Festival "Paleariza"

Non si vive di solo calcio...

Moderatori: NinoMed, Lixia, Bud, Mave, ManAGeR78, Lilleuro

Rispondi
Avatar utente
Mary
Forumino Malato
Forumino Malato
Messaggi: 1276
Iscritto il: 23/05/2011, 13:55

Festival "Paleariza"

Messaggio da Mary » 21/07/2011, 14:22

Lunedì 25 luglio presentazione programma festival "Paleariza" che si terrà dall'31 Luglio al 28 Agosto 2011, con il tema " Tutto ciò che va verso l'alto converge"



Presiederanno la conferenza ; come moderatore Tonio Licordari , con la partecipazione degli esponenti Provinciali cordinatore festival Casile Leo Giovanni Andrea, Presidente G.A.L Avv. Antonino Palermiti.


Programma Paleariza:

Domenica 31 luglio – Pentedattilo di Melito Porto Salvo: TULLIO DE PISCOPO
Uno dei batteristi italiani più acuti e attenti, attivo fin dagli anni ‘70. Il suo tracciato musicale l’ha portato dalla sperimentazione degli esordi al pop del decennio successivo, senza dimenticare una costante dimensione etnica mai sopita.

Lunedì 1 agosto – Saline di Montebello Jonico: SCARMA
Come rilevano loro stessi, “Etno-rock, Rock, Pop o Etno-pop? Non importa”: il quintetto mammolese vive d’impressioni mutuate dalle più ampie derivazioni musicali. Una “prima” (almeno per il Paleariza) da ascoltare rigorosamente.

Martedì 2 agosto - Staiti: CORÁPI / CRUCITTI / SANTAGATI
Un trio d’interesse rilevante, quello composto da Domenico Mico Corápi, Piero Crucitti e Valentino Santagati. Specializzati nel repertorio “a ballu”, i tre percussionisti offriranno al pubblico una serata dal fortissimo impatto ritmico.

Mercoledì 3 agosto - Condofuri: MATTANZA
Band dal consenso pluridecennale, reduci dalla pubblicazione di un lavoro antologico, i Mattanza di Mimmo Martino accolgono nel proprio bagaglio musicale le storie della vecchia Calabria intrecciandole con sonorità calde e avvolgenti.

Giovedì 4 agosto – Chora Tu Vua/Bova: NAIMA SANBINHA
Il quintetto di Anna Luana Tallarita, posto sul crinale tra samba e bossanova, arriva al festival sulla scorta di un comune apprezzamento europeo. Etnica e world music si fondono per dar vita a un meticciato dai colori caldi e brillanti.

Venerdì 5 agosto - Palizzi: PARTO DELLE NUVOLE PESANTI
… ossia quando le radici etniche incontrano la canzone d’autore italiana. L’osannato gruppo emiliano - calabrese, sulla scia del successo arriso al brano Onda calabra, propone un live imperniato tra vecchie e nuove composizioni.

Domenica 7 agosto - Bagaladi: BRIGANTI DI TERRA D’OTRANTO
Salentini, i Briganti eccellono nell’interpretazione e nel riadattamento dei brani musicali della tradizione locale. Seppure di recente formazione (festeggiano quest’anno il decimo anno d’attività), possono contare su una discreta discografia e una fitta serie di concerti.

Lunedì 8 agosto - San Lorenzo: PARAFONÈ
L’ottetto è da sempre impegnato nella rivisitazione della musica popolare calabrese, rivestendo di nuovi suoni canti e temi della tradizione orale - musicale classica. Un ensemble meritevole sicuramente d’attenzione.

Martedì 9 agosto - Cardeto: FRANCESCO LOCCISANO
“Studioso” della chitarra battente e membro degli Scialaruga, Francesco Loccisano è da anni appassionato recuperatore della tradizione chitarristica classica. Il percorso artistico intrapreso lo rende uno tra i musicisti più sensibili della scena italiana.

