non abbandoniamo i nostri animali

Notizie dal mondo e dalla città: curiosità, fatti, cronaca...

Moderatori: Bud, NinoMed, Lixia, Lilleuro, Mave, ManAGeR78

Rispondi
Avatar utente
cozzina1
Non c'è nenti!
Non c'è nenti!
Messaggi: 4430
Iscritto il: 11/05/2011, 14:08
Località: santropè

non abbandoniamo i nostri animali

Messaggio da cozzina1 » 03/07/2011, 19:46

http://www.strill.it/index.php?option=c ... &Itemid=86" onclick="window.open(this.href);return false;



Reggio, appello della L.I.D.A "Con l'estate non abbandoniamo i nostri animali"
Domenica 03 Luglio 2011 17:19

Segue la nota: Con l'approssimarsi delle ferie estive, come ogni anno si ripropone il problema dell'abbandono di animali domestici da parte di quanti, in maniera del tutto sconsiderata, si disfano di cani e gatti, lasciandoli per strada nei posti più disparati. Nonostante la problematica sia da tempo focalizzata e diffusamente trattata anche dagli organi di informazione e sebbene una maggiore coscienza civica, ancora si è costretti a registrare episodi del genere, che oltre ad essere censurati dal punto di vista morale e sociale sono anche penalmente sanzionati.
Infatti, dalla Sezione Regionale L.I.D.A. (Lega Italiana dei Diritti dell'Animale) di Reggio Calabria ricordano come la Legge 20 luglio 2004, n.189 "Disposizioni concernenti il divieto di maltrattamento degli animali, nonché di impiego degli stessi in combattimenti clandestini o competizioni non autorizzate" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 178 del 31 luglio 2004, abbia apportato alcune importanti modifiche al Codice Penale prevedendo il "TITOLO IX-BIS - DEI DELITTI CONTRO IL SENTIMENTO PER GLI ANIMALI ove sono inseriti i reati di Uccisione di animali; Maltrattamento di animali; Spettacoli o manifestazioni vietati; Divieto di combattimenti tra animali; e infine la Confisca e le pene accessorie. Inoltre il medesimo disposto normativo ha sostituito l'articolo 727 del codice penale che così ora prevede: "Art. 727. - (Abbandono di animali). - Chiunque abbandona animali domestici o che abbiano acquisito abitudini della cattività è punito con l'arresto fino ad un anno o con l'ammenda da 1.000 a 10.000 euro. Alla stessa pena soggiace chiunque detiene animali in condizioni incompatibili con la loro natura, e produttive di gravi sofferenze".
L’ abbandono è un crimine, lasciare un animale libero per strada significa mettere in pericolo la sua vita e molto probabilmente anche quella di chi per caso potrebbe investirlo trovandosi a passare nelle vicinanze. La partenza estiva spesso costituisce un vero banco di prova per i nostri piccoli animai domestici, poiché sovente superata l'euforia iniziale, c'è l'imbarazzo di dove lasciar il gatto o il cane, optando poi per decisioni scellerate quali l'abbandono per strada.
Come già più volte reso noto, gli interventi della L.I.D.A. in quest'ambito sono stati diversi, ed ormai da anni durante l’estate ma non può non rinnovarsi il duplice appello affinché si rifletta prima di partire per le vacanze provvedendo per l'opportuna collocazione dei propri “amici” ed inoltre a segnalare anche alla L.I.D.A. ogni forma di violazione o di abbandono si verifichi.
La stagione estiva ha visto sin da subito impegnate le Guardie del Presidente RIGANELLO già con diversi interventi: su segnalazione di una Volante della Questura intervenuta in Macellari di Pellaro sono stati recuperati due cuccioli d cane (un maschio e una femmina) che erano stati abbandonati all’interno di un cassonetto della Nettezza Urbana e destinati a morte certa.
In Rione Reggio Campi a seguito di molteplici segnalazioni sono stati recuperati altri due cani in difficoltà, con l’intervento anche dei Carabinieri del Nucleo Radiomobile e per la complessità del soccorso anche dei Vigili del Fuoco. In SCILLA, un esemplare di biancone (Circaetus gallicus) in difficoltà, è stato soccorso in una via del centro da alcuni cittadini che lo affidavano alla L.I.D.A. che provvedeva alla sua conduzione presso il Centro recupero fauna selvatica di Messina.
Infine le guardie zoofile della LIDA sono anche intervenute lungo il centralissimo Corso Vittorio Emanuele III di Regio, ove si è registrato un episodio raccapricciante, infatti alcuni cittadini hanno notato una colomba morta e appesa con il cappio al collo. Il volatile è stato individuato dagli agenti della Squadra Volante nella struttura che ospitava il Supercinema, proprio nei pressi della gelateria Sottozero. L’intervento della Polstato si è reso necessario, anche perché l’orribile scena colpiva negativamente i bambini. L’equipaggio della volate di zona, ha così richiesto immediatamente la collaborazione dei Vigili del fuoco, i quali utilizzando l’autoscala hanno recuperato la colomba morta.
LIDA Sezione Regionale di Reggio Calabria
< Prec. Succ. >
L'ignoranza è meno dannosa del confuso sapere.
Cesare Beccaria
un giorno senza un sorriso è un giorno perso(C.Chaplin)