Italia, da chi ripartire?

Tutto quello che riguarda le altre squadre di calcio e gli altri sport.

Moderatori: Bud, NinoMed, Lixia, Lilleuro, Mave, ManAGeR78

Avatar utente
Lilleuro
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 9196
Iscritto il: 11/05/2011, 14:32
Località: Roma

Re: Italia, da chi ripartire?

Messaggio da Lilleuro » 26/06/2014, 18:38

Sono d'accordo con mave, rivoluzione va bene, fare le cose a casaccio no...non puoi eliminare da un giorno all'altro un'intera difesa, bisogna trovare i giocatori giusti da inserire gradualmente. Barzagli è il più vecchio (purtoppo anche il più forte)? bene, allora cominciamo con l'inserire qualcuno al suo posto

Poi verranno Bonucci e Chiellini, ma solo dopo aver trovato qualcuno da poter rischiare...altrimenti i giovani rischi solo di bruciarli
Come si dorme non è importante, come si è svegli è importante

Cit. Vadinho
Avatar utente
REGGIOVUNQUE
Ehi cosa bella!
Ehi cosa bella!
Messaggi: 11265
Iscritto il: 13/05/2011, 0:55

Re: Italia, da chi ripartire?

Messaggio da REGGIOVUNQUE » 26/06/2014, 18:40

Lilleuro ha scritto:Sono d'accordo con mave, rivoluzione va bene, fare le cose a casaccio no...non puoi eliminare da un giorno all'altro un'intera difesa, bisogna trovare i giocatori giusti da inserire gradualmente. Barzagli è il più vecchio (purtoppo anche il più forte)? bene, allora cominciamo con l'inserire qualcuno al suo posto

Poi verranno Bonucci e Chiellini, ma solo dopo aver trovato qualcuno da poter rischiare...altrimenti i giovani rischi solo di bruciarli

ok chiellini,ma bonucci a che pro :scratch :scratch :scratch :scratch :scratch
Avatar utente
REGGIOVUNQUE
Ehi cosa bella!
Ehi cosa bella!
Messaggi: 11265
Iscritto il: 13/05/2011, 0:55

Re: Italia, da chi ripartire?

Messaggio da REGGIOVUNQUE » 26/06/2014, 18:50

secondo me come dite voi,l unico che deve rimanere in quel reparto dei tre è BARZAGLI,gli altri non sono indispensabili o meglio,non sono i piu forti
Avatar utente
Lilleuro
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 9196
Iscritto il: 11/05/2011, 14:32
Località: Roma

Re: Italia, da chi ripartire?

Messaggio da Lilleuro » 26/06/2014, 19:13

REGGIOVUNQUE ha scritto:secondo me come dite voi,l unico che deve rimanere in quel reparto dei tre è BARZAGLI,gli altri non sono indispensabili o meglio,non sono i piu forti
Se avessero la stessa età non ci sarebbero problemi, il fatto è che Bonucci ha 27 anni, Chiellini 29, Barzagli 33...ha senso tenere un difensore sapendo che al prossimo europeo avrà 35 anni?

Bonucci e Chiellini non sono i più forti solo perchè, appunto, c'è Barzagli davanti...per il resto, è inutile che continuiamo a raccontarci le favolette, i vari Paletta, Astori, Ranocchia, Criscito, ecc...è tutta gente che non migliorerebbe la nostra situazione difensiva, continueremmo solo a soffrire dietro. Dobbiamo trovare nuovi difensori di valore, inserirli gradualmente in squadra, facendoli maturare
Come si dorme non è importante, come si è svegli è importante

Cit. Vadinho
Avatar utente
REGGIOVUNQUE
Ehi cosa bella!
Ehi cosa bella!
Messaggi: 11265
Iscritto il: 13/05/2011, 0:55

Re: Italia, da chi ripartire?

Messaggio da REGGIOVUNQUE » 26/06/2014, 19:17

Lilleuro ha scritto:
REGGIOVUNQUE ha scritto:secondo me come dite voi,l unico che deve rimanere in quel reparto dei tre è BARZAGLI,gli altri non sono indispensabili o meglio,non sono i piu forti
Se avessero la stessa età non ci sarebbero problemi, il fatto è che Bonucci ha 27 anni, Chiellini 29, Barzagli 33...ha senso tenere un difensore sapendo che al prossimo europeo avrà 35 anni?

Bonucci e Chiellini non i sono più forti solo perchè, appunto, c'è Barzagli davanti...per il resto, è inutile che continuiamo a raccontarci le favolette, i vari Paletta, Astori, Ranocchia, Criscito, ecc...è tutta gente che non migliorerebbe la nostra situazione difensiva, continueremmo solo a soffrire dietro. Dobbiamo trovare nuovi difensori di valore, inserirli gradualmente in squadra, facendoli maturare

io parlavo di Barzagli in quanto come detto,il piu bravo dei 3 dietro.....i 2 restanti non mi piacciono x niente e secondo me anche lo stesso Ranocchia potrebbe prendere il loro posto,ma se ti vo teniri vabbè........ti fazzu tiniri x un po....... :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:


ma se pensiamo che potrebbero diventare futuri CAPITANI della nazionale(e qui ci sarebbe d aprire un altro tema visto che penso che UN TERRONE CAPITANO ha piu spessore e senso di appartenenza rispetto ad un polentone,cosa che dovrebbe essere opposta,in base alla storia),mi veni a pelle d oca....
Avatar utente
Mave
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 8418
Iscritto il: 11/05/2011, 15:28

Re: Italia, da chi ripartire?

