuova indagine pone più complessivamente l’inderogabile necessità di mettere fine ad ogni collusione tra la criminalità e la politica e le istituzioni al fine di liberare la città e la provincia reggina dalla cappa soffocante delle organizzazioni della ‘ndrangheta.
Ringraziamo i magistrati della Direzione distrettuale antimafia di Reggio Calabria e le forze dell’ordine ed esprimiamo loro l’apprezzamento per quello che stanno facendo nell’azione di contrasto alle organizzazioni della ‘ndrangheta per riportare la legalità in questo territorio e renderlo più libero.
E’, però, fondamentale che ogni forza politica con i propri comportamenti e le proprie scelte, a partire dalle persone indicate a gestire la cosa pubblica e dalle candidature elettive ad ogni livello, si renda immune da condizionamenti mafiosi, operi per recidere ogni legame con la ‘ndrangheta ed i mondi gravitanti attorno ad essa e rappresenti un argine nella società alla loro presenza pervasiva, arrogante e violenta, che pregiudica il presente ed il futuro di Reggio.
:read:
L'ignoranza è meno dannosa del confuso sapere.
Cesare Beccaria
un giorno senza un sorriso è un giorno perso(C.Chaplin)
Avatar utente
goldenboy
Forumino Malatissimo
Forumino Malatissimo
Messaggi: 2789
Iscritto il: 11/05/2011, 12:43
Località: na vota 'nto bizzolu

cozzina1 ha scritto:Reggio, PD: "Arena faccia dimettere subito Morisani"
Mercoledì 09 Novembre 2011 14:17



Di seguito nota Girolamo Demaria, Coordinatore Provinciale PD: L’operazione “Sistema” portata a termine dalla DDA di Reggio Calabria e dal Comando Provinciale dei Carabinieri conferma la pervasività e la capacità di infiltrazione delle organizzazioni della ‘ndrangheta reggina già emerse in altre inchieste in corso e rappresenta un importante risultato nell’opera di disvelamento dei rapporti tra la ‘ndrangheta, la politica e le istituzioni.
Quello che emerge dalla lettura dell’Ordinanza è uno spaccato particolarmente grave ed inquietante.
L’inchiesta mette a nudo minacce ed intimidazioni nei confronti di operatori economici cittadini, taglieggiamenti, usura e acquisizioni forzose di attività economiche e commerciali, controllo capillare del territorio attraverso, finanche, la pretesa di assoggettare la costituzione di un’associazione culturale ad una loro preventiva autorizzazione.
Ed ancora, oltre a fare registrare “la convergenza di interessi da parte di diverse cosche” per l’appuntamento elettorale comunale, fa emergere la loro capacità di infiltrazione ed il peso esercitato sulle suddette competizioni, attraverso rapporti ben coltivati con esponenti della politica locale. Particolarmente allarmante è la circostanza venuta a galla del consigliere comunale Domenique Suraci eletto con la lista “Per Scopelliti Sindaco” che si adopera per far stipulare una convenzione tra la società gestita di fatto dai soggetti finiti agli arresti e i dipendenti di una delle società miste del comune di Reggio Calabria; mentre ancora più grave ed inquietante è quanto emerso circa i tentativi di infiltrazione nell’attività politico-amministrativa cittadina, mediante l’individuazione di candidati di riferimento cui garantire il proprio sostegno elettorale, nell’ottica di poter ottenere in cambio agevolazioni, concretizzatisi nel supporto garantito a beneficio di Pasquale Morisani, candidato nelle elezioni comunali del 2007 nella lista di centro destra “Per Scopelliti Sindaco” ed attuale Assessore comunale ai Lavori Pubblici nella Giunta guidata dal Sindaco Arena.
A tal riguardo, il Dr. Arena assuma un’immediata e conseguente iniziativa nei confronti del suo assessore, pesantemente tirato in ballo dall’odierna inchiesta, per farlo dimettere affinché, al di là delle mancate responsabilità di natura penale, si impedisca che sulla gestione di un assessorato così delicato, qual è quello dei Lavori Pubblici, possano gravare ombre di qualsiasi natura.
Quanto fatto emergere da questa nuova indagine pone più complessivamente l’inderogabile necessità di mettere fine ad ogni collusione tra la criminalità e la politica e le istituzioni al fine di liberare la città e la provincia reggina dalla cappa soffocante delle organizzazioni della ‘ndrangheta.
Ringraziamo i magistrati della Direzione distrettuale antimafia di Reggio Calabria e le forze dell’ordine ed esprimiamo loro l’apprezzamento per quello che stanno facendo nell’azione di contrasto alle organizzazioni della ‘ndrangheta per riportare la legalità in questo territorio e renderlo più libero.
E’, però, fondamentale che ogni forza politica con i propri comportamenti e le proprie scelte, a partire dalle persone indicate a gestire la cosa pubblica e dalle candidature elettive ad ogni livello, si renda immune da condizionamenti mafiosi, operi per recidere ogni legame con la ‘ndrangheta ed i mondi gravitanti attorno ad essa e rappresenti un argine nella società alla loro presenza pervasiva, arrogante e violenta, che pregiudica il presente ed il futuro di Reggio.
:read:

