25 agosto 2015, ultimo atto ?

Tutto sulla Reggina

Moderatori: Bud, NinoMed, Lilleuro

HRD Reggio Calabria
Apprendista Forumino
Apprendista Forumino
Messaggi: 91
Iscritto il: 14/08/2015, 9:41

onlyamaranto ha scritto:E c'è ancora chi sostiene che Praticò è l'uomo ombra di Foti!!!
Ma che uomo ombra, e' una partita di poker tra i due da buoni uomini di affari e noi tifosi siamo le fiches che stanno gettando sul tavolo, Pratico' a sto giro sta andando al buio e Foti passa ma se perde il piatto al prossimo giro può essere che a baffo gli sale la carta
Avatar utente
Lillo sei uno
Forumino Malato
Forumino Malato
Messaggi: 1002
Iscritto il: 24/05/2011, 20:52

Mave ha scritto:Quattro mesi di proroga, per trovare un accordo con Unicredit ed i legali di Nicola Amoruso ed Emiliano Bonazzoli. Questa la richiesta della Reggina Calcio, nell’udienza fallimentare tenutasi stamattina presso il tribunale del Cedir.
http://www.reggionelpallone.it/2015/08/ ... mpionato/a" onclick="window.open(this.href);return false;
Quattro mesi di proroga richiesta per raggiungere un accordo con i creditori. Bene, ma questa richiesta è stata accolta o no :scratch

Come al solito, si leggono notizie ambigue, perché non riportare in maniera esatta l'eventuale decisione del giudice fallimentare ?

Insomma, esistono i presupposti soggettivi e d oggettivi per ammettere la società al cd concordato in continuità ?
S'a Reggina è na malatia, prima Foti e poi Praticò sunnu i so merici curanti.
Avatar utente
io2
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 2914
Iscritto il: 30/04/2011, 12:08
Località: Catona (RC)
Contatta:

Scusate un attimo ma di cosa stiamo parlando?
Diamo per ipotesi che la reggina calcio non fallisca.
Foti ha detto chiaramente che non parteciperà nessun campionato agonistico. Quindi perderà l'affiliazione tra Massimo sei mesi. Risultato che la nuova società tra un anno si potrà chiamare reggina.
State confondendo la società legale da quella sportiva. Sono due cose distinte e separate.
Allo stato attuale la reggina calcio S.p.A. è un'azienda, non è più una squadra di calcio.
L'importante non è vincere ma partecipare, con onore, alla sconfitta dell'avversario.
HRD Reggio Calabria
Apprendista Forumino
Apprendista Forumino
Messaggi: 91
Iscritto il: 14/08/2015, 9:41

io2 ha scritto:Scusate un attimo ma di cosa stiamo parlando?
Diamo per ipotesi che la reggina calcio non fallisca.
Foti ha detto chiaramente che non parteciperà nessun campionato agonistico. Quindi perderà l'affiliazione tra Massimo sei mesi. Risultato che la nuova società tra un anno si potrà chiamare reggina.
State confondendo la società legale da quella sportiva. Sono due cose distinte e separate.
Allo stato attuale la reggina calcio S.p.A. è un'azienda, non è più una squadra di calcio.
Se perde l'affiliazione non può manco fare scuola calcio ed automaticamente gli salta il progetto, ragionamento al contrario vuole fare scuola calcio proprio perché e' il minimo che occorre in questa fase per mantenere l'affiliazione, logico che una terza categoria al momento gli comporterebbe solo spese e rovinerebbe l'immagine di un club che fino a 6 anni fa era in serie A, ma se le cose gli vanno per il verso giusto potrebbe rivalutare il tutto specie se l'asd non riesce a centrare la promozione subito
Avatar utente
io2
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 2914
Iscritto il: 30/04/2011, 12:08
Località: Catona (RC)
Contatta:

HRD Reggio Calabria ha scritto:
io2 ha scritto:Scusate un attimo ma di cosa stiamo parlando?
Diamo per ipotesi che la reggina calcio non fallisca.
Foti ha detto chiaramente che non parteciperà nessun campionato agonistico. Quindi perderà l'affiliazione tra Massimo sei mesi. Risultato che la nuova società tra un anno si potrà chiamare reggina.
State confondendo la società legale da quella sportiva. Sono due cose distinte e separate.
Allo stato attuale la reggina calcio S.p.A. è un'azienda, non è più una squadra di calcio.
Se perde l'affiliazione non può manco fare scuola calcio ed automaticamente gli salta il progetto, ragionamento al contrario vuole fare scuola calcio proprio perché e' il minimo che occorre in questa fase per mantenere l'affiliazione, logico che una terza categoria al momento gli comporterebbe solo spese e rovinerebbe l'immagine di un club che fino a 6 anni fa era in serie A, ma se le cose gli vanno per il verso giusto potrebbe rivalutare il tutto specie se l'asd non riesce a centrare la promozione subito
Attività agonistica sono i campionati e i tornei della federazione. Lui ha detto chiaramente che non farà attività agonistica quindi non serve l'affiliazione.
L'importante non è vincere ma partecipare, con onore, alla sconfitta dell'avversario.
miguelito
Forumino Malatissimo
Forumino Malatissimo
Messaggi: 2030
Iscritto il: 11/05/2011, 15:38

Ma che faccia quello che vuole, chi se ne frega! Anche io se voglio posso aprire una scuola e chiamarla Scuola Calcio Reggina. Chi me lo può impedire? Per il S.Agata può fare valere la concessione che è intestata alla società Reggina Calcio, a meno che non venga revocata per inadempienza dei pagamenti. Il furbone ha rimesso in campo il presidente fantoccio Ranieri per non incorrere in sanzioni che lo potrebbero interessare personalmente. Per me è come se fosse morto, può anche costruirsi un centro sportivo su Marte, non me ne frega nulla.
Avatar utente
Rokko
Forumino Malato
Forumino Malato
Messaggi: 945
Iscritto il: 30/12/2011, 23:53

Stà solo prendendo tempo, il fallimento è inevitabile, probabilmente punta a far prescrivere l'eventuale reato di bancarotta fraudolenta che, ove vi fosse, gli verrebbe contestato solo dopo la dichiarazione di fallimento.
Rispondete o no?
HRD Reggio Calabria
Apprendista Forumino
Apprendista Forumino
Messaggi: 91
Iscritto il: 14/08/2015, 9:41

io2 ha scritto:
HRD Reggio Calabria ha scritto:
io2 ha scritto:Scusate un attimo ma di cosa stiamo parlando?
Diamo per ipotesi che la reggina calcio non fallisca.
Foti ha detto chiaramente che non parteciperà nessun campionato agonistico. Quindi perderà l'affiliazione tra Massimo sei mesi. Risultato che la nuova società tra un anno si potrà chiamare reggina.
State confondendo la società legale da quella sportiva. Sono due cose distinte e separate.
Allo stato attuale la reggina calcio S.p.A. è un'azienda, non è più una squadra di calcio.
Se perde l'affiliazione non può manco fare scuola calcio ed automaticamente gli salta il progetto, ragionamento al contrario vuole fare scuola calcio proprio perché e' il minimo che occorre in questa fase per mantenere l'affiliazione, logico che una terza categoria al momento gli comporterebbe solo spese e rovinerebbe l'immagine di un club che fino a 6 anni fa era in serie A, ma se le cose gli vanno per il verso giusto potrebbe rivalutare il tutto specie se l'asd non riesce a centrare la promozione subito
Attività agonistica sono i campionati e i tornei della federazione. Lui ha detto chiaramente che non farà attività agonistica quindi non serve l'affiliazione.
Ma perché i campionati giovanissimi regionali non sono della federazione? Lo scopo di Foti e' mantenere l'affiliazione e soprattutto mantenere il nome Reggina, tra l'altro come scuola calcio si porrà in concorrenza con l'asd Reggio Calabria allora di che cosa stiamo parlando? Di due squadre distinte e separate e la Reggina ahimè e' quella di Foti
HRD Reggio Calabria
Apprendista Forumino
Apprendista Forumino
Messaggi: 91
Iscritto il: 14/08/2015, 9:41

