guerriglia urbana a roma...

Notizie dal mondo e dalla città: curiosità, fatti, cronaca...

Moderatori: Bud, NinoMed, Lilleuro

doddi
Non c'è nenti!
Non c'è nenti!
Messaggi: 4823
Iscritto il: 11/05/2011, 12:55
Località: 38°6′41″N 15°39′43″E

suonatore Jones ha scritto:
doddi ha scritto:
Ostentano :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol:
si, ostentano.

visto che ti trovo in difficoltà:

ostentare[o-sten-tà-re] v.tr. (ostènto ecc.) [sogg-v-arg]
• Esporre qlco. con insistenza e vanto; esibire sentimenti e stati d'animo SIN sfoggiare; affettare, simulare: o. indifferenza

non espongono con insistenza le bandiere? non le sfoggiano?
Attendo i comunicati stampa dalle questure poi, quelli sì, li ostentiamo vicinivicini :see:
Se coloro che vincono le gare hanno certificati antimafia ma sono in strette relazioni con altre imprese sottoposte all'attenzione della mafia,tutte munite di certificazioni delle prefetture,allora è un problema diverso che non compete a me valutare. I.F.
suonatore Jones

Reggiotricolore ha scritto:hahahahhah Suonatore va incanta serpenti che qua ci stai facendo ridere. Dentro al mio baule ti dovresti nascondere dalla vergogna. Ma si sa della vostra ignoranza non avete vergogna. Dovreste esserne consci.
Cmq un ultim'ora riferisce che sotto quei cappucci e le bandiere ci stessero grande puffo, i sette nani e gli gnomi

mi permetto di presumere che la tua ultim'ora sia sbagliata. ti consiglio di riportare e usare fonti più attendibili.

sul resto, sorvolo.
Avatar utente
aquamoon
Forumino Malatissimo
Forumino Malatissimo
Messaggi: 2322
Iscritto il: 11/05/2011, 13:59

Reggiotricolore ha scritto:
aquamoon ha scritto:
doddi ha scritto:

Chista na capiscia, come se io dicessi ad uno di reggio "buddace" tanto per insultarlo :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol:
Il fascismo e il comunismo non sono un'azienda con sede, personale, uffici, ecc.
quelli sono i partiti.
L'essere fascista o comunista è un modo di vedere e di agire.
Essere l'uno o l'altro non è riconducibile a ciò che si sostiene di essere,
lo si è in base a ciò che si fa.
Posso avere 10 tessere, dal PCI a Servire il Popolo... al Pd se poi, nella pratica quotidiana, per esempio, impedisco il dissenso buttando fuori i dissidenti, non tengo conto della base e gestisco il partito come fosse cosa mia...
sono un fascista.
Con la maglietta rossa e la tessera del... ma, comunque
un fascista.

L'eversione, per fare un altro esempio, non è contemplata... a sinistra.
Basterebbe rileggere qualche pagina di un qualsiasi libro di Storia per scoprire, sempre per esempio, che il terrorismo è stato il veicolo principale di cui si sono serviti il nazismo in Germania e il fascismo in Italia.
Nella vicina e coeva Russia c'era una rivoluzione.
Altra cosa è come si sono poi sviluppate le cose... la filosofia però...
:salut
Guarda fascista non lo so...... spero il tuo messaggio sia dettato dalla tua solita propaganda e malafede perchè se davvero questo è un ragionamento uscito dalla tua testa in modo sincero mi dispiace ma hai bisogno di cure urgenti.
Una simile idiozia non l'avevo mai sentita in vita mia!!
Davvero hai problemi gravi. Mi dispiace che oggi parto la prossima volta che torno a Reggio ti invito in sede cosi ti presento i fascisti e ti spiego come viene gestito il partito perchè proprio non hai idea di chi e cosa stai parlando.
Mai dire mai.
:salut
Sventurata la terra che ha bisogno di eroi
suonatore Jones

doddi ha scritto:
Attendo i comunicati stampa dalle questure poi, quelli sì, li ostentiamo vicinivicini :see:

certamente. peccato non c'entri una mazza nell'argomento, ma va bene. ti salvi così. bona.
Reggiotricolore
Apprendista Forumino
Apprendista Forumino
Messaggi: 100
Iscritto il: 15/05/2011, 15:30


Mai dire mai.
:salut
Minchia piddaveru. Vi saluto
stefano
Forumino Malato
Forumino Malato
Messaggi: 815
Iscritto il: 11/05/2011, 19:25

E' stato ampiamente detto, ASKATASUNA e' un centro sociale di Torino, che nel nome riecheggia l'ETA.
E' un posto che ho frequentato come tanti altri in gioventu' (ormai decenni fa, ahime'), li preferivo quando si dedicavano ad organizzare concerti jazz, sono schierati contro la TAV, ma fondamentalmente credo che non siano rappresentativi di nulla se non di se stessi.
La violenza e' violenza, non credo che abbia colore o ideologia.
doddi
Non c'è nenti!
Non c'è nenti!
Messaggi: 4823
Iscritto il: 11/05/2011, 12:55
Località: 38°6′41″N 15°39′43″E

suonatore Jones ha scritto:
doddi ha scritto:
Attendo i comunicati stampa dalle questure poi, quelli sì, li ostentiamo vicinivicini :see:

certamente. peccato non c'entri una mazza nell'argomento, ma va bene. ti salvi così. bona.
E torna a coppi... quando e se vorrai esprimere qualcosa di inerente al topic sarò lieto di leggerti, se c'è uno in cerca di acqua fresca quello di certo non sono io.