Fammi capire..è tutto normale per te???
Avatar utente
cozzina1
Non c'è nenti!
Non c'è nenti!
Messaggi: 4430
Iscritto il: 11/05/2011, 14:08
Località: santropè

goldenboy ha scritto:
cozzina1 ha scritto:Reggio, PD: "Arena faccia dimettere subito Morisani"
Mercoledì 09 Novembre 2011 14:17



Di seguito nota Girolamo Demaria, Coordinatore Provinciale PD: L’operazione “Sistema” portata a termine dalla DDA di Reggio Calabria e dal Comando Provinciale dei Carabinieri conferma la pervasività e la capacità di infiltrazione delle organizzazioni della ‘ndrangheta reggina già emerse in altre inchieste in corso e rappresenta un importante risultato nell’opera di disvelamento dei rapporti tra la ‘ndrangheta, la politica e le istituzioni.
Quello che emerge dalla lettura dell’Ordinanza è uno spaccato particolarmente grave ed inquietante.
L’inchiesta mette a nudo minacce ed intimidazioni nei confronti di operatori economici cittadini, taglieggiamenti, usura e acquisizioni forzose di attività economiche e commerciali, controllo capillare del territorio attraverso, finanche, la pretesa di assoggettare la costituzione di un’associazione culturale ad una loro preventiva autorizzazione.
Ed ancora, oltre a fare registrare “la convergenza di interessi da parte di diverse cosche” per l’appuntamento elettorale comunale, fa emergere la loro capacità di infiltrazione ed il peso esercitato sulle suddette competizioni, attraverso rapporti ben coltivati con esponenti della politica locale. Particolarmente allarmante è la circostanza venuta a galla del consigliere comunale Domenique Suraci eletto con la lista “Per Scopelliti Sindaco” che si adopera per far stipulare una convenzione tra la società gestita di fatto dai soggetti finiti agli arresti e i dipendenti di una delle società miste del comune di Reggio Calabria; mentre ancora più grave ed inquietante è quanto emerso circa i tentativi di infiltrazione nell’attività politico-amministrativa cittadina, mediante l’individuazione di candidati di riferimento cui garantire il proprio sostegno elettorale, nell’ottica di poter ottenere in cambio agevolazioni, concretizzatisi nel supporto garantito a beneficio di Pasquale Morisani, candidato nelle elezioni comunali del 2007 nella lista di centro destra “Per Scopelliti Sindaco” ed attuale Assessore comunale ai Lavori Pubblici nella Giunta guidata dal Sindaco Arena.
A tal riguardo, il Dr. Arena assuma un’immediata e conseguente iniziativa nei confronti del suo assessore, pesantemente tirato in ballo dall’odierna inchiesta, per farlo dimettere affinché, al di là delle mancate responsabilità di natura penale, si impedisca che sulla gestione di un assessorato così delicato, qual è quello dei Lavori Pubblici, possano gravare ombre di qualsiasi natura.
Quanto fatto emergere da questa nuova indagine pone più complessivamente l’inderogabile necessità di mettere fine ad ogni collusione tra la criminalità e la politica e le istituzioni al fine di liberare la città e la provincia reggina dalla cappa soffocante delle organizzazioni della ‘ndrangheta.
Ringraziamo i magistrati della Direzione distrettuale antimafia di Reggio Calabria e le forze dell’ordine ed esprimiamo loro l’apprezzamento per quello che stanno facendo nell’azione di contrasto alle organizzazioni della ‘ndrangheta per riportare la legalità in questo territorio e renderlo più libero.
E’, però, fondamentale che ogni forza politica con i propri comportamenti e le proprie scelte, a partire dalle persone indicate a gestire la cosa pubblica e dalle candidature elettive ad ogni livello, si renda immune da condizionamenti mafiosi, operi per recidere ogni legame con la ‘ndrangheta ed i mondi gravitanti attorno ad essa e rappresenti un argine nella società alla loro presenza pervasiva, arrogante e violenta, che pregiudica il presente ed il futuro di Reggio.
:read:

Fammi capire..è tutto normale per te???

cosa sarebbe normale il titolo del topic su cui state discutendo se cambiarlo o meno ..o sul merito?
L'ignoranza è meno dannosa del confuso sapere.
Cesare Beccaria
un giorno senza un sorriso è un giorno perso(C.Chaplin)
Avatar utente
goldenboy
Forumino Malatissimo
Forumino Malatissimo
Messaggi: 2789
Iscritto il: 11/05/2011, 12:43
Località: na vota 'nto bizzolu

cozzina1 ha scritto:
goldenboy ha scritto:
cozzina1 ha scritto:Reggio, PD: "Arena faccia dimettere subito Morisani"
Mercoledì 09 Novembre 2011 14:17



Di seguito nota Girolamo Demaria, Coordinatore Provinciale PD: L’operazione “Sistema” portata a termine dalla DDA di Reggio Calabria e dal Comando Provinciale dei Carabinieri conferma la pervasività e la capacità di infiltrazione delle organizzazioni della ‘ndrangheta reggina già emerse in altre inchieste in corso e rappresenta un importante risultato nell’opera di disvelamento dei rapporti tra la ‘ndrangheta, la politica e le istituzioni.
Quello che emerge dalla lettura dell’Ordinanza è uno spaccato particolarmente grave ed inquietante.
L’inchiesta mette a nudo minacce ed intimidazioni nei confronti di operatori economici cittadini, taglieggiamenti, usura e acquisizioni forzose di attività economiche e commerciali, controllo capillare del territorio attraverso, finanche, la pretesa di assoggettare la costituzione di un’associazione culturale ad una loro preventiva autorizzazione.
Ed ancora, oltre a fare registrare “la convergenza di interessi da parte di diverse cosche” per l’appuntamento elettorale comunale, fa emergere la loro capacità di infiltrazione ed il peso esercitato sulle suddette competizioni, attraverso rapporti ben coltivati con esponenti della politica locale. Particolarmente allarmante è la circostanza venuta a galla del consigliere comunale Domenique Suraci eletto con la lista “Per Scopelliti Sindaco” che si adopera per far stipulare una convenzione tra la società gestita di fatto dai soggetti finiti agli arresti e i dipendenti di una delle società miste del comune di Reggio Calabria; mentre ancora più grave ed inquietante è quanto emerso circa i tentativi di infiltrazione nell’attività politico-amministrativa cittadina, mediante l’individuazione di candidati di riferimento cui garantire il proprio sostegno elettorale, nell’ottica di poter ottenere in cambio agevolazioni, concretizzatisi nel supporto garantito a beneficio di Pasquale Morisani, candidato nelle elezioni comunali del 2007 nella lista di centro destra “Per Scopelliti Sindaco” ed attuale Assessore comunale ai Lavori Pubblici nella Giunta guidata dal Sindaco Arena.
A tal riguardo, il Dr. Arena assuma un’immediata e conseguente iniziativa nei confronti del suo assessore, pesantemente tirato in ballo dall’odierna inchiesta, per farlo dimettere affinché, al di là delle mancate responsabilità di natura penale, si impedisca che sulla gestione di un assessorato così delicato, qual è quello dei Lavori Pubblici, possano gravare ombre di qualsiasi natura.
