Pagina 2 di 2

Re: Centro Enea : Previsione Terremoto al Sud

Inviato: 30/05/2012, 16:37
da Motociclista
L'innominato ha scritto:
Motociclista ha scritto:
L'innominato ha scritto:per l'alta densità di popolazione ce ne vorrebbero di più di una dove sono????
sul sito non porta l'area di raccolta
io sono nella II circiscrizione e non dice niente, se non di seguire le frecce bianche sul fondo verde, che è una caccia al tesoro?? :D
clikka su ogni circoscrizione,c'è anche la tua con i punti di raccolta...russighiati,oppuru fatti na ura i chiù i sonnu a notti.-..... :fifi:

Re: Centro Enea : Previsione Terremoto al Sud

Inviato: 31/05/2012, 10:04
da L'innominato
io sono nella II circiscrizione e non dice niente, se non di seguire le frecce bianche sul fondo verde, che è una caccia al tesoro?? :D[/quote][/quote][/quote]
clikka su ogni circoscrizione,c'è anche la tua con i punti di raccolta...russighiati,oppuru fatti na ura i chiù i sonnu a notti.-..... :fifi:[/quote]
ho cliccato non porta na minkia :fifi:
porta solo la densità della popolazione e la delimitazione della II circoscrizione :na: questo lo sapevo

Re: Centro Enea : Previsione Terremoto al Sud

Inviato: 31/05/2012, 11:58
da Lixia
scorri tutto il pdf nella seconda pagina c'è la cartina e la leggenda dei punti di raccolta per la seconda circoscrizione

terremoti anche in calabria

Inviato: 01/06/2012, 11:11
da lisa
http://www.strill.it/index.php?option=c ... &Itemid=84" onclick="window.open(this.href);return false;
Due scossa di terremoto, entrambe di di magnitudo 2.3, sono state registrate stamattina dall'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia sulla costa tirrenica della provincia di Messina e nel mare delle Eolie. Il primo evento si e' prodotto alle 8.18 nel distretto sismico dei Golfi di Patti e di Milazzo, con epicentro superficiale, a 9,6 chilometri, in priossimita' dei Comuni di Barcellona Pozzo di Gotto, Castroreale, Falcone, Furnari, Mazzarra' Sant'Andrea, Oliveri, Rodi' Milici e Terme Vigliatore. L'altro sisma e' avvenuto alle 9.04 in marte tra le isole Eolie e la costa della Calabria a una profondita' di 123,8 chilometri, tale da non essere percepibile per la popolazione.

http://www.strill.it/index.php?option=c ... &Itemid=87" onclick="window.open(this.href);return false;
E' stata registrata nella tarda serata di ieri una scossa di terremoto di magnitudo 3.1 nell'area del Golfo di Squillace, tra le province di Catanzaro e Crotone. Secondo le rilevazioni dell'Istituto
nazionale di geofisica e vulcanologia, il sisma ha avuto una profondita' di 5,8 chilometri, con epicentro tra i comuni di Botricello (in provincia di Catanzaro) e Cutro (in provincia di Crotone). Il movimento tellurico è stato avvertito dalla popolazione ma, secondo quanto si apprende dalle forze dell'ordine, non sono stati registrati danni nè a cose nè a persone.

Speriamo che le scosse non aumentino d'intensità...io non sono tranquilla.... :sad:

Re: terremoti anche in calabria

Inviato: 01/06/2012, 22:54
da number one
neanche io. La protezione civile ci dicesse almeno come comportarci in caso di sisma, quali sono i punti di riunione e più sicure nelle varie zone della città. Prevenzione zero

Re: terremoti anche in calabria

Inviato: 01/06/2012, 23:02
da doddi
http://www.reggiocal.it/on-line/Home/Ar ... 04664.html" onclick="window.open(this.href);return false;


Aree raccolta

Re: terremoti anche in calabria

Inviato: 01/06/2012, 23:34
da DoubleD


Aree di raccolta della popolazione per Circoscrizione
Aree di raccolta o di attesa della popolazione per Circoscrizione


Le aree di attesa, sono luoghi di prima accoglienza per la popolazione, sono state scelte tra Piazze, Slarghi, Parcheggi, Cortili, facilmente raggiungibili, sicure e ben conosciute dai cittadini, opportunamente segnalate con delle frecce di colore verde posizionate lungo le strade. :scratch
In queste aree la popolazione riceverà le prime informazioni sull'evento e i primi generi di conforto, in attesa dell'allestimento delle aree di ricovero.
Saranno utilizzate per un periodo compreso tra poche ore e qualche giorno.


