LA PRAVDA

Notizie dal mondo e dalla città: curiosità, fatti, cronaca...

Moderatori: Bud, NinoMed, Lixia, Lilleuro, Mave, ManAGeR78

Avatar utente
OronzoPugliese
Collaboratore
Collaboratore
Messaggi: 2432
Iscritto il: 11/05/2011, 12:57

LA PRAVDA

Messaggio da OronzoPugliese » 22/01/2014, 14:29

Reggio tra dissesto, Tares e scandalo degli asili: 4 anni dopo è tutta colpa di Scopelliti…

22 gennaio 2014 12:21 | Peppe Caridi

L’ultima vergogna per Reggio Calabria è lo scandalo degli asili: dal prossimo anno, infatti, in città non sarà più possibile iscrivere bambini disabili perchè, spiegano i commissari che da ormai quasi un anno e mezzo amministrano il Comune, “è impossibile nominare personale specializzato (insegnanti di sostegno)“. Prima c’era stata la bocciatura del piano di rientro (quello realizzato dai commissari, massimi esperti contabili, e approvato dal Ministero!) da parte della Corte dei Conti, con la città che adesso è a rischio dissesto finanziario (esattamente come sta accadendo in questi giorni a Napoli, e anche in molti altri comuni sparsi da nord a sud lungo l’Italia).
Tutto ciò dopo la vergogna della Tares, su cui i commissari (sì, sempre loro!) hanno praticato tariffe da record, mai viste prima in Italia, proprio in quella città in cui fino a qualche anno fa (quando era pulita) si pagava meno di tutti, mentre adesso i cassonetti sono sempre stracolmi, la raccolta non funziona, e per giunta i cittadini sono costretti a sborsare cifre enormi per un servizio che non c’è. Potremmo continuare per ore, da quando i commissari sono arrivati in città ne hanno combinate di tutti i colori, e fa specie consultare quotidianamente comunicati stampa contro il loro operato da parte di alcuni esponenti politici che avevano tifato per il loro arrivo, avevano spinto per il commissariamento solo per interesse di partito, anche quando – in tempi non sospetti – in tanti sostenevano (e noi l’avevamo scritto) che comunque il peggior sindaco è meglio del miglior commissario, che non sono i burocrati a risolvere il problema, che non si può privare una città della democrazia che sta alla base di ogni società civile.
Tra un po’ i commissari se ne andranno da Reggio, e cosa sarà cambiato rispetto a prima? Cosa avranno risolto? Qualsiasi occhio può notare quanto, in questo periodo, la città sia precipitata in basso da tutti i punti di vista, anche se qualcuno ogni cosa che accade continua a dire che “è tutta colpa di Scopelliti“. I commissari aumentano la Tares, “è tutta colpa di Scopelliti“. La Corte dei Conti boccia il piano di rientro dei commissari, ed “è tutta colpa di Scopelliti“. I commissari decidono di proibire l’accesso agli asili comunali per i bambini disabili, ed “è tutta colpa di Scopelliti“. Scopelliti, però, non è più sindaco di Reggio da 4 lunghi anni. Senza ombra di dubbio quando era sindaco lui la città era molto diversa, e questo lo pensano tutti altrimenti non è possibile spiegarsi come il 74% dei reggini abbia votato per lui alle elezioni regionali in quel marzo 2010. Dire che “è tutta colpa di Scopelliti“, a prescindere dal giudizio nel merito del suo operato da primo cittadino, è troppo facile per chiunque.
Sono passati 4 anni, sono cambiati 4 sindaci e 6 commissari da Raffa ad Arena fino allo scioglimento per mafia. Se “è tutta colpa di Scopelliti“, allora è inutile che facciamo le prossime elezioni, è inutile che Pd, Movimento 5 Stelle e altri facciano la corsa a Palazzo San Giorgio, per poi andare lì e giustificarsi con “è tutta colpa di Scopelliti” per ogni provvedimento impopolare. Non vogliamo essere banali o populisti. In città l’idea che oggi si stiano pagando gli errori del passato è diffusa, ma allora una domanda sorge spontanea: come mai TUTTE le altre città d’Italia (e non solo) e TUTTI gli altri comuni d’Italia si trovano in condizioni analoghe, se non peggiori, a quella di Reggio Calabria? Scioperi, proteste, fallimenti, licenziamenti, crisi, rifiuti, dissesto: un leiv-motiv da Milano a Roma, da Napoli a Torino, da Venezia a Palermo fino alla vicina Messina, solo per citare le città più importanti del nostro Paese. Che poi ci siano stati degli errori è chiaro, nessun essere umano può essere perfetto, ma la Reggio di Scopelliti era una Reggio diversa non solo per lavoro, opere pubbliche, eventi, cultura, turismo, decoro e pulizia. Era una Reggio diversa nella mentalità. Era una Reggio che non si lamentava di sè stessa, era una Reggio orgogliosa e felice del suo Teatro, delle nuove piazze, delle nuove fontane, dei turisti che arrivavano da fuori e si sorprendevano di quanto fosse tenuta bene.
Era una Reggio orgogliosa della sua “movida”, degli eventi culturali che ne gremivano ogni stagione, della sua accoglienza, dei servizi che funzionavano bene. Oggi prima di tutto manca quest’appartenenza e quest’identità. All’orgoglio s’è sostituita la vergogna, come accadeva molti anni fa. Ma è un cane che si morde la coda. Le elezioni sono vicine, che siano in primavera o in autunno poco importa, i commissari ormai hanno i giorni contati. A Reggio serve una figura nuova che possa prima di tutto fare nuovamente innamorare la gente della propria città. Un punto di riferimento importante, istituzionale e politico, democratico e civile. Una figura che trovi soluzioni anzichè passare il tempo a lamentarsi di ciò che non va. Una figura che, a prescindere dalla sua appartenenza politica, non dica mai neanche una volta – essendo passati 4 anni – che “è tutta colpa di Scopelliti“. Perchè ammesso e non concesso che così fosse, dopo 4 anni non può essere una scusa per martoriare la città e dire: “io non c’entro, è colpa sua“. A questo punto prendiamocela con Licandro, Mallamo o Cozzupoli. “Stiamo pagando i danni del passato“, ma loro governavano 30 anni fa. Che importa? Ogni scusa è buona