Mercoledì 10 agosto – Gaddicianò/Gallicianò di Condofuri: LIRABATTENTE
Il nome della formazione di Franco Pontoriero – nato dalla crasi dei due strumenti principi della loro dotazione (lira calabrese e chitarra battente) – delinea già un manifesto programmatico: la rivalutazione e la rielaborazione delle usanze e canti calabresi è il loro intendimento.

Giovedì 11 agosto – Chora Tu Vua/Bova: EUGENIO BENNATO
Fin dagli inizi con i Musicanova, Eugenio Bennato s’è sempre dimostrato minuzioso ricercatore dell’ambito etnico e puntuale musicista. Interessato attualmente alla valorizzazione del “tessuto” classico partenopeo, lo strumentista è una delle “voci” più autorevoli di world music in Italia.

Venerdì 12 agosto - Prunella: SANDRO SOTTILE
Polistrumentista, compositore, poeta e costruttore di strumenti popolari, Sandro Sottile si occupa da oltre trent’anni di accostare poesia in vernacolo e musica di tradizione popolare del Meridione d’Italia. Un’idea che ha già riscosso ampi consensi ovunque.

Sabato 13 agosto – Rochùdi/Roghudi Vecchio: CHINASKI
Il filo teso da Vincenzo Costantino in arte Chinaski con l’ausilio del cantautore Folco Orselli è composto da poesia, prosa, vita; una trama che s’avvinghia al suono fino a diventare “canzone” jazz, blues, rock. Un monologo d’autore / attore.

Domenica 14 agosto – Jalò tu Vua/Bova Marina: ARGHÍA / MALANOVA / MEGALI ELLADA
Triplo appuntamento, in occasione della notte bianca di Bova Marina di quest’anno. Gli Arghía di Claudio Messineo sono i fautori di sonorità etniche dall’impianto tradizionale, i siciliani Malanova fanno leva su composizioni originali e inediti in dialetto utilizzando una strumentazione tipica del luogo, mentre i Megali Ellada accolgono nella loro musica stimoli e archetipi provenienti dall’area grecanica.

Lunedì 15 agosto – Chorìo tu Vunì/Chorio di Roccaforte del Greco: SCIALARUGA
Guidati da Fabio Macagnino, gli Scialaruga rappresentano una riuscita commistione tra sentori calabresi e il rock di stampo anglosassone. Per questo “esordio” al Paleariza proporranno un concerto comprendente anche brani tratti dal loro ultimo, eccellente disco eponimo.

Martedì 16 agosto – Chora tu Vua/Bova: GRECIA d’OCCIDENTE a cura di Valentino Santagati
Trait d’union tra le differenti culture della Calabria greca, un concerto all’insegna dei tradizionali suoni e canzoni “a ballu”. A chiusura il canonico “Ballu di lu Camiddu” di Mimmo Vazzana, con la partecipazione della banda di Bova.
Mercoledì 17 agosto – Lazzaro di Motta S. Giovanni: ORCHESTRA POPOLARE CALABRESE
Nata da un’idea di Danilo Gatto, l’Orchestra Popolare Calabrese è un crogiuolo di dialetti, significati e suoni, che fa sì che la loro proposta superi gli steccati imposti da certuni per affrontare un discorso che vada oltre il conosciuto e già detto.

Giovedì 18 agosto - Brancaleone: KORALIRA
Koralira, ponte ideale tra tutte le culture mediterranee. I sei componenti, provenienti dalle più disparate estrazioni musicali (pop, rock, funk, per finire alla classica), hanno deciso di dar vita a un linguaggio che contempli tutte le istanze dell’area del Mediterraneo.

Sabato 20 agosto - Palizzi: FRATELLI MANCUSO
Il duo dei fratelli Enzo e Lorenzo Mancuso è – da anni – sinonimo di riproposizione arguta del materiale siciliano nel mondo. Con alle spalle decine di concerti tenuti ovunque e una carriera proteiforme (attori, docenti, compositori per teatro e televisione), i due saranno protagonisti di una performance senz’altro originale.

