sequestrate le quote della vecchia Viola basket

Tutto sul basket e sul mito Viola.

Moderatori: Bud, NinoMed, Lilleuro

Rispondi
Avatar utente
pacino
Forumino Praticante
Forumino Praticante
Messaggi: 250
Iscritto il: 03/06/2011, 16:43

da strill.it


Reggio: sequestrate le quote della vecchia Viola basket, fallita. Nulla a che vedere con quella attuale
Martedì 23 Ottobre 2012 10:02

Nell'ingentissimo patrimonio sequestrato a Pasquale Rappoccio (e Pietro Siclari) rientrano anche quote societarie (pari all'89%) della "vecchia" Viola basket, quella, per intenderci, fallita nel 2008 e che, giova ricordarlo, nulla ha a che vedere con la Team Basket Viola che sta disputando il campionato DNA.

Inoltre, tra gli altri beni sequestrati a Siclari (39 appartamenti, 23 terreni, 26 autorimesse) figura anche il 50% della Welcome Investments Italia, a sua volta titolare dell'80% della Jonio Blu srl, che gestisce il villaggio Jonio Blu di Bianco (Rc)

----------------------------------------------------


La Viola replica a muso duro a Sole 24 Ore: ''Fatti e personaggi implicati totalmente estranei a noi''
Martedì 23 Ottobre 2012 11:55


Di seguito la nota diffusa dalla Team Basket Viola Reggio Calabria

La pallacanestro reggina
rivive uno dei momenti agonistici più importanti dopo le varie gestioni fallimentari, e questo grazie all’intraprendenza, agli sforzi economici ed alla dirigenza a capo del Presidente Giancesare Muscolino. In riferimento all’articolo pubblicato dal” Sole 24 ore”, in data 23 ottobre, dal titolo “Basket, villaggi, discoteche e aziende: a Reggio Calabria sequestrati 230 milioni a due imprenditori”, la società specifica come i fatti ed i personaggi implicati nell’articolo, siano totalmente estranei all’attuale gestione e dirigenza, che, in 2 stagioni e mezzo di amministrazione, ha risanato le sorti di una società fallimentare, riportando il nome e la tradizione cestistica reggina ai vertici dei campionati, disputando attualmente la divisione nazionale A. Per disputare tale campionato, la società ha assunto la forma di un Associazione sportiva dilettantistica a responsabilità limitata, e con grandi sacrifici, senza alcuna risposta o sostegno economico dal territorio, continua a portare a termine tutti gli impegni derivati dal dispendioso campionato nazionale, nel massimo della legalità e della trasparenza, così come ha sempre fatto sin dal momento dell’insediamento della nuova dirigenza.
metà del mondo non capisce i desideri dell'altra metà

prima viene la mia famiglia, poi la mia squadra....... tutto il resto non conta
Rispondi