Il m5s e la sua "opposizione".

Notizie dal mondo e dalla città: curiosità, fatti, cronaca...

Moderatori: Bud, NinoMed, Lixia, Lilleuro, Mave, ManAGeR78

reggino
Non c'è nenti!
Non c'è nenti!
Messaggi: 4513
Iscritto il: 12/05/2011, 19:30
Località: l'isola che non c'è

Il m5s e la sua "opposizione".

Messaggio da reggino » 03/02/2015, 19:44

E sì, dopo un anno, dalle ultime elezioni politiche, si può e si deve fare un resoconto di ciò che ha fatto il movimento 5 stelle, dopo dodici mesi che sono stati in Parlamento. E hanno fatto ben poco. Mi si dirà:" ma stando all'opposizione si può fare poco" eh no, miei cari, non è assolutamente vero. Il pci stando all'opposizione per trent'anni,ha prodotto: riforme sociali, la Costituzione, un ottimo Presidente della Repubblica(grazie al suo voto) come Pertini, una classe dirigente preparata e competente,e potrei andare avanti per ore ed ore.
Mi si dirà:"ma il Pci è il passato guardiamo al presente", ok, guardiamo al presente: Tsipras stando all'opposizione ha fatto cadere un governo, impedito che venisse eletto il Presidente della Repubblica, mobilitato tante persone contro l'austerity, ed oggi,grazie a quell'opposizione, governa.
Mi si dirà: " ma noi siamo per la purezza, non vogliamo mischiarci con altri", intanto non è vero, perché quando si è scelto di allearsi con qualcuno in Europa, vi siete presi Farage, e poi se non volete mischiarvi con qualcuno, sarete condannati all'irrilevanza politica.
A voi la scelta: o finire nell'oblio in poco tempo, o incominciare ad essere determinanti nello scenario politico attuale.
:salut
https://www.youtube.com/watch?v=-JQINuybHL4" onclick="window.open(this.href);return false;
suonatore Jones

Re: Il m5s e la sua "opposizione".

Messaggio da suonatore Jones » 03/02/2015, 21:05

reggino ha scritto:E sì, dopo un anno, dalle ultime elezioni politiche, si può e si deve fare un resoconto di ciò che ha fatto il movimento 5 stelle, dopo dodici mesi che sono stati in Parlamento. E hanno fatto ben poco. Mi si dirà:" ma stando all'opposizione si può fare poco" eh no, miei cari, non è assolutamente vero. Il pci stando all'opposizione per trent'anni,ha prodotto: riforme sociali, la Costituzione, un ottimo Presidente della Repubblica(grazie al suo voto) come Pertini, una classe dirigente preparata e competente,e potrei andare avanti per ore ed ore.
Mi si dirà:"ma il Pci è il passato guardiamo al presente", ok, guardiamo al presente: Tsipras stando all'opposizione ha fatto cadere un governo, impedito che venisse eletto il Presidente della Repubblica, mobilitato tante persone contro l'austerity, ed oggi,grazie a quell'opposizione, governa.
Mi si dirà: " ma noi siamo per la purezza, non vogliamo mischiarci con altri", intanto non è vero, perché quando si è scelto di allearsi con qualcuno in Europa, vi siete presi Farage, e poi se non volete mischiarvi con qualcuno, sarete condannati all'irrilevanza politica.
A voi la scelta: o finire nell'oblio in poco tempo, o incominciare ad essere determinanti nello scenario politico attuale.
:salut
Sono parzialmente d'accordo. Pur pensando che abbiano prodotto poco e nulla e abbiano sbagliato una serie di cose enorme, devo dire che la loro presenza in parlamento ha avuto dei lati positivi.
Dovevano fare di più, ma credo che abbiano avuto un ruolo rilevante nel rovinare certi equilibri pericolosi che si erano creati tra i partiti. Purtroppo, non vogliono andare oltre. Ossia dimostrare che si possono fare alleanze produttive diverse dall'inciucio.

Poi la democrazia diretta. Ora, bella la democrazia diretta. I cittadini, il potere, la partecipazione.

Poi ti ritrovi a votare imposimato e prodi mentre tutti si mettono d'accordo su mattarella e non fai in tempo a convergere (o meno) nascondendoti dietro "noi facciamo quello che dicono gli elettori". Molto nobile, bravi, ma dopo le elezioni gli elettori vi hanno dato fiducia, usatela un po'.

e altra roba su cui meglio passare oltre. Insomma, potevano essere il meglio del meglio, hanno deciso di essere poco più del nulla.
reggino
Non c'è nenti!
Non c'è nenti!
Messaggi: 4513
Iscritto il: 12/05/2011, 19:30
Località: l'isola che non c'è

Re: Il m5s e la sua "opposizione".

Messaggio da reggino » 03/02/2015, 21:39

suonatore Jones ha scritto:[quote=

Poi ti ritrovi a votare imposimato e prodi mentre tutti si mettono d'accordo su mattarella e non fai in tempo a convergere (o meno) nascondendoti dietro "noi facciamo quello che dicono gli elettori". Molto nobile, bravi, ma dopo le elezioni gli elettori vi hanno dato fiducia, usatela un po'.

