Reggio e la Calabria: quarto mondo

Notizie dal mondo e dalla città: curiosità, fatti, cronaca...

Moderatori: NinoMed, Lixia, Bud, Mave, ManAGeR78, Lilleuro

strettomessina
Apprendista Forumino
Apprendista Forumino
Messaggi: 36
Iscritto il: 17/05/2011, 8:32

Re: Reggio e la Calabria: quarto mondo

Messaggio da strettomessina » 11/08/2011, 10:23

Reggio: discarica abusiva di eternit e pneumatici bruciati nel torrente Catona
Mercoledì 10 Agosto 2011 16:46

di Francesco Creazzo - Il 1 marzo sembrava tutto finito, tutti avevano promesso di ripulire, di manutenere con regolarità. Le bende erano state fasciate, i soldi spesi, la popolazione rassicurata. A quasi un anno di distanza dalla prima alluvione - quella del 3 settembre - possiamo orgogliosamente testimoniare che nulla è cambiato, nei letti dei torrenti reggini. A testimoniarlo sono le condizioni del torrente Catona: un'ingente quantità di pneumatici sono stati scaricati sul greto del torrente, assieme all'inseparabile compagno di ogni discarica abusiva che si rispetti: un pittoresco quanto altamente cancerogeno cumulo di eternit.

I copertoni, peraltro, sono stati parzialmente bruciati, annerendo il muro di contenimento dell'argine lungo il quale sono stati depositati. L'eternit, dal canto suo, è stato rotto in tanti piccoli blocchi, cosa che aumenta notevolmente il rischio per quanti viviono nelle vicinanze, consentendo al pericoloso miscuglio di paricole volatili di amianto e cemento di liberarsi, per poi andare ad adagiarsi nei polmoni dei reggini.

La competenza della manutenzione delle fiumare, giova ricordarlo, cade tra quelle della provincia. Un altro dato va però sottolineato: l'inciviltà ai limiti del criminale di chi, pur di non smaltire correttamente i rifiuti inquinanti, mette a rischio la salute di tutti, ivi compresi i propri figli.

C'è un post dedicato ma credo c'entri molto anche con questo in particolare quando si usa parlare di rispetto e dell'abuso che ne facciamo dalle nostre parti di questo termine confondendo quello privato con quello,per me più importante,verso l'ambiente e la nostra terra.

Rispondi