http://www.strettoweb.com/2014/01/reggi ... ti/113293/" onclick="window.open(this.href);return false;

:forno: :motosega: :pioggia: :dreer: :crybaby: :hoover: :pc: :vibrate:
Immagine
"Mister te sarà ti, muso de mona. Mi son el signor Nereo Rocco"
suonatore Jones

Re: LA PRAVDA

Messaggio da suonatore Jones » 22/01/2014, 18:47

il termine "movida" usato così massivamente per difendere l'operato di scopelliti mi fa cadere le braccia.
Avatar utente
onlyamaranto
Non c'è nenti!
Non c'è nenti!
Messaggi: 3387
Iscritto il: 12/05/2011, 8:43

Re: LA PRAVDA

Messaggio da onlyamaranto » 23/01/2014, 9:16

Ma i 4 sindaci che sono cambiati in 4 anni chi sono? :scratch Scopelliti, Raffa, Arena, e il quarto chi é?

Comunque la Pravda è così, si ama e si accetta in toto :lol:

"...e qualcosa rimane
tra le pagine chiare e le pagine scure... "
Avatar utente
ReggioReggio
Forumino Praticante
Forumino Praticante
Messaggi: 216
Iscritto il: 11/05/2011, 22:15

Re: LA PRAVDA

Messaggio da ReggioReggio » 23/01/2014, 9:38

Ma l'autore dell'articolo non si vergogna a perdere così la propria dignità, sempre se ne ha?
Avatar utente
_naka
Ehi cosa bella!
Ehi cosa bella!
Messaggi: 5084
Iscritto il: 11/05/2011, 15:01

