Giallo sul commissariamento dell'Italia

Notizie dal mondo e dalla città: curiosità, fatti, cronaca...

Moderatori: NinoMed, Bud, Lilleuro

Rispondi
Avatar utente
pellarorc
Forumino Malatissimo
Forumino Malatissimo
Messaggi: 2223
Iscritto il: 11/05/2011, 14:22

Ue: "Sarà monitorata". Roma: "Solo pareri"

l pressing sul governo perché accetti la sorveglianza dell'Fmi sembra aver avuto successo. Ma arriva una mezza smentita: "Solo pareri sulle conclusioni dell'Eurogruppo". Sarkozy: "Il Cavaliere sa che il problema non sono le misure del pacchetto ma se saranno applicate"


CANNES - Secondo fonti di alto livello dell'Unione europea citate dall'agenzia di stampa britannica Reuters il governo italiano avrebbe accettato che il Fmi monitori l'andamento del programma di riforme economiche. In base a quanto trapela sull'accordo sia il Fondo che le autorità dell'Ue avranno il compito di verificare i progressi italiani verso il raggiungimento dei target di risanamento e crescita stabiliti dagli organismi internazionali. Il "commissariamento" riguarderebbe le riforme su pensioni, lavoro e competitività che erano state promesse ai leader europei la scorsa settimana. "Dato il clima generale e la mancanza di credibilità dell'Italia, ogni piccolo passo falso o problema si somma ai precedenti, peggiorando le cose, con il risultato che i mercati non hanno fiducia. Dobbiamo fare in modo che ci sia credibilità riguardo gli obiettivi italiani", ha dichiarato il funzionario Ue citato da Reuters.

Fonti ufficiali italiane smentiscono che ci sia un accordo sul monitoraggio dell'Italia da parte del Fondo monetario internazionale. Le stesse fonti, a margine del G20, precisano che è l'intera area euro ad essere sotto stress, incluse Spagna e Italia. Roma - aggiungono le stesse fonti ufficiali italiane - è disponibile a chiedere 'advice' (consigli, pareri) al Fondo solo sull'applicazione delle conclusioni dell'Eurogruppo del 27. Gli 'advice' del fondo si affiancheranno al ruolo della Commissione Ue.

La notizia è filtrata questa mattina dopo una giornata e una nottata tutte in salita per Silvio Berlusconi. Il pressing dei partner europei, ed in particolare della presidenza francese del G20, torna a farsi sentire. E il capo del governo è nuovamente sulla difensiva, consapevole della debolezza di un governo che poggia su una maggioranza sempre più sottile 1. E il presidente del Consiglio è costretto a rassicurare che tutti gli impegni saranno mantenuti a costo di sfidare l'Aula con un pericoloso voto di fiducia. Una sfiducia latente dei Grandi che si rintraccia anche nella notizia fatta trapelare secondo cui i grandi vorrebbero che gli ispettori dell'Fmi sorveglino le azioni del governo italiano. Ma Roma non vuole gli ispettori di Washington. E tuttavia Parigi e Berlino non cedono: "'Siamo impegnati attivamente a trovare il modo di combattere la speculazione, specialmente contro l'Italia", ha detto non a caso il ministro delle Finanze tedesco, Wolfang Schaeuble.

Come detto all'alba, l'agenzia di stampa Reuters ha battuto la notizia che l'Italia avrebbe accettato il monitoraggio del Fondo Monetario e della Ue sulla realizzazione delle riforme. Da Palazzo Chigi e dal ministero dell'Economia, però, nessuna conferma. La conferma viene invece, secondo la Reuters, da fonti Ue, secondo le quali le linee di credito precauzionali non sarebbero una opzione credibile per il Paese. Le stesse fonti ribadiscono che La Commissione europea e il Fondo monetario internazionale (Fmi) faranno entrambi un rapporto su come l'Italia sta raggiungendo i suoi obiettivi.

Il Cavaliere fa di tutto per tranquillizzare sulla compattezza del governo. Scende appositamente dalla scaletta del volo di Stato che lo porta in Francia insieme a Giulio Tremonti. Il tutto a favore di telecamere. Anche palazzo Chigi sottolinea che sull'aereo il clima è cordiale e proficuo. Il Cavaliere e il Professore avrebbero perfino scherzato prima del decollo mimando due pugili pronti ad affrontarsi per poi salutarsi calorosamente. Ma è difficile che un'ora scarsa in aereo abbia appianato distanze e contrasti che ormai nessun ministro nasconde più. Inoltre non è un mistero che Tremonti si sia opposto ad un decreto legge che al premier avrebbe fatto particolarmente comodo. Perchè, come dice senza tanti giri di parole Nicolas Sarkozy, è tempo di passare dalle parole ai fatti. "Abbiamo preso atto con interesse" delle misure varate dal governo italiano, spiega il presidente francese stando bene attendo a evitare ironie, "ma anche lui sa che la questione non è il contenuto del pacchetto, ma se sarà applicato". Poi, forse memore delle critiche scatenate in Italia per il suo sarcasmo, aggiunge: "Ribadisco la mia fiducia nell'economia italiana, che è una delle più forti del mondo". Su Berlusconi, invece, nemmeno una parola.