Si parla degli "amichetti" tuoi non di persone con cui io ho mai avuto a che fare.
Quel blocco di ragazzi vestiti di nero aveva come simboli (tre non uno) degli stendardi dei no tav. Non della crocerossa.

I Signori che sputacchiavano in faccia ed insultavano Pannella, signore di ottant'anni, (a proposito dei fascisti cui fà riferimento aquamoon) avevano come stendardi quelli di rifondazione e comunisti italiani.

Ma di che vogliamo parlare?

Fate la cortesia ritiratevi dal topic che fate più figura.
Se ancora si pensa di poter difendere/giustificare l'indifendibile siamo oltre la tragedia sfiorata.
Se coloro che vincono le gare hanno certificati antimafia ma sono in strette relazioni con altre imprese sottoposte all'attenzione della mafia,tutte munite di certificazioni delle prefetture,allora è un problema diverso che non compete a me valutare. I.F.
suonatore Jones

doddi ha scritto:
Si parla degli "amichetti" tuoi non di persone con cui io ho mai avuto a che fare.

bravo. oltre ogni decenza intellettuale: se qualcuno non la vede come te, è un soggetto pericoloso o un amichetto loro.

bai bai.
doddi
Non c'è nenti!
Non c'è nenti!
Messaggi: 4823
Iscritto il: 11/05/2011, 12:55
Località: 38°6′41″N 15°39′43″E

suonatore Jones ha scritto:
doddi ha scritto:
Si parla degli "amichetti" tuoi non di persone con cui io ho mai avuto a che fare.

bravo. oltre ogni decenza intellettuale: se qualcuno non la vede come te, è un soggetto pericoloso o un amichetto loro.

bai bai.
Rileggiti nel topic sui no tav altro che bai bai ... galantuomini a tutto tondo, in montagna, in Val di Susa, come per le via di Roma.
Il virgolettato intende questo.
Cos'è la decenza? ...Poi addirittura intellettuale ... mahhhhhhhhh :scrolleye:


La violenza và condannata senza se e senza ma.
Punto.
Altre vie non devono e non possono esistere.
Su questo non vedo altre vie di interpretazione e spero non ne esistano per nessuno.
Se coloro che vincono le gare hanno certificati antimafia ma sono in strette relazioni con altre imprese sottoposte all'attenzione della mafia,tutte munite di certificazioni delle prefetture,allora è un problema diverso che non compete a me valutare. I.F.
suonatore Jones

doddi ha scritto:
suonatore Jones ha scritto:
doddi ha scritto:
Si parla degli "amichetti" tuoi non di persone con cui io ho mai avuto a che fare.

bravo. oltre ogni decenza intellettuale: se qualcuno non la vede come te, è un soggetto pericoloso o un amichetto loro.

bai bai.
Rileggiti nel topic sui no tav altro che bai bai ... galantuomini a tutto tondo, in montagna, in Val di Susa, come per le via di Roma.
Il virgolettato intende questo.
Cos'è la decenza? ...Poi addirittura intellettuale ... mahhhhhhhhh :scrolleye:


La violenza và condannata senza se e senza ma.
Punto.
Altre vie non devono e non possono esistere.
Su questo non vedo altre vie di interpretazione e spero non ne esistano per nessuno.

io condanno la violenza. è il connotarla tutta da una parte che non tollero (perchè non voglio essere preso per il naso).

era una puntualizzazione doverosa.
doddi
Non c'è nenti!
Non c'è nenti!
Messaggi: 4823
Iscritto il: 11/05/2011, 12:55
Località: 38°6′41″N 15°39′43″E

suonatore Jones ha scritto:
doddi ha scritto:
suonatore Jones ha scritto:
bravo. oltre ogni decenza intellettuale: se qualcuno non la vede come te, è un soggetto pericoloso o un amichetto loro.

bai bai.
Rileggiti nel topic sui no tav altro che bai bai ... galantuomini a tutto tondo, in montagna, in Val di Susa, come per le via di Roma.
Il virgolettato intende questo.
Cos'è la decenza? ...Poi addirittura intellettuale ... mahhhhhhhhh :scrolleye:


La violenza và condannata senza se e senza ma.
Punto.
Altre vie non devono e non possono esistere.
Su questo non vedo altre vie di interpretazione e spero non ne esistano per nessuno.

io condanno la violenza. è il connotarla tutta da una parte che non tollero (perchè non voglio essere preso per il naso).

era una puntualizzazione doverosa.
Scusami ma di chi stiamo parlando?
Chi c'era in quella manifestazione? Chi erano quelli che hanno devastato?
Al momento quello che emerge connota chiaramente il sabato romano del 15-10-2011.
C'è altro da aggiungere a tuo avviso?
O i violenti sono le forze dell'ordine anche a stò giro ?
Se coloro che vincono le gare hanno certificati antimafia ma sono in strette relazioni con altre imprese sottoposte all'attenzione della mafia,tutte munite di certificazioni delle prefetture,allora è un problema diverso che non compete a me valutare. I.F.
reggino
Non c'è nenti!
Non c'è nenti!
Messaggi: 4512
Iscritto il: 12/05/2011, 19:30
Località: l'isola che non c'è

I violenti hanno sconfitto anche le forze dell’ordine?
“Denunciateli. Portate i video in commissariato”. L’appello gira in rete. Come fermarli? E’ un bel rompicapo. I violenti che hanno sconfitto gli indignati non sono infiltrati, sono dei conservatori. Esprimono solo rabbia e il desiderio di “sfasciare tutto”. Sono centinaia, le loro azioni danneggiano innanzitutto i movimenti che chiedono il cambiamento e per questo motivo vanno combattuti. Senza se e senza ma.

Non sono solo ragazzini. A leggere i loro documenti, a sentirli parlare nelle loro radio, usano il linguaggio dei tempi bui degli anni ’70 della cosiddetta area antagonista. Come neutralizzarli? Come tenerli lontani dalle manifestazioni indette dai movimenti democratici? Andavano fermati prima. Lo dicono tutti. Ma come?

Applichiamo il Daspo, il divieto di accedere alle manifestazioni sportive, anche alle proteste sociali e politiche? I violenti si conoscono. Li si convoca a “firmare” nei commissariati o nelle caserme dei carabinieri proprio in concomitanza con la manifestazione. Come si fa con gli ultrà del calcio. Ci sono profili di incostituzionalità? Non lo so. So che la libertà di manifestare è sancita dalla Costituzione ma so anche che chi commette reati va individuato e consegnato alla giustizia.

Sabato tra gli indignati si chiedeva a gran voce l’intervento delle forze dell’ordine prima del macello di piazza San Giovanni, quando, con la tattica del mordi e fuggi, incendiavano auto e danneggiavano banche e bancomat. Ma se i reparti di polizia fossero intervenuti nel corteo sarebbe stato impossibile dividere i buoni dai cattivi. Quando partono le cariche le prendono sempre i buoni e quasi mai i cattivi.E allora i cortei si devono dotare di servizi d’ordine per tener fuori i violenti. I violenti vanno neutralizzati preventivamente.

Ultima osservazione. Tutti sapevano che ci sarebbero stati gli scontri. Lo sapevano anche i servizi di sicurezza? Ci sono state informative? Se non lo sapevano è grave. Ma se lo sapevano, qualcuno dovrà spiegarci perché le forze dell’ordine sono state sconfitte da alcune centinaia di violenti.
https://www.youtube.com/watch?v=-JQINuybHL4" onclick="window.open(this.href);return false;
peas!
Forumino Scelto
Forumino Scelto
Messaggi: 525
Iscritto il: 12/05/2011, 21:05

Sorvolando sulla violenza contrappositiva di certi interventi, io mi domando se davvero c'è qualcuno che pensa che l'organizzazione di questa manifestazione, e la sfilza di partiti, sigle e movimenti che l'hanno sposata in maniera palese, potessero avere convenienza in una sua degenerazione violenta?

Il senso di queste iniziative è informare e sensibilizzare il popolo "normale" - quello che in piazza non ci scende - su questioni globali e complesse, come la drammatica evoluzione globale del fallimento del capitalismo. Quel popolo "normale", vedendo questa barbarie in tv, ne è disgustato e spaventato, e, nella propria superficialità "normale", automaticamente la associa per sineddoche, ed anzi la sovrappone, al messaggio che la manifestazione avrebbe voluto veicolare, fallendo per colpa di qualche centinaio di imbecilli, vandali, disturbatori, e, solo in qualche caso, estremisti.
Anche perché la strumentalizzazione politica è dietro l'angolo: a caldo, sabato pomeriggio, sentivo Alfano alla radio affermare che i violenti esistevano nel contesto "spazio-temporale" della manifestazione (testuale), e quindi non si poteva escluderli dai contenuti della stessa. O basterebbe allo stesso modo leggere gli attacchi del Pdl al Governatore di Bankitalia.