Messaggio da Mave » 26/06/2014, 19:26

volenti o nolenti...sono 2 che giocano la champions e sono abituati a certi livelli, abbiamo visto immobile, cerci e paletta come hanno reagito al palcoscenico mondiale...ranocchia che anche secondo me è più forte di bonucci l'anno prossimo se resta all'Inter non giocherà coppe, questi sono problemi perché puoi avere il Darmian di turno che gioca bene lo stesso, anzi alza il suo livello o spesso ti ritrovi con gente che è la brutta copia di quella ammirata durante l'anno
reggino
Non c'è nenti!
Non c'è nenti!
Messaggi: 4513
Iscritto il: 12/05/2011, 19:30
Località: l'isola che non c'è

Re: Italia, da chi ripartire?

Messaggio da reggino » 26/06/2014, 22:02

I gggiovani...il gruppo...il 4-3-3 fantasia...limite agli stranieri...basta oriundi...le palle...il bel gioco...non solo la senzione attualità ma anche quella altro calcio è la fiera del luogo comune.
le società puntano sui giovani,se pensano che da essi,possano ricevere qualcosa.
la Juventus è stata bravissima a puntare su Pogba,per esempio.In Italia abbiamo un Pogba???se non abbiamo i Pogba la colpa è delle società che non puntano sui giovani,che non hanno le qualità di Pogba,oppure bisogna avere l'onestà intellettuale di dire che i giovani che sforniamo sono scadenti??
Il Milan altrettanto bravo fu a puntare su un giovane come kakà,pagato pochissimo,preso non a costo zero,come pogba,però visto a quanto lo ha venduto,e quanto ha vinto,ha fatto un affare e giustamente ci ha creduto,quanti kakà Italiani ci sono??se non ci sono la colpa è delle società,oppure i giovani che sforniamo,fanno cacare??
Sui i giovani le nostre società investono.basti pensare a quanto la juve ha pagato i zaza,gli immobili,i giovinco,quando erano giovane,o quanto l'Inter ha pagato uno come Ranocchia(cirillo alla sua età era più forte).
Solo che questi giovani,fanno pena,nelle big europee non li vorrebbero neanche per pulire i cessi. Qualche mese fa si parlava di Berardi,ora questo qui è scomparso dalla circolazione.
Il problema è di qualità.Noi non abbiamo giovani di qualità.E le società,con questi giovani che abbiamo,fanno bene a puntare su altri giovani che provengono da campionati esteri,perchè con i nostri non vinceranno mai nulla.
Non è un caso che i giocatori simbolo delle prime due squadre del nostro campionato,sono Pirlo e Totti.
https://www.youtube.com/watch?v=-JQINuybHL4" onclick="window.open(this.href);return false;
suonatore Jones

Re: Italia, da chi ripartire?

Messaggio da suonatore Jones » 26/06/2014, 22:35

reggino ha scritto:I gggiovani...il gruppo...il 4-3-3 fantasia...limite agli stranieri...basta oriundi...le palle...il bel gioco...non solo la senzione attualità ma anche quella altro calcio è la fiera del luogo comune.
le società puntano sui giovani,se pensano che da essi,possano ricevere qualcosa.
la Juventus è stata bravissima a puntare su Pogba,per esempio.In Italia abbiamo un Pogba???se non abbiamo i Pogba la colpa è delle società che non puntano sui giovani,che non hanno le qualità di Pogba,oppure bisogna avere l'onestà intellettuale di dire che i giovani che sforniamo sono scadenti??
Il Milan altrettanto bravo fu a puntare su un giovane come kakà,pagato pochissimo,preso non a costo zero,come pogba,però visto a quanto lo ha venduto,e quanto ha vinto,ha fatto un affare e giustamente ci ha creduto,quanti kakà Italiani ci sono??se non ci sono la colpa è delle società,oppure i giovani che sforniamo,fanno cacare??
Sui i giovani le nostre società investono.basti pensare a quanto la juve ha pagato i zaza,gli immobili,i giovinco,quando erano giovane,o quanto l'Inter ha pagato uno come Ranocchia(cirillo alla sua età era più forte).
Solo che questi giovani,fanno pena,nelle big europee non li vorrebbero neanche per pulire i cessi. Qualche mese fa si parlava di Berardi,ora questo qui è scomparso dalla circolazione.
Il problema è di qualità.Noi non abbiamo giovani di qualità.E le società,con questi giovani che abbiamo,fanno bene a puntare su altri giovani che provengono da campionati esteri,perchè con i nostri non vinceranno mai nulla.
Non è un caso che i giocatori simbolo delle prime due squadre del nostro campionato,sono Pirlo e Totti.
certo. posto che i nazionali non emergono, li fai emergere a forza. e a forza di giocare impareranno a stare in campo.
tu citi pogba e kaka, ma sono due casi che non rappresentano la norma. dovresti citare i guarin, pereira, thiago, poulsen, almiron, il difensore nero del milan ouaew o roba simile, il terzino dell'inter che ha fatto mezzo campionato decente. e ho parlato solo di alcuni giocatori di juve, inter e milan. poi, tutti i fenomeni che compongono queste squadre sono riusciti a centrare un ottavo di finale di champions. minchia, saranno scarsi gli italiani.
ah, come non citare tutti gli stranieri insulsi con cui la lazio ci sta riempiendo il campionato? quelli sono gli stranieri da "combattere", non pogba.