Del resto, lontano dalle telecamere, l'inquilino dell'Eliseo e il presidente della Commissione Ue, spalleggiati da Angela Merkel, sono ancora più netti: le misure sono state concordate e vanno bene, ma il problema è la vostra credibilità, ammoniscono Sarkozy e Barroso, secondo quanto riferito da fonti europee. Anche plasticamente, l'Italia è sul banco degli imputati: Sarkozy e Merkel da un lato del tavolo, Berlusconi e Tremonti dall'altro.

Il presidente del Consiglio prova a rassicurarli: "l'Italia ha sempre onorato il proprio debito e ha sempre rispettato gli impegni europei e internazionali", ripete il Cavaliere, cercando di rassicurare i Grandi sulla solidità dei "fondamentali" dell'Italia. Ma sono argomenti che non convincono più di tanto, visto che Berlusconi è costretto a calare l'asso della fiducia sul dl stabilità e sul maxi-emendamento per rassicurare tutti sul fatto che gli impegni annunciati all'Ue saranno rispettati. Il capo del governo delinea anche l'agenda dei lavori parlamentari: entro martedì o mercoledì l'emendamento sarà in Senato, per essere licenziato al massimo in 15 giorni. Un inedito, in un consesso internazionale. Berlusconi elenca anche gli interventi previsti: dismissioni, liberalizzazioni, pensioni, abolizione delle tariffe fisse, deregulation per le imprese. Annuncia infine di voler aprire una "trattativa" con i sindacati sulla riforma del mercato del lavoro.

Le parole di Sarkozy in conferenza stampa dimostrano che il tentativo riesce solo in parte: contano i fatti, ripete infatti il presidente del G20. Tutti sanno che c'è il serio rischio che Berlusconi non abbia più i numeri parlamentari per trasformare le promesse in realtà. Le notizie che arrivano dall'Italia sono allarmanti: deputati che lasciano il Pdl, lettere di malpancisti, minacce. La maggioranza si assottiglia sempre più fino a scendere pericolosamente sotto quota 315. Il Cavaliere si informa e tiene la linea: in caso di crisi si va dritti al voto, anche a gennaio. Tanto che a via dell'Umiltà avrebbero già iniziato ad acquistare spazi per i poster elettorali. Ma molti, nel Pdl così come nel governo, iniziano a dubitare e temono di 'affondare' con il premier e con Bossi, anche lui determinato ad andare al voto in caso di crisi. L'umore del Cavaliere, insomma, è plumbeo come il cielo che domina Cannes. Non a caso tiene un profilo bassissimo, scherza poco e resta piuttosto in disparte. L'unico sorriso glielo strappa Barack Obama che incontra nei corridoi dell'albergo: parlano di forma fisica e scherzano. Forse sarà l'unico bel ricordo di quello che - confida lui stesso - potrebbe essere il suo ultimo G20.

(04 novembre 2011)
Avatar utente
goldenboy
Forumino Malatissimo
Forumino Malatissimo
Messaggi: 2789
Iscritto il: 11/05/2011, 12:43
Località: na vota 'nto bizzolu

Nessun giallo...siamo commissariati da tempo ormai,da ieri in maniera chiara

http://www.repubblica.it/economia/2011/ ... -24390352/" onclick="window.open(this.href);return false;


http://www.corriere.it/economia/11_nove ... e1f2.shtml" onclick="window.open(this.href);return false;

"sorveglianza raffarzata" ... :salut :salut
doddi
Non c'è nenti!
Non c'è nenti!
Messaggi: 4823
Iscritto il: 11/05/2011, 12:55
Località: 38°6′41″N 15°39′43″E

Si preannuncia l'ennesimo (comunque vada la soluzione prescelta) Government Sachs alla guida del governo: Gianni Letta o Mario Monti.
Se coloro che vincono le gare hanno certificati antimafia ma sono in strette relazioni con altre imprese sottoposte all'attenzione della mafia,tutte munite di certificazioni delle prefetture,allora è un problema diverso che non compete a me valutare. I.F.
Avatar utente
goldenboy
Forumino Malatissimo
Forumino Malatissimo
Messaggi: 2789
Iscritto il: 11/05/2011, 12:43
Località: na vota 'nto bizzolu

doddi ha scritto:Si preannuncia l'ennesimo (comunque vada la soluzione prescelta) Government Sachs alla guida del governo: Gianni Letta o Mario Monti.

