IL PRESIDENTE TALARICO RICEVE INFORMAZIONE DI GARANZIA...

Notizie dal mondo e dalla città: curiosità, fatti, cronaca...

Moderatori: Bud, NinoMed, Lixia, Lilleuro, Mave, ManAGeR78

Avatar utente
aquamoon
Forumino Malatissimo
Forumino Malatissimo
Messaggi: 2320
Iscritto il: 11/05/2011, 13:59

Re: IL PRESIDENTE TALARICO RICEVE INFORMAZIONE DI GARANZIA..

Messaggio da aquamoon » 14/03/2012, 16:43

rca ha scritto:
OronzoPugliese ha scritto:

http://www.corrieredellacalabria.it/sto ... settembre/" onclick="window.open(this.href);return false;


Il “condono dirigenziale” è una pratica che piace molto ai piani alti di Palazzo Campanella. Basta dare un'occhiata a quanto successo con la nomina del vicecapo di gabinetto del presidente del consiglio regionale per rendersi conto che tutto può diventare relativo, comprese le leggi che regolano i rapporti nella pubblica amministrazione. Siamo al 1 novembre 2010 e Franco Talarico, presidente della massima assemblea legislativa calabrese, affida l'incarico di vicecapo del suo ufficio a Valentina Chinè, giovane reggina, con una laurea in Scienze politiche e dipendente (categoria C) del consiglio regionale grazie al famoso “concorsone” che ha permesso la stabilizzazione di gran parte dei portaborse. E fin qui, nulla di strano. Peccato, però, che per essere nominati capo di gabinetto o vicecapo la legge regionale sulla dirigenza (8/1996) preveda quanto segue: «Il capo di gabinetto ed il suo vice sono scelti tra i dipendenti della pubblica amministrazione in possesso della qualifica di dirigente ovvero di carriera direttiva purché in possesso di diploma di laurea». Tradotto in soldoni: un semplice impiegato non può essere nominato in un ruolo apicale come quello di vicecapo di gabinetto. È una regola semplice, lineare, eppure clamorosamente disattesa. Evidentemente la cosa non dev'essere passata inosservata e infatti, il 29 dicembre 2010, in sede di approvazione della Finanziaria, si prova a mettere una toppa al buco. In che modo? Eccolo spiegato: nel provvedimento normativo viene inserita una postilla (il comma 13 dell'articolo 43) che specifica: «Il vicecapo di gabinetto è scelto tra i dipendenti della pubblica amministrazione in possesso di diploma di laurea specialistica/magistrale». Sparisce il riferimento alla dirigenza, insomma. Solo un caso? «È chiaro – confessa un consigliere regionale che accetta di parlare solo mantenendo l'anonimato – che si tratta di un provvedimento “riparatore” messo lì per giustificare la nomina della Chinè. Ma il vero problema è un altro. Il nuovo vicecapo di gabinetto presta servizio dal 1 novembre mentre la nuova legge che toglie il riferimento alla dirigenza è entrata in vigore il 1 gennaio. Per due mesi la legge è stata aggirata. Mi chiedo se tutto ciò è legittimo».
Invece di chiederselo tra lui e se stesso, perchè non ha fatto domanda ufficiale, tipo interrogazione parlamentare?

L'ha già fatto la Magistratura tipo indagine.
:wink
Sventurata la terra che ha bisogno di eroi
rca
Forumino Malatissimo
Forumino Malatissimo
Messaggi: 1951
Iscritto il: 03/05/2011, 10:12
Località: You can checkout any time you like, But you can never leave!

Re: IL PRESIDENTE TALARICO RICEVE INFORMAZIONE DI GARANZIA..

Messaggio da rca » 14/03/2012, 16:44

aquamoon ha scritto:
rca ha scritto:
OronzoPugliese ha scritto:

http://www.corrieredellacalabria.it/sto ... settembre/" onclick="window.open(this.href);return false;


