Pagina 1 di 2

"Internet" in ufficio

Inviato: 28/05/2011, 11:37
da doddi
http://www3.lastampa.it/i-tuoi-diritti/ ... tp/400649/" onclick="window.open(this.href);return false;


Usi Facebook in ufficio? Sei colpevole di peculato


Cinque dipendenti comunali indagati in provincia di Forlì Sequestrati i computer, rischiano da tre a dieci anni
FRANCO GIUBILEI

BERTINORO (Forlì)
Che Facebook fosse una tentazione troppo potente per consentirne l’uso anche dal pc dell’ufficio lo hanno già capito molte amministrazioni pubbliche e aziende private, che hanno pensato di oscurare il social network più popolare del mondo sui computer di dipendenti e collaboratori, onde prevenire lunghe chiacchierate in chat o tutti gli altri passatempi del caso.

Invece al Comune di Bertinoro, borgo medievale di diecimila abitanti sulle colline fra Cesena e Forlì, l’accorgimento non è stato preso, con la conseguenza che qualcuno forse si è approfittato della connessione a internet per mettersi a smanettare col proprio profilo Facebook, forse durante l’orario di lavoro, di certo sui pc comunali. Risultato: venerdì scorso agenti in borghese della squadra mobile di Forlì, accompagnati da colleghi della questura esperti di informatica, si sono presentati in municipio per acquisire i computer di cinque dipendenti comunali, che si sono visti presentare gli avvisi di garanzia per i reati di peculato e abuso d’ufficio.

In sostanza sono accusati di aver utilizzato internet a scopo personale tramite i pc degli uffici del comune, e i giochini su Facebook sarebbero parte integrante di questo uso improprio. Per far luce sulla vicenda, gli inquirenti copieranno il contenuto della memoria centrale dei pc, dove sono registrati anche tutti gli accessi a internet.

Lo scopo è verificare se effettivamente i cinque impiegati si sono divertiti con quei computer – che dovrebbero servire a tutt’altro – a postare commenti, caricare foto o filmati, chiacchierare e stringere amicizie, insomma in tutta l’ampia gamma di trastulli che il network inventato da Zuckerberg prevede a beneficio (o maleficio, secondo le circostanze) di oltre mezzo miliardo di persone in tutto il mondo, quanti sono gli iscritti a Facebook. Se l’accusa di peculato in particolare dovesse essere confermata in un eventuale giudizio, per i cinque fra tecnici e funzionari sarebbero guai seri: la pena oscilla fra i tre e i dieci anni di reclusione.

Naturalmente siamo ancora lontani da sviluppi del genere, ma l’inchiesta condotta dal sostituto procuratore Filippo Santangelo dev’essere partita da elementi solidi perché venisse disposto l’esame approfondito della memoria dei computer e perché i diretti interessati fossero iscritti nel registro degli indagati. Da quel poco che trapela dalla riservatezza che circonda la vicenda, tutto è partito da una serie di approfondimenti legati a un’altra indagine, sempre per peculato, svolta in passato dal corpo forestale nei confronti di un altro impiegato del Comune di Bertinoro. Dai riscontri di quest’ultima attività investigativa sono emersi elementi che hanno portato sulle tracce degli ultimi cinque indagati.

Nessuno di loro è di nomina politica, e né il sindaco né gli assessori sono coinvolti ad alcun titolo, come ci tengono a precisare gli investigatori, anzi, hanno fornito piena collaborazione alla magistratura. Per inciso, il 15 e il 16 maggio a Bertinoro si voterà per il rinnovo di consiglio comunale e sindaco dell’unico comune del Forlivese interessato dalla prossima tornata delle amministrative.