Sull'andamento dei fatti, da ciò che ho visto direi che le forze dell'ordine presenti hanno operato complessivamente bene, evitando, con azione prevalentemente contenitiva, che la violenza che hanno dovuto fronteggiare ed in alcuni casi anche subire sfociasse in conseguenze peggiori. Il problema è stato (come accaduto spesso in occasione degli ultimi eventi analoghi, specialmente nella capitale) altrove, ossia nella loro disposizione, nel numero esiguo di impieghi (d'altra parte i tagli alle forze dell'ordine sono notizia violenta precedente di un paio di giorni alle violenze di Roma), nella scarsa opera di prevenzione (ho letto di solo quattro arresti prima dell'inizio delle sfilate): per dire, su Sky ho visto che in piena zona "rossa (o nera?)" - direi in zona Manzoni - stazionava tranquillamente un Fiorino... Superficialità, scarsa capacità... o altro?
UnVeroTifoso
Forumino Malatissimo
Forumino Malatissimo
Messaggi: 1761
Iscritto il: 11/05/2011, 13:54

peas! ha scritto:Sorvolando sulla violenza contrappositiva di certi interventi, io mi domando se davvero c'è qualcuno che pensa che l'organizzazione di questa manifestazione, e la sfilza di partiti, sigle e movimenti che l'hanno sposata in maniera palese, potessero avere convenienza in una sua degenerazione violenta?

Il senso di queste iniziative è informare e sensibilizzare il popolo "normale" - quello che in piazza non ci scende - su questioni globali e complesse, come la drammatica evoluzione globale del fallimento del capitalismo. Quel popolo "normale", vedendo questa barbarie in tv, ne è disgustato e spaventato, e, nella propria superficialità "normale", automaticamente la associa per sineddoche, ed anzi la sovrappone, al messaggio che la manifestazione avrebbe voluto veicolare, fallendo per colpa di qualche centinaio di imbecilli, vandali, disturbatori, e, solo in qualche caso, estremisti.
Anche perché la strumentalizzazione politica è dietro l'angolo: a caldo, sabato pomeriggio, sentivo Alfano alla radio affermare che i violenti esistevano nel contesto "spazio-temporale" della manifestazione (testuale), e quindi non si poteva escluderli dai contenuti della stessa. O basterebbe allo stesso modo leggere gli attacchi del Pdl al Governatore di Bankitalia.

Sull'andamento dei fatti, da ciò che ho visto direi che le forze dell'ordine presenti hanno operato complessivamente bene, evitando, con azione prevalentemente contenitiva, che la violenza che hanno dovuto fronteggiare ed in alcuni casi anche subire sfociasse in conseguenze peggiori. Il problema è stato (come accaduto spesso in occasione degli ultimi eventi analoghi, specialmente nella capitale) altrove, ossia nella loro disposizione, nel numero esiguo di impieghi (d'altra parte i tagli alle forze dell'ordine sono notizia violenta precedente di un paio di giorni alle violenze di Roma), nella scarsa opera di prevenzione (ho letto di solo quattro arresti prima dell'inizio delle sfilate): per dire, su Sky ho visto che in piena zona "rossa (o nera?)" - direi in zona Manzoni - stazionava tranquillamente un Fiorino... Superficialità, scarsa capacità... o altro?
A tutto questo aggiungerei che quanto avvenuto a Roma è la sconfitta dello Stato perchè:

1) Non è riuscito a garantire il diritto di manifestare pacificamente alle centinaia di migliaia di persone giunte a Roma per farlo;
2) Non è riuscito a prevenire ciò che qualche centinaio di facinorosi hanno portato avanti;
3) Non riuscirà a sbattere in galera gran parte di quei teppisti.

In tutto ciò un pensiero non può non andare alle FdO che per stipendi da fame e con sempre meno risorse a disposizione rischiano quotidianamente la vita. :salut :salut
"Nani su iddi e vvonnu a tutti nani;
Nci vannu terra terra, peri e mmani;
E pa malignità brutta e superba,
Ccà non crisci chi erba, erba, erba"
(Nicola Giunta)
doddi
Non c'è nenti!
Non c'è nenti!
Messaggi: 4823
Iscritto il: 11/05/2011, 12:55
Località: 38°6′41″N 15°39′43″E

Naturalmente a breve nuove leggi repressive, con Maroni e Di Pietro completamente allineati sui contenuti.
Oggi no, ma già domani SEL e PD prenderanno el distanze e criticheranno questi provvedimenti. Ci scometto.

Le perquisizioni ed i controlli di oggi sono stati tacciati di atteggiamento da regime e stato fascista da tutti i compagni della rete. (fatevi un giro su indymedia per chi dice che non ne esistono più :read: ).


@peas!
Sorvolando sulla violenza contrappositiva di certi interventi, io mi domando se davvero c'è qualcuno che pensa che l'organizzazione di questa manifestazione, e la sfilza di partiti, sigle e movimenti che l'hanno sposata in maniera palese, potessero avere convenienza in una sua degenerazione violenta?