Il “condono dirigenziale” è una pratica che piace molto ai piani alti di Palazzo Campanella. Basta dare un'occhiata a quanto successo con la nomina del vicecapo di gabinetto del presidente del consiglio regionale per rendersi conto che tutto può diventare relativo, comprese le leggi che regolano i rapporti nella pubblica amministrazione. Siamo al 1 novembre 2010 e Franco Talarico, presidente della massima assemblea legislativa calabrese, affida l'incarico di vicecapo del suo ufficio a Valentina Chinè, giovane reggina, con una laurea in Scienze politiche e dipendente (categoria C) del consiglio regionale grazie al famoso “concorsone” che ha permesso la stabilizzazione di gran parte dei portaborse. E fin qui, nulla di strano. Peccato, però, che per essere nominati capo di gabinetto o vicecapo la legge regionale sulla dirigenza (8/1996) preveda quanto segue: «Il capo di gabinetto ed il suo vice sono scelti tra i dipendenti della pubblica amministrazione in possesso della qualifica di dirigente ovvero di carriera direttiva purché in possesso di diploma di laurea». Tradotto in soldoni: un semplice impiegato non può essere nominato in un ruolo apicale come quello di vicecapo di gabinetto. È una regola semplice, lineare, eppure clamorosamente disattesa. Evidentemente la cosa non dev'essere passata inosservata e infatti, il 29 dicembre 2010, in sede di approvazione della Finanziaria, si prova a mettere una toppa al buco. In che modo? Eccolo spiegato: nel provvedimento normativo viene inserita una postilla (il comma 13 dell'articolo 43) che specifica: «Il vicecapo di gabinetto è scelto tra i dipendenti della pubblica amministrazione in possesso di diploma di laurea specialistica/magistrale». Sparisce il riferimento alla dirigenza, insomma. Solo un caso? «È chiaro – confessa un consigliere regionale che accetta di parlare solo mantenendo l'anonimato – che si tratta di un provvedimento “riparatore” messo lì per giustificare la nomina della Chinè. Ma il vero problema è un altro. Il nuovo vicecapo di gabinetto presta servizio dal 1 novembre mentre la nuova legge che toglie il riferimento alla dirigenza è entrata in vigore il 1 gennaio. Per due mesi la legge è stata aggirata. Mi chiedo se tutto ciò è legittimo».
Invece di chiederselo tra lui e se stesso, perchè non ha fatto domanda ufficiale, tipo interrogazione parlamentare?

L'ha già fatto la Magistratura tipo indagine.
:wink
Si, io dico prima della magistratura...o forse non lo sapeva nessuno?
E quindi? Ma poi, fondamentalmente...tu, chi cazzo sei? (cit.)
Avatar utente
UnicaPassione
Forumino Praticante
Forumino Praticante
Messaggi: 254
Iscritto il: 11/05/2011, 15:19
Località: Sempri peri peri!

Re: IL PRESIDENTE TALARICO RICEVE INFORMAZIONE DI GARANZIA..

Messaggio da UnicaPassione » 14/03/2012, 16:52

Ah, in Calabria, quando volete, salutatemi Edward Banfield.
IO NON TIFO PER UN'AZIENDA!
Avatar utente
aquamoon
Forumino Malatissimo
Forumino Malatissimo
Messaggi: 2320
Iscritto il: 11/05/2011, 13:59

Re: IL PRESIDENTE TALARICO RICEVE INFORMAZIONE DI GARANZIA..

Messaggio da aquamoon » 14/03/2012, 17:11

rca ha scritto:
Si, io dico prima della magistratura...o forse non lo sapeva nessuno?
Non conosco la vicenda talarico nei particolari e non so se prima che la Magistratura avviasse l'indagine, la misteriosa assunzione del non avente titoli avesse avuto eco in altri ambiti.
So però che è stata avviata un'indagine, qualcuno avrà denunciato l'illecito, non pensi?
Forse è stato un qualcuno che ne aveva già parlato, forse pure in Consiglio regionale, non so.
So però che, per esempio, la storia dei bilanci farlocchi e delle consulenze autoliquidate dalla fallara, se ne parlò per mesi, si fecero delle interrogazioni agli allora sindaci scopelliti e raffa e, a colpi di maggioranza, furono tutte bocciate.
Secondo me, un abitante di Castrovillari, leggendo oggi di tuccio o ieri di scopelliti o di porcino o di labate o di leonia... non seguendo, per ovvie ragioni, tutti i giorni fatti e misfatti della tu, chiamala se vuoi, politica locale,
poco capirebbe e, probabilmente, si chiederebbe:
Si, io dico prima della magistratura...o forse non lo sapeva nessuno?
:wink :salut
Sventurata la terra che ha bisogno di eroi
Rispondi