giuseppe rossi era al parma. ha fatto vedere tutto quello che sapeva fare e nessuno in italia ha investito su di lui. è andato al villarreal, è stato idolo e poi è trornato in italia. questo perchè non ci sono i giovani.

santon? dato per morto in italia, va in premier ed è uomo di gran rendimento. in italia era finito a vent'anni. venti.

penso che per quanto sia stato pagato guarin, ti compravi 25 centrocampisti dalla lega pro e uno migliore lo trovavi sicuro.

siamo poi la squadra (reggina) che in un anno comprava una pletora di scandinavi tutti falliti che ci hanno portato (non loro, ma il fatto che compravamo svariate seghe ogni anno) alla lega pro.

pirlo è un fenomeno assoluto. ha iniziato a giocare nell'italia con continuità dopo euro 2004, a 25 anni. pirlo. fino a quel momento si giocava il posto con i doni (2002) e via dicendo. ed era considerato un giocatore normale. ottimi piedi, ma nulla di trascendentale. è stato dopo una sfida con la scozia (2004-2005) in cui segnò una doppietta su punizione che i giornalisti iniziarono a idolatrare quello che per me è il miglior calciatore che l'italia abbia sfornato dopo baggio (io lo preferisco a baggio, ma tant'è). lo ricordo perchè ascoltavo in auto la radiocronaca ed ero gasatissimo.

totti, nel 2000, quando a reggio segnò il primo gol in nazionale, aveva 24 anni e 4 presenze in partite ufficiali (qualificazioni a euro 2000).

la gente di cui si parla, a 20 anni ha una carriera e un palmares superiori a totti e pirlo. con questo, ovviamente, non voglio dire che siano migliori, ma che è strano che la germania ha 5 trequartisti poco più che ventenni tutti fortissimi (più i non convocati) e l'italia nessuno.

se i giocatori non giocano, non hanno fiducia. e tranquillo che a certi livelli la fiducia può più della tecnica.

ah, e come citare corini, scartato dalla serie a da giovane, è arrivato a 30 anni e in quel ruolo è stato uno dei migliori fino ai 38
reggino
Non c'è nenti!
Non c'è nenti!
Messaggi: 4513
Iscritto il: 12/05/2011, 19:30
Località: l'isola che non c'è

Re: Italia, da chi ripartire?

Messaggio da reggino » 26/06/2014, 22:47

suonatore Jones ha scritto:[quote

certo. posto che i nazionali non emergono, li fai emergere a forza. e a forza di giocare impareranno a stare in campo.
tu citi pogba e kaka, ma sono due casi che non rappresentano la norma. dovresti citare i guarin, pereira, thiago, poulsen, almiron, il difensore nero del milan ouaew o roba simile, il terzino dell'inter che ha fatto mezzo campionato decente. e ho parlato solo di alcuni giocatori di juve, inter e milan. poi, tutti i fenomeni che compongono queste squadre sono riusciti a centrare un ottavo di finale di champions. minchia, saranno scarsi gli italiani.
ah, come non citare tutti gli stranieri insulsi con cui la lazio ci sta riempiendo il campionato? quelli sono gli stranieri da "combattere", non pogba.

giuseppe rossi era al parma. ha fatto vedere tutto quello che sapeva fare e nessuno in italia ha investito su di lui. è andato al villarreal, è stato idolo e poi è trornato in italia. questo perchè non ci sono i giovani.

santon? dato per morto in italia, va in premier ed è uomo di gran rendimento. in italia era finito a vent'anni. venti.

penso che per quanto sia stato pagato guarin, ti compravi 25 centrocampisti dalla lega pro e uno migliore lo trovavi sicuro.

siamo poi la squadra (reggina) che in un anno comprava una pletora di scandinavi tutti falliti che ci hanno portato (non loro, ma il fatto che compravamo svariate seghe ogni anno) alla lega pro.

pirlo è un fenomeno assoluto. ha iniziato a giocare nell'italia con continuità dopo euro 2004, a 25 anni. pirlo. fino a quel momento si giocava il posto con i doni (2002) e via dicendo. ed era considerato un giocatore normale. ottimi piedi, ma nulla di trascendentale. è stato dopo una sfida con la scozia (2004-2005) in cui segnò una doppietta su punizione che i giornalisti iniziarono a idolatrare quello che per me è il miglior calciatore che l'italia abbia sfornato dopo baggio (io lo preferisco a baggio, ma tant'è). lo ricordo perchè ascoltavo in auto la radiocronaca ed ero gasatissimo.

totti, nel 2000, quando a reggio segnò il primo gol in nazionale, aveva 24 anni e 4 presenze in partite ufficiali (qualificazioni a euro 2000).

la gente di cui si parla, a 20 anni ha una carriera e un palmares superiori a totti e pirlo. con questo, ovviamente, non voglio dire che siano migliori, ma che è strano che la germania ha 5 trequartisti poco più che ventenni tutti fortissimi (più i non convocati) e l'italia nessuno.

