Capanna Mario

Di tutto di più.

Moderatori: Bud, NinoMed, Lixia, Lilleuro, Mave, ManAGeR78

Rispondi
reggino
Non c'è nenti!
Non c'è nenti!
Messaggi: 4513
Iscritto il: 12/05/2011, 19:30
Località: l'isola che non c'è

Capanna Mario

Messaggio da reggino » 03/03/2015, 21:20

Recentemente in una trasmissione televisiva, l'ex leader del movimento studente degli anni '60, ha fatto un intervento nel quale in sostanza ha affermato che i giovani se saranno condannati ad una pensione da fame, se lo meritano, e chi ha vent'anni dovrebbe lottare per i propri diritti. Quello che dice Capanna, che è uno che da giovane, davvero, si è speso molto e ha dato tanto al Paese, è un'opinione un po' diffusa nel Paese, secondo cui i giovani di oggi sono: senza valori, non hanno stimoli, né voglia di lottare. Come se non bastasse l'altra sera ascoltavo Pansa ad otto e mezzo dire che i giovani pretendono che tutto sia loro dovuto, fosse così in Italia ci sarebbero rimasti quelli con la sua età, invece, purtroppo, ci rimangono moltissimi giovani, che pur di non andarsene dal nostro Paese, accettano un posto di lavoro, diverso rispetto agli studi che hanno fatto, o sottopagato.
Tornando a Capanna, Io non ho vissuto i suoi anni , né di chi critica i giovani di oggi, però non sono convinto che soltanto lanciando motolov o facendo le guerriglie con le forze dell'ordine, sia l'unico modo per difendere i propri diritti, o per farsi ascoltare, né tanto meno penso che la nostra sia una generazione di sdraiati.
Ci sono tante eccellenze che vanno all'estero, tanti ragazzi che in cerca di un posto di lavoro, prendono la doppia laurea e magari un master e qualche stage, ci sono ragazzi che dopo essersi laureati fanno tirocini presso o il Tribunale o presso uno studio legale, o entrambe le cose, ci sono ragazzi che dopo laureati si sbattono da una parte all'altra, per una supplenza o per un contratto precario, ci sono ragazzi che dopo una laurea in biologia si ritrovano a lavorare in un call center, insomma si danno da fare.
Ed io penso che nel lavoro, nella vita quotidiana, impegnarsi fino in fondo, sia una forma di lotta, così come sia una forma di lotta, sfidare il sistema, con le proprie competenze e le proprie qualità.
Dove sta scritto, che l'uso della forza, se intende questa per forma di lotta, Capanna, sia la soluzione a tutto?"i giovani devono ribellarsi", è una frase che sento sempre, però poi quando sfasciano le vetrine, sono "delinquenti", quando si scontrano con i poliziotti, sono "teppisti", quando vanno in piazza sono dei "perditempo", se invece si vuole fare una rivoluzione diversa, con matita e carta, alle urne, e impegnandosi sul lavoro, ci meritiamo un Paese come questo, perché non lottiamo abbastanza per i ns diritti.
Ma non è che niente a niente questo non è un Paese, che non so per quale colpa, i giovani non li può proprio vedere?
https://www.youtube.com/watch?v=-JQINuybHL4" onclick="window.open(this.href);return false;
Rispondi