Si respira un'altra aria

Tutto sulla Reggina

Moderatori: Bud, NinoMed, Lixia, Lilleuro, Mave, ManAGeR78

Rispondi
Avatar utente
ago
Forumino Malatissimo
Forumino Malatissimo
Messaggi: 2068
Iscritto il: 11/05/2011, 13:59

Si respira un'altra aria

Messaggio da ago » 30/07/2016, 9:07

Sono passati pochi giorni dalla dichiarazione del maldestro gravina e solo l'ufficiosità del ritorno in lega pro, seppur con ripescaggio, suona come musica per tutti i tifosi della reggina.
In pochi giorni oltre al nome, al marchio, si spera al sant'agata etc si recuperà la dignità di un campionato professionistico.
Se tutto andrà a bene di nuovo il granillo sarà palcoscenico di incontri di alto livello. I derbies col messina, catanzaro, cosenza, le sfide con catania, lecce, foggia, tutte partite che finalmente danno un sorriso di compiacimento sul volto del tifoso, un ritorno alla decenza con possibilità, per chi è lontano, di rivedere anche con le immagini gli incontri delle proprie squadre.
E' stato un anno brutto, mi sarebbe venuta la tristezza il solo pensare di dover attendere partite come sersale-reggina (con tutto il rispetto) dopo aver vissuto l'anno scorso la decisiva reggina gladiator....la corsa verso il play-off (risultata poi decisiva...nonostante lo scetticismo generale) dopo aver assaggiato la mortificazione degli ultimi posti a seguito di sconfitte inopinate e poi un pò di luce, il 4° posto (come avete visto molto più importante del 5°) e gli ultimi sviluppi tra l'incredulità generale con incomprensibili richiami alla sportività per chi sperava di scalare posizioni per il ritorno al decoro come ci si augurasse la disgrazia fisica di esseri umani.
Attendiamo la conferma di essere in lega pro, ma già seguiamo il calciomercato con interesse, rilevando nomi almeno conosciuti, diamo un'occhiata ai ragazzi che si allenano in un complesso sportivo e non in un campetto da calcetto, aspettiamo ufficialità per abbonarci chi allo stadio chi alla piattaforma TV. Confidiamo in zeman (....speriamo!) e non vediamo l'ora di sapere la data dei primi impegni ufficiali.
Si respira un'altra aria.
E' bastato poco dice qualcuno ma invece è stato un grosso impegno economico dei soci attuali che si sono esposti parecchio. Gli ultimi atti sommati ai precedenti dovrebbero bastare per placare polemiche inutili.
Bisogna sottolineare che il tutto non è arrivato facendo ricorso alla bacchetta magica, c'è un futuro da preservare. Questa strategia presuppone impegno da parte di tutti ma non a parole, con i fatti. Ci vuole l'intervento degli enti locali, dei tifosi (di cui mi fido ciecamente) ma soprattutto ci vogliono nuovi introiti sotto forma di sponsor....che arriveranno... ma ancora più corposi da nuovi soci. Oggi questa società ha fatto uno sforzo per rilanciare il calcio reggino ed ha fatto una scommessa. Sta rischiando di tasca propria per avere un ritorno in termini economici, è chiaro, ma soprattutto per innescare un circolo virtuoso... maggiore interesse, nuove entrate e rilancio societario sulle ali dell'entusiasmo. Se ciò non succederà, adesso, non avremo un futuro roseo.
E bene dirlo, questa società così com'è non può assicurare grandi cose, ma la situazione che è stata creata è piena di potenzialità.
Programmazione, strategie e sinergie per ritrovare un calcio di buoni livelli ma anche grande umiltà specie nel preparare l'annata prossima che deve essere di assestamento. Lo dico ad alcuni sportivi (..non tifosi).... se pensate di pretendere, seduti a casa, calcio-champagne e campionato di vertice solo perchè ci chiamiamo reggina.... forse vi conviene guardare le vostre prime squadre, il catanzaro, la giuve o altre strisciate.... lasciate stare la reggina ed il granillo....ci sarà da lottare, a testa bassa, ci sarà da incitare, giocatori e società, incondizionatamente, ci sarà da criticare ma per migliorare e non per distruggere.... chi non capisce che insieme si cresce (stronger together come dicevano stanotte i fan di hillary) è meglio che pensi ad altro (gambarie ed affini).

Leggete questo.... non sono lamentele ma giusti appelli:
Zelatore: "Taranto, ora devi darci una mano..." da Bluenote

Giovedì 28 Luglio 2016 23:52 in Taranto 6480 Antonio Bargelloni

“La Lega Pro? Attendiamo l'ufficialità nel rispetto dei tempi previsti dalle organizzazioni sportive. Tuttavia il quadro, alla luce delle ultime notizie, è favorevole ed è il risultato di un lavoro svolto con serietà e tranquillità, in silenzio, senza proclami, facendo i passi giusti volta per volta”. Elisabetta Zelatore non abbandona del tutto la cautela, ma può parlare ormai da presidente di club di terza serie. “Il nostro impegno? Sarà lo stesso di sempre, perché i campionati si sviluppano sempre secondo una logica, che è quella di far pareggiare entrate e uscite. Abbiamo provato a vincere il campionato sul campo senza svenarci e abbiamo sfiorato l'obiettivo. Vogliamo mantenere questo sistema virtuoso, nella speranza di un coinvolgimento maggiore della città”.

TARANTO, RISPONDI! Qui il riferimento è alla diffidenza tradizionale di Taranto, rimasta alla finestra. “Noi il regalo alla città lo abbiamo fatto, ora Taranto deve meritarselo. D'ora in poi, chi ama lo sport deve dare segnali concreti e significativi. L'ho detto in sede di conferenza stampa di presentazione del tecnico, ora aggiungo che mi attendo una nuova mentalità da parte dei tifosi: mettano da parte l'emotività legata ai risultati e ci aiutino a stabilizzare il progetto societario e tecnico”.

PAZIENZA E OTTIMISMO Davide Dionigi ha invitato i tifosi a non pretendere subito un campionato da protagonisti, ma di assestamento, per puntare in alto tra un anno. “I programmi pluriennali sono sempre rapportati alle potenzialità del territorio. Finora abbiamo operato con tre quarti di città rimasta lontana, se non contro. Tutti devono sapere che per puntare a un progetto vincente occorrono cifre enormi. Se ci sarà un apporto considerevole da parte della città. Potremo costruirlo insieme”.

Difficile, in questo momento storico... “Ma se a Taranto si continua a far vincere il pessimismo della ragione, non se ne uscirà più. Il nostro esempio dimostra che se c'è l'ottimismo della volontà si può raggiungere qualsiasi traguardo”.

COLPO DI FORTUNA... Il sindaco Stefàno ha detto che il colpo di fortuna può essere un traino per la città e che il Comune farà la sua parte negli adempimenti burocratici. “Vogliamo qualcosa di più di adempimenti burocratici. In alcune città, i sindaci sono stati al fianco dei club: chi proponendo raccolte, chi coinvolgendo l'imprenditoria locale. E non parlerei di colpo di fortuna: la Lega Pro è stata voluta, studiata e programmata giorno per giorno. Certo una serie di congiunture ci ha favorito, ma delle volte la fortuna non basta...".

RINFORZI E GIOVANI PROMETTENTI L'organico andrà adeguatamente potenziato alla nuova categoria. “Abbiamo congelato le scelte in 4-5 ruoli chiave, proprio in attesa del possibile ripescaggio. Quando la Lega Pro sarà ufficiale, non ci faremo trovare impreparati. Cercheremo di consegnare a Papagni un roster buono anche in prospettiva futura, puntando su un paio di elementi giovani ma di affidamento in terza serie, che possano inserirsi in pianta stabile nel progetto. Il direttore dell'area tecnica Franco Dellisanti sta lavorando in tal senso, ci fidiamo della sua esperienza”.
sergio
Forumino Scelto
Forumino Scelto
Messaggi: 446
Iscritto il: 15/05/2011, 12:08

Re: Si respira un'altra aria

Messaggio da sergio » 30/07/2016, 15:36

ciao ago è un piacere sentirti.Facendo gli scongiuri giovedi dovremmo ufficializzare il ltutto. Sono in ansia e non vedo l'ora che ...carta canta. Un doveroso ringraziameto alla dirigenza, che a fari spenti sta lavorando bene.AS REGGINA1914 è una figata pazzesca :yaho: :yaho: :yaho: Se tutto va come deve, quest'anno bisogna mantenere la categoria e, senza alcuna fretta programmare per il futuro.La mia parte la faccio:dopo essermiabbonato a distanza farò l' abbonamento a sportube e pure alla viola,come quando ero ragazzo e vivevo a reggio..oggi le stees domeniche via webb :cheers :cheers :cheers :cheers
REGGINA TI AMOOOOOOOOOOOOOOOOOO :thumleft :thumleft :thumleft :thumleft :thumleft
saluti da un'afosa forli grandi guerieri amaranto
Avatar utente
NinoMed
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 5435
Iscritto il: 03/05/2011, 0:34

Re: Si respira un'altra aria

Messaggio da NinoMed » 02/08/2016, 8:47

LA FINE DEL GIORNALISMO
01.08.2016 21:18 di Giovanni Cimino Twitter: @GDCimino
© foto di Tommaso Sabino/TuttoLegaPro.com
LA FINE DEL GIORNALISMO
Il nostro/vostro portale vuole essere da sempre anche uno spazio di riflessione sul calcio reggino e, perché no, su altri temi sui quali ci sentiamo di poter dire la nostra, modestissima, opinione.

Il tema riguarda il ripescaggio della Reggina e qualche articolo che ha spiazzato qualche tifoso disattento, qualche collega o aspirante tale e ha turbato anche la società, tanto che ha ritenuto opportuno intervenire con un comunicato ufficiale.

Il mestiere di giornalista è sempre più sfumato e la qualità va via via abbassandosi clamorosamente. Sono in tanti a voler fare questo mestiere, ma a differenza di chi tenta di professionalizzarlo, c'è chi non ha di meglio da fare che passarsi il tempo e scrivere, apparentemente senza lacuna cognizione di causa. Del resto, con le tecnologie a disposizione, chiunque può aprirsi un sito/blog (bastano due-tre nozioni informatiche, nulla di gravoso o inaccessibile) e iniziare a riportare i proprio pensieri in ordine sparso, magari riportando baggianate e dando voce a "fesserie" piuttosto che notizie. Danneggiando e spesso oscurando chi questo lo considera un lavoro e sopratutto una missione.

Nell'era dei social dove a trionfare sono i cosiddetti "fake" oppure notizie "spammate" o per meglio dire "trash" (alla stregua di spazzatura per qualità e contenuti), del resto cosa aspettarsi se non una orda di presunti-aspiranti-giornalisti a caccia di notizie per conquistare più "like" e più "click". In mezzo a questo marasma, è chiaro che la gente ci capisce poco e chi, nonostante l'innalzamento del livello di scolarità e dell'istruzione, riesce a dare credito a siti "...senzasegreti" oppure "Scecchichevolano.com" o anche a gente che il giorno prima faceva ben altro che scrivere un articolo e ne disconosce del resto il modo in cui si redige un pezzo giornalistico, riesce a fare più opinione che la stessa corretta e imparziale informazione, come in un paese civile presuppone la sua esistenza. La casistica di lettori/utenti che ha iniziato a condividere su Facebook o sui social, notizie che erano senza un presupposto logico o del tutto inventate solo per monetizzare qualche centesimo. O, caso più grave, c'è anche chi si appassiona a riportare tutte le tragedie, in barba ad ogni rispetto, trovando dall'altra parte migliaia di utenti pronti a far "girare il verbo", andando ad arricchire giornalisti ed editori senza alcun tipo di scrupolo o di vergogna.

Abbiamo cercato, nel nostro piccolo e con tutti i nostri limiti, di lottare contro "l'informazione spazzatura", quindi non solo quella orientata o interessata a raggiungere un suo scopo individuale, ma anche quella che viene fuori da chi piuttosto che passeggiare in centro, si mette davanti al computer o allo smartphone e scrive senza alcun tipo di cognizione di causa o preparazione, peraltro in status di abusivo perché non iscritto all'Albo e neanche "in attesa" di farlo. Fatto diverso, giusto sottolinearlo, la presenza di tanti giovani aspiranti giornalisti, che hanno bisogno di una possibilità per far emergere le loro qualità e TuttoReggina.com è stata sempre e sarà la loro casa.

In merito all'ultimo articolo di un sito che ha fatto scalpore tra qualche tifoso amaranto, che addirittura presagiva che la SSD Urbs Sportiva Reggina 1914 non fosse ripescabile poiché continuazione giuridica della vecchia Reggina Calcio, abbiamo preferito il silenzio, poiché si trattava di una tale balla e baggianata, che forse anche i famosi "aspiranti-presunti-giornalisti" di cui sopra non avrebbero mai e poi mai potuto pensare di scrivere quei pensieri senza capo nè coda che in molti hanno, ahinoi, letto e persino riportato.

L'invito è il solito: leggere e informarsi dai canali giusti, senza stare su Facebook in modo asettico, prenderndo per buono tutto ciò che viene scritto o riportato: è l'unico modo, oltre a quello di seguirci come già fate in tantissimi, per tenere in vita la nostra "impresa" editoriale e quelle di chi considera questo bellissimo/maledetto mestiere, qualcosa su cui è meglio non scherzare.


http://www.tuttoreggina.com/le-notizie/ ... ismo-30639" onclick="window.open(this.href);return false;
Have a Nice Day
Avatar utente
onlyamaranto
Non c'è nenti!
Non c'è nenti!
Messaggi: 3371
Iscritto il: 12/05/2011, 8:43

Re: Si respira un'altra aria

Messaggio da onlyamaranto » 02/08/2016, 17:00

Sottoscrivo tutto del bel post di ago, anche le virgole!! :salut :salut

"...e qualcosa rimane
tra le pagine chiare e le pagine scure... "
Avatar utente
Oggi RE
Forumino Scelto
Forumino Scelto
Messaggi: 366
Iscritto il: 06/10/2015, 10:04

Re: Si respira un'altra aria

Messaggio da Oggi RE » 02/08/2016, 20:04

Ma certo che si respira un'aria nuova,
se solo pensiamo che la Reggina inizierà un nuovo campionato senza penalizzazioni,
se solo pensiamo che i campetti del Sant'Agata forse ritorneranno ad essere calpestati dai giocatori che la domenica scenderanno in campo e non più da giocatori ricattati per non essersi ridotti gli emolumenti e costretti ad allenarsi alle 14 del pomeriggio nelle calde estati ....
se solo pensiamo che si acquisteranno giocatori in funzione del progetto e non in funzione delle plusvalenze...
se solo pensiamo che dopo decenni di ostinato 4-4-2 si giocherà con il 4-3-3 e con giocatori adatti al credo del mister,
se solo pensiamo che i giocatori verranno scelti anche con l'approvazione e/o del gradimento del mister e non imposti per volere societario ....
se solo pensiamo che non si faranno scendere in campo giocatori solo perchè imparentati e/o debitori di favori....
se solo pensiamo che oggi in società si ci sono un padre ed un figlio che contribuiscono attivamente alle sorti della squadra e non più un' intera famiglia stipendiata come Manager di alta finanza.......
se solo pensiamo che è tornata una squadra che giocherà per vincere ogni partita, magari saranno più le sconfitte che le vittorie, ma sicuramente giocheranno per la maglia, suderanno e lotteranno e non ci saranno più vacche in giro pascolare perchè non pagati da anni....
se pensiamo che finalmente in società è arrivato un magazziniere, un allenatore ed un Direttore Sportivo...
se solo pensiamo che è tornata la nostra vecchia Reggina.......
se solo pensiamo che il vento sta cambiando e che anche Reggio può cambiare....
se solo pensiamo, ci rendiamo conto veramente che finalmente si respira un'altra aria .....
Avatar utente
OronzoPugliese
Collaboratore
Collaboratore
Messaggi: 2432
Iscritto il: 11/05/2011, 12:57

Re: Si respira un'altra aria

Messaggio da OronzoPugliese » 03/08/2016, 0:14

Oggi RE ha scritto:dopo decenni di ostinato 4-4-2

3-5-2 per la verità
Immagine
"Mister te sarà ti, muso de mona. Mi son el signor Nereo Rocco"
Avatar utente
Oggi RE
Forumino Scelto
Forumino Scelto
Messaggi: 366
Iscritto il: 06/10/2015, 10:04

Re: Si respira un'altra aria

Messaggio da Oggi RE » 03/08/2016, 7:52

Grazie oronzo,chiedo venia :D :D
Avatar utente
Oggi RE
Forumino Scelto
Forumino Scelto
Messaggi: 366
Iscritto il: 06/10/2015, 10:04

Re: Si respira un'altra aria

Messaggio da Oggi RE » 03/08/2016, 9:10

Anche se quel 3-5-2 o meglio un 5-3-2 mascherato...perché quando si difendeva i laterali si abbassavano sempre,e siccome negli ultimi anni si giocava solo per difendere si deduce che....:-) :-)
Avatar utente
NinoMed
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 5435
Iscritto il: 03/05/2011, 0:34

Re: Si respira un'altra aria

Messaggio da NinoMed » 03/08/2016, 10:56

Reggina, un atto d’amore e di… follia. Adesso servono gli abbonati, ma tanti!

Mercoledì 03 Agosto 2016 10:07

Ormai le ore si contano. In città è davvero tornato l’entusiasmo, ma anche quella curiosità che si era trasformata negli ultimi anni in rassegnazione. Adesso la gente ti ferma per strada, si informa, vuole sapere come andrà a finire la questione ripescaggio, vuole partecipare, c’è chi sostiene di voler tornare nuovamente allo stadio dopo un lungo periodo di assenza. Il presidente Mimmo Praticò sta seguendo l’evolversi della situazione da vicino, invita tutti alla massima prudenza, è tutto un fuoco e non vede l’ora, insieme agli altri dirigenti, di poter finalmente festeggiare l’ennesimo obiettivo raggiunto in pochissimo tempo. Lo stesso massimo dirigente che, intervenuto a Pianeta Dilettanti in onda su RTV, trasmissione condotta dal collega Nino Neri, si è così espresso sull’argomento:

“Abbiamo compiuto un vero e proprio atto d’amore, ma forse anche una follia. Non potete avere idea quale enorme sacrificio è stato fatto per assicurare alla Reggina la possibilità di partecipare a questo ripescaggio. Parlo di sforzi economici impensabili, ma era una opportunità per la città che la società si è sentita in dovere di cogliere al volo. Non capiterà più di poter accedere al professionismo con uno spazio così largo che mette dentro ben dodici squadre, avevamo l’obbligo di farlo. Ma ripeto, la società ha fatto qualcosa di incredibile, parlo con documentazione in mano. Perchè per tanti è facile fare chiacchiere, poi arriverà sempre qualcuno che avrà da dire qualcosa, ma noi stiamo portando avanti il nostro progetto con i fatti. Spero di poter festeggiare il 4 di agosto, ma siccome sono abituato a parlare chiaramente, e forse questo a qualcuno non piace, vi dico che non sarà una passeggiata portare avanti il peso di tutte le incombenze. Avevamo deliberato un budget per la serie D, la Lega Pro ha costi più importanti soprattutto dal punto di vista contrattuale. Ci sono 700mila euro di investimento iniziale che non comprendono ovviamente le spese per la costruzione della squadra, stipendi, poi settore giovanile e altro. L’accordo con la curatela che ci ha consentito di fare un grande regalo ai tifosi, ha richiesto un esborso importante, al quale va aggiunto tutto quello che comporta il ripristino del centro sportivo S. Agata. Quando dico c’è bisogno di tutti, metto dentro anche possibili investitori che intendono darci una mano per portare avanti il nostro progetto, che poi è il progetto della città sportiva”.

Nessun riferimento del presidente Praticò alla campagna abbonamenti, per una questione di delicatezza, stile, ma è fin troppo evidente che quella dei tifosi, rappresenta certamente una delle componenti essenziali per l’irrobustimento economico della società. La Lega Pro, diversamente dalla serie D, offre dei contributi che non determinano come potrebbe essere per le categorie superiori, ma aiutano. Una componente fondamentale, quindi, potrebbe essere rappresentata dal pubblico. Adesso c’è tutto, nome, storia, blasone, identità, a breve anche la categoria. Domenica, da quello che filtra, potrebbe esserci la presentazione ufficiale della squadra alla città, una massiccia presenza di tifosi sarebbe un primo segnale. Da lunedi partirà la campagna abbonamenti.
Michele Favano


http://sport.strill.it/citta/pianeta-am ... -ma-tanti/" onclick="window.open(this.href);return false;
Have a Nice Day
Avatar utente
ago
Forumino Malatissimo
Forumino Malatissimo
Messaggi: 2068
Iscritto il: 11/05/2011, 13:59

Re: Si respira un'altra aria

Messaggio da ago » 03/08/2016, 11:02

NinoMed ha scritto:Reggina, un atto d’amore e di… follia. Adesso servono gli abbonati, ma tanti!

Mercoledì 03 Agosto 2016 10:07

Ormai le ore si contano. In città è davvero tornato l’entusiasmo, ma anche quella curiosità che si era trasformata negli ultimi anni in rassegnazione. Adesso la gente ti ferma per strada, si informa, vuole sapere come andrà a finire la questione ripescaggio, vuole partecipare, c’è chi sostiene di voler tornare nuovamente allo stadio dopo un lungo periodo di assenza. Il presidente Mimmo Praticò sta seguendo l’evolversi della situazione da vicino, invita tutti alla massima prudenza, è tutto un fuoco e non vede l’ora, insieme agli altri dirigenti, di poter finalmente festeggiare l’ennesimo obiettivo raggiunto in pochissimo tempo. Lo stesso massimo dirigente che, intervenuto a Pianeta Dilettanti in onda su RTV, trasmissione condotta dal collega Nino Neri, si è così espresso sull’argomento:

“Abbiamo compiuto un vero e proprio atto d’amore, ma forse anche una follia. Non potete avere idea quale enorme sacrificio è stato fatto per assicurare alla Reggina la possibilità di partecipare a questo ripescaggio. Parlo di sforzi economici impensabili, ma era una opportunità per la città che la società si è sentita in dovere di cogliere al volo. Non capiterà più di poter accedere al professionismo con uno spazio così largo che mette dentro ben dodici squadre, avevamo l’obbligo di farlo. Ma ripeto, la società ha fatto qualcosa di incredibile, parlo con documentazione in mano. Perchè per tanti è facile fare chiacchiere, poi arriverà sempre qualcuno che avrà da dire qualcosa, ma noi stiamo portando avanti il nostro progetto con i fatti. Spero di poter festeggiare il 4 di agosto, ma siccome sono abituato a parlare chiaramente, e forse questo a qualcuno non piace, vi dico che non sarà una passeggiata portare avanti il peso di tutte le incombenze. Avevamo deliberato un budget per la serie D, la Lega Pro ha costi più importanti soprattutto dal punto di vista contrattuale. Ci sono 700mila euro di investimento iniziale che non comprendono ovviamente le spese per la costruzione della squadra, stipendi, poi settore giovanile e altro. L’accordo con la curatela che ci ha consentito di fare un grande regalo ai tifosi, ha richiesto un esborso importante, al quale va aggiunto tutto quello che comporta il ripristino del centro sportivo S. Agata. Quando dico c’è bisogno di tutti, metto dentro anche possibili investitori che intendono darci una mano per portare avanti il nostro progetto, che poi è il progetto della città sportiva”.

Nessun riferimento del presidente Praticò alla campagna abbonamenti, per una questione di delicatezza, stile, ma è fin troppo evidente che quella dei tifosi, rappresenta certamente una delle componenti essenziali per l’irrobustimento economico della società. La Lega Pro, diversamente dalla serie D, offre dei contributi che non determinano come potrebbe essere per le categorie superiori, ma aiutano. Una componente fondamentale, quindi, potrebbe essere rappresentata dal pubblico. Adesso c’è tutto, nome, storia, blasone, identità, a breve anche la categoria. Domenica, da quello che filtra, potrebbe esserci la presentazione ufficiale della squadra alla città, una massiccia presenza di tifosi sarebbe un primo segnale. Da lunedi partirà la campagna abbonamenti.
Michele Favano


http://sport.strill.it/citta/pianeta-am ... -ma-tanti/" onclick="window.open(this.href);return false;
GIUSTO! :salut
Rispondi