se i giocatori non giocano, non hanno fiducia. e tranquillo che a certi livelli la fiducia può più della tecnica.
la prima squadra che puntò su Rossi fu proprio il Parma.Tra le altre cose era intenzionato pure ad acquistarlo dall'Utd,solo che non aveva i soldi per prelevarlo.A dimostrazione di come se i giovani sono bravi le nostre società,se hanno i soldi, investono.
Su Santon l'Inter ci aveva investito,quando era giovanissimo,è chiaro che quando in quel lato ci sono i Zanetti e i Maicon,dinnanzi ad un offerta di quel tipo,era impossibile non rinunciarci(penso lo Utd si è liberato di Pogba a costo zero).
la Roma ha investito su Florenzi e Destro,giovanissimo,per intenderci.
Secondo me,è poco sensato,costringere le società a puntare sui giocatori italiani,a prescindere se siano talentuosi o meno,proibendo,loro, di prelevare giovani stranieri.
https://www.youtube.com/watch?v=-JQINuybHL4" onclick="window.open(this.href);return false;
Avatar utente
Lilleuro
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 9196
Iscritto il: 11/05/2011, 14:32
Località: Roma

Re: Italia, da chi ripartire?

Messaggio da Lilleuro » 27/06/2014, 0:47

reggino ha scritto:la prima squadra che puntò su Rossi fu proprio il Parma.Tra le altre cose era intenzionato pure ad acquistarlo dall'Utd,solo che non aveva i soldi per prelevarlo.A dimostrazione di come se i giovani sono bravi le nostre società,se hanno i soldi, investono.
Su Santon l'Inter ci aveva investito,quando era giovanissimo,è chiaro che quando in quel lato ci sono i Zanetti e i Maicon,dinnanzi ad un offerta di quel tipo,era impossibile non rinunciarci(penso lo Utd si è liberato di Pogba a costo zero).
la Roma ha investito su Florenzi e Destro,giovanissimo,per intenderci.
Secondo me,è poco sensato,costringere le società a puntare sui giocatori italiani,a prescindere se siano talentuosi o meno,proibendo,loro, di prelevare giovani stranieri.
reggino bello, non te la cavi certo così...scommettiamo che per ogni italiano scarso che trovi, venuto fuori negli ultimi 5 anni, io ti trovo almeno 2 stranieri ancora più scarsi che sono arrivati in Italia nello stesso periodo? :D

Alcuni li ha citati suonatore, ma sono solo una piccolissima percentuale...vedi, è troppo facile citare i tanti giovani scarsoni italiani che facciamo esordire in serie A e confrontarli con Pogba...ma Pogba è uno, non è che la Francia ne ha 20. E le decine di stranieri indecenti che hanno calcato i nostri campi te li sei persi per strada? Per non parlare del fatto che in Premier (per citarne una) ci sono almeno altrettanti sbarbatelli inglesi che vengono buttati nella mischia senza troppi problemi...ovviamente sbarbatelli scarsoni

Voglio dire, se il Catania finisce il campionato all'ultimo posto in classifica, la colpa sarà dei 18 stranieri (13 argentini) in squadra o dei 6 italiani? E dai...non si tratta di proibire alle società di prelevare gli stranieri, ma di incentivare la crescita dei giovani italiani
Come si dorme non è importante, come si è svegli è importante

Cit. Vadinho
suonatore Jones

Re: Italia, da chi ripartire?

Messaggio da suonatore Jones » 27/06/2014, 1:19

reggino ha scritto:
suonatore Jones ha scritto:[quote

certo. posto che i nazionali non emergono, li fai emergere a forza. e a forza di giocare impareranno a stare in campo.
tu citi pogba e kaka, ma sono due casi che non rappresentano la norma. dovresti citare i guarin, pereira, thiago, poulsen, almiron, il difensore nero del milan ouaew o roba simile, il terzino dell'inter che ha fatto mezzo campionato decente. e ho parlato solo di alcuni giocatori di juve, inter e milan. poi, tutti i fenomeni che compongono queste squadre sono riusciti a centrare un ottavo di finale di champions. minchia, saranno scarsi gli italiani.
ah, come non citare tutti gli stranieri insulsi con cui la lazio ci sta riempiendo il campionato? quelli sono gli stranieri da "combattere", non pogba.

giuseppe rossi era al parma. ha fatto vedere tutto quello che sapeva fare e nessuno in italia ha investito su di lui. è andato al villarreal, è stato idolo e poi è trornato in italia. questo perchè non ci sono i giovani.

santon? dato per morto in italia, va in premier ed è uomo di gran rendimento. in italia era finito a vent'anni. venti.

penso che per quanto sia stato pagato guarin, ti compravi 25 centrocampisti dalla lega pro e uno migliore lo trovavi sicuro.

siamo poi la squadra (reggina) che in un anno comprava una pletora di scandinavi tutti falliti che ci hanno portato (non loro, ma il fatto che compravamo svariate seghe ogni anno) alla lega pro.

pirlo è un fenomeno assoluto. ha iniziato a giocare nell'italia con continuità dopo euro 2004, a 25 anni. pirlo. fino a quel momento si giocava il posto con i doni (2002) e via dicendo. ed era considerato un giocatore normale. ottimi piedi, ma nulla di trascendentale. è stato dopo una sfida con la scozia (2004-2005) in cui segnò una doppietta su punizione che i giornalisti iniziarono a idolatrare quello che per me è il miglior calciatore che l'italia abbia sfornato dopo baggio (io lo preferisco a baggio, ma tant'è). lo ricordo perchè ascoltavo in auto la radiocronaca ed ero gasatissimo.