Aree di attesa per Circoscrizione

I - Centro Storico
II - Pineta Zerbi Tremulini Eremo
III - Santa Caterina San Brunello Vito
IV - Trabocchetto Condera Spirito Santo
V - Ferrovieri Stadio Gebbione
VI - Sbarre
VII - S.Giorgio Modena S.Sperato
VIII - Catona Salice Rosalì Villa San Giuseppe
IX - Gallico Sambatello
X - Archi
XI - Ortì Podargoni Terreti
XII - Cannavò Mosorrofa Cataforio
XIII - Ravagnese
XIV - Gallina
XV - Pellaro

Re: terremoti anche in calabria

Inviato: 02/06/2012, 12:58
da Motociclista
number one ha scritto:neanche io. La protezione civile ci dicesse almeno come comportarci in caso di sisma, quali sono i punti di riunione e più sicure nelle varie zone della città. Prevenzione zero
ne avevamo parlato un paio di giorni addietro in altro topic..cmq recentemente erano stati distribuiti anche volantini sulle istruzioni.
i comportamenti da usare sono i più elementari possibili,e cmq si devono seguire le indicazioni date al momento dagli organi competenti.

Re: Centro Enea : Previsione Terremoto al Sud

Inviato: 02/06/2012, 22:25
da simba84
Terremoto 2.1 stretto di Messina - Villa San Giovanni h 21:27
:-(

Re: Centro Enea : Previsione Terremoto al Sud

Inviato: 04/06/2012, 17:17
da simba84
Enzo Boschi: Probabilità di terremoto fra Campania e Calabria

venerdì 2 dicembre 2011, 00:50 http://www.meteoweb.eu/2011/12/terremot ... chiudi_adv


Lo sciame sismico che in questi giorni sta interessando il Pollino preoccupa non poco la popolazione della Basilicata meridionale e della Calabria. L’Ingv ha installato 4 nuovi sismografi per monitorare la situazione, ma ancor più preoccupanti sono le parole che in questi giorni tornano ossessivamente alla mente di chi le ha ascoltate in diretta, nel 2008, quando Enzo Boschi, che è stato il Presidente dell’Ingv dal 29 settembre 1999 all’11 agosto scorso, spiegava alla stampa che “abbiamo studiato tutte le faglie attive della Penisola, ossia quelle che possono originare terremoti, e il risultato è che, entro trent’anni, tra la Campania meridionale e la Calabria vi siano le condizioni perché si verifichi un grande terremoto. Il terremoto che colpirà il Sud Italia non riguarderà la regione dello stretto di Messina. Gli studi dicono che in quell’area, tra un terremoto e l’altro passano millenni. Un lasso di tempo che non è ancora trascorso dall’ultima violenta scossa“.

La notizia venne diffusa in concomitanza di un importante annuncio dell’Us Geological Survey, che dopo lunghi anni di studi riscì a “prevedere” il “big-one” della California formulando l’ipotesi che tra il 2028 e il 2038 nel sud dello Stato californiano, quello che si trova sulla faglia di Sany’Andreas,si abbatterà un terremoto di almeno 6,7 gradi della scala Richter, simile a quello che colpì Northridge nel 1994 quando morirono 72 persone e ci furono danni per 25 miliardi di dollari.
Secondo i ricercatori statunitensi le probabilità che ciò avvenga sono addirittura 97 su 100. “Abbiamo potuto avanzare questa previsione elaborando tutte le possibili informazioni geologiche e storiche della regione, le caratteristiche di tutte le fratture attive che formano la “faglia di Sant’Andreas” e i movimenti del suolo che con estrema precisione otteniamo attraverso i satelliti Gps“, disse in quei gorni Thomas Jordan, direttore del Southern California Earthquake Center. L’ultimo devastante terremoto che ha colpito il nord della California è stato il violento sisma che nel 1906 ha distrutto San Francisco. Secondo gli ultimi studi degli esperti, infatti, le zone che hanno avuto forti terremoti negli ultimi 100-120 anni non dovrebbero avere nei prossimi anni forti scosse sismiche, mentre invece bisogna concentrare le attenzioni sulle aree che non subiscono forti scosse da molti secoli, perchè lì da tanto tempo si accumula energia che prima o poi dovrà sfogarsi.

Stesso discorso vale quindi per l’Italia. E tra il bacino del Mercure e la faglia di Castrovillari-Frascineto, di forti terremoti non ce ne sono da tempo. Per questo gli esperti dell’Ingv stanno focalizzando lì le loro attenzioni visto l’attuale sciame sismico. Una situazione da non sottovalutare.