Quanto fatto emergere da questa nuova indagine pone più complessivamente l’inderogabile necessità di mettere fine ad ogni collusione tra la criminalità e la politica e le istituzioni al fine di liberare la città e la provincia reggina dalla cappa soffocante delle organizzazioni della ‘ndrangheta.
Ringraziamo i magistrati della Direzione distrettuale antimafia di Reggio Calabria e le forze dell’ordine ed esprimiamo loro l’apprezzamento per quello che stanno facendo nell’azione di contrasto alle organizzazioni della ‘ndrangheta per riportare la legalità in questo territorio e renderlo più libero.
E’, però, fondamentale che ogni forza politica con i propri comportamenti e le proprie scelte, a partire dalle persone indicate a gestire la cosa pubblica e dalle candidature elettive ad ogni livello, si renda immune da condizionamenti mafiosi, operi per recidere ogni legame con la ‘ndrangheta ed i mondi gravitanti attorno ad essa e rappresenti un argine nella società alla loro presenza pervasiva, arrogante e violenta, che pregiudica il presente ed il futuro di Reggio.
:read:

Fammi capire..è tutto normale per te???

cosa sarebbe normale il titolo del topic su cui state discutendo se cambiarlo o meno ..o sul merito?
mi riferivo al tuo intervento....trovi qualcosa di strano nella richiesta di dimissioni o le reputi eccessive???
Avatar utente
cozzina1
Non c'è nenti!
Non c'è nenti!
Messaggi: 4430
Iscritto il: 11/05/2011, 14:08
Località: santropè

cosa sarebbe normale il titolo del topic su cui state discutendo se cambiarlo o meno ..o sul merito?[/quote]

mi riferivo al tuo intervento....trovi qualcosa di strano nella richiesta di dimissioni o le reputi eccessive???[/quote][/quote]


il problema è...è indagato?di cosa parliamo? :scratch
L'ignoranza è meno dannosa del confuso sapere.
Cesare Beccaria
un giorno senza un sorriso è un giorno perso(C.Chaplin)
doddi
Non c'è nenti!
Non c'è nenti!
Messaggi: 4823
Iscritto il: 11/05/2011, 12:55
Località: 38°6′41″N 15°39′43″E

goldenboy ha scritto:
cozzina1 ha scritto:
goldenboy ha scritto: Fammi capire..è tutto normale per te???

cosa sarebbe normale il titolo del topic su cui state discutendo se cambiarlo o meno ..o sul merito?
mi riferivo al tuo intervento....trovi qualcosa di strano nella richiesta di dimissioni o le reputi eccessive???
Scusa ma non conoscendo l'assessore, nè i soggetti coinvolti nella vicenda, nè la zona o le attività menzionate oggetto di sequestro, ti pongo una domanda: considerando che questo è già il secondo giro di arresti per la medesima consorteria perchè non sarebbe stato, ancora una volta, neppure indagato a tuo avviso?
Se coloro che vincono le gare hanno certificati antimafia ma sono in strette relazioni con altre imprese sottoposte all'attenzione della mafia,tutte munite di certificazioni delle prefetture,allora è un problema diverso che non compete a me valutare. I.F.
Rispondi