totti, nel 2000, quando a reggio segnò il primo gol in nazionale, aveva 24 anni e 4 presenze in partite ufficiali (qualificazioni a euro 2000).

la gente di cui si parla, a 20 anni ha una carriera e un palmares superiori a totti e pirlo. con questo, ovviamente, non voglio dire che siano migliori, ma che è strano che la germania ha 5 trequartisti poco più che ventenni tutti fortissimi (più i non convocati) e l'italia nessuno.

se i giocatori non giocano, non hanno fiducia. e tranquillo che a certi livelli la fiducia può più della tecnica.
la prima squadra che puntò su Rossi fu proprio il Parma.Tra le altre cose era intenzionato pure ad acquistarlo dall'Utd,solo che non aveva i soldi per prelevarlo.A dimostrazione di come se i giovani sono bravi le nostre società,se hanno i soldi, investono.
Su Santon l'Inter ci aveva investito,quando era giovanissimo,è chiaro che quando in quel lato ci sono i Zanetti e i Maicon,dinnanzi ad un offerta di quel tipo,era impossibile non rinunciarci(penso lo Utd si è liberato di Pogba a costo zero).
la Roma ha investito su Florenzi e Destro,giovanissimo,per intenderci.
Secondo me,è poco sensato,costringere le società a puntare sui giocatori italiani,a prescindere se siano talentuosi o meno,proibendo,loro, di prelevare giovani stranieri.
il parma ha fatto vedere di che pasta fosse fatto rossi, ma nessuno recepì il messaggio in italia. e non penso che tutte le squadre italiane del livello del villarreal avessero giocatori così superiori. tra l'altro, sto notando adesso che rossi ha giocato solo la confederations cup 2009 come competizioni internazionali (ah beh).

la roma con florenzi e destro ha fatto stra-bene. peccato che prandelli non li veda (florenzi a casa e parolo-aquilani convocati, per dire).

santon è andato via dall'inter un anno prima di maicon, che fece una stagione sotto le aspettative ed era in aria di cessione.

lo united ha perso rossi e pogba, e rosico da anni. ha fatto schifo quest'anno e ha fatto un mercato ridicolo. però ha provato TUTTI i giovani del vivaio e ci ha creduto non poco.

walcott ai mondiali del 2006 non aveva una presenza in campionato. ma era uno dei più promettenti giovani del panorama inglese. aveva 17 anni. e l'arsenal continua a non vincere niente, ma dimostra come si possa stare nelle prime 4-5 di un campionato che ha united, chelsea, liverpool, city e tottenham e everton a rompere le scatola cedendo le stelle e puntando sul rinnovamento dei giovani, anche se di inglesi non ne ha tantissimi, a dire il vero.

per dire, i milanisti si lamentano di mexes e zapata. sacrosanto. una soluzione potrebbe essere iniziare a pescare dall'under. penso che i tizi che sono andati a giocare in crucconia avrebbero potuto essere una possibilità.

l'inter sta tornando a essere una squadra che prende stranieri. oggi ho letto che mazzarri voleva behrami e gli hanno preso uno straniero che non conosco e s'è sfavato.
Avatar utente
_naka
Ehi cosa bella!
Ehi cosa bella!
Messaggi: 5084
Iscritto il: 11/05/2011, 15:01

Re: Italia, da chi ripartire?

Messaggio da _naka » 27/06/2014, 8:47

il problema dell'italia è che si pretende che i giovani vincano le partite da soli e siano pronti subito.....per i progetti ci vuole tempo, diamogli il tempo di crescere.....per esempio berardi ora farà 2 anni a sassuolo, poi la juve lo deve prendere e lanciare in campo alternandolo con gli altri campioni.....e il pubblico deve essere maturo per accettare gli sbagli dei calciatori più giovani..... si deve anche accettare di avere qualche anno di transizione.....

i giovani bravi ci sono, ma vanno inseriti nel contesto giusto....altrimenti fanno fatica ad esprimersi...... secondo me l'importante è alzare il TASSO QUALITATIVO del campionato italiano, la juve ha fatto 102 punti, troppi in un campionato serio come la serie A, abbiamo bisogno che altre squadre diventino forti e i giovani acquisiscano esperienza europea, non possiamo avere solo una squadra con un buon numero di italiani in europa....
PIU' VIVO PIU' TI AMO ! Tu sempre tu ,canterò sempre di più !! Ho visto la reggina mi sono innamorato e non la lascerò mai più !
reggino
Non c'è nenti!
Non c'è nenti!
Messaggi: 4513
Iscritto il: 12/05/2011, 19:30
Località: l'isola che non c'è

Re: Italia, da chi ripartire?