Re: LA PRAVDA

Messaggio da _naka » 23/01/2014, 9:58

la vera vergogna è dargli la possibilità di scrivere e pubblicarlo....molta gente crede a queste fandonie e a queste falsità.
PIU' VIVO PIU' TI AMO ! Tu sempre tu ,canterò sempre di più !! Ho visto la reggina mi sono innamorato e non la lascerò mai più !
Avatar utente
Lilleuro
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 9205
Iscritto il: 11/05/2011, 14:32
Località: Roma

Re: LA PRAVDA

Messaggio da Lilleuro » 23/01/2014, 10:10

"Che poi ci siano stati degli errori è chiaro, nessun essere umano può essere perfetto"

Quanta modestia :lol:
Come si dorme non è importante, come si è svegli è importante

Cit. Vadinho
suonatore Jones

Re: LA PRAVDA

Messaggio da suonatore Jones » 23/01/2014, 10:11

_naka ha scritto:la vera vergogna è dargli la possibilità di scrivere e pubblicarlo....molta gente crede a queste fandonie e a queste falsità.

"pubblicarlo" è una parola grossa, visto che il sito è il suo.
Avatar utente
onlyamaranto
Non c'è nenti!
Non c'è nenti!
Messaggi: 3387
Iscritto il: 12/05/2011, 8:43

Re: LA PRAVDA

Messaggio da onlyamaranto » 23/01/2014, 14:00

_naka ha scritto:la vera vergogna è dargli la possibilità di scrivere e pubblicarlo....molta gente crede a queste fandonie e a queste falsità.

Su questo non sono d'accordo, anche chi è favorevole a Scopelliti ha il pieno diritto di difendere quell'esperienza, ci mancherebbe altro. Non facciamo la Pravda al contrario.

"...e qualcosa rimane
tra le pagine chiare e le pagine scure... "
Avatar utente
_naka
Ehi cosa bella!
Ehi cosa bella!
Messaggi: 5084
Iscritto il: 11/05/2011, 15:01

Re: LA PRAVDA

Messaggio da _naka » 25/01/2014, 10:44

onlyamaranto ha scritto:
_naka ha scritto:la vera vergogna è dargli la possibilità di scrivere e pubblicarlo....molta gente crede a queste fandonie e a queste falsità.

Su questo non sono d'accordo, anche chi è favorevole a Scopelliti ha il pieno diritto di difendere quell'esperienza, ci mancherebbe altro. Non facciamo la Pravda al contrario.
si ma non si possono riportare falsità o fantasie.....questo non è giornalismo ....
PIU' VIVO PIU' TI AMO ! Tu sempre tu ,canterò sempre di più !! Ho visto la reggina mi sono innamorato e non la lascerò mai più !
Avatar utente
OronzoPugliese
Collaboratore
Collaboratore
Messaggi: 2432
Iscritto il: 11/05/2011, 12:57

Re: LA PRAVDA

Messaggio da OronzoPugliese » 26/03/2014, 10:49

Reggio, processo a Scopelliti, Recupero, editore Gs Channel: ''Prossimamente uno special su tutta la vicenda''