A guidare la giunta attualmente è il sindaco Nevio Zaccarelli, del Pd, forte di una maggioranza bulgara. Di certo si profila una battaglia legale fra accusa e difesa, tutta giocata sul crinale sottile che separa l’abuso di uno strumento di lavoro quale è il computer dalla possibilità che le connessioni a internet, e quindi anche a Facebook, possano rientrare fra le mansioni professionali, per non parlare del rispetto della privacy delle persone. Nel dubbio, molto meglio evitare di chattare e socializzare online in orario di lavoro e sul pc dell'ufficio.




http://www.youtube.com/watch?v=GCXNeXlOXAg" onclick="window.open(this.href);return false;

Re: "Internet" in ufficio

Inviato: 28/05/2011, 11:41
da goodfellow
allora mi devo auto-licenziare...per il forum però, non per facebook, visto che lo detesto...

Re: "Internet" in ufficio

Inviato: 28/05/2011, 11:41
da mohammed
finché è facebook è niente, cè gente che dai computer e dai telefoni degli uffici pubblici si fa i doppi e tripli lavori...

Re: "Internet" in ufficio

Inviato: 28/05/2011, 11:46
da doddi
goodfellow ha scritto:allora mi devo auto-licenziare...per il forum però, non per facebook, visto che lo detesto...

E' uguale, social network, forum, community, mail personali, giochi ecc... tutto ciò che non attiene al lavoro, da dipendente pubblico, che devi svolgere nell'orario di lavoro sul luogo di lavoro. Se lavori per i fatti tuoi e non sei dipendente non devi rendere conto a nessuno di come preferisci lavorare o non lavorare, mica rubi lo stipendio o commetti reati.

E mi pare pure normale.

Re: "Internet" in ufficio

Inviato: 28/05/2011, 11:54
da goodfellow
doddi ha scritto:
goodfellow ha scritto:allora mi devo auto-licenziare...per il forum però, non per facebook, visto che lo detesto...

E' uguale, social network, forum, community, mail personali, giochi ecc... tutto ciò che non attiene al lavoro, da dipendente pubblico, che devi svolgere nell'orario di lavoro sul luogo di lavoro. Se lavori per i fatti tuoi e non sei dipendente non devi rendere conto a nessuno di come preferisci lavorare o non lavorare, mica rubi lo stipendio o commetti reati.

E mi pare pure normale.
Sì sì...questo è il mio caso... :salut

Re: "Internet" in ufficio

Inviato: 28/05/2011, 12:02
da ndria
doddi ha scritto:
goodfellow ha scritto:allora mi devo auto-licenziare...per il forum però, non per facebook, visto che lo detesto...

E' uguale, social network, forum, community, mail personali, giochi ecc... tutto ciò che non attiene al lavoro, da dipendente pubblico, che devi svolgere nell'orario di lavoro sul luogo di lavoro. Se lavori per i fatti tuoi e non sei dipendente non devi rendere conto a nessuno di come preferisci lavorare o non lavorare, mica rubi lo stipendio o commetti reati.

E mi pare pure normale.

:thumright

Re: "Internet" in ufficio

Inviato: 28/05/2011, 12:32
da goldenboy
doddi ha scritto:http://www3.lastampa.it/i-tuoi-diritti/ ... tp/400649/


Usi Facebook in ufficio? Sei colpevole di peculato


Cinque dipendenti comunali indagati in provincia di Forlì Sequestrati i computer, rischiano da tre a dieci anni
FRANCO GIUBILEI

BERTINORO (Forlì)
Che Facebook fosse una tentazione troppo potente per consentirne l’uso anche dal pc dell’ufficio lo hanno già capito molte amministrazioni pubbliche e aziende private, che hanno pensato di oscurare il social network più popolare del mondo sui computer di dipendenti e collaboratori, onde prevenire lunghe chiacchierate in chat o tutti gli altri passatempi del caso.

Invece al Comune di Bertinoro, borgo medievale di diecimila abitanti sulle colline fra Cesena e Forlì, l’accorgimento non è stato preso, con la conseguenza che qualcuno forse si è approfittato della connessione a internet per mettersi a smanettare col proprio profilo Facebook, forse durante l’orario di lavoro, di certo sui pc comunali. Risultato: venerdì scorso agenti in borghese della squadra mobile di Forlì, accompagnati da colleghi della questura esperti di informatica, si sono presentati in municipio per acquisire i computer di cinque dipendenti comunali, che si sono visti presentare gli avvisi di garanzia per i reati di peculato e abuso d’ufficio.