Messaggio da reggino » 27/06/2014, 12:52

suonatore Jones ha scritto:[quote



il parma ha fatto vedere di che pasta fosse fatto rossi, ma nessuno recepì il messaggio in italia. e non penso che tutte le squadre italiane del livello del villarreal avessero giocatori così superiori. tra l'altro, sto notando adesso che rossi ha giocato solo la confederations cup 2009 come competizioni internazionali (ah beh).

la roma con florenzi e destro ha fatto stra-bene. peccato che prandelli non li veda (florenzi a casa e parolo-aquilani convocati, per dire).

santon è andato via dall'inter un anno prima di maicon, che fece una stagione sotto le aspettative ed era in aria di cessione.

lo united ha perso rossi e pogba, e rosico da anni. ha fatto schifo quest'anno e ha fatto un mercato ridicolo. però ha provato TUTTI i giovani del vivaio e ci ha creduto non poco.

walcott ai mondiali del 2006 non aveva una presenza in campionato. ma era uno dei più promettenti giovani del panorama inglese. aveva 17 anni. e l'arsenal continua a non vincere niente, ma dimostra come si possa stare nelle prime 4-5 di un campionato che ha united, chelsea, liverpool, city e tottenham e everton a rompere le scatola cedendo le stelle e puntando sul rinnovamento dei giovani, anche se di inglesi non ne ha tantissimi, a dire il vero.

per dire, i milanisti si lamentano di mexes e zapata. sacrosanto. una soluzione potrebbe essere iniziare a pescare dall'under. penso che i tizi che sono andati a giocare in crucconia avrebbero potuto essere una possibilità.

l'inter sta tornando a essere una squadra che prende stranieri. oggi ho letto che mazzarri voleva behrami e gli hanno preso uno straniero che non conosco e s'è sfavato.
parliamo di giovani e tu mi citi i poulsen,gli almiron e i guarin.
Il discorso era perchè le squadre italiane puntano sui giovani stranieri piuttosto che su quelli italiani??
La mia risposta intanto,era che intanto non è vero che le nostre squadra non puntino sui giovani italiani,se sono bravi come nel caso di Rossi,Florenzi,Destro,le società ci puntano,altrimenti prendono i giovani stranieri.Come ha fatto la Juve con Pogba,il Milan con kakà,la Lazio con Keità.
Abbiamo giovani italiani di questo livello??ricordo che si parlava bene di come potenziali fenomeni: Macheda e Lupoli,su cui le nostre società hanno puntato,risultato??hanno fatto flop.
Si parlava di come fenomeno Gambino,che non siamo stati bravi noi Italiani a valorizzarlo e oggi gioca nel Trapani.
Vogliamo parlare del portierone Curci,che da giovane si diceva che avesse un futuro radioso e ci si chiedeva il perchè l'Inter anzichè puntare su Cesar,il Milan su Dida,la Juve su Buffon,non avessero puntato su quel talentuoso portiere??
Ora dove gioca Curci??questo è un altro luogo comune.Le nostre società sui giovani italiani del loro vivaio, e non,ci puntano.Patagna,Petagna,o come cavolo si chiama,si pensava che fosse un fenomeno e nella samp ha fatto flop,idem paloschi,che sembrava il nuovo van basten,oggi gioca in una provinciale.
Andiamo,siamo obiettivi,i giovani che sforniamo,magari neanche per colpa loro,sono pessimi.
Soprattutto per quel che concerne i terzini,senza parlare dell'assenza di,veri, numero 10,dell'assenza di centrali difensivi con i controcazzi,o dei mediani alla Pirlo.
Ultima modifica di reggino il 27/06/2014, 13:01, modificato 1 volta in totale.
https://www.youtube.com/watch?v=-JQINuybHL4" onclick="window.open(this.href);return false;
reggino
Non c'è nenti!
Non c'è nenti!
Messaggi: 4513
Iscritto il: 12/05/2011, 19:30
Località: l'isola che non c'è

Re: Italia, da chi ripartire?

Messaggio da reggino » 27/06/2014, 12:59

Lilleuro ha scritto:[quote

reggino bello, non te la cavi certo così...scommettiamo che per ogni italiano scarso che trovi, venuto fuori negli ultimi 5 anni, io ti trovo almeno 2 stranieri ancora più scarsi che sono arrivati in Italia nello stesso periodo? :D

Alcuni li ha citati suonatore, ma sono solo una piccolissima percentuale...vedi, è troppo facile citare i tanti giovani scarsoni italiani che facciamo esordire in serie A e confrontarli con Pogba...ma Pogba è uno, non è che la Francia ne ha 20. E le decine di stranieri indecenti che hanno calcato i nostri campi te li sei persi per strada? Per non parlare del fatto che in Premier (per citarne una) ci sono almeno altrettanti sbarbatelli inglesi che vengono buttati nella mischia senza troppi problemi...ovviamente sbarbatelli scarsoni