Martedì 25 Marzo 2014 20:26

Di seguito comunicato stampa di Franco Recupero editore di GS Channel - È giunto alle battute finali il processo che vede imputato Giuseppe Scopelliti, Governatore della Regione Calabria ed ex sindaco della città dello stretto e i tre revisori dei conti, per i reati di abuso d’ufficio e falso in bilancio, dopo un’assai articolata istruttoria dibattimentale, che noi GS Channel abbiamo ripreso integralmente per la quale proporremo prossimamente uno special, è giunto alle battute finali dopo un lungo e complesso dibattimento all’esito del quale cinque sono stati gli anni di reclusione invocati dall’Ufficio di Procura, per l’ex sindaco della città di Reggio Calabria.
Cinque anni che hanno riempito le prime pagine di alcuni giornali. I cui titoli avevano il sapore - aspro - di una condanna già deliberata.
Cinque, gli anni, richiesti dall’Ufficio di Procura.
Cinque, gli anni, per i quali il Tribunale si dovrà – da qui a breve - interrogare.
Cinque gli anni per i quali la città di Reggio Calabria, si vede costretta a porsi delle domande, a farsi degli interrogativi, a cercare delle risposte.
Ed è inevitabile che la città tutta di Reggio Calabria sia chiamata ad uno sforzo interiore di una portata tale da trascendere la personalità del singolo.
Uno sforzo interiore di notevoli dimensioni, già, perché quel Sindaco, che ora vediamo seduto nel banco degli imputati, è stato il Sindaco della nostra città e quindi di ognuno di noi.
E in questo sforzo di portata collettiva e singola insieme, a nulla vale chiedersi se il singolo l’abbia votato o meno.
Giuseppe Scopelliti è stato il Sindaco di ognuno di noi.
È stata quella voce attraverso la quale la Città di Reggio Calabria si è rivolta ai suoi interlocutori.
E che adesso non può non vedersi imputata insieme a lui..
Già, in quel banco degli imputati non c’è seduto solo Giuseppe Scopelliti, ma una città intera. Una città intera che attende, che aspetta, che spera.
Si, è la città intera a sperare.
Si badi, questa non vuole essere la difesa atecnica di Scopelliti.
Il processo ha consegnato una verità processuale sulla quale il Tribunale sarà chiamato a decidere. E lo farà con serenità, con coscienza, con equilibrio.
Ma alla vigilia di una tale decisione, la città tutta non può non manifestare la propria partecipazione e vicinanza ad un Sindaco che è stato il Sindaco di tutti noi, e che attualmente è il Governatore della nostra Regione.
Se Scopelliti è da ritenere responsabile o meno questo sarà il Tribunale a deciderlo.
Noi non vogliamo esprimere giudizi. Noi non vogliamo formulare valutazioni. Non è compito nostro e non vogliamo arrogarci diritti che a noi non competono.
Il nostro è solo un tentativo di ricordare a noi stessi quell’affetto filiale con il quale Scopelliti ha servito la sua terra. Avrebbe potuto lasciare la città. Ma non l’ha fatto. Probabilmente per continuare a servirla.
Bene o male che l’abbia fatto, è stato uno che si è messo a servizio della sua città. A fianco dei suoi cittadini. A fianco di ognuno di noi.
E quando qualcuno lo voleva a Roma, così come intitolavano le prime pagine di tutti i giornali- quegli stessi giornali che citavamo prima- la sua risposta è stata per la città, con la città, nella città.
Ma lui è stato capace di preservarci nell’immediatezza da quel senso di abbandono, per i quali ci saremmo sentiti un po’ orfani.
Adesso lui è seduto li, in quella poltrona, che è il banco degli imputati.
Troppo stretta per la possenza della sua persona. E non solo in senso fisico. Troppo stretta perché l’imputato Scopelliti è anche l’uomo Scopelliti che ha improntato i valori di tutta una vita ai crismi di lealtà, correttezza, servizio, sacrificio, rispetto, fiducia. Da buono sportivo che era e da buono sportivo che è, anche adesso, in questa sfida che lo sta vedendo suo malgrado protagonista, dove a fronte del fischio di piccoli contestatori seduti sulla comodità dei loro spalti, a scelto di presenziare al processo per sottoporsi ad esame.
Forse, anche solo per farsi guardare negli occhi o forse perché l’imputato Scopelliti è anche l’uomo Scopelliti, lo sportivo si, ma anche il padre che in questi stessi valori ha fondato una famiglia.
L’uomo Scopelliti con i suoi dubbi, le sue domande, i suoi perché.
Quello, forse, abituato a guardare troppo le cose col cuore e che ha fatto della fiducia nell’altro un baluardo della propria esistenza.
L’uomo Scopelliti, il padre Scopelliti, l’amico Scopelliti, quello che ha sperimentato, rievocandolo in aula con dolore, finanche l’amarezza del sentimento più subdolo:
“il tradimento degli amici”.
Quella stessa poltrona quindi diventerebbe troppo larga senza la partecipazione di ognuno di noi..
quel posto sentiamo di volerlo occupare insieme a lui.
Perché in quel posto c’è il futuro della nostra città, il domani della nostra Regione.
E noi sentiamo che non possiamo lasciarlo vuoto a metà..
In quel posto ci siamo idealmente tutti. Perché la decisione che sta per essere deliberata non può non toccare personalmente e collettivamente ognuno di noi..E noi è li che vogliamo sederci. Senza paura. Con il coraggio di chi vuole guardare il futuro.
Quel futuro che passa attraverso una decisione giudiziale. Ma che non può prescindere dalla fatica e dalla voglia di sperare..
Perché Peppe in questo momento siamo tutti noi…Tutti noi con il coraggio della volontà di volere continuare a guardare il futuro