Non diciamo sciocchezze ma sono loro che ce li hanno dentro la pancia questi Signori. Il servizio di pre-ordine devono farselo da sè senza "coccolarli".



Questione Fiorino:

«Resta però da capire, per esempio, cosa ci facesse un camion pieno di mattonelle “a disposizione” dei manifestanti sotto il Senato. Lo stesso tipo di camion che due anni fa riuscì ad entrare in piazza Navona, durante altri scontri, pieno di mazze e bastoni» (Silvia D’Onghia, Il Fatto, 16-12-2010) © Il Fatto Quotidiano
Ultima modifica di doddi il 17/10/2011, 18:09, modificato 1 volta in totale.
Se coloro che vincono le gare hanno certificati antimafia ma sono in strette relazioni con altre imprese sottoposte all'attenzione della mafia,tutte munite di certificazioni delle prefetture,allora è un problema diverso che non compete a me valutare. I.F.
peas!
Forumino Scelto
Forumino Scelto
Messaggi: 525
Iscritto il: 12/05/2011, 21:05

doddi ha scritto:Non diciamo sciocchezze ma sono loro che ce li hanno dentro la pancia questi Signori. Il servizio di pre-ordine devono farselo da sè senza "coccolarli".
Mi spieghi quali motivi ideologico-politici possano indurre qualcuno a spaccare una statua della madonna o a bruciare auto di completi sconosciuti? E che convenienza avrebbero i NoTav, o quelli di Rifondazione (per citare partiti e movimenti tirati in ballo in queste ore), a rendersi protagonisti di questo tipo di azioni, od a coprirne e "coccolare" i responsabili?

A meno che non basti avere una bandiera NoTav per essere un NoTav, una kefiah per essere un filo-palestinese, la barba lunga per essere un anarchico. O un maglioncino azzurro sulle spalle per essere un berlusconiano. O la nazionalità cinese per essere un comunista (vedasi topic sul capitalismo alla comunista).
Io porto spesso maglioncini azzurri sulle spalle.
UnVeroTifoso
Forumino Malatissimo
Forumino Malatissimo
Messaggi: 1761
Iscritto il: 11/05/2011, 13:54

LA RABBIA SI SFOGA SU INTERNET: «esiste un disagio diffuso, la politica non si preoccupa»
I poliziotti: «I veri indignati siamo noi»
Martedì in piazza contro i tagli. «I risultati si sono visti sabato». Presidi in molte città italiane: «Ora basta»



MILANO- Si preparano anche loro a scendere in piazza. Vogliono arrivare al Senato o al Viminale, ma dopo gli scontri di sabato la questura di Roma sembra prendere tempo. «Ce la daranno, non ci possono negare proprio nulla», sottolinea Claudio Giardullo, segretario generale della Silp- Cgil. E c'è chi aggiunge «i veri indignati siamo noi, altre che storie».

«SCELTE POLITICHE»- I poliziotti non ci stanno. Sanno che «l'ordine pubblico è stato un fallimento», ma respingono ogni responsabilità. E Giardullo spiega: «Il governo Berlusconi ha deciso di blindare la zona rossa, cioè quella delle sedi istituzionali, lasciando il resto della città in mano ai violenti. Un modello che è già stato usato a Genova e non ha funzionato. Queste sono scelte politiche e non tecniche». Insomma gli agenti sono sempre più arrabbiati. Con Tremonti, con il Viminale, con Berlusconi. La loro rabbia è espressa sui forum. E in particolare su quello di poliziotti.it, dove traggono le loro conclusioni sulla giornata. «Come è possibile che dopo otto mesi (il riferimento agli scontri del 14 dicembre ndr) siamo ancora qui a parlare di ordine pubblico. È evidente che qualcosa non va nelle scelte di ordine pubblico».

IN PRESIDIO-Così la rabbia, quella degli agenti, andrà in scena martedì in molte città italiane. «Dobbiamo far capire che non siamo carne da macello, tra un po' ci manderanno in piazza senza caschi. Così non è un lavoro, è un sacrificio». A loro si aggiunge chi non crede nei black bloc, «basta con queste favole, erano tutti italiani e molto ben organizzati». E ancora chi si spinge oltre: « Che senso ha criminalizzare il movimentismo? Chiedergli l’isolamento dei violenti? Il movimento esprime disagi, rappresenta problematiche che una classe politica vera ascolterebbe per trovare soluzioni attraverso soluzioni legislative», scrive in una nota «riflessioni di poliziotto» Mirko Carletti. Lui era in piazza per lavoro («in centro»), ma se non fosse stato in servizio «sarei andato in corteo con mio figlio». Per ribadire: «I veri indignati siamo noi».