Voglio dire, se il Catania finisce il campionato all'ultimo posto in classifica, la colpa sarà dei 18 stranieri (13 argentini) in squadra o dei 6 italiani? E dai...non si tratta di proibire alle società di prelevare gli stranieri, ma di incentivare la crescita dei giovani italiani
Il catania con quasi la stessa squadra con cui è retrocessa quest'anno,lo scorso anno è arrivata settima.
I nostri media pompano e continuare a pompare i giovani,ancora ricordo dopo il primo goal che fece Paloschi in A,i titoli dei giornali,sembrava fosse un fenomeno,il Milan ci ha puntato,e non solo,sembrava che avesse un futuro da titolare inamovibile in Nazionale,e oggi te lo trovi in una provinciale.
Di De Sciglio,si parlava e si parla,come il nuovo Zambrotta,e abbiamo visto ai mondiali che pippa è.
Criscito che è otto-nove anni più grande avrebbe fatto una figura migliore,ma anche lo stesso Zambrotta,che ha quasi 40 anni.
Centrali difensivi giovani,decenti non ne abbiamo proprio,pensa che abbiamo preferito persino portarci Paletta.
Giovani,numeri 10 veri,non ne abbiamo,l'ultimo rimasto è un 38 enne.
In queste condizioni,come biasimare le società italiane,che non vogliono investire sui giovani italiani e magari preferiscono puntare sull'usato sicuro oppure su giovani stranieri??
https://www.youtube.com/watch?v=-JQINuybHL4" onclick="window.open(this.href);return false;
suonatore Jones

Re: Italia, da chi ripartire?

Messaggio da suonatore Jones » 27/06/2014, 13:17

Su de sciglio sono totalmente in disaccordo. Non è un nuovo Zambrotta (ma che faceva Zambrotta all'eta di de sciglio?), ma assolutamente mi espongo e dico che sarà titolare con merito.

Sul puntare sugli stranieri ti darei ragione, se avessimo un campionato top. Agli ottavi di Champions ci saresti arrivato anche con squadre meno estere di Milan e juve
reggino
Non c'è nenti!
Non c'è nenti!
Messaggi: 4513
Iscritto il: 12/05/2011, 19:30
Località: l'isola che non c'è

Re: Italia, da chi ripartire?

Messaggio da reggino » 27/06/2014, 13:29

suonatore Jones ha scritto:Su de sciglio sono totalmente in disaccordo. Non è un nuovo Zambrotta (ma che faceva Zambrotta all'eta di de sciglio?), ma assolutamente mi espongo e dico che sarà titolare con merito.

Sul puntare sugli stranieri ti darei ragione, se avessimo un campionato top. Agli ottavi di Champions ci saresti arrivato anche con squadre meno estere di Milan e juve
All'età di De Sciglio,Zambrotta fece uno straordinario campionato,assieme a cassano(un altro ex giovane su cui le nostre squadre italiane hanno puntato,a dimostrazione di come se vali qualcosa,in te ci investino,la Roma spese per lui 80 mld) ed ennynnaya, col Bari,tant'è che l'anno dopo fu acquistato dalla Juve e fatto giocare subito titolare.
De Sciglio con l'Uruguay ha giocato malissimo,e con il Milan di Seedorf,idem.
Io penso,l'esatto opposto,che il problema dei nostri giovani italiani,è proprio che li esaltiamo troppo e li sovrastimiamo.
Ancora ricordo di pasquale,l'ex terzino sinistro dell'Inter,come veniva etichettato dai giornali italiani,di come ne parlavano sembrava il nuovo roberto carlos,e l'Inter ci ha creduto in lui,ora non so manco dove gioca.
Così non so manco dove gioca quell'eterna promessa di Acerbi,che sembrava avesse il futuro assicurato,e ora chissà in quale parte sperduta del mondo gioca.
Per non parlare dell'arciere calaiò,tutti si meravigliavano di come un giovane del suo talento giocasse in c1 col napoli,a quell'età,e ora non so manco dove gioca.
Ripeto: sui giovani italiani,le società italiano ci credono e ci investono,altrimenti non mi spiegherò mai come un Morabito abbia giocato in Serie A e uno come Chiumiento abbia non solo giocato in A con la Juventus ma pure in champions.Il problema è che sono scarsi o poco competitivi con altri giovani provenienti da altre nazionalità.
Ultima modifica di reggino il 27/06/2014, 14:16, modificato 1 volta in totale.
https://www.youtube.com/watch?v=-JQINuybHL4" onclick="window.open(this.href);return false;
reggino
Non c'è nenti!
Non c'è nenti!
Messaggi: 4513
Iscritto il: 12/05/2011, 19:30
Località: l'isola che non c'è

Re: Italia, da chi ripartire?

Messaggio da reggino » 27/06/2014, 14:15

_naka ha scritto:il problema dell'italia è che si pretende che i giovani vincano le partite da soli e siano pronti subito.....per i progetti ci vuole tempo, diamogli il tempo di crescere.....per esempio berardi ora farà 2 anni a sassuolo, poi la juve lo deve prendere e lanciare in campo alternandolo con gli altri campioni.....e il pubblico deve essere maturo per accettare gli sbagli dei calciatori più giovani..... si deve anche accettare di avere qualche anno di transizione.....

i giovani bravi ci sono, ma vanno inseriti nel contesto giusto....altrimenti fanno fatica ad esprimersi...... secondo me l'importante è alzare il TASSO QUALITATIVO del campionato italiano, la juve ha fatto 102 punti, troppi in un campionato serio come la serie A, abbiamo bisogno che altre squadre diventino forti e i giovani acquisiscano esperienza europea, non possiamo avere solo una squadra con un buon numero di italiani in europa....
Ma finiamola pure con sto discorso del tempo,della maturazione,della speranza.
Rivera giocava nel milan a sedici anni,baggio a diciotto era già un mostro,per non parlare di Totti e Del Piero.
A furia di aspettare,pazientare,non pretendere,da 18 enni diventano 27 enni.
Se sei bravo,il tuo talento lo metti già in mostra,il problema è che non abbiamo giovani di talento(tranne rarissimi eccezioni).
Ad oggi.
Tant'è che non vediamo l'ora di naturalizzare qualcuno.
:salut
https://www.youtube.com/watch?v=-JQINuybHL4" onclick="window.open(this.href);return false;
Avatar utente
Lilleuro
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 9196
Iscritto il: 11/05/2011, 14:32
Località: Roma

Re: Italia, da chi ripartire?