Domenica 21 agosto – Chora Tu Vua/Bova: ROY PACI & ARETUSKA
Una delle band italiane più amate e conosciute, quella capeggiata dall’eclettico Roy Paci che, con i suoi Aretuska, rappresenta da anni una solida realtà musicale. A loro l’onore e l’onere di concludere l’edizione 2011 del Paleariza.

Evento Speciale in collaborazione con il Comitato Feste Parrocchiale
Domenica 28 agosto - San Carlo di Condofuri: ANGELO BRANDUARDI
Yates e sfumature celtiche, tradizione italiana e suggestioni medievali: nella musica del “malandrino” Branduardi convergono da sempre armonicamente mondi lontanissimi. Un gradito ritorno dopo il trionfale concerto di due anni fa.

Tutti i concerti avranno rigorosamente inizio alle ore 22,30

Organizzazione:Mimmo Romeo
Andrea Laurenzano
Consulenza Artistica: Anna Luana Tallarita
Annunziato Cangemi
Road: Claudia Cafari
Grafica: Carmelo Cuppari
Webmaster: LaboratoriCreativi.net


strill

Avatar utente
Guitin
Forumino Praticante
Forumino Praticante
Messaggi: 254
Iscritto il: 11/05/2011, 15:10
Località: nuvola

Re: Festival "Paleariza"

Messaggio da Guitin » 24/07/2011, 0:25

Sabato 13 agosto – Rochùdi/Roghudi Vecchio: CHINASKI
Il filo teso da Vincenzo Costantino in arte Chinaski con l’ausilio del cantautore Folco Orselli è composto da poesia, prosa, vita; una trama che s’avvinghia al suono fino a diventare “canzone” jazz, blues, rock. Un monologo d’autore / attore.


se non erro...si tratta dell'amico nonchè collaboratore di Vinicio Capossela! :okok:
nonchè autore de "Le cento città"..mitico :salut
Sogno, qualcosa di buono
che mi illumini il mondo
buono come te…
Che ho bisogno, di qualcosa di vero
che illumini il cielo
proprio come te!!!

Avatar utente
Guitin
Forumino Praticante
Forumino Praticante
Messaggi: 254
Iscritto il: 11/05/2011, 15:10
Località: nuvola

Re: Festival "Paleariza"

Messaggio da Guitin » 24/07/2011, 0:28

Guitin ha scritto:
Sabato 13 agosto – Rochùdi/Roghudi Vecchio: CHINASKI
Il filo teso da Vincenzo Costantino in arte Chinaski con l’ausilio del cantautore Folco Orselli è composto da poesia, prosa, vita; una trama che s’avvinghia al suono fino a diventare “canzone” jazz, blues, rock. Un monologo d’autore / attore.


se non erro...si tratta dell'amico nonchè collaboratore di Vinicio Capossela! :okok:
nonchè autore de "Le cento città"..mitico :salut


non erro :D è lui!

http://www.youtube.com/watch?v=CW3G3SLyWPw
Sogno, qualcosa di buono
che mi illumini il mondo
buono come te…
Che ho bisogno, di qualcosa di vero
che illumini il cielo
proprio come te!!!

Avatar utente
phil
Apprendista Forumino
Apprendista Forumino
Messaggi: 64
Iscritto il: 11/05/2011, 17:46

Re: Festival "Paleariza"

Messaggio da phil » 24/07/2011, 22:37

Il soprannome promette bene...

Avatar utente
Folle Sentimento
Apprendista Forumino
Apprendista Forumino
Messaggi: 72
Iscritto il: 12/05/2011, 20:50

Re: Festival "Paleariza"

Messaggio da Folle Sentimento » 26/07/2011, 9:22

molto bene, molto bene...mi perderò la prima settimana :( perchè sono fuori...ma per il resto sarò quasi sempre presente...

W il Paleariza :beer:
"...ed io sono quello a cui fai accender sigarette...e sono quello per cui le hai accese tu..."

Avatar utente
onlyamaranto
Non c'è nenti!
Non c'è nenti!
Messaggi: 3249
Iscritto il: 12/05/2011, 8:43

Re: Festival "Paleariza"

Messaggio da onlyamaranto » 27/07/2011, 19:20

Eugenio Bennato nella meravigliosa cornice di Bova Superiore promette scintille...ma tutto il programma è di alto livello come sempre, meno male che Paleariza c'è!!

