NECROLOGIO DELLA SEQUESTRATA PER IL RAPITORE

Notizie dal mondo e dalla città: curiosità, fatti, cronaca...

Moderatori: NinoMed, Lixia, Bud, Mave, ManAGeR78, Lilleuro

mubald
Non c'è nenti!
Non c'è nenti!
Messaggi: 3730
Iscritto il: 11/05/2011, 14:23

NECROLOGIO DELLA SEQUESTRATA PER IL RAPITORE

Messaggio da mubald » 12/09/2011, 8:47

Poi ditemi che non e' vero che alle donne piacciono i bastardi.Leggo su corriere.it ALLUCINANTE



"Un necrologio come altri, sulla Nuova Sardegna : «Cristina Berardi è vicina a Maria Grazia e Tina per la tragica scomparsa del fratello Gianfranco con profondo rispetto e affetto». Senonché Cristina Berardi è l'insegnante rapita nel lontano 1987 (aveva 25 anni) e Gianfranco è proprio quel Gianfranco Ara, «telefonista» dell'Anonima sequestri. Anonima davvero, perché Ara è stato il solo a essere catturato e condannato: sarebbe dovuto rimanere 28 anni in prigione, è uscito dopo 16 e sabato è stato trovato riverso su una scalinata vicino all'anfiteatro di Nuoro. Nessun «giallo», «morte per cause naturali» è scritto nel rapporto sul tavolo del magistrato, in attesa che l'autopsia chiarisca.

Ma una donna che partecipa al dolore della famiglia ed «è vicina... con profondo rispetto e affetto» alle sorelle dell'uomo che faceva parte della banda dei suoi rapitori, è evento raro, soprattutto in una terra, la Barbagia, dove non si perdona e non si dimentica. Perdonare i rapitori? Cristina Berardi non ci sta. «Ma quale perdono... Lui è una cosa, le sorelle un'altra. Loro sono persone perbene e sensibili. Conosco Tina da 15 anni, è insegnante e io lavoro in biblioteca, nello stesso circolo didattico. E Maria Grazia è alla biblioteca Satta. Il necrologio l'ho fatto per loro, non per lui». Su Gianfranco Ara scandisce: «Ha sbagliato, ma ha anche pagato; nessun altro è finito in carcere fra quelli che mi hanno sequestrato. Il problema del perdono non me lo sono mai messa e così pure quello dell'astio. Non sono un giudice: non assolvo e non condanno».


Gianfranco Ara, era il «telefonista» dell'Anonima sequestri
Sono passati più di 24 anni. Lei, figlia del presidente dell'Associazione industriali di Nuoro, insegnava in un paese della provincia. Sulla strada del ritorno a casa in auto l'agguato, 5 uomini mascherati, mitra puntati. Quattro mesi dopo liberata dalla polizia. «Una pattuglia casualmente vide una tenda...». Il bandito che la teneva prigioniera fuggì, abbandonando fucile, armamentario e vettovaglie. Non venne pagato riscatto. Erano in corso trattative. Gianfranco Ara, il «telefonista», fu sorpreso in una cabina telefonica, chiamava la famiglia Berardi. Non ha mai voluto «tradire» i complici; dei carcerieri si conoscono soltanto i nomignoli: il Postino, Cracula, Boboreddu, Trik track, così li chiamava Cristina. Ara (12 fra fratelli e sorelle) ha pagato il silenzio con una dura condanna; è morto a 51 anni, era libero da tre.

Dopo il rapimento, i banditi, furibondi per non aver intascato il riscatto, hanno continuato a tenere sotto tiro i Berardi: minacce, intimidazioni, due bombe contro la casa. Imbarazzante l'esito dell'inchiesta giudiziaria: quando poteva aprirsi qualche spiraglio con le nuove tecniche di esame del Dna, si è scoperto che i reperti, custoditi in tribunale, sono scomparsi e inspiegabilmente distrutti con ordinanza urgente. Insensibilità anche nei confronti di Cristina: nel 1995 trasferimento ad Arzana (vicinissimo alla tenda-prigione) dove liberi e indisturbati vivevano i suoi rapitori. E per tornare a casa avrebbe dovuto ogni giorno ripercorrere in auto la strada dell'agguato. «Ho paura - invocò - non fatemi ritornare laggiù». Battaglia contro la burocrazia della Pubblica istruzione e infine nomina a Nuoro in biblioteca.

Difficile dimenticare. «Cerco di vivere la mia vita, ma questi sono bagagli che ci dobbiamo portare appresso, niente si può cancellare. La giustizia il suo corso l'ha fatto, purtroppo è andata così». Su Gianfranco Ara non vuol lasciare ombre: «Lo conoscevo di faccia, Nuoro è una città piccola, forse l'ho visto da lontano qualche volta, ma non gli ho mai parlato. Nel rapimento ha avuto un ruolo di secondo piano; è una cosa grave e non lo giustifico: si è rovinato da solo. Quando ho saputo che era morto e ho letto che lo definivano ancora "sequestratore" non ho pensato a lui, ma al dolore della madre, della famiglia. E soprattutto alle sorelle che lo piangono. Le conosco, le stimo: come potevo non essere vicina a loro con affetto?».
AH,la vita!Sei single?Ti mancano cose che puoi avere da accoppiato.Sei accoppiato?Non puoi avere tutte le liberta' che hai da single

Avatar utente
Falko
Forumino Scelto
Forumino Scelto
Messaggi: 685
Iscritto il: 11/05/2011, 14:57

Re: NECROLOGIO DELLA SEQUESTRATA PER IL RAPITORE

Messaggio da Falko » 12/09/2011, 14:05

mubald ha scritto:Poi ditemi che non e' vero che alle donne piacciono i bastardi.....


Perchè? avevi dubbi? Il problema non è questo è che c'è anche chi, ipocritamente, dice che non è vero....
Se il destino mi è avverso, peggio per lui!!!

http://www.youtube.com/watch?v=06hr11IO" onclick="window.open(this.href);return false; ... dded#at=13

"La mia rielezione sarebbe al limite del ridicolo" Giorgio Napolitano 14/4/2013

suonatore Jones

Re: NECROLOGIO DELLA SEQUESTRATA PER IL RAPITORE

Messaggio da suonatore Jones » 12/09/2011, 14:11