Rokko ha scritto:Stà solo prendendo tempo, il fallimento è inevitabile, probabilmente punta a far prescrivere l'eventuale reato di bancarotta fraudolenta che, ove vi fosse, gli verrebbe contestato solo dopo la dichiarazione di fallimento.
Prende tempo ma intanto dimostra di non sposare il progetto asd Reggio Calabria creando una situazione alquanto imbarazzante agli occhi dei tifosi. Se ne fotte, voleva salvare la Reggina Calcio non certo per la città ed i tifosi ma per il suo tornaconto, e vedi quanto gli avrà chiesto a Scali per farlo scappare. Ma questo ignorare la situazione ed i tifosi che hanno fatto la colletta per salvare la sua Reggina che da fastidio. Solo in un modo si potrebbe spiegare, che voglia proporre una via alternativa qualora il progetto asd Reggio di qui ad un anno fallisca, altrimenti, se si ferma alla scuola calcio tenendosi il nome Reggina vita natural durante la vedo una bastardata nei confronti di tutta la città
Avatar utente
ILY
Forumino Malato
Forumino Malato
Messaggi: 957
Iscritto il: 11/05/2011, 22:46
Località: BOIA CHI MOLLA...!!!

HRD Reggio Calabria ha scritto:Perché i campionati giovanissimi regionali non sono della federazione? Lo scopo di Foti e' mantenere l'affiliazione e soprattutto mantenere il nome Reggina, tra l'altro come scuola calcio si porrà in concorrenza con l'asd Reggio Calabria allora di che cosa stiamo parlando? Di due squadre distinte e separate e la Reggina ahimè e' quella di Foti
Scusa perché credi che la concorrenza sarà solo con l'asd Reggio Calabria?
Non credo proprio.
Chi andrà via dalla reggina o inizierà la scuola calcio non è detto che debba andare nell' asd reggio calabria per forza.
che dici?
Amaranto Alé
non tifo per gli squadroni ma tifo te
Amaranto è una passione non è un color
la maglia che porti addosso è un'ossession...

Ciao Filippo...

U Catania na teni...!!!
HRD Reggio Calabria
Apprendista Forumino
Apprendista Forumino
Messaggi: 91
Iscritto il: 14/08/2015, 9:41

ILY ha scritto:
HRD Reggio Calabria ha scritto:Perché i campionati giovanissimi regionali non sono della federazione? Lo scopo di Foti e' mantenere l'affiliazione e soprattutto mantenere il nome Reggina, tra l'altro come scuola calcio si porrà in concorrenza con l'asd Reggio Calabria allora di che cosa stiamo parlando? Di due squadre distinte e separate e la Reggina ahimè e' quella di Foti
Scusa perché credi che la concorrenza sarà solo con l'asd Reggio Calabria?
Non credo proprio.
Chi andrà via dalla reggina o inizierà la scuola calcio non è detto che debba andare nell' asd reggio calabria per forza.
che dici?
La concorrenza e' con l'asd Reggio Calabria perché l'asd aspira ad essere la Reggina anzi dice già di esserlo, per cui, avremo due scuole calcio che diranno di essere la Reggina, se questa non e' concorrenza tu come la chiami?
Avatar utente
io2
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 2914
Iscritto il: 30/04/2011, 12:08
Località: Catona (RC)
Contatta:

HRD i tornei dei giovanissimi sono attività agonistiche e lui ha detto che non ne farà.
L'importante non è vincere ma partecipare, con onore, alla sconfitta dell'avversario.
Avatar utente
Rokko
Forumino Malato
Forumino Malato
Messaggi: 945
Iscritto il: 30/12/2011, 23:53

io2 ha scritto:HRD i tornei dei giovanissimi sono attività agonistiche e lui ha detto che non ne farà.
li farà, li farà, è un farabutto perchè il nome Reggina appartiene alla città e dovrebbe avere il buonsenso e l'onestà intellettuale di restituirlo ai tifosi, poi con un'altra denominazione faccia quel che vuole
Rispondete o no?
HRD Reggio Calabria
Apprendista Forumino
Apprendista Forumino
Messaggi: 91
Iscritto il: 14/08/2015, 9:41

io2 ha scritto:HRD i tornei dei giovanissimi sono attività agonistiche e lui ha detto che non ne farà.
Arriverà fino ai giovanissimi regionali, sennò che scuola calcio e'? Per attività agonistica intende i campionati over che al momento non farà perché non gli conviene, non certo per rispetto della asd o per agevolare la rinascita di una nuova Reggina, per la quale anzi ha mostrato indifferenza più totale assimilandola all'hinterreggio la cui esistenza negli anni scorsi non costituiva problema per la Reggina Calcio
Avatar utente
riggiuriggiu
Forumino Scelto
Forumino Scelto
Messaggi: 586
Iscritto il: 25/07/2015, 17:18

ma non cambia niente se fa scuola calcio prima categoria o eccellenza
rimane che il nome e storia e blasone ce l'ha lui oltre l'affiliazione
anche qualora lasciasse l'affiliazione non potremmo usare mai reggina calcio e questo è il disastro non altro
“Ciccio Cozza, Reggio ti ha adottato. Qui nessuno ha dimenticato. Ma attento.. il nostro il rispetto non va disonorato” Ultrà ASD Reggio Calabria 25.10.2015 in risposta a cozza che diceva di non curarsi troppo delle contestazioni della tifoseria
Avatar utente
onlyamaranto
Non c'è nenti!
Non c'è nenti!
Messaggi: 3485
Iscritto il: 12/05/2011, 8:43