e altra roba su cui meglio passare oltre. Insomma, potevano essere il meglio del meglio, hanno deciso di essere poco più del nulla.
D'accordo. Siamo arrivati al paradosso che sposta più gli equilibri di un governo, un Civati, non sono d'accordo con chi lo denigra, per essere solo, o meglio per avere pochi seguaci, si sta muovendo bene, molto meglio di un movimento di quasi 180 parlamentari, con un blog come mezzo d'informazione più letto in Italia, e con un Leader molto seguito.
Loro per quel che concerne il Presidente della Repubblica, sono passati nell'anonimato, mentre la piccola truppa Civatiana è riuscita a imporre un candidato diverso, da quelle che emergeva nelle stanze del potere. Questo vale anche per l'italicum, per quel che concerne le modifiche sono stati più incisivi i Civatiani, che il Movimento 5 Stelle.
Siamo arrivati al paradosso in cui a fare opposizione ad un partito di maggioranza, è una piccolissima fetta di quel partito, ed è più forte quella piccolissima fetta, di un partito col 25%.
Ekk in Grecia con poco più del 4% mobilita operai e giovani nella lotta all'austerity. Questi qua che mobilitazioni hanno fatto?? e hanno il 25%...
Devono scegliere cosa vogliono fare da grandi. Ad un anno dalle elezioni politiche, si può dire che i risultati ottenuti sono stati poco soddisfacenti. E lo dice uno che aveva apprezzato i loro primi passi.
https://www.youtube.com/watch?v=-JQINuybHL4" onclick="window.open(this.href);return false;
suonatore Jones

Re: Il m5s e la sua "opposizione".

Messaggio da suonatore Jones » 03/02/2015, 21:44

reggino ha scritto:
suonatore Jones ha scritto:[quote=

Poi ti ritrovi a votare imposimato e prodi mentre tutti si mettono d'accordo su mattarella e non fai in tempo a convergere (o meno) nascondendoti dietro "noi facciamo quello che dicono gli elettori". Molto nobile, bravi, ma dopo le elezioni gli elettori vi hanno dato fiducia, usatela un po'.

e altra roba su cui meglio passare oltre. Insomma, potevano essere il meglio del meglio, hanno deciso di essere poco più del nulla.
D'accordo. Siamo arrivati al paradosso che sposta più gli equilibri di un governo, un Civati, non sono d'accordo con chi lo denigra, per essere solo, o meglio per avere pochi seguaci, si sta muovendo bene, molto meglio di un movimento di quasi 180 parlamentari, con un blog come mezzo d'informazione più letto in Italia, e con un Leader molto seguito.
Loro per quel che concerne il Presidente della Repubblica, sono passati nell'anonimato, mentre la piccola truppa Civatiana è riuscita a imporre un candidato diverso, da quelle che emergeva nelle stanze del potere. Questo vale anche per l'italicum, per quel che concerne le modifiche sono stati più incisivi i Civatiani, che il Movimento 5 Stelle.
Siamo arrivati al paradosso in cui a fare opposizione ad un partito di maggioranza, è una piccolissima fetta di quel partito, ed è più forte quella piccolissima fetta, di un partito col 25%.
Ekk in Grecia con poco più del 4% mobilita operai e giovani nella lotta all'austerity. Questi qua che mobilitazioni hanno fatto?? e hanno il 25%...
Devono scegliere cosa vogliono fare da grandi. Ad un anno dalle elezioni politiche, si può dire che i risultati ottenuti sono stati poco soddisfacenti. E lo dice uno che aveva apprezzato i loro primi passi.
succede quando gran parte del tuo elettorato è composto da gente che ha scoperto la politica dopo una vita senza interessarsene.
Si, Grillo ha fatto avvicinare moltissimi alla politica, ma a che prezzo?
reggino
Non c'è nenti!
Non c'è nenti!
Messaggi: 4513
Iscritto il: 12/05/2011, 19:30
Località: l'isola che non c'è

Re: Il m5s e la sua "opposizione".

Messaggio da reggino » 03/02/2015, 21:56

suonatore Jones ha scritto:[quote

succede quando gran parte del tuo elettorato è composto da gente che ha scoperto la politica dopo una vita senza interessarsene.
Si, Grillo ha fatto avvicinare moltissimi alla politica, ma a che prezzo?
Sai la settimana scorsa, stavo parlando con un mio collega di questo. Entrambi, fino a pochi mesi fa,eravamo dell'idea che la società civile fosse una risorse importante per la politica, considerato che i politici di professione ci hanno lasciato uno Stato in condizioni disastrose, poi vedendo, però, i frutti della società civile, dai Berlusconi, alla Taverna, alla Santanché, siamo arrivati alla conclusione che forse erano meglio le scuole di partito. E che la politica non è volontariato, la politica è competenza, capacità e serietà. Non è un caso che oggi ci affidiamo nei ruoli di garanzia costituzionale, sia se essi siano giudici della corte costituzionale, o Capi di Stato, a uomini che provengono dalle scuole di partito e non dalla società civile.
Detto questo, Grillo ha avvicinato persone alle politiche, ma dopo un anno buona parte le ha allontanate di nuovo.
Soprattutto perché è poco chiara e molto contraddittoria la loro linea politica, in materia di alleanze, e se non vogliono ridursi al lumicino, devono incominciare a ragionare su questo versante.
https://www.youtube.com/watch?v=-JQINuybHL4" onclick="window.open(this.href);return false;
suonatore Jones

Re: Il m5s e la sua "opposizione".

Messaggio da suonatore Jones » 04/02/2015, 1:10

reggino ha scritto:
Sai la settimana scorsa, stavo parlando con un mio collega di questo. Entrambi, fino a pochi mesi fa,eravamo dell'idea che la società civile fosse una risorse importante per la politica, considerato che i politici di professione ci hanno lasciato uno Stato in condizioni disastrose, poi vedendo, però, i frutti della società civile, dai Berlusconi, alla Taverna, alla Santanché, siamo arrivati alla conclusione che forse erano meglio le scuole di partito. E che la politica non è volontariato, la politica è competenza, capacità e serietà. Non è un caso che oggi ci affidiamo nei ruoli di garanzia costituzionale, sia se essi siano giudici della corte costituzionale, o Capi di Stato, a uomini che provengono dalle scuole di partito e non dalla società civile.
Detto questo, Grillo ha avvicinato persone alle politiche, ma dopo un anno buona parte le ha allontanate di nuovo.
Soprattutto perché è poco chiara e molto contraddittoria la loro linea politica, in materia di alleanze, e se non vogliono ridursi al lumicino, devono incominciare a ragionare su questo versante.
Pure io, anni fa, pensavo che la "società civile" fosse una grande risorsa.
E lo penso ancora.
Non penso che Berlusconi, Taverna e Santanchè siano società civile. Società, magari, ma la civiltà è altro.