"...e qualcosa rimane
tra le pagine chiare e le pagine scure... "

Avatar utente
ndre
Apprendista Forumino
Apprendista Forumino
Messaggi: 41
Iscritto il: 11/05/2011, 17:44
Località: Un pò Bova M. e un pò Milano

Re: Festival "Paleariza"

Messaggio da ndre » 11/08/2011, 15:51

Questa sera a Bova (Vùa) si preannuncia una serata di grande livello, grazie alla presenza di EUGENIO BENNATO..
"Fin dagli inizi con i Musicanova, Eugenio Bennato s’è sempre dimostrato minuzioso ricercatore dell’ambito etnico e puntuale musicista. Interessato attualmente alla valorizzazione del “tessuto” classico partenopeo, lo strumentista è una delle “voci” più autorevoli di world music in Italia." :thumright

Avatar utente
Guitin
Forumino Praticante
Forumino Praticante
Messaggi: 254
Iscritto il: 11/05/2011, 15:10
Località: nuvola

Re: Festival "Paleariza"

Messaggio da Guitin » 22/08/2011, 14:29

CHIUSURA molto TIPICAL"RASTA" del travolgente Roy Paci ieri sera..a Bova

Splendida luna "curcata" da cornice e "mbriacatura" doc :okok:
8-)
Sogno, qualcosa di buono
che mi illumini il mondo
buono come te…
Che ho bisogno, di qualcosa di vero
che illumini il cielo
proprio come te!!!

Avatar utente
ndre
Apprendista Forumino
Apprendista Forumino
Messaggi: 41
Iscritto il: 11/05/2011, 17:44
Località: Un pò Bova M. e un pò Milano

Re: Festival "Paleariza"

Messaggio da ndre » 27/08/2011, 15:36

Guitin ha scritto:CHIUSURA molto TIPICAL"RASTA" del travolgente Roy Paci ieri sera..a Bova

Splendida luna "curcata" da cornice e "mbriacatura" doc :okok:
8-)

Una serata veramente stupenda.. ;)

Avatar utente
kurohata
Forumino Malato
Forumino Malato
Messaggi: 1465
Iscritto il: 11/05/2011, 21:04
Contatta:

Re: Festival "Paleariza"

Messaggio da kurohata » 27/08/2011, 18:07

pillamuri iddìu buona musica, artisti importanti. Ma la tradizione? la grecanicità?

:scratch
guarda un filo d'erba al vento e sentiti come lui. Ti passerà anche la rabbia
http://matteovalenti.weebly.com/meshare" onclick="window.open(this.href);return false;

Avatar utente
ndre
Apprendista Forumino
Apprendista Forumino
Messaggi: 41
Iscritto il: 11/05/2011, 17:44
Località: Un pò Bova M. e un pò Milano

Re: Festival "Paleariza"

Messaggio da ndre » 10/09/2011, 12:07

kurohata ha scritto:pillamuri iddìu buona musica, artisti importanti. Ma la tradizione? la grecanicità?

:scratch

Sono tutti artisti che mirano a valorizzare quanto di buono c'è nella loro terra natia e far emergere tutte le varie problematiche esistenti.. Quindi avanti con le tradizioni..

Avatar utente
kurohata
Forumino Malato
Forumino Malato
Messaggi: 1465
Iscritto il: 11/05/2011, 21:04
Contatta:

Re: Festival "Paleariza"

Messaggio da kurohata » 10/09/2011, 21:34

ndre ha scritto:
kurohata ha scritto:pillamuri iddìu buona musica, artisti importanti. Ma la tradizione? la grecanicità?

:scratch

Sono tutti artisti che mirano a valorizzare quanto di buono c'è nella loro terra natia e far emergere tutte le varie problematiche esistenti.. Quindi avanti con le tradizioni..