fonte: http://www.corriere.it" onclick="window.open(this.href);return false;
"Nani su iddi e vvonnu a tutti nani;
Nci vannu terra terra, peri e mmani;
E pa malignità brutta e superba,
Ccà non crisci chi erba, erba, erba"
(Nicola Giunta)
doddi
Non c'è nenti!
Non c'è nenti!
Messaggi: 4823
Iscritto il: 11/05/2011, 12:55
Località: 38°6′41″N 15°39′43″E

peas! ha scritto:
doddi ha scritto:Non diciamo sciocchezze ma sono loro che ce li hanno dentro la pancia questi Signori. Il servizio di pre-ordine devono farselo da sè senza "coccolarli".
Mi spieghi quali motivi ideologico-politici possano indurre qualcuno a spaccare una statua della madonna o a bruciare auto di completi sconosciuti? E che convenienza avrebbero i NoTav, o quelli di Rifondazione (per citare partiti e movimenti tirati in ballo in queste ore), a rendersi protagonisti di questo tipo di azioni, od a coprirne e "coccolare" i responsabili?

A meno che non basti avere una bandiera NoTav per essere un NoTav, una kefiah per essere un filo-palestinese, la barba lunga per essere un anarchico. O un maglioncino azzurro sulle spalle per essere un berlusconiano. O la nazionalità cinese per essere un comunista (vedasi topic sul capitalismo alla comunista).
Io porto spesso maglioncini azzurri sulle spalle.
Forse non sono stato spiegato: mi pare naturale che a loro non convenga, ma probabilmente pur volendoli tenere dalla loro parte non sono in grado di gestirli. Devono fargli capire che a fine corteo si farà il comizio e poi si balla e si canta senza fare a cazzotti o lanciare sassolini. In questo momento la rabbia violenta stà da quella parte e non capisco come lo si possa ancora negare. Quella parte è vasta e non può essere tradotto con una sigla partitica, ma evidentemente piace marciarci sù.


Avevo fatto una modifica al mio post

Te la ripropongo


Questione Fiorino:

«Resta però da capire, per esempio, cosa ci facesse un camion pieno di mattonelle “a disposizione” dei manifestanti sotto il Senato. Lo stesso tipo di camion che due anni fa riuscì ad entrare in piazza Navona, durante altri scontri, pieno di mazze e bastoni» (Silvia D’Onghia, Il Fatto, 16-12-2010) © Il Fatto Quotidiano
Se coloro che vincono le gare hanno certificati antimafia ma sono in strette relazioni con altre imprese sottoposte all'attenzione della mafia,tutte munite di certificazioni delle prefetture,allora è un problema diverso che non compete a me valutare. I.F.
Avatar utente
cozzina1
Non c'è nenti!
Non c'è nenti!
Messaggi: 4430
Iscritto il: 11/05/2011, 14:08
Località: santropè

Scontri a Roma, Maroni: 'Ora nuove leggi'. In corso blitz contro black bloc
Rischiano reclusione fino a 15 anni i dodici manifestanti arrestati sabato in flagranza
17 ottobre, 18:00




ROMA - E' in corso su tutto il territorio nazionale una vasta operazione di Polizia e Carabinieri con perquisizioni e controlli negli ambienti degli anarco-insurrezionalisti e dell'estremismo piu' radicale.

L'operazione, coordinata tra Polizia e Carabinieri, iniziata all'alba e ancora in corso, fa seguito ai gravi incidenti avvenuti a Roma nel corso della manifestazione degli indignati sabato scorso.

L'operazione di polizia, che coinvolge centinaia di uomini delle forze dell'ordine, sta interessando tutte le regioni italiane, dal Trentino alla Lombardia, dal Lazio alla Sicilia.

ARRESTATI RISCHIANO DA 3 A 15 ANNI - Rischiano da 3 a 15 anni di reclusione i 12 manifestanti arrestati sabato scorso a Roma, in flagranza di reato, durante la manifestazione degli indignati. La procura ha chiesto al gip la convalida delle misure, e la custodia in carcere dei 12, di età compresa tra 19 e 30 anni, per resistenza pluriaggravata a pubblico ufficiale. A decidere sulle richieste della procura sarà il gip Elvira Tamburelli. Tra domani e dopodomani ci saranno gli interrogatori di garanzia degli arrestati. Il procuratore aggiunto Pietro Saviotti ed i sostituti Marcello Monteleone e Francesco Minisci, accertata per tutti e 12 la resistenza a pubbico ufficiale, stanno ora valutando le singole posizioni al fine di stabilire se e a chi attribuire anche i reati di devastazione, incendio e lesioni.

Sono tre femmine e nove maschi gli arrestati sabato. Dei dodici solo uno è straniero, proviene dalla Romania e nessuno è del Nord Italia. Il romeno ha 21 anni. Oltre ai dodici ci sono altre 8 persone fermate e denunciate, sei dei quali minorenni e le cui posizioni saranno valutate dalla procura presso il tribunale dei minori.

