Uccisa una ragazza di 16 anni nel Cosentino

Notizie dal mondo e dalla città: curiosità, fatti, cronaca...

Moderatori: Bud, NinoMed, Lixia, Lilleuro, Mave, ManAGeR78

Rispondi
Avatar utente
simba84
Apprendista Forumino
Apprendista Forumino
Messaggi: 129
Iscritto il: 11/05/2011, 15:14
Località: Reggio Calabria

Uccisa una ragazza di 16 anni nel Cosentino

Messaggio da simba84 » 27/05/2013, 10:59

Uccisa una ragazza di 16 anni nel Cosentino
Il fidanzato: era viva quando l'ho bruciata


Fabiana Luzzi era scomparsa venerdì da casa. I carabinieri hanno da subito seguito la pista del delitto passionale. La rabbia del paese contro l'assassino: "Andrebbe ammazzato"

26.5.2013 http://www.tgcom24.mediaset.it/" onclick="window.open(this.href);return false;

18:33 - "Era ancora viva quando le ho dato fuoco". E' la sconvolgente rivelazione fatta agli inquirenti dal diciassettenne reo confesso dell'omicidio di Fabiana Luzzi, a Corigliano Calabro. Il ragazzo, fidanzato della giovane, ha raccontato i particolari dell'omicidio al pm della Procura di Rossano durante l'interrogatorio avvenuto nella notte. Il corpo della ragazzina era stato trovato, carbonizzato, in una zona di campagna.
L'adolescente, che avrebbe compiuto 16 anni a luglio, era scomparsa venerdì da casa a Corigliano Calabro. E' stata accoltellata e uccisa dal fidanzatino che, messo sotto torchio, ha confessato. Probabilmente la ragazzina sarebbe morta subito dopo la scomparsa o sabato mattina.

A denunciare la scomparsa è stata la famiglia, molto nota in paese per la sue attività commerciali. I genitori si sono preoccupati non vedendola rientrare dall'istituto per ragionieri che frequentava. Lo scorso anno la ragazza si era allontanata da casa dopo un litigio col fidanzatino ed era stata poi rintracciata da amici, a Bologna.

Il fidanzatino ha confessato - Il giovane, venerdì pomeriggio, si è presentato all'ospedale di Corigliano con delle ustioni al volto. In un primo momento non aveva voluto fornire una spiegazione, ma dietro le insistenze dei carabinieri, ai quali, intanto, era giunta la denuncia di scomparsa della ragazza, che non era tornata a casa dopo la scuola, aveva parlato di un'aggressione subita. Una versione che non ha convinto i carabinieri, che hanno continuato a sentirlo sino a quando, nella serata di ieri, ha fornito indicazioni per il ritrovamento del cadavere.

Uccisa per gelosia - Il ragazzo avrebbe detto al pm della Procura di Rossano, Maria Vallefuoco, di avere accoltellato la fidanzatina al termine di una lite nata per il rapporto travagliato che esisteva tra loro. Un rapporto ripreso da poco e caratterizzato da gelosie reciproche.

"Era ancora viva quando le ho dato fuoco" - Dopo averla accoltellata, ha raccontato l'adolescente, ha dato fuoco al corpo della ragazzina. E ha rivelato, in una lunga confessione resa senza versare una lacrima, di aver dato fuoco alla giovane mentre era ancora viva. Sul corpo della sedicenne sono state trovate ferite d'arma da taglio.

Il fidanzato, che studia nella stessa scuola della ragazzina (l'istituto tecnico di Corigliano), ma in un'altra classe, ha raccontato che venerdì è andato a prendere Fabiana a scuola. I due si sono poi appartati in una strada isolata nelle vicinanze dell'istituto. Il minore ha poi detto di avere litigato con la ragazza e poi di averla accoltellata più volte. Quindi ha gettato il coltello, insieme allo zainetto e al cellulare della vittima, che non sono stati ancora trovati. Ed è poi andato a rifornirsi di benzina per dar fuoco alla giovane.

"Lei mi ha aggredito" - Il fidanzato killer si è anche giustificato dicendo: "Lei mi ha aggredito e io l'ho accoltellata più volte". Il giovane ha poi dichiarato che la lite è scoppiata per le frequentazioni che entrambi avevano avuto nel periodo in cui avevano interrotto la loro relazione. Entrambi se le rinfacciavano, anche se sembra che fosse soprattutto lui a manifestare gelosia.

"Sono stanco, voglio dormire" - Durante l'interrogatorio, il fidanzato della vittima ha detto più volte: "Sono stanco, voglio andare a dormire". Il ragazzo, che compirà 18 anni la prossima estate, non avrebbe manifestato nessun pentimento per quello che ha fatto. Solo saltuariamente ha manifestato un minimo di emozione.

Amici di Fabiana: "Lui la picchiava" - In gruppo il fidanzato di Fabiana era un ragazzo silenzioso, ma con lei usava spesso alzare le mani. E' questo il ritratto del diciassettenne fatto dagli amici di lei. Secondo il loro racconto quel giovane aveva un rapporto morboso nei confronti della ragazzina e arrivava spesso a picchiarla.