Non si tratta di fare o non fare confusione, qui la situazione è chiara almeno per me: c'è una società che (faccia o non faccia attività agonistica non ha nessuna importanza) è una diretta continuazione della precedente (e che è la Reggina),
la quale società non è mai fallita, è questo il punto cruciale!
dal punto di vista legale non ha mai smesso di esistere, è questo il casino in cui ci siamo cacciati! se non fallisce, nessun'altra società ne può ereditare storia, nome, e tutto il resto.
Con questo non voglio dire che dobbiamo continuare a tifare per la Reggina di Foti, che oltretutto non parteciperà a nessun campionato, dico solo che la situazione è comunque poco chiara, non limpida come personalmente (ma penso tutti) avremmo preferito.

"...e qualcosa rimane
tra le pagine chiare e le pagine scure... "
BoogeymanFCF
Forumino Scelto
Forumino Scelto
Messaggi: 460
Iscritto il: 06/01/2014, 23:53

Reggina, gli scenari post-concordato: dal tesoretto Bochniewicz alla fucina del Sant'Agata
Stampa Email
Share
bochniedi Paolo Ficara - Rete inviolata. Se fino a qualche anno fa gli avversari della Reggina si chiamavano Juventus, Milan, Inter, finanche Messina, e venivano affrontati sul campo in match poi diventati epici, adesso qualcosa è cambiato. La partita si gioca in tribunale, e Lillo Foti riesce da mesi a non subire gol pur avendo davanti i legali di bomber affermati come Nicola Amoruso ed Emiliano Bonazzoli.

Probabilmente sarà quello con l'Unicredit il contenzioso che, alla lunga, rischia di portare la partita ai supplementari. Al momento, la Reggina Calcio è in vita e forse lo resterà miracolosamente almeno per un altro anno e mezzo. Quello sarà il lasso di tempo in cui bisognerà capire in che maniera si potrà evitare un provvedimento, quello del fallimento, ieri chiesto con insistenza dalle controparti presso il Tribunale di Reggio Calabria.

Come funziona il concordato – Ampliamo ed in parte rettifichiamo quanto riportato nel precedente articolo. La Reggina ha chiesto un concordato in bianco, la possibilità è prevista dalla legge e, per ironia della sorte, il Tribunale dovrebbe dare il via a pochi giorni dall'inizio del campionato di Serie D, che vedrà protagonista la neonata A.s.d. Reggio Calabria. Da quel momento, ovvero a partire dal 3 o dal 4 settembre, ci saranno 60 giorni di tempo più altri eventuali 60 di proroga, per stilare i vari passaggi del concordato. La società da oggi retta da Pino Ranieri come amministratore unico, dovrà indicare nella maniera più dettagliata possibile i canali da cui reperire le somme per saldare i vari creditori. Scaduto il tempo, il Tribunale dovrà decidere se approvare il concordato e nominare un commissario che provveda alla riscossione ed alla distribuzione degli introiti. Ci sarebbero tre anni di tempo per ultimare queste operazioni, ma in qualsiasi momento il commissario potrebbe decidere di stoppare il concordato, qualora verificasse con mano l'inattuabilità delle condizioni previste.