quello attuale come lo definisci invece??
doddi
Non c'è nenti!
Non c'è nenti!
Messaggi: 4823
Iscritto il: 11/05/2011, 12:55
Località: 38°6′41″N 15°39′43″E

goldenboy ha scritto:
doddi ha scritto:Si preannuncia l'ennesimo (comunque vada la soluzione prescelta) Government Sachs alla guida del governo: Gianni Letta o Mario Monti.

quello attuale come lo definisci invece??
Governo Berlusconi.
Se coloro che vincono le gare hanno certificati antimafia ma sono in strette relazioni con altre imprese sottoposte all'attenzione della mafia,tutte munite di certificazioni delle prefetture,allora è un problema diverso che non compete a me valutare. I.F.
Avatar utente
goldenboy
Forumino Malatissimo
Forumino Malatissimo
Messaggi: 2789
Iscritto il: 11/05/2011, 12:43
Località: na vota 'nto bizzolu

doddi ha scritto:
goldenboy ha scritto:
doddi ha scritto:Si preannuncia l'ennesimo (comunque vada la soluzione prescelta) Government Sachs alla guida del governo: Gianni Letta o Mario Monti.

quello attuale come lo definisci invece??
Governo Berlusconi.

:muro: :muro: :muro:
Avatar utente
citrosodina
Forumino Malato
Forumino Malato
Messaggi: 828
Iscritto il: 11/05/2011, 14:38

ehehe.. adesso la colpa è di Goldman Sachs..
dai.. non facciamo ridere..
Avatar utente
pellarorc
Forumino Malatissimo
Forumino Malatissimo
Messaggi: 2223
Iscritto il: 11/05/2011, 14:22

l'FMI ha oferto all'italia una linea di credito da 44 miliardi.
Ma ci rendiamo conto che stiamo prendendo il picco??
In pratica anche noi abbiamo bisogno degli aiuti!
Berlusconi avrà anche il coraggio di dire che debito pubblico è pure un eredità del passato nelle prossime conferenze! ne sono sicuro.
Lui lo ha uamentato ulteriormente e sta qua a raccontarci balle!
Via dalle scatole, basta basta basta
Avatar utente
io2
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 2898
Iscritto il: 30/04/2011, 12:08
Località: Catona (RC)
Contatta:

pellarorc ha scritto:l'FMI ha oferto all'italia una linea di credito da 44 miliardi.
Ma ci rendiamo conto che stiamo prendendo il picco??
In pratica anche noi abbiamo bisogno degli aiuti!
Berlusconi avrà anche il coraggio di dire che debito pubblico è pure un eredità del passato nelle prossime conferenze! ne sono sicuro.
Lui lo ha uamentato ulteriormente e sta qua a raccontarci balle!
Via dalle scatole, basta basta basta
oggi il presidente del fondo monetario internazionale e della commissione europea hanno detto che è stata l'Italia a chiedere il monitoraggio in modo tale da certificare le cose fatte.
Dopo il presidente francese ha detto che l'Italia non ha niente a che vedere con la situazione della Grecia e non è a rischio anzi ha apprezzato le cose fatte quest'estate dal governo italiano e delle cose promesse nella lettera.
Basta guardarsi un po' di conferenze stampa su sky.
L'importante non è vincere ma partecipare, con onore, alla sconfitta dell'avversario.
doddi
Non c'è nenti!
Non c'è nenti!
Messaggi: 4823
Iscritto il: 11/05/2011, 12:55
Località: 38°6′41″N 15°39′43″E

Strategia della tensione opinionistica a gò-gò... e c'è chi conta i soldi :bash: :bash: :bash:
Se coloro che vincono le gare hanno certificati antimafia ma sono in strette relazioni con altre imprese sottoposte all'attenzione della mafia,tutte munite di certificazioni delle prefetture,allora è un problema diverso che non compete a me valutare. I.F.
Paolo_Padano
Forumino Malatissimo
Forumino Malatissimo
Messaggi: 1986
Iscritto il: 11/05/2011, 13:02

la visione economica del nostro presidente del consiglio si concentra su quanto ha dichiarato: "in italia i ristoranti sono pieni". Il condannato a morte la sera precedente all'esecuzione di norma chiede una lauta cena. fora gabbu
Lillu Fotti: "aundi ioca Spread cu cattu si mu rununu a paremetru zeru"
Lillu Foti: "non bogghiu 'nchinari poi mi rinnu chi vonnnu a squatra mi 'ndi sarbamu"
Rispondi