http://www.strill.it/index.php?option=c ... Itemid=291" onclick="window.open(this.href);return false;

Immagine
Immagine
"Mister te sarà ti, muso de mona. Mi son el signor Nereo Rocco"
Avatar utente
pellarorc
Forumino Malatissimo
Forumino Malatissimo
Messaggi: 2223
Iscritto il: 11/05/2011, 14:22

Re: LA PRAVDA

Messaggio da pellarorc » 26/03/2014, 12:54

articolo fazioso.
i commissari sunnu focu ma scopelliti fu fiamma!!!
reggina D-I
Forumino Malatissimo
Forumino Malatissimo
Messaggi: 1566
Iscritto il: 11/05/2011, 14:58

Re: LA PRAVDA

Messaggio da reggina D-I » 26/03/2014, 15:38

pellarorc ha scritto:articolo fazioso.
i commissari sunnu focu ma scopelliti fu fiamma!!!
Da applausi questa!!!! :salut :salut :salut :salut

E se così non è, se la colpa e di quel colpo di stato che ha portato dei commissari a Reggio spegnendo la grande spinta reggina dovuta ad un'encomiabile opera dell'ex sindaco e governatore delle Calabrie, la gente lo stabilirà magari votandolo plebiscitariamente... come del resto è sempre avvenuto!!!
Ora addirittura ed in più può votarlo senza doversi vergognare anche il popolo del PD che ha contratto con NcD a livello politico nazionale una ufficiale alleanza programmatica!!!
Uno solo ho visto in vita mia che MAI, non quasi mai ma proprio MAI, capisce ciò che legge! Il vero guaio per lui, spettacolo per gli altri, è che poi scrive e a tutti si mostra nella tragica evidenza!!! :PPP
Avatar utente
sgabuzzone
Forumino Praticante
Forumino Praticante
Messaggi: 214
Iscritto il: 11/05/2011, 14:20
Località: Somewhere over the rainbow

Re: LA PRAVDA

Messaggio da sgabuzzone » 26/03/2014, 21:53

Articoli tra il servile ed il surreale.... :roll:
Cosa pretendi da un paese, che ha la forma di una scarpa? (cit.)
Avatar utente
pellarorc
Forumino Malatissimo
Forumino Malatissimo
Messaggi: 2223
Iscritto il: 11/05/2011, 14:22

Re: LA PRAVDA

Messaggio da pellarorc » 27/03/2014, 15:24

pellarorc ha scritto:articolo fazioso.
i commissari sunnu focu ma scopelliti fu fiamma!!!
ahhaha
bè questo è un detto reggino!
Lo diceva sempre mio padre: uno è focu e chidd'autru è fiamma!
nel senso che entrambi fanno il loro e dicono il loro ma che fa ugualmente schifo!!!

ehehehhehe

Credo che i reggino nonostante tutto conitnueranno a votare a destra.
reggina D-I
Forumino Malatissimo
Forumino Malatissimo
Messaggi: 1566
Iscritto il: 11/05/2011, 14:58