C'è ancora oro nella miniera – Nell'immediato la Reggina, pur senza affiliazione alla Figc, sa di poter indicare dei crediti pendenti presso la Lega Calcio. Il tesoretto è rappresentato dalla seconda rata della cessione di Pawel Bochniewicz (nell'immagine) all'Udinese, una somma da considerare probabilmente al netto della percentuale da versare allo Stal Mielec, precedente club del difensore polacco. Siamo sul mezzo milione. I tantissimi giovani accasatisi altrove dopo lo svincolo d'ufficio deciso dalla Figc lo scorso 23 luglio, ossia i vari Gjuci, Mazzone, Cataldi, Loria, Bran e via dicendo, garantiranno l'emissione dei premi di preparazione da parte delle società acquirenti dei cartellini. Il totale non dovrebbe risultare inferiore ai 200 mila euro. Nel corso del campionato di Serie A, qualora avvenisse l'esordio di Mauro Coppolaro con la prima squadra dell'Udinese, scatterebbe un altro corposo bonus di 400.000 euro. Meno chiari gli aspetti legati alla cessione di Cristhian Stuani al Middlesbrough: l'Espanyol, che aveva acquistato l'attaccante uruguagio dalla Reggina nell'agosto 2012, afferma di dover corrispondere la metà del prezzo al club di via delle Industrie. Tale versione non collima con quella delle altre parti in causa, e sembra che questi 2 milioni alla fine prenderanno la strada di Montevideo, dove il Danubio attenderebbe ancora la corresponsione della cifra pattuita nel 2007 per la cessione alla Reggina.

Basterà il Sant'Agata? – La Reggina si appresta a mettere su una scuola calcio, la cui attività dovrebbe avviarsi in concomitanza con il via libera al concordato. Il Sant'Agata dovrebbe diventare un centro tecnico della Figc alla stregua di Coverciano, e questo sarebbe motivo di vanto e non solo per Reggio Calabria. Intanto c'è da superare qualche intoppo con la Provincia, che reclama un pagamento per il rinnovo della concessione demaniale. Difficile che le parti abbiano voglia di trascinare la questione, anche perché la Reggina può sottolineare di averci costruito, su quel terreno. Tornando all'aspetto economico dalla vicenda, è chiaro che le somme pendenti presso la Lega non consentiranno di saldare l'intera massa debitoria, specie quella rateizzata con l'Agenzia delle Entrate. Non si può pensare che l'attività giovanile possa bastare: in teoria la Reggina dovrebbe sperare di vendere già tra un anno una decina di ragazzini a club di Serie A. Esistono diversi calciatori cresciuti al Sant'Agata presenti nel calcio professionistico, ed eventualmente si potrebbe aspirare a ricavare quelle piccole percentuali di valorizzazione, qualora venissero ceduti a peso d'oro. Esempio pratico, seppur utopistico: il Real Madrid compra Simone Missiroli dal Sassuolo a 30 milioni, il Barcellona ne spende altri 20 per prendere Maicon dal Livorno, e la Reggina ne ricaverebbe un gruzzoletto utile ad accontentare i creditori per un altro anno. Difficile possa essere questa una soluzione praticabile o perpetua.

Effetti "collaterali" – L'eventuale, ma potremmo definirla scontata, approvazione del concordato può avere l'effetto di rallentare l'evoluzione di altri contenziosi. Da poco tempo si è aggiunto un altro macigno, quello della curatela fallimentare del 1986. Una vicenda trascinata per 29 anni, vicina alla soluzione nel periodo della militanza in Serie A, ma che adesso condanna la Reggina Calcio al pagamento di 200.000 euro. Altri creditori di minor "taglio" si stanno facendo avanti, mentre aumenta il plotone d'esecuzione composto da ex calciatori: Giuseppe Colucci e Rodney Strasser avrebbero avanzato richiesta di pignoramenti.

Il dato di fatto, ribadiamo, è che la Reggina Calcio arriverà in vita almeno fino al 2017 nonostante l'assenza di un'attività professionistica. Ad oggi si può parlare di successo sul piano amministrativo, dato che la partita è ancora sullo 0-0 nonostante il "divario tecnico" tra le due contendenti. A lungo andare, evitare il fallimento sarebbe un trionfo ma è bene guardare in faccia la realtà. Se il Sant'Agata dovrà essere la fonte principale, o forse l'unica, di introito per i prossimi 15 anni, servirà un lavoro alacre e costante. Come sempre, il Presidente appare intenzionato a non mollare. E magari prepara il contropiede.

http://ildispaccio.it/calcio/84-quadran ... sant-agata" onclick="window.open(this.href);return false;


quindi la Reggina dovrebbe rimanere viva almeno fino al 2017! ed il baffazzo ha preso 200mila euro dai trasferimenti dei dopo la rescissione!