Messaggio da Lilleuro » 27/06/2014, 14:20

reggino ha scritto:Così non so manco dove gioca quell'eterna promessa di Acerbi,che sembrava avesse il futuro assicurato,e ora chissà in quale parte sperduta del mondo gioca.
Per non parlare dell'arciere calaiò,tutti si meravigliavano di come un giovane del suo talento giocasse in c1 col napoli,a quell'età,e ora non so manco dove gioca.
Ripeto: sui giovani italiani,le società italiano ci credono e ci investono,altrimenti non mi spiegherò mai come un Morabito abbia giocato in Serie A e uno come Chiumiento abbia non solo giocato in A con la Juventus ma pure in champions.Il problema è che sono scarsi o poco competitivi con altri giovani provenienti da altre nazionalità.
reggino, con tutto il rispetto, su Acerbi forse dovresti informarti un attimino, visto che ha avuto problemi molto più seri di quelli che normalmente deve affrontare un calciatore...anzi, direi molto più seri di quelli che di solito affrontiamo tutti noi, fortunatamente

Detto questo, io continuo a pensare che il ragionamento che fai abbia un errore di fondo...non puoi confrontare i giovani provenienti, genericamente, da altre nazionalità con i giovani italiani...è chiaro che se prendi un squadra composta da un francesce, un argentino, un tedesco, uno spagnolo, ecc., alla fine avrai una squadra probabilmente più forte di una composta da 11 italiani, visto che i vari stranieri saranno un pò più selezionati...ma se tu crei una squadra di soli argentini (prendi il Catania 2014, appunto) e la metti di fronte ad una composta da soli italiani (es. Reggina 2006), allora il confronto diventa assolutamente proponibile :wink
Come si dorme non è importante, come si è svegli è importante

Cit. Vadinho
Avatar utente
Lilleuro
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 9196
Iscritto il: 11/05/2011, 14:32
Località: Roma

Re: Italia, da chi ripartire?

Messaggio da Lilleuro » 27/06/2014, 14:28

reggino ha scritto:Se sei bravo,il tuo talento lo metti già in mostra,il problema è che non abbiamo giovani di talento(tranne rarissimi eccezioni).
Ad oggi.
Tant'è che non vediamo l'ora di naturalizzare qualcuno.
:salut
Invece da altre parti si fanno certi problemi...
Come si dorme non è importante, come si è svegli è importante

Cit. Vadinho
Avatar utente
_naka
Ehi cosa bella!
Ehi cosa bella!
Messaggi: 5084
Iscritto il: 11/05/2011, 15:01

Re: Italia, da chi ripartire?

Messaggio da _naka » 27/06/2014, 14:34

reggino ha scritto:
_naka ha scritto:il problema dell'italia è che si pretende che i giovani vincano le partite da soli e siano pronti subito.....per i progetti ci vuole tempo, diamogli il tempo di crescere.....per esempio berardi ora farà 2 anni a sassuolo, poi la juve lo deve prendere e lanciare in campo alternandolo con gli altri campioni.....e il pubblico deve essere maturo per accettare gli sbagli dei calciatori più giovani..... si deve anche accettare di avere qualche anno di transizione.....

i giovani bravi ci sono, ma vanno inseriti nel contesto giusto....altrimenti fanno fatica ad esprimersi...... secondo me l'importante è alzare il TASSO QUALITATIVO del campionato italiano, la juve ha fatto 102 punti, troppi in un campionato serio come la serie A, abbiamo bisogno che altre squadre diventino forti e i giovani acquisiscano esperienza europea, non possiamo avere solo una squadra con un buon numero di italiani in europa....
Ma finiamola pure con sto discorso del tempo,della maturazione,della speranza.
Rivera giocava nel milan a sedici anni,baggio a diciotto era già un mostro,per non parlare di Totti e Del Piero.
A furia di aspettare,pazientare,non pretendere,da 18 enni diventano 27 enni.
Se sei bravo,il tuo talento lo metti già in mostra,il problema è che non abbiamo giovani di talento(tranne rarissimi eccezioni).
Ad oggi.
Tant'è che non vediamo l'ora di naturalizzare qualcuno.
:salut
la maggior parte dei calciatori matura intorno a 25,26 anni..... poi ci sono i casi, ma quelli sono l'eccezione che conferma la regola....il tempo ci vuole, ti insegna come affrontare la pressione e come entrare in campo con la giusta testa.....quando entri in certi stadi ad alcuni giovani le gambe tremano ed è una cosa normale......

lo ripeto, cominciamo dagli stadi, miglioriamo la qualità degli impianti e piano piano torneremo ad avere l'appeal che avevamo negli anni 2000....e il livello qualitativo si alzerà ....
PIU' VIVO PIU' TI AMO ! Tu sempre tu ,canterò sempre di più !! Ho visto la reggina mi sono innamorato e non la lascerò mai più !
Rispondi