In sostanza sono accusati di aver utilizzato internet a scopo personale tramite i pc degli uffici del comune, e i giochini su Facebook sarebbero parte integrante di questo uso improprio. Per far luce sulla vicenda, gli inquirenti copieranno il contenuto della memoria centrale dei pc, dove sono registrati anche tutti gli accessi a internet.

Lo scopo è verificare se effettivamente i cinque impiegati si sono divertiti con quei computer – che dovrebbero servire a tutt’altro – a postare commenti, caricare foto o filmati, chiacchierare e stringere amicizie, insomma in tutta l’ampia gamma di trastulli che il network inventato da Zuckerberg prevede a beneficio (o maleficio, secondo le circostanze) di oltre mezzo miliardo di persone in tutto il mondo, quanti sono gli iscritti a Facebook. Se l’accusa di peculato in particolare dovesse essere confermata in un eventuale giudizio, per i cinque fra tecnici e funzionari sarebbero guai seri: la pena oscilla fra i tre e i dieci anni di reclusione.

Naturalmente siamo ancora lontani da sviluppi del genere, ma l’inchiesta condotta dal sostituto procuratore Filippo Santangelo dev’essere partita da elementi solidi perché venisse disposto l’esame approfondito della memoria dei computer e perché i diretti interessati fossero iscritti nel registro degli indagati. Da quel poco che trapela dalla riservatezza che circonda la vicenda, tutto è partito da una serie di approfondimenti legati a un’altra indagine, sempre per peculato, svolta in passato dal corpo forestale nei confronti di un altro impiegato del Comune di Bertinoro. Dai riscontri di quest’ultima attività investigativa sono emersi elementi che hanno portato sulle tracce degli ultimi cinque indagati.

Nessuno di loro è di nomina politica, e né il sindaco né gli assessori sono coinvolti ad alcun titolo, come ci tengono a precisare gli investigatori, anzi, hanno fornito piena collaborazione alla magistratura. Per inciso, il 15 e il 16 maggio a Bertinoro si voterà per il rinnovo di consiglio comunale e sindaco dell’unico comune del Forlivese interessato dalla prossima tornata delle amministrative.

A guidare la giunta attualmente è il sindaco Nevio Zaccarelli, del Pd, forte di una maggioranza bulgara. Di certo si profila una battaglia legale fra accusa e difesa, tutta giocata sul crinale sottile che separa l’abuso di uno strumento di lavoro quale è il computer dalla possibilità che le connessioni a internet, e quindi anche a Facebook, possano rientrare fra le mansioni professionali, per non parlare del rispetto della privacy delle persone. Nel dubbio, molto meglio evitare di chattare e socializzare online in orario di lavoro e sul pc dell'ufficio.




http://www.youtube.com/watch?v=GCXNeXlOXAg" onclick="window.open(this.href);return false;


ottimo ...ottimo

nella mia amministrazione hanno oscurato tutti questi siti da almeno un anno :salut

Re: "Internet" in ufficio

Inviato: 28/05/2011, 12:47
da Geronimo
Io credo che la maggior parte degli impiegati statali usa Internet in ufficio, non lo ritengo un reato specie per chi non ha niente da fare. :D
Nessuno lo ammette, giustamente, ma molti scrivono ovunque dai propri uffici. Circa la metà dovrebbero essere accusati di peculato allora. :mrgreen:
Che poi portare il pc da casa o la chiavetta internet non fa alcuna differenza secondo me con chi usa la connessione del datore di lavoro. :p:

Re: "Internet" in ufficio

Inviato: 28/05/2011, 13:01
da doddi
Geronimo ha scritto:Io credo che la maggior parte degli impiegati statali usa Internet in ufficio, non lo ritengo un reato specie per chi non ha niente da fare. :D
Nessuno lo ammette, giustamente, ma molti scrivono ovunque dai propri uffici. Circa la metà dovrebbero essere accusati di peculato allora. :mrgreen:
Che poi portare il pc da casa o la chiavetta internet non fa alcuna differenza secondo me con chi usa la connessione del datore di lavoro. :p:
Mortobenemortobene ... di solito gente che non ha nulla da fare al lavoro ce ne stà poca. Che non ha voglia di fare invece parecchia.
Il lavoro dovrebbe essere una cosa seria, che non dovrebbe ridursi, come nel caso in esame, andare al lavoro e fare passare le x ore al giorni bighellonando in attesa di timbrare e ricevere il 27 il bonifico dello stipendio.
E poi si fanno le levate di scudi contro brunetta, il governo che vuole colpire i fannulloni mangiafranchi che commettono questi reati, in quanto tale e non di perdonabili leggerezze.

Sarebbe interessante fare un sondaggio in merito all'interno di questa realtà chissà quante sorprese.
Condivido il giudizio, che dai nel secondo rigo. Ed aggiungo: e chi sù fissa? Altrimenti come farebbero i professorini ? :mrgreen:

http://www.youtube.com/watch?v=GCXNeXlOXAg" onclick="window.open(this.href);return false;

Re: "Internet" in ufficio

Inviato: 28/05/2011, 13:16
da Motociclista
Io penso che se un tizio effettivamente usa il pc per qualche giochino,ma riesce cmq ad ottemperare alle sue mansioni di ufficio in maniera ottima,non vedo dove sia il problema.
Penso sia un diversivo anche per"tagliare" un poco di stress per qualche minuto.
Sempre cmq meglio di chi lavora,poi si alza per la pausa caffè e/o sigaretta,e scompare per ore.
Naturalmente tutto ha una misura,ovvio non si può stare sul PC a giocare 3/4 di giornata lavorativa.

Re: "Internet" in ufficio

Inviato: 28/05/2011, 13:26
da Geronimo
doddi ha scritto:
Geronimo ha scritto:Io credo che la maggior parte degli impiegati statali usa Internet in ufficio, non lo ritengo un reato specie per chi non ha niente da fare. :D
Nessuno lo ammette, giustamente, ma molti scrivono ovunque dai propri uffici. Circa la metà dovrebbero essere accusati di peculato allora. :mrgreen:
Che poi portare il pc da casa o la chiavetta internet non fa alcuna differenza secondo me con chi usa la connessione del datore di lavoro. :p:
Mortobenemortobene ... di solito gente che non ha nulla da fare al lavoro ce ne stà poca. Che non ha voglia di fare invece parecchia.
Il lavoro dovrebbe essere una cosa seria, che non dovrebbe ridursi, come nel caso in esame, andare al lavoro e fare passare le x ore al giorni bighellonando in attesa di timbrare e ricevere il 27 il bonifico dello stipendio.
E poi si fanno le levate di scudi contro brunetta, il governo che vuole colpire i fannulloni mangiafranchi che commettono questi reati, in quanto tale e non di perdonabili leggerezze.

Sarebbe interessante fare un sondaggio in merito all'interno di questa realtà chissà quante sorprese.
Condivido il giudizio, che dai nel secondo rigo. Ed aggiungo: e chi sù fissa? Altrimenti come farebbero i professorini ? :mrgreen:

http://www.youtube.com/watch?v=GCXNeXlOXAg" onclick="window.open(this.href);return false;
Non c'è limite ad internet, ormai è sconfinato nel mondo del lavoro e non c'è rimedio.
Quando la pagnotta è sicura, si lavuri si fissa e si non navighi e na sciagura. :D

Re: "Internet" in ufficio

Inviato: 28/05/2011, 14:15
da MitipigghjaSquagghju
il tentativo di bloccare i siti da parte degli uffici risulta poco efficace, infatti potrete accedere a qualsiasi sito bloccato semplicemente copiando e incollando l'url incriminato in siti anonimizzatori! buon lavoro :mrgreen:

Re: "Internet" in ufficio

Inviato: 29/05/2011, 1:10
da Lixia
ma solo io sgobbo come la cornuta ??? a casa tutta sta gente ...che ci sono tanti giovani disoccupati

Re: "Internet" in ufficio

Inviato: 29/05/2011, 9:35
da Geronimo
Lixia ha scritto:ma solo io sgobbo come la cornuta ??? a casa tutta sta gente ...che ci sono tanti giovani disoccupati

ah ah, non fare l'ipocrita :mrgreen:
Anche tu messa in un ufficio con internet a disposizione ti collegheresti, purtroppo non lo puoi fare e vorresti mandare a casa tutti, e poi chi li campa le famiglie? :D
Sii più elastica :thumright

Re: "Internet" in ufficio

Inviato: 29/05/2011, 10:09
da doddi
Geronimo ha scritto:
Lixia ha scritto:ma solo io sgobbo come la cornuta ??? a casa tutta sta gente ...che ci sono tanti giovani disoccupati

ah ah, non fare l'ipocrita :mrgreen:
Anche tu messa in un ufficio con internet a disposizione ti collegheresti, purtroppo non lo puoi fare e vorresti mandare a casa tutti, e poi chi li campa le famiglie? :D
Sii più elastica :thumright
Essere elastici dovrebbe essere "concedere" 10 minuti di svago durante una giornata di lavoro pagata con soldi pubblici su cui chiudere un'occhio.
Quando si eccede nei tempi o quando questa possibilità porta il pensiero altrove distogliendolo da cose importanti, delicate e sensibili quali ciò che è inerente alla PUBBLICA AMMINISTRAZIONE mandarli a casa è il minimo se consenti. Poi viene il rimborso del danno e magari l'arresto, ma il licenziamento è davvero il minimo, visto che con gli stessi soldi, come dice lixia, di gente che ha voglia veramente di lavorare ne trovi.

Il "posto pubblico" non è SOLO diritto alla pensione ed allo stipendio già raggiunto alla firma del contratto d'assunzione.

Chi campa le famiglie chiedi?
Affari loro, di certo non chi deve subire queste cose da persone che devono essere al servizio di tutta la collettività, ci pensassero prima di fare i concorsi se le loro intenzioni sono quelle di imboscarsi, cosa che nel privato non è consentita.

Qualche licenziamento in più con la giusta pubblicità sarebbe necessario per far capire ai fancazzisti che rubano il pane a cambiare atteggiamento per il futuro.

Re: "Internet" in ufficio

Inviato: 29/05/2011, 10:21
da Paco-P
la riforma brunetta è un flop infatti
è stata impostata male
invece di menare con la croce su chi è malato ingessando le procedure, e invece di obbligare la gente a stare alla scrivania con badge e altri palliativi
perchè non si pensa alla valutazione del lavoro svolto o meno???

il problema non è internet o uscire a fare la spesa, io se devo uscire striscio e faccio come mi pare sapendo che sesto due ore fuori poi devo recuperare le 2 ore e uscire più tardi
per l'uso di internet in ufficio poi ci sono altrettante volte che lavoro a casa (che sia in malattia o che sia in ferie) e medaglie non non me ne aspetto e non ne voglio

con questo non voglio dire che lavoro solo io
ma che son a posto con la coscienza
pane non ne rubo
IO!

Re: "Internet" in ufficio

Inviato: 29/05/2011, 10:44
da goldenboy
Paco-P ha scritto:la riforma brunetta è un flop infatti
è stata impostata male
invece di menare con la croce su chi è malato ingessando le procedure, e invece di obbligare la gente a stare alla scrivania con badge e altri palliativi
perchè non si pensa alla valutazione del lavoro svolto o meno???

il problema non è internet o uscire a fare la spesa, io se devo uscire striscio e faccio come mi pare sapendo che sesto due ore fuori poi devo recuperare le 2 ore e uscire più tardi
per l'uso di internet in ufficio poi ci sono altrettante volte che lavoro a casa (che sia in malattia o che sia in ferie) e medaglie non non me ne aspetto e non ne voglio

con questo non voglio dire che lavoro solo io
ma che son a posto con la coscienza
pane non ne rubo
IO!