in ogni caso, sarà l'azienda Reggina a rimanere viva e non la squadra di calcio, quindi sosteniamo l'ASD Reggio Calabria!
Avatar utente
sargiaz
Apprendista Forumino
Apprendista Forumino
Messaggi: 95
Iscritto il: 11/05/2011, 14:10

Se non fallisce, vuol dire che dimostra in qualche modo di poter ancora fatturare, e di essere in grado nel tempo di fare fronte a tutti i debiti (che qualcuno ha detto sia aggirino intorno ai 15 milioni di euro).
Se così veramente fosse, si potrebbe paventare una fusione tra le 2 società, che permetterebbe di fare la serie D da un lato, e di usufruire delle strutture e degli accordi con gli enti già in essere dall'altro.
BoogeymanFCF
Forumino Scelto
Forumino Scelto
Messaggi: 460
Iscritto il: 06/01/2014, 23:53

l'articolo era già stato postato, scusate
Avatar utente
riggiuriggiu
Forumino Scelto
Forumino Scelto
Messaggi: 586
Iscritto il: 25/07/2015, 17:18

BoogeymanFCF ha scritto:Reggina, gli scenari post-concordato: dal tesoretto Bochniewicz alla fucina del Sant'Agata
Stampa Email
Share
bochniedi Paolo Ficara - Rete inviolata. Se fino a qualche anno fa gli avversari della Reggina si chiamavano Juventus, Milan, Inter, finanche Messina, e venivano affrontati sul campo in match poi diventati epici, adesso qualcosa è cambiato. La partita si gioca in tribunale, e Lillo Foti riesce da mesi a non subire gol pur avendo davanti i legali di bomber affermati come Nicola Amoruso ed Emiliano Bonazzoli.

Probabilmente sarà quello con l'Unicredit il contenzioso che, alla lunga, rischia di portare la partita ai supplementari. Al momento, la Reggina Calcio è in vita e forse lo resterà miracolosamente almeno per un altro anno e mezzo. Quello sarà il lasso di tempo in cui bisognerà capire in che maniera si potrà evitare un provvedimento, quello del fallimento, ieri chiesto con insistenza dalle controparti presso il Tribunale di Reggio Calabria.

Come funziona il concordato – Ampliamo ed in parte rettifichiamo quanto riportato nel precedente articolo. La Reggina ha chiesto un concordato in bianco, la possibilità è prevista dalla legge e, per ironia della sorte, il Tribunale dovrebbe dare il via a pochi giorni dall'inizio del campionato di Serie D, che vedrà protagonista la neonata A.s.d. Reggio Calabria. Da quel momento, ovvero a partire dal 3 o dal 4 settembre, ci saranno 60 giorni di tempo più altri eventuali 60 di proroga, per stilare i vari passaggi del concordato. La società da oggi retta da Pino Ranieri come amministratore unico, dovrà indicare nella maniera più dettagliata possibile i canali da cui reperire le somme per saldare i vari creditori. Scaduto il tempo, il Tribunale dovrà decidere se approvare il concordato e nominare un commissario che provveda alla riscossione ed alla distribuzione degli introiti. Ci sarebbero tre anni di tempo per ultimare queste operazioni, ma in qualsiasi momento il commissario potrebbe decidere di stoppare il concordato, qualora verificasse con mano l'inattuabilità delle condizioni previste.

C'è ancora oro nella miniera – Nell'immediato la Reggina, pur senza affiliazione alla Figc, sa di poter indicare dei crediti pendenti presso la Lega Calcio. Il tesoretto è rappresentato dalla seconda rata della cessione di Pawel Bochniewicz (nell'immagine) all'Udinese, una somma da considerare probabilmente al netto della percentuale da versare allo Stal Mielec, precedente club del difensore polacco. Siamo sul mezzo milione. I tantissimi giovani accasatisi altrove dopo lo svincolo d'ufficio deciso dalla Figc lo scorso 23 luglio, ossia i vari Gjuci, Mazzone, Cataldi, Loria, Bran e via dicendo, garantiranno l'emissione dei premi di preparazione da parte delle società acquirenti dei cartellini. Il totale non dovrebbe risultare inferiore ai 200 mila euro. Nel corso del campionato di Serie A, qualora avvenisse l'esordio di Mauro Coppolaro con la prima squadra dell'Udinese, scatterebbe un altro corposo bonus di 400.000 euro. Meno chiari gli aspetti legati alla cessione di Cristhian Stuani al Middlesbrough: l'Espanyol, che aveva acquistato l'attaccante uruguagio dalla Reggina nell'agosto 2012, afferma di dover corrispondere la metà del prezzo al club di via delle Industrie. Tale versione non collima con quella delle altre parti in causa, e sembra che questi 2 milioni alla fine prenderanno la strada di Montevideo, dove il Danubio attenderebbe ancora la corresponsione della cifra pattuita nel 2007 per la cessione alla Reggina.

Basterà il Sant'Agata? – La Reggina si appresta a mettere su una scuola calcio, la cui attività dovrebbe avviarsi in concomitanza con il via libera al concordato. Il Sant'Agata dovrebbe diventare un centro tecnico della Figc alla stregua di Coverciano, e questo sarebbe motivo di vanto e non solo per Reggio Calabria. Intanto c'è da superare qualche intoppo con la Provincia, che reclama un pagamento per il rinnovo della concessione demaniale. Difficile che le parti abbiano voglia di trascinare la questione, anche perché la Reggina può sottolineare di averci costruito, su quel terreno. Tornando all'aspetto economico dalla vicenda, è chiaro che le somme pendenti presso la Lega non consentiranno di saldare l'intera massa debitoria, specie quella rateizzata con l'Agenzia delle Entrate. Non si può pensare che l'attività giovanile possa bastare: in teoria la Reggina dovrebbe sperare di vendere già tra un anno una decina di ragazzini a club di Serie A. Esistono diversi calciatori cresciuti al Sant'Agata presenti nel calcio professionistico, ed eventualmente si potrebbe aspirare a ricavare quelle piccole percentuali di valorizzazione, qualora venissero ceduti a peso d'oro. Esempio pratico, seppur utopistico: il Real Madrid compra Simone Missiroli dal Sassuolo a 30 milioni, il Barcellona ne spende altri 20 per prendere Maicon dal Livorno, e la Reggina ne ricaverebbe un gruzzoletto utile ad accontentare i creditori per un altro anno. Difficile possa essere questa una soluzione praticabile o perpetua.

Effetti "collaterali" – L'eventuale, ma potremmo definirla scontata, approvazione del concordato può avere l'effetto di rallentare l'evoluzione di altri contenziosi. Da poco tempo si è aggiunto un altro macigno, quello della curatela fallimentare del 1986. Una vicenda trascinata per 29 anni, vicina alla soluzione nel periodo della militanza in Serie A, ma che adesso condanna la Reggina Calcio al pagamento di 200.000 euro. Altri creditori di minor "taglio" si stanno facendo avanti, mentre aumenta il plotone d'esecuzione composto da ex calciatori: Giuseppe Colucci e Rodney Strasser avrebbero avanzato richiesta di pignoramenti.

Il dato di fatto, ribadiamo, è che la Reggina Calcio arriverà in vita almeno fino al 2017 nonostante l'assenza di un'attività professionistica. Ad oggi si può parlare di successo sul piano amministrativo, dato che la partita è ancora sullo 0-0 nonostante il "divario tecnico" tra le due contendenti. A lungo andare, evitare il fallimento sarebbe un trionfo ma è bene guardare in faccia la realtà. Se il Sant'Agata dovrà essere la fonte principale, o forse l'unica, di introito per i prossimi 15 anni, servirà un lavoro alacre e costante. Come sempre, il Presidente appare intenzionato a non mollare. E magari prepara il contropiede.

http://ildispaccio.it/calcio/84-quadran ... sant-agata" onclick="window.open(this.href);return false;


quindi la Reggina dovrebbe rimanere viva almeno fino al 2017! ed il baffazzo ha preso 200mila euro dai trasferimenti dei dopo la rescissione!

in ogni caso, sarà l'azienda Reggina a rimanere viva e non la squadra di calcio, quindi sosteniamo l'ASD Reggio Calabria!
era tutto prevedibile
unica via dì uscita sarebbe per il bene della città che gli attuali dirigenti facessero entrare nella reggio calabria foti come presidente e che questo desse alla reggio calabria il nome reggina calcio
sempre che praticò e company vogliano lasciare le poltrone
sarebbe ottimo
“Ciccio Cozza, Reggio ti ha adottato. Qui nessuno ha dimenticato. Ma attento.. il nostro il rispetto non va disonorato” Ultrà ASD Reggio Calabria 25.10.2015 in risposta a cozza che diceva di non curarsi troppo delle contestazioni della tifoseria
Rispondi