Rabbia a Corigliano: "Dovrebbero ammazzarlo" - Esplode la rabbia fra gli abitanti di Corigliano Calabro: "Dovrebbero ammazzarlo. E' troppo grave quello che ha fatto", ha detto uno degli abitanti del paese. Già nella serata di sabato una piccola folla si era radunata davanti alla caserma dei carabinieri dopo che si era diffusa la notizia del ritrovamento del cadavere e del fermo del ragazzo.

Vescovo: "Gesto orribile, ma serve perdono" - L'omicidio di Fabiana Luzzi è un gesto "orribile e violento che certamente esige una condanna precisa". Lo ha detto l'arcivescovo di Rossano-Cariati, Santo Marcianò. "Ora però - ha aggiunto il presule - mi auguro che si stronchino i toni accesi della rabbia e della vendetta e si trovino gesti di solidarietà, amore, perdono per non far sentire sole le vittime di questa tragedia".

La sorella della vittima: "Chiusi nel nostro dolore" - "Non vogliamo dire niente. Grazie. Siamo chiusi nel nostro dolore", ha detto una delle tre sorelle di Fabiana uscendo dalla casa dei genitori. Come lei, anche i genitori della vittima hanno fatto sapere ai giornalisti, tramite alcuni amici della figlia, che non intendono parlare con nessuno.

Un amico della ragazzina: "Fine terribile" - "Era una brava ragazza e non meritava di fare la fine terribile che ha fatto. Non c'è giustizia", ha detto un amico della sedicenne, dopo essere andato a trovare i genitori della vittima. "Non c'è nulla di più brutto che perdere un figlio", risponde a chi gli chiede come stanno i genitori della ragazza. "L'assassino? Lo conoscevo solo di vista - aggiunge - e quindi non so che tipo sia". Poi, con le lacrime agli occhi, saluta e si allontana.

Parenti e amici nella casa della famiglia - Tristezza e dolore tra parenti e amici di Fabiana: dall'alba c'è un mesto via vai nell'abitazione dei genitori. Il padre è un commerciante di ricambi per auto, mentre la madre è casalinga. I genitori vivono in un appartamento al primo piano di una palazzina bianca nella frazione Scalo di Corigliano.
Avatar utente
simba84
Apprendista Forumino
Apprendista Forumino
Messaggi: 129
Iscritto il: 11/05/2011, 15:14
Località: Reggio Calabria

Re: Uccisa una ragazza di 16 anni nel Cosentino

Messaggio da simba84 » 27/05/2013, 11:01

Corigliano Calabro, corteo per Fabiana Luzzi

Scuole chiuse nella città cosentina e studenti in strada per ricordare la sedicenne uccisa dal fidanzato violento. Il padre della giovane distrutto dal dolore:" La picchiava e non le dava pace"


27/05/2013 http://www.tgcom24.mediaset.it/" onclick="window.open(this.href);return false;

10:36 - Scuole superiori chiuse a Corigliano Calabro. Gli studenti hanno organizzato un corteo in segno di solidarietà con Fabiana Luzzi, la giovane bruciata viva dal fidanzato. Il corteo è partito dall'istituto tecnico-commerciale Luigi Palma, che era la scuola frequentata dalla ragazza, per poi raggiungere la casa della famiglia di Fabiana.
Hanno tutti un nastro rosso al polso gli studenti che sono concentrati davanti davanti all'istituto tecnico-commerciale della città cosentina per partecipare alla manifestazione in memoria di Fabiana Luzzi. "Il rosso - ha spiegato uno degli studenti - è il colore dell'amore, quello che vogliano dimostrare nei confronti di Fabiana indossando questo nastro".

Il padre della giovane: "Non le dava pace" - "La picchiava e non le dava pace, io gliel'avevo detto di lasciare quel ragazzo". Sono le uniche parole che il padre di Fabiana, Mario Luzzi, ha rilasciato alla stampa.
Avatar utente
onlyamaranto
Non c'è nenti!
Non c'è nenti!
Messaggi: 3369
Iscritto il: 12/05/2011, 8:43

Re: Uccisa una ragazza di 16 anni nel Cosentino

Messaggio da onlyamaranto » 27/05/2013, 14:40

Se il padre della ragazza fosse andato a prenderlo per il collo quando già sapeva che quel maledetto picchiava la figlia, forse questa atrocità non sarebbe successa, forse ci sarebbe a quest'ora un angelo in meno in cielo ma un sorriso in più per i genitori su questa terra. Forse, ma forse non sarebbe bastato.
E adesso? è facile dire che la pena di morte sarebbe una violenza improduttiva, che non è giusto, che la civiltà ecc ecc... personalmente premerei io stesso il pulsante della sedia elettrica, assassinio non di raptus ma premeditato, quel bastardo è andato con un coltello all'appuntamento, non solo, è tornato sui suoi passi ed è anche andato a prendere la benzina mentre la ragazza lo implorava agonizzante e ancora viva di non bruciarla...ma dove siamo? ma animali come questo possono continuare a vivere?...

"...e qualcosa rimane
tra le pagine chiare e le pagine scure... "
Avatar utente
Mave
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 8418
Iscritto il: 11/05/2011, 15:28

Re: Uccisa una ragazza di 16 anni nel Cosentino

Messaggio da Mave » 27/05/2013, 15:24

come si può perdonare o non pensare che questo, non so come definirlo, meriti la pena di morte? ha fatto tutto senza provare un minimo di sentimenti e da quello che dicono anche ora non è minimamente pentito del gesto
Rispondi