:o.o:
guarda un filo d'erba al vento e sentiti come lui. Ti passerà anche la rabbia
http://matteovalenti.weebly.com/meshare" onclick="window.open(this.href);return false;

Avatar utente
ndre
Apprendista Forumino
Apprendista Forumino
Messaggi: 41
Iscritto il: 11/05/2011, 17:44
Località: Un pò Bova M. e un pò Milano

Re: Festival "Paleariza"

Messaggio da ndre » 23/09/2011, 15:42

kurohata ha scritto:
ndre ha scritto:
kurohata ha scritto:pillamuri iddìu buona musica, artisti importanti. Ma la tradizione? la grecanicità?

:scratch

Sono tutti artisti che mirano a valorizzare quanto di buono c'è nella loro terra natia e far emergere tutte le varie problematiche esistenti.. Quindi avanti con le tradizioni..




:o.o:

:?:

Avatar utente
kurohata
Forumino Malato
Forumino Malato
Messaggi: 1465
Iscritto il: 11/05/2011, 21:04
Contatta:

Re: Festival "Paleariza"

Messaggio da kurohata » 24/09/2011, 17:24

quindi suonare da un palco, suonare una batteria, suonare un basso elettrico è tradizione?
guarda un filo d'erba al vento e sentiti come lui. Ti passerà anche la rabbia
http://matteovalenti.weebly.com/meshare" onclick="window.open(this.href);return false;

Avatar utente
ndre
Apprendista Forumino
Apprendista Forumino
Messaggi: 41
Iscritto il: 11/05/2011, 17:44
Località: Un pò Bova M. e un pò Milano

Re: Festival "Paleariza"

Messaggio da ndre » 26/09/2011, 15:19

kurohata ha scritto:quindi suonare da un palco, suonare una batteria, suonare un basso elettrico è tradizione?

Allora.. Il Paleariza non è soltanto un evento musicale, ma un’iniziativa territoriale basata sull’identità culturale dell'area grecanica (chiamasi Bovesìa).
Altra cosa importante è che la manifestazione si apre alla partecipazione di gruppi di musica etnica provenienti dai vari paesi mediterranei; è itinerante, in quanto tocca tutti i diversi comuni dell’Area Grecanica e si integra con diverse iniziative di promozione del territorio, (dibattiti, degustazione di piatti della cucina locale, escursioni, ecc.).
Il fine è quindi quello di Valorizzare il territorio, presentando ai turisti le tipicità etno-culturali dell'area, facendo gravitare i contenuti del festival verso la stessa area, creando un momento di incontro fra il contesto locale e qello globale.

Avatar utente
kurohata
Forumino Malato
Forumino Malato
Messaggi: 1465
Iscritto il: 11/05/2011, 21:04
Contatta:

Re: Festival "Paleariza"

Messaggio da kurohata » 26/09/2011, 19:43

ndre ha scritto:
kurohata ha scritto:quindi suonare da un palco, suonare una batteria, suonare un basso elettrico è tradizione?

Allora.. Il Paleariza non è soltanto un evento musicale, ma un’iniziativa territoriale basata sull’identità culturale dell'area grecanica (chiamasi Bovesìa).
Altra cosa importante è che la manifestazione si apre alla partecipazione di gruppi di musica etnica provenienti dai vari paesi mediterranei; è itinerante, in quanto tocca tutti i diversi comuni dell’Area Grecanica e si integra con diverse iniziative di promozione del territorio, (dibattiti, degustazione di piatti della cucina locale, escursioni, ecc.).
Il fine è quindi quello di Valorizzare il territorio, presentando ai turisti le tipicità etno-culturali dell'area, facendo gravitare i contenuti del festival verso la stessa area, creando un momento di incontro fra il contesto locale e qello globale.


ah bhè se stiamo parlando ti etnoPOP o di tarantellaPOP allora va bene :D avevo letto la parola tradizione, che è cosa ben diversa. Detto da uno che al paleariza ci va (escursioni comprese)

:salut
guarda un filo d'erba al vento e sentiti come lui. Ti passerà anche la rabbia
http://matteovalenti.weebly.com/meshare" onclick="window.open(this.href);return false;

Rispondi