La Procura di Roma ha contestato ai 12 arrestati anche l'aggravante di "avere operato col volto travisato e in gruppi di più di 5 persone con l'utilizzo di oggetti contundenti e materiali pirotecnici": questo fa salire la pena massima a 15 anni. "I reati contestati - è detto nella richiesta di convalida - si inseriscono in un complesso di condotte di maggiore gravità che, in attesa di altre acquisizioni, esaltano la pericolosità qui contestati, commessi nella consapevolezza di fornire un apporto al contesto di prolungata ed allarmante violenza". Proseguono gli accertamenti per identificare altri teppisti anche attraverso le immagini degli incidenti. I magistrati attendono una serie di informative, compresi i risultati delle perquisizioni di oggi.

"Condotte violente pianificate e organizzate prima degli scontri". E' quanto sostiene il procuratore aggiunto di Roma, Pietro Saviotti, che coordina le indagini su quanto avvenuto sabato. Secondo i magistrati confermare questa ipotesi investigativa ci sono comportamenti tenuti dai teppisti come ad esempio quando un gruppo di circa dieci persone é rientrato nel corteo togliendosi casco e felpa nera. "Siamo in presenza - afferma Saviotti - di comportamenti studiati, di azioni tattiche di scontri urbani preventivati ed organizzati". Una forma di "strumentalizzazione di una manifestazione pacifica, l'uso della manifestazione come contesto idoneo ad ostacolare la pubblica difesa".

MARONI, ANNUNCERO 'NUOVE MISURE LEGISLATIVE - Il ministro dell'Interno Roberto Maroni domani in Senato annuncerà una proposta per "nuove misure legislative, che possano consentire alle forze dell'ordine di prevenire più efficacemente le violenze come quelle di sabato". Lo ha riferito lo stesso Maroni ai giornalisti. "Domani riferirò in Senato -ha spiegato Maroni arrivando a un incontro istituzionale in Assolombarda - è devo dire che per una volta sono d'accordo, con l'onorevole Antonio Di Pietro, che ha detto che servono nuove norme per prevenire, una legge Reale Bis: esattamente quello che voglio dire domani". Il ministro dell'Interno non ha infine voluto rispondere a una domanda sulle polemiche per la sua assenza da Roma sabato durante gli scontri.

IL WEB SI MOBILITA NELLA CACCIA AI BLACK BLOC - In rete gli Indignati chiedono di isolare e arrestare i teppisti autori delle violenze di sabato. Ma dal web e' partita un'altra iniziativa. Sul blog 'Il Fazioso' e' nata infatti gia' sabato l'operazione 'Smascheriamo i violenti' e gia' sono numerose le foto pubblicate, amatoriali e non, in cui si vedono i black bloc alle prese con lanci di oggetti e altre violenze. Gli autori del blog chiedono di segnalare i protagonisti dei blitz di Roma per contribuire alle indagini. Per questo hanno lanciato un appello: ''Mandate tutte le foto in cui si vedono o intravedono presunti 'indignati' mentre lanciano oggetti o attaccano la polizia, soprattutto quelle in cui piu' o meno si possono riconoscere i violenti. Dobbiamo segnalarli e aiutare le forze di polizia a poterli rintracciare''.

FIRENZE - Sono 6 le persone denunciate dalla polizia di Firenze dopo essere stati sorprese ieri mattina, nel corso di un controllo della polizia stradale, su un camper fermo nell'area di servizio Chianti Est. A bordo sono state rinvenute due maschere antigas, abiti scuri di ricambio, un martello e protezioni antinfortunistiche. Quattro di loro sono noti come appartenenti al circolo anarchico 'Fuori luogo' di Bologna. La Digos fiorentina stamani ha eseguito anche 8 perquisizioni di altrettanti appartenenti all'area anarchica.

MILANO - Sono complessivamente sei le perquisizioni effettuate stamani da agenti della Digos e carabinieri a Milano. Tre sono state eseguite dagli agenti della Digos e altrettante dai militari. Gli investigatori agivano su delega della Procura di Roma.
L'attenzione degli investigatori si sarebbe concentrata, in particolare, su indumenti che potrebbero portare all'identificazione degli autori degli scontri. Una persona e' stata portata in caserma dai carabinieri ma solo al fine di sottoscrivere il verbale di sequestro ed e' poi tornata a casa. Le perquisizioni a carico di alcuni anarchici milanesi sono state eseguite sulla scorta dell'articolo 41 del Testo unico leggi di Pubblica sicurezza secondo il quale "gli ufficiali e gli agenti di polizia giudiziaria, che abbiano notizia, anche per indizio, della esistenza, in qualsiasi luogo pubblico o privato, o in private abitazioni, di armi, munizioni o materiali esplodenti, non denunciate o non consegnate, o comunque abusivamente detenute, procedono immediatamente a perquisione e sequestro". Da quanto si è saputo, però, l'attenzione degli investigatori si sarebbe concentrata, in particolare, su indumenti che potrebbero portare all'identificazione degli autori degli scontri.

TORINO - Le perquisizioni si sono concentrate dove e' piu' forte la presenza di aree antagoniste e aggregazioni di anarco-insurrezionalisti. In particolare ad esempio a Torino dove e' storicamente forte la presenza di centri sociali vicini agli anarchici.

ROMA - Le perquisizioni in corso a Roma riguardano sia esponenti che luoghi di ritrovo dell'estremismo radicale e sono indirizzate a individuare altri responsabili delle violenze o chi gli ha fornito supporti anche logistici.

PALERMO - I Carabinieri hanno effettuato due perquisizioni a casa di due giovani, che gravitano nell'ambito dei centri sociali cittadini, che hanno partecipato, sabato scorso, alla manifestazione degli Indignati, a Roma. L'iniziativa fa parte di un'attività di indagine in corso in tutta Italia che vede coinvolti la Digos e i militari dell'Arma. Secondo indiscrezioni, nelle abitazioni dei due ragazzi non sono state trovate armi né elementi che possano ricondurre i giovani agli scontri di sabato.

PERQUISITE CASE ATTIVISTI GRAMIGNA PADOVA - Polizia e Carabinieri sono all'opera a Padova e provincia da questa mattina per effettuare sei perquisizioni in altrettante abitazioni nella disponibilita' di una quindicina di attivisti del centro popolare occupato ''Gramigna'', punto di riferimento degli anarco-insurrezionalisti nel Veneto centrale. Durante le perquisizioni gli agenti non avrebbero trovato oggetti direttamente riconducibili alle devastazioni di sabato scorso a Roma.

DI PIETRO: SI TORNI ALLA LEGGE REALE - ''Si deve tornare alla Legge Reale. Anzi bisogna fare la 'legge Reale 2', alias Di Pietro, contro atti criminali come quelli di Roma. Si devono prevedere arresti e fermi obbligatori e riti direttissimi con pene esemplari''. E' quanto propone il leader Idv Antonio Di Pietro per fronteggiare una ''situazione d'emergenza come l'attuale''.

MARONI: POTEVA SCAPPARCI IL MORTO Verranno chieste oggi la convalida dei fermi e l'emissione di ordinanze di custodia in carcere per le 12 persone, tutte sotto i 30 anni, arrestate per resistenza pluriaggravata a pubblico ufficiale negli scontri di sabato scorso a Roma. Tra i denunciati sei i minorenni; tra loro anche quattro donne. Poteva scapparci il morto, ha sottolineato il ministro Maroni.
SCHENGEN,FRANCIA CHIUDE FRONTIERE PER G20 - Le frontiere tra Francia e Italia, entrambe nello spazio Schengen, saranno ripristinate a partire dal 24 ottobre per impedire l'ingresso sul territorio francese di potenziali pericoli per l'ordine pubblico attirati dal G20 di Cannes, in programma il 3 e 4 novembre. Lo annuncia il prefetto di Nizza, Jean-Michel Drevet, in una conferenza stampa.
Ultima modifica di cozzina1 il 17/10/2011, 18:25, modificato 1 volta in totale.
L'ignoranza è meno dannosa del confuso sapere.
Cesare Beccaria
un giorno senza un sorriso è un giorno perso(C.Chaplin)
doddi
Non c'è nenti!
Non c'è nenti!
Messaggi: 4823
Iscritto il: 11/05/2011, 12:55
Località: 38°6′41″N 15°39′43″E

http://www.ilgiornale.it/interni/beccat ... comments=1" onclick="window.open(this.href);return false;


Immagine


BECCATO


di Redazione

Abbiamo selezionato una a una le foto degli scontri di sabato scorso a Roma e abbiamo evidenziato tutti gli "incappucciati" riconoscibili. Aiutateci a trovarne altre inviando le vostre foto all'indirizzo segnala@ilgiornale.it. Abbiamo deciso di mettere a vostra disposizione il materiale fotografico per farvi vedere quello che è successo nella Capitale e rendere possibile il riconoscimento di chi ha commesso dei reati. . Chiunque riconosca i violenti contatti le forze dell'ordine.

Era su tutte le prime pagine dei quotidiani. Il "simbolo" della rivolta, il ragazzo biondo che accanto a un'auto in fiamme scaglia in aria un estintore è stato molto probabilmente "scappucciato". Grazie alle segnalazioni dei lettori siamo entrati in possesso di un'immagine di un ragazzo davanti a un'auto avvolta dalle fiamme e a volto scoperto. I tratti del viso e il bracciale al polso destro sono identici a quelli del ragazzo con l'estintore. Giudicate voi.
Se coloro che vincono le gare hanno certificati antimafia ma sono in strette relazioni con altre imprese sottoposte all'attenzione della mafia,tutte munite di certificazioni delle prefetture,allora è un problema diverso che non compete a me valutare. I.F.
Rispondi