Vai a fargliele capire le cose!!!
Da fuori è facile parlare,non conoscendo la realtà....

e cmq questo topic è un'accusa verso di me,non ce l'hanno con tutti i dipendenti pubblici,tranquillo ...

Re: "Internet" in ufficio

Inviato: 29/05/2011, 11:00
da doddi
goldenboy ha scritto:
Paco-P ha scritto:la riforma brunetta è un flop infatti
è stata impostata male
invece di menare con la croce su chi è malato ingessando le procedure, e invece di obbligare la gente a stare alla scrivania con badge e altri palliativi
perchè non si pensa alla valutazione del lavoro svolto o meno???

il problema non è internet o uscire a fare la spesa, io se devo uscire striscio e faccio come mi pare sapendo che sesto due ore fuori poi devo recuperare le 2 ore e uscire più tardi
per l'uso di internet in ufficio poi ci sono altrettante volte che lavoro a casa (che sia in malattia o che sia in ferie) e medaglie non non me ne aspetto e non ne voglio

con questo non voglio dire che lavoro solo io
ma che son a posto con la coscienza
pane non ne rubo
IO!

Vai a fargliele capire le cose!!!
Da fuori è facile parlare,non conoscendo la realtà....

e cmq questo topic è un'accusa verso di me,non ce l'hanno con tutti i dipendenti pubblici,tranquillo ...

Ribadendo il concetto sempre valido : "ma tu canusci a tia..." rispondo alle tue illazioni dicendoti che questo topic intende dare notizia che l'utilizzo di internet in ufficio per il proprio sollazzo può portare all'arresto da 3 a 10 anni per il reato di peculato.

Di dipendenti pubblici che scrivono sul forum ce ne sono tanti, visto che i numeri dicono che a Reggio c'è circa il 35% della popolazione lavorativa che lavora nella PA per cui, qualora le precentuali fossero traslate in questa realtà virtuale, 1 su 3 potrebbe essere interessato alla notizia che mi è stata girata da amici via mail.

Poi ognuno risponde alla sua coscienza, non a me o al mondo, questo è poco ma sicuro, di come si guadagna la pagnotta.

Io non ce l'ho con nessuno, non soffro di mali oscuri o di fissazioni, nè tantomeno con la categoria generale dei dipendenti pubblici, ma come chiunque altro dotato di senso civico e di giustizia, h24 e non occasionalmente quando conviene, mi dà fastido vedere persone o sapere di persone che creano danni alla comunità in generale nel loro agire quotidiano.

Con una categoria ce l'ho a priori, ad esser sincero, mio difetto da sempre: con gli ipocriti, ma anche questo presumo e spero sia una "malattia" diffusa da cui non si dovrebbe mai guarire o cercare una cura.

Re: "Internet" in ufficio

Inviato: 29/05/2011, 11:08
da cozzina1
io mi sollazzo fuori(essendoci pochissimo in ufficio)....qualcuno ha condannato pure d quelli che navigano con la propria chiavetta in ufficio (e l'ho scritto solo io)ma io me ne frego ...ma me ne frego veramente... :cheers la mia coscienza è a postissimo....visto che non avendo momentaneamente internet in ufficio metto a disposizione dello stesso la mia chiavetta....quasi quasi mi faccio pagare... :fifi:

Re: "Internet" in ufficio

Inviato: 29/05/2011, 11:27
da doddi
cozzina1 ha scritto:io mi sollazzo fuori(essendoci pochissimo in ufficio)....qualcuno ha condannato pure d quelli che navigano con la propria chiavetta in ufficio (e l'ho scritto solo io)ma io me ne frego ...ma me ne frego veramente... :cheers la mia coscienza è a postissimo....visto che non avendo momentaneamente internet in ufficio metto a disposizione dello stesso la mia chiavetta....quasi quasi mi faccio pagare... :fifi:

Viri non mi ti fai 'taccari ... non fissiari :S