Re: LA PRAVDA

Messaggio da reggina D-I » 27/03/2014, 20:24

pellarorc ha scritto:
pellarorc ha scritto:articolo fazioso.
i commissari sunnu focu ma scopelliti fu fiamma!!!
ahhaha
bè questo è un detto reggino!
Lo diceva sempre mio padre: uno è focu e chidd'autru è fiamma!
nel senso che entrambi fanno il loro e dicono il loro ma che fa ugualmente schifo!!!

ehehehhehe

Credo che i reggino nonostante tutto conitnueranno a votare a destra.
Però pare che non potranno più farlo per u maru i Peppi: 6 anni di reclusione e interdizione PERPETUA dai pubblici uffici e ho come l'impressione che perpetu non abbia il significato di donna che si prende cura del parroco...
Una notizia davvero luttuosa per chi con spirito di sacrificio e di servizio si è arricchito col grande modello Reggio!!

Però sarebbe interessante se per una volta si proponesse di estendere la pena anche a chi lo ha votato...
Uno solo ho visto in vita mia che MAI, non quasi mai ma proprio MAI, capisce ciò che legge! Il vero guaio per lui, spettacolo per gli altri, è che poi scrive e a tutti si mostra nella tragica evidenza!!! :PPP
Avatar utente
kurohata
Forumino Malato
Forumino Malato
Messaggi: 1465
Iscritto il: 11/05/2011, 21:04
Contatta:

Re: LA PRAVDA

Messaggio da kurohata » 27/03/2014, 21:18

Scopelliti è un porcaruso!
guarda un filo d'erba al vento e sentiti come lui. Ti passerà anche la rabbia
http://matteovalenti.weebly.com/meshare" onclick="window.open(this.href);return false;
Avatar utente
kurohata
Forumino Malato
Forumino Malato
Messaggi: 1465
Iscritto il: 11/05/2011, 21:04
Contatta:

Re: LA PRAVDA

Messaggio da kurohata » 27/03/2014, 22:50

reggina D-I ha scritto:
Però sarebbe interessante se per una volta si proponesse di estendere la pena anche a chi lo ha votato...

sarebbe perfetto, ma purtroppo siamo in democrazia....
guarda un filo d'erba al vento e sentiti come lui. Ti passerà anche la rabbia
http://matteovalenti.weebly.com/meshare" onclick="window.open(this.href);return false;
Avatar utente
sgabuzzone
Forumino Praticante
Forumino Praticante
Messaggi: 214
Iscritto il: 11/05/2011, 14:20
Località: Somewhere over the rainbow

Re: LA PRAVDA

Messaggio da sgabuzzone » 28/03/2014, 9:06

reggina D-I ha scritto: Però sarebbe interessante se per una volta si proponesse di estendere la pena anche a chi lo ha votato...
purtroppo sono gli stessi che lo voteranno nuovamente alle prossime consultazioni elettorali!
Cosa pretendi da un paese, che ha la forma di una scarpa? (cit.)
Avatar utente
pellarorc
Forumino Malatissimo
Forumino Malatissimo
Messaggi: 2223
Iscritto il: 11/05/2011, 14:22

Re: LA PRAVDA

Messaggio da pellarorc » 28/03/2014, 11:14

ricordiamoci che deve arrivare al terzo grado di giudizio se gli avvocati faranno (sicuramente) ricorso ecc ecc.
reggino
Non c'è nenti!
Non c'è nenti!
Messaggi: 4512
Iscritto il: 12/05/2011, 19:30
Località: l'isola che non c'è

Re: LA PRAVDA

Messaggio da reggino » 28/03/2014, 12:17

reggina D-I ha scritto:[quote

Però sarebbe interessante se per una volta si proponesse di estendere la pena anche a chi lo ha votato...
a me basta che si tolga loro il diritto di elettorato attivo.
https://www.youtube.com/watch?v=-JQINuybHL4" onclick="window.open(this.href);return false;
Rispondi