Poi c'è il discorso sull' "anti-politica". Anti politica è una forma che non vrebbe esistere. Se ti schieri e ti occupi del paese, quellaè già politica.
Inutile che dici "noi non siamo partiti".
Insomma, questo per dire che il linguaggio è importante e lì lo usano molto bene.
La politica è competenza, e infatti intendevo questo quando parlavo delle votazioni online e della fiducia data ai parlamentari.
Se ti fidi così tanto dei vertici del movimento, lasciagli almeno un minimo di spazio di manovra. Ma lì è la dirigenza che non vuole lo spazio di manovra per trincerarsi dietro il volere collettivo. Insomma, il gatto si morde la coda.

Grillo ha avvicinato la gente alla politica. Gente che adesso pensa che si possa cambiare il mondo senza scendere in piazza. Quindi credo che alle elezioni la sua parte di voto la prenda per almeno un altro po' di fallimenti.
reggino
Non c'è nenti!
Non c'è nenti!
Messaggi: 4513
Iscritto il: 12/05/2011, 19:30
Località: l'isola che non c'è

Re: Il m5s e la sua "opposizione".

Messaggio da reggino » 04/02/2015, 12:53

suonatore Jones ha scritto:[quote

Pure io, anni fa, pensavo che la "società civile" fosse una grande risorsa.
E lo penso ancora.
Non penso che Berlusconi, Taverna e Santanchè siano società civile. Società, magari, ma la civiltà è altro.

Poi c'è il discorso sull' "anti-politica". Anti politica è una forma che non vrebbe esistere. Se ti schieri e ti occupi del paese, quellaè già politica.
Inutile che dici "noi non siamo partiti".
Insomma, questo per dire che il linguaggio è importante e lì lo usano molto bene.
La politica è competenza, e infatti intendevo questo quando parlavo delle votazioni online e della fiducia data ai parlamentari.
Se ti fidi così tanto dei vertici del movimento, lasciagli almeno un minimo di spazio di manovra. Ma lì è la dirigenza che non vuole lo spazio di manovra per trincerarsi dietro il volere collettivo. Insomma, il gatto si morde la coda.

Grillo ha avvicinato la gente alla politica. Gente che adesso pensa che si possa cambiare il mondo senza scendere in piazza. Quindi credo che alle elezioni la sua parte di voto la prenda per almeno un altro po' di fallimenti.
Io ad oggi non conosco nessuno che sia provenuto dalla società civile e che abbia prodotto dei benefici reali alla politica.
Si diceva vent'anni fa che i partiti sono stati un disastro(vero ma non tutti, per me il Pci è stata una risorsa importante per il nostro Paese),e per questo bisognava votare Berlusconi, in quanto uomo proveniente da una cultura diversa da quella partitica, ed infatti i risultati sono stati disastrosi. E' stato il tempo di Monti, si diceva che lui era l'unico a non aver avuto colpe in merito al disastro italiano, e che pertanto bisognava avere fiducia in lui, la tecnocrazia, era meglio della partitocrazia, che è stato un fallimento, si diceva, quindi perché non credergli? ed è anche qui inutile dire che la sua esperienza è stata, per usare un eufemismo, poco soddisfacente. Ci hanno provato, allora, i Giannino e gli Ingroia, allora, ed è stato, anche qui, un fallimento, la loro candidatura. Bisogna riconoscerlo. Per non parlare poi dei Crimi, delle Lombardia, di Taverna e della Santanchè.
Ora per carità non voglio dire che tutta la società civile sia da buttare, anzi qualcosina alcuni esponenti del m5s che provengono da lì, qualcosina di buono hanno partorito.
Ma secondo me è troppo poco, in relazione a quello che hanno fatto politici provenienti da scuole di partito.
https://www.youtube.com/watch?v=-JQINuybHL4" onclick="window.open(this.href);return false;
reggina D-I
Forumino Malatissimo
Forumino Malatissimo
Messaggi: 1566
Iscritto il: 11/05/2011, 14:58

Re: Il m5s e la sua "opposizione".

Messaggio da reggina D-I » 04/02/2015, 16:59

Sti ragazzi si sono dimostrati oltretutto stupidi: potevano "entrare" nel Mose o nell'Expo o nell'affaire di Roma o farsi coinvolgere da "collaborazioni" ndranghetiste e invece non ne hanno approfittato nemmeno per un po'...

Avrebbero avuto carriera assicurata e forse ora, se avessero "combinato" qualcosa, sarebbero magari attorno al 30% perchè agli italiani se onesti non gli piacciono

quindi vadano a F. in C. loro, la loro onestà e i loro gesti scorretti per reclamare voglia di opporsi. Mai più un voto a sta gentaglia!!!
Uno solo ho visto in vita mia che MAI, non quasi mai ma proprio MAI, capisce ciò che legge! Il vero guaio per lui, spettacolo per gli altri, è che poi scrive e a tutti si mostra nella tragica evidenza!!! :PPP
reggino
Non c'è nenti!
Non c'è nenti!
Messaggi: 4513
Iscritto il: 12/05/2011, 19:30
Località: l'isola che non c'è

Re: Il m5s e la sua "opposizione".

Messaggio da reggino » 04/02/2015, 17:05

reggina D-I ha scritto:Sti ragazzi si sono dimostrati oltretutto stupidi: potevano "entrare" nel Mose o nell'Expo o nell'affaire di Roma o farsi coinvolgere da "collaborazioni" ndranghetiste e invece non ne hanno approfittato nemmeno per un po'...

Avrebbero avuto carriera assicurata e forse ora, se avessero "combinato" qualcosa, sarebbero magari attorno al 30% perchè agli italiani se onesti non gli piacciono

quindi vadano a F. in C. loro, la loro onestà e i loro gesti scorretti per reclamare voglia di opporsi. Mai più un voto a sta gentaglia!!!
Prendi le opposizioni che ci sono negli altri Paesi. Dai Podemos, al fronte di Sinistra Fracese, e in Grecia senza scomodore Tsipras, che una volta era all'opposizione pure, c'è l'ekk.
Sono tutte opposizioni che fondano la propria iniziativa politica non solo nel non rubare, ma anche in strategie ed iniziative politiche concrete, che mirano alla crescita ed al benessere della collettività.
A me non interessa solo una classe politica che non rubi, ma anche una classe politica che scelga una direzione per fare uscire questo Paese dalla crisi. E questa direzione il m5s ancora non l'ha presa.
https://www.youtube.com/watch?v=-JQINuybHL4" onclick="window.open(this.href);return false;
reggina D-I
Forumino Malatissimo
Forumino Malatissimo
Messaggi: 1566
Iscritto il: 11/05/2011, 14:58

Re: Il m5s e la sua "opposizione".

Messaggio da reggina D-I » 04/02/2015, 18:43

reggino ha scritto:
reggina D-I ha scritto:Sti ragazzi si sono dimostrati oltretutto stupidi: potevano "entrare" nel Mose o nell'Expo o nell'affaire di Roma o farsi coinvolgere da "collaborazioni" ndranghetiste e invece non ne hanno approfittato nemmeno per un po'...

Avrebbero avuto carriera assicurata e forse ora, se avessero "combinato" qualcosa, sarebbero magari attorno al 30% perchè agli italiani se onesti non gli piacciono

quindi vadano a F. in C. loro, la loro onestà e i loro gesti scorretti per reclamare voglia di opporsi. Mai più un voto a sta gentaglia!!!
Prendi le opposizioni che ci sono negli altri Paesi. Dai Podemos, al fronte di Sinistra Fracese, e in Grecia senza scomodore Tsipras, che una volta era all'opposizione pure, c'è l'ekk.
Sono tutte opposizioni che fondano la propria iniziativa politica non solo nel non rubare, ma anche in strategie ed iniziative politiche concrete, che mirano alla crescita ed al benessere della collettività.
A me non interessa solo una classe politica che non rubi, ma anche una classe politica che scelga una direzione per fare uscire questo Paese dalla crisi. E questa direzione il m5s ancora non l'ha presa.
Il fatto vero è che l'Italia non è paese per Podemis e Sirizis... qui vige il partito unico della consociazionis!!!

Comunque il M5S è acqua passata, un centinaio di deficienti con bandiere sbagliate che hanno voluto fare gli stupidi coerenti a dispetto di Napolitani, stampe riunite, poteri forti e restando contro questo modo di essere Italia (e soprattutto italiani)... Li ho votati ma ora mi rendo conto che non essendo tipi che salvano padri da bancarotte e fallimenti, tipi che non fanno resuscitare banche paterne, tipi che non hanno senso della famiglia insomma, tipi che non entrano a gestire possenti affari e che non colludono non potranno mai essere guide per noi... quindi muoiano stupidi, poveri e giovani... e senza alcuna pietà

Spero solo, a questo punto, che male per male i loro voti confluiscano verso la Lega
Uno solo ho visto in vita mia che MAI, non quasi mai ma proprio MAI, capisce ciò che legge! Il vero guaio per lui, spettacolo per gli altri, è che poi scrive e a tutti si mostra nella tragica evidenza!!! :PPP
reggino
Non c'è nenti!
Non c'è nenti!
Messaggi: 4513
Iscritto il: 12/05/2011, 19:30
Località: l'isola che non c'è

Re: Il m5s e la sua "opposizione".

Messaggio da reggino » 04/02/2015, 18:53

reggina D-I ha scritto:[quote

Il fatto vero è che l'Italia non è paese per Podemis e Sirizis... qui vige il partito unico della consociazionis!!!

Comunque il M5S è acqua passata, un centinaio di deficienti con bandiere sbagliate che hanno voluto fare gli stupidi coerenti a dispetto di Napolitani, stampe riunite, poteri forti e restando contro questo modo di essere Italia (e soprattutto italiani)... Li ho votati ma ora mi rendo conto che non essendo tipi che salvano padri da bancarotte e fallimenti, tipi che non fanno resuscitare banche paterne, tipi che non hanno senso della famiglia insomma, tipi che non entrano a gestire possenti affari e che non colludono non potranno mai essere guide per noi... quindi muoiano stupidi, poveri e giovani... e senza alcuna pietà

Spero solo, a questo punto, che male per male i loro voti confluiscano verso la Lega
torno a ripeterti, d'accordo l'onestà ma non basta, il partito radicale era ed è un partito onesto, mai nessun politico gli hanno indagato, ma ha delle idee sbagliate, sia in campo economico che in campo sociale, le stesse che ci hanno portato al disastro in cui siamo oggi. Anche Fiamma Tricolore e Forza Nuova, sono movimenti che fanno della legalità la loro bandiera, ma non mi pare che sia un motivo valido, o perlomeno l'unico, per votarli. Se mi contrasti la corruzione, e mi fai uscire dall'Euro(Cosa che non vuole fare manco Tsipras, e lì in Grecia erano messi peggio di noi), senza paracadute, che cosa ho risolto? muoio lo stesso.
Se mi fai una battaglia contro l'evasione fiscale, e poi mi elimini i sindacati come vuole fare Grillo, come creo occupazione? chi mi difende i lavoratori? servono idee anche che mi possono sollevare l'economia e creare benessere.
Io Grillo non l'ho mai votato, ho sempre votato per l'estrema sinistra, sin dal 2009, però poteva essere,il m5s, un'occasione per aggregare pezzi della sinistra e sfidare il potere finanziario, come ha fatto Tsipras in Grecia, invece no, nelle migliori delle ipotesi se ne è stato solo, nelle peggiori s'è accoppiato con Farage.
https://www.youtube.com/watch?v=-JQINuybHL4" onclick="window.open(this.href);return false;
Lina
Apprendista Forumino
Apprendista Forumino
Messaggi: 85
Iscritto il: 29/12/2013, 11:09

Re: Il m5s e la sua "opposizione".

Messaggio da Lina » 08/02/2015, 20:37

reggino ha scritto:E sì, dopo un anno, dalle ultime elezioni politiche, si può e si deve fare un resoconto di ciò che ha fatto il movimento 5 stelle, dopo dodici mesi che sono stati in Parlamento. E hanno fatto ben poco. Mi si dirà: ................................. :salut
Io ti dirò solo:
................................ AGGHIACCIANTE !!!!!!!!!!!!!!!!!
reggino
Non c'è nenti!
Non c'è nenti!
Messaggi: 4513
Iscritto il: 12/05/2011, 19:30
Località: l'isola che non c'è

Re: Il m5s e la sua "opposizione".

Messaggio da reggino » 09/02/2015, 21:27

Lina ha scritto:[quote

Io ti dirò solo:
................................ AGGHIACCIANTE !!!!!!!!!!!!!!!!!
Mentre il Ministro Greco dà del filo da torcere alla Merkel, noi siamo qua ad accontentarci delle mollichine di pane offerte da Grillo o da Renzi.
Ognuno ha ciò che si merita.
https://www.youtube.com/watch?v=-JQINuybHL4" onclick="window.open(this.href);return false;
suonatore Jones

Re: Il m5s e la sua "opposizione".

Messaggio da suonatore Jones » 21/02/2015, 1:40

divertente anche la vicenda Gino Paoli.
Accusato di aver avaso tasse per 800mila euro, è stato attaccato dal m5s. Ma non da Grillo, che lo difende "fino alla sentenza" in quanto amico personale.

La base (o almeno una parte) si è ribellata e lui fa sparire il post dalla home del blog.

Ovviamente questo non è niente di che, ma è solo per far capire il personaggio, forcaiolo a convenienza, che si accanisce con Berlusconi e poi difende Paoli "perché ha 80 anni". Che si accanisce con Civati (6000 euro - forse - in un conto all'estero) e difende a spada tratta Paoli (800mila euro - forse - in un conto all'estero).

6mila. 800mila.

Auguri.
Avatar utente
Regmi
Non c'è nenti!
Non c'è nenti!
Messaggi: 4236
Iscritto il: 11/05/2011, 16:55

Re: Il m5s e la sua "opposizione".

Messaggio da Regmi » 21/02/2015, 22:57

suonatore Jones ha scritto:divertente anche la vicenda Gino Paoli.
Accusato di aver avaso tasse per 800mila euro, è stato attaccato dal m5s. Ma non da Grillo, che lo difende "fino alla sentenza" in quanto amico personale.

La base (o almeno una parte) si è ribellata e lui fa sparire il post dalla home del blog.

Ovviamente questo non è niente di che, ma è solo per far capire il personaggio, forcaiolo a convenienza, che si accanisce con Berlusconi e poi difende Paoli "perché ha 80 anni". Che si accanisce con Civati (6000 euro - forse - in un conto all'estero) e difende a spada tratta Paoli (800mila euro - forse - in un conto all'estero).

6mila. 800mila.

Auguri.
Uno vale uno e tutti insieme, come normale che sia, contano meno di uno. Il proprietario.
La speranza appartiene ai figli.
Noi adulti abbiamo già sperato e quasi sempre perso.
reggino
Non c'è nenti!
Non c'è nenti!
Messaggi: 4513
Iscritto il: 12/05/2011, 19:30
Località: l'isola che non c'è

Re: Il m5s e la sua "opposizione".

Messaggio da reggino » 22/02/2015, 10:24

suonatore Jones ha scritto:divertente anche la vicenda Gino Paoli.
Accusato di aver avaso tasse per 800mila euro, è stato attaccato dal m5s. Ma non da Grillo, che lo difende "fino alla sentenza" in quanto amico personale.

La base (o almeno una parte) si è ribellata e lui fa sparire il post dalla home del blog.

Ovviamente questo non è niente di che, ma è solo per far capire il personaggio, forcaiolo a convenienza, che si accanisce con Berlusconi e poi difende Paoli "perché ha 80 anni". Che si accanisce con Civati (6000 euro - forse - in un conto all'estero) e difende a spada tratta Paoli (800mila euro - forse - in un conto all'estero).

6mila. 800mila.

Auguri.
Questa vicenda che all'apparenza può sembrare roba da poco, in realtà evidenzia i limiti di un movimento, che al di là delle cose buone che propone e che ha votato, non ha le capacità minime per poter governare. ora arriverà qualche pentastellato di turno, a dirmi, che basta essere onesti per guidare un Paese, no, non basta, o meglio questa è la condizione essenziale, poi devi, però, avere delle competenze, delle capacità, e una coerenza con la tua linea politica e la tua storia, che ti consentono ti poter realizzare degli obiettivi.
Io non so se quello che stanno facendo in Grecia, Tsipras e in Ministro Greco con la Merkel, il m5s riuscirebbe a realizzarlo. I primi due, stanno facendo un braccio di ferro, con il Cancelliere Tedesco, per ottenere qualche risultato da portare a casa, consentendo di far mangiare il proprio popolo,e fino ad ora ci sono riusciti, considerati i rapporti di forza.
Noi dobbiamo fare i conti con questo, incentrare un'azione politica, un programma politico, solo ed esclusivamente sull'onesta, non realizza in modo completo le esigenze della collettività. Il problema in Italia non è solo l'illegalità, ma anche la mancata redistribuzione della ricchezza, se Grillo è contro la patrimoniale, per fare un es., da sta situazione non se ne esce.
Il m5s aveva iniziato benino, e quello che ha fatto nei primi sei mesi, era comprensibile se non addirittura condivisibile, solo che, poi, non ha aggregato, come fanno molti movimenti nelle altre parti d'Europa, non è riuscito a mettere su un progetto politico chiaro sull'economia, non si sa se vogliono o meno che l'Italia stia nell'Euro, né è riuscito a fare delle alleanze in Europa, al massimo si sono presi Farage, che in Italia starebbe nelle file di Forza Nuova, neanche in italia è riuscito a stringere un accordo, neanche con una minuscola forza extraparlamentare, e questo è un grosso limite.
Io spero che anche in Italia, ci sia una consistente forza politica di sinistra, che possa sfidare i banchieri, l'altra europa con tsipras, sotto questo punto di vista, alle passate elezioni, ha rappresentato un discreto successo, speriamo che si continui su questa via.
https://www.youtube.com/watch?v=-JQINuybHL4" onclick="window.open(this.href);return false;
reggino
Non c'è nenti!
Non c'è nenti!
Messaggi: 4513
Iscritto il: 12/05/2011, 19:30
Località: l'isola che non c'è

Re: Il m5s e la sua "opposizione".

Messaggio da reggino » 05/03/2015, 18:16

Naka, Reggina d-i, Lina, Pincopallino, vorrei farvi dieci domande(ovviamente mi basta anche solo una risposta ad una sola delle domande che vi pongo), visto che siete elettori del m5s:

1) Come giudicate l'apertura di Grillo al Partito Democratico? tardiva, giusta, incoerente, altro?
2) Grillo ha espresso recentemente parole di apprezzamento nei confronti di Mattarella, perché allora non l'ha votato recentemente? mi si dirà che il popolo del web voleva Zagrebelsky, bene, ma se per questo il popolo del web voleva che si dialogasse con Letta, mentre Grillo, all'epoca lo prese a male parole. "Il popolo del web" e "l'uno vale uno", sono "valori" intangibili, o che possono essere modificati, a secondo del momento?
3)Grillo ha aperto ai Podemos e Tsipras, però in Europa è alleato con Farage, non è una posizione politica contraddittoria? diversamente, perché?
4)Grillo recentemente ha detto che è stato un errore punire coloro che andavano ai talk show, e torniamo al punto due, chi ha stabilito che ai talk show, non si va e che ora bisogna andare? la rete o Grillo? se è quest'ultimo, "la democrazia dal basso", "l'uno vale uno", "il popolo del web", quanto contano nel movimento?
5)Voi pensate che il m5s debba incominciare a strutturarsi come partito in futuro e ragionare come partito, oppure ritenete che la democrazia liquida, potrà portare in futuro dei risultati?
6)In Italia l'uscita dall'Euro è sostenuto solo da Salvini e dalla Meloni, e in Europa dalle forze di estrema destra, ritenete che questa sia l'unica strada giusta per uscire dalla crisi?
7) in Italia non credete che vadano strette delle alleanze, quantomeno nei Comuni?
8) gli ex parlamentari del m5s hanno indetto un sondaggio per interpellare i cittadini, dove secondo loro dovrebbe andare parte del proprio stipendio, quindi caduta in questo modo l'accusa che se ne siano andati per soldi, non è il caso di discutere sulla democrazia che c'è nel m5s?
9)Bersani,Letta,Renzi, secondo voi sono la stessa cosa? se sono la stessa cosa, perché ora con Renzi si vuole dialogare, e con i primi due questo passo non è stato fatto?
10) Condividete la posizione di Grillo di essere contrario alla patrimoniale? se sì, come pensate di redistribuire la ricchezza?
https://www.youtube.com/watch?v=-JQINuybHL4" onclick="window.open(this.href);return false;
reggina D-I
Forumino Malatissimo
Forumino Malatissimo
Messaggi: 1566
Iscritto il: 11/05/2011, 14:58

Re: Il m5s e la sua "opposizione".

Messaggio da reggina D-I » 07/03/2015, 11:50

reggino ha scritto:Naka, Reggina d-i, Lina, Pincopallino, vorrei farvi dieci domande(ovviamente mi basta anche solo una risposta ad una sola delle domande che vi pongo), visto che siete elettori del m5s:

1) Come giudicate l'apertura di Grillo al Partito Democratico? tardiva, giusta, incoerente, altro?

Stupida!! Ovviamente anche incoerente ma si vede che hanno capito che il consenso passa anche attraverso aperture con chi attua un programma diametralmente opposto ma gode di grande simpadtia masmediatica

2) Grillo ha espresso recentemente parole di apprezzamento nei confronti di Mattarella, perché allora non l'ha votato recentemente? mi si dirà che il popolo del web voleva Zagrebelsky, bene, ma se per questo il popolo del web voleva che si dialogasse con Letta, mentre Grillo, all'epoca lo prese a male parole. "Il popolo del web" e "l'uno vale uno", sono "valori" intangibili, o che possono essere modificati, a secondo del momento?

Perchè una persona può anche essere apprezzata ma se non è all'interno del metodo di scelta resta l'apprezzamento ma non il voto. Il popolo del web (sarebbe una generalizzazione di una minoranza ma, insomma, in Italia è il bello usare i comparativi di maggioranza e mioranza un po ala cappellana) disse una cosa che era opposta a quello che era stato detto e ribadito fino alla nausea in campagna elettorale: mai accordi con chi ci ha governato fino ad ora. Più o meno la stessa cosa che disse FI per il PD e il PD per forza Italia oltre che entrambi nei confronti del M5S (e qui in effetti ci fu coerenza a parte Bersani che propose al M5S di fargli da donna delle pulizie)

3)Grillo ha aperto ai Podemos e Tsipras, però in Europa è alleato con Farage, non è una posizione politica contraddittoria? diversamente, perché?

Assolutamente no!! Il fronte degli euroscettici è nelle corde e organizzare un fronte comune a largo spettro non è affatto contraddittorio maesattamente l'opposto: coerente!

4)Grillo recentemente ha detto che è stato un errore punire coloro che andavano ai talk show, e torniamo al punto due, chi ha stabilito che ai talk show, non si va e che ora bisogna andare? la rete o Grillo? se è quest'ultimo, "la democrazia dal basso", "l'uno vale uno", "il popolo del web", quanto contano nel movimento?

Grillo avrebbe dovuto permettere, dopo opportuna verifica delle capacità, ad un numero ristretto di parlamentari di partecipare e in un certo frangente è stato fatto salvo poi fare retromarcia (errore). Ricorderei solo a margine che non è che i parlamentari degli altri partiti abbiano libertà in questo senso in quanto per tutti vale il principio che solo una parte selezionata possa godere di visibilità ma questo ai più sfugge e non ho mai capito il perchè

5)Voi pensate che il m5s debba incominciare a strutturarsi come partito in futuro e ragionare come partito, oppure ritenete che la democrazia liquida, potrà portare in futuro dei risultati?

No, mai!! Partito mai! Nascono come un movimento destrutturato e moriranno così.

6)In Italia l'uscita dall'Euro è sostenuto solo da Salvini e dalla Meloni, e in Europa dalle forze di estrema destra, ritenete che questa sia l'unica strada giusta per uscire dalla crisi?

L'euro rappresenta l'essenza su cui è basata questa Europa che non ha nulla di sociale ma è solo un'organizzazione finanziaria col compito di tutelare grandi lobby, mondo bancario e della finanza. I popoli europei che non sono al comando della baracca stanno tutti oggettivamente peggio di prima! L'euro ha rappresentato oggettivamente e da quando è nato una sorta di occupazione di uno stato su altri (se Hitler. secondo me, avesse percepito che si poteva fare anche così non avrebbe sparato nemmeno un colpo di carabina giocattolo). In questo momento la realtà oggettiva è che uno stato solo al comando detta regole e condizioni agli altri favorendo solo se stesso. Ma si sa, i tedeschi un po' di inconscio nazismo lo hanno nel loro DNA. A me non interessa chi sia contro l'euro e se questo è un discorso che si permette solo a destra di accaparrarselo sono scelte che poi avranno delle conseguenze! Ad esempio ora importante è come Ciriza opererà perchè se fallisse ho come l'impressione che poi Alba Dorada diventerebbe il successore

7) in Italia non credete che vadano strette delle alleanze, quantomeno nei Comuni?

Le alleanze sono una cosa, l'aggregazione su temi è un'altra. Se si vota un testo che stabilisce la fine del reato di immigrazione clandestina l'aggregazione arriva, se si portasse una proposta sul reddito di cittadinanza l'aggregazione arriverebbe! Ma se ci fose un'alleanza allora si dovrebbe arrivare a votare cose come i licenziamenti collettivi o la depenalizzazione di reati finanziari e questo per un movimento legalista non potrebbe essere accettabile

8) gli ex parlamentari del m5s hanno indetto un sondaggio per interpellare i cittadini, dove secondo loro dovrebbe andare parte del proprio stipendio, quindi caduta in questo modo l'accusa che se ne siano andati per soldi, non è il caso di discutere sulla democrazia che c'è nel m5s?

No! La democrazia del M5S è quella che il movimento si è scelta! A chio piace e a chi no! Poi chi è uscito farà le sue scelte!!

9)Bersani,Letta,Renzi, secondo voi sono la stessa cosa? se sono la stessa cosa, perché ora con Renzi si vuole dialogare, e con i primi due questo passo non è stato fatto?

Non sono la stessa cosa! Bersani è l'incapacità, Letta è lo statu quo, Renzi è ...la democrazia cristiana!!! Ma si vuole dialogare è un termine che non afferro del tutto... mi pare che sul piatto siano state messe solo u paio di pietanze sulle quali provare a vedere se si possono mangiare assieme e non un progetto complessivo. Questo è già accaduto per altri provvedimenti e succederà ancora. Non vedo tutta questa frenesia nel poter annunciare che il M5S ha ammainato la bandiera... ma magari mi sbaglio io...

10) Condividete la posizione di Grillo di essere contrario alla patrimoniale? se sì, come pensate di redistribuire la ricchezza?
No, non la condivido ma non è che il progetto del reddito di cittadinanza passi attraverso la patrimoniale se questo è il senso della domanda. Lui ad esempio parla di un aumento dell'aliquota fiscale per i redditi da oltre 2 milioni (a memoria...), parla di riduzione delle spese militari e altro ancora. Basti pensare a cosa potrebbe accadere se solo si facesse scendere l'evasione fiscale a % "fisiologiche" (è un obbrobrio unire evasione a fisiologia, lo so)

PS - ma come mai questa richiesta visto che oramai il M5S rappresenta un pezzo di storia destinato all'oblio??? O qualcuno ancora crede che ci sia un futuro per loro? :o.o:
Uno solo ho visto in vita mia che MAI, non quasi mai ma proprio MAI, capisce ciò che legge! Il vero guaio per lui, spettacolo per gli altri, è che poi scrive e a tutti si mostra nella tragica evidenza!!! :PPP
reggino
Non c'è nenti!
Non c'è nenti!
Messaggi: 4513
Iscritto il: 12/05/2011, 19:30
Località: l'isola che non c'è

Re: Il m5s e la sua "opposizione".

Messaggio da reggino » 15/03/2015, 10:55

ti ringrazio per la pazienza con la quale mi hai risposto e perdona il ritardo.
Ci sono degli aspetti che hai scritto che condivido ed alcuni che non condivido, per esempio:

1) a proposito dell'apertura di Grillo a Bersani, tu l'hai giudicata: "Stupida!! Ovviamente anche incoerente ma si vede che hanno capito che il consenso passa anche attraverso aperture con chi attua un programma diametralmente opposto ma gode di grande simpadtia masmediatica".

Ok, d'accordo, ma allora perché non è stato fatto lo stesso ragionamento in merito alla votazione di Mattarella?

2)"Assolutamente no!! Il fronte degli euroscettici è nelle corde e organizzare un fronte comune a largo spettro non è affatto contraddittorio maesattamente l'opposto: coerente!"

Intanto a me pare parecchio fallimentare unire tutto e il contrario di tutto, sulla scelta se tenerci o meno una moneta, e poi Tsipras dall'Euro non vuole uscire e neanche i Podemos, mi pare.

3)"Le alleanze sono una cosa, l'aggregazione su temi è un'altra. Se si vota un testo che stabilisce la fine del reato di immigrazione clandestina l'aggregazione arriva, se si portasse una proposta sul reddito di cittadinanza l'aggregazione arriverebbe! Ma se ci fose un'alleanza allora si dovrebbe arrivare a votare cose come i licenziamenti collettivi o la depenalizzazione di reati finanziari e questo per un movimento legalista non potrebbe essere accettabile"

Si, ma se non fate alleanze, difficilmente ci sarà aggregazione sui singoli temi.

4)"No, non la condivido ma non è che il progetto del reddito di cittadinanza passi attraverso la patrimoniale se questo è il senso della domanda. Lui ad esempio parla di un aumento dell'aliquota fiscale per i redditi da oltre 2 milioni (a memoria...), parla di riduzione delle spese militari e altro ancora. Basti pensare a cosa potrebbe accadere se solo si facesse scendere l'evasione fiscale a % "fisiologiche" (è un obbrobrio unire evasione a fisiologia, lo so)"

Invece una tassa sulle grosse ricchezze sarebbe un toccasana per l'economia.

5)"ma come mai questa richiesta visto che oramai il M5S rappresenta un pezzo di storia destinato all'oblio??? O qualcuno ancora crede che ci sia un futuro per loro? :o.o:"

E' un partito che viaggia attorno al 20%, amministra comuni, ed è il secondo partito italiano, nel parlamento. Si poteva fare di più...del resto le interviste recenti di Grillo...non nascondo un pizzico di rammarico e delusione anche da parte sua...
https://www.youtube.com/watch?v=-JQINuybHL4" onclick="window.open(this.href);return false;
Lina
Apprendista Forumino
Apprendista Forumino
Messaggi: 85
Iscritto il: 29/12/2013, 11:09

Re: Il m5s e la sua "opposizione".

Messaggio da Lina » 16/03/2015, 10:43

reggino ha scritto: 5)"ma come mai questa richiesta visto che oramai il M5S rappresenta un pezzo di storia destinato all'oblio??? O qualcuno ancora crede che ci sia un futuro per loro? :o.o:"

E' un partito che viaggia attorno al 20%, amministra comuni, ed è il secondo partito italiano, nel parlamento. Si poteva fare di più...del resto le interviste recenti di Grillo...non nascondo un pizzico di rammarico e delusione anche da parte sua...
Si poteva fare di più? forse si - forse no! ma non è più questo il punto, ormai anch'io credo che il m5s appartenga al passato ed è sicuramente destinato all'oblio, certamente ha ragione Reggin D I quando dice che per loro non c'è futuro, il loro massimo l'hanno già raggiunto è certamente alle prossime elezioni non andranno oltre il 10% (ben che gli vada ........ anche perchè i partiti ricorderanno agli italiani quanti di loro sono stati espulsi e quanti hanno cambiato casacca).
Personalmente li ho votati ma non lo rifarò. Prima del m5s erano anni e anni che non andavo a votare e odiavo il partito di FI mentre un pò "simpatizzavo" col pd .............. adesso invece, odio il pd con tutta me stessa e pur non simpatizzando assolutamente con FI giuro che alle prossime elezioni andrò a votare e voterò (cercando di far votare anche altri) forza itaglia (chi mi conosce non ci crede assolutamente ma giuro che lo farò).
In conclusione reggino, credo che tu non abbia più alcun motivo di temere il m5s e i danni che possono fare al Paese (o il bene che non hanno saputo dare), non so davvero fare una previsione se alle prossime elezioni vincerà renzi o berlusconi ma sarei pronta a scommettere che il m5s non andrà oltre il 10% (ben che vada) per cui tu dovresti gioire perchè renzi ha buone probabilità di governare anche per molti anni a venire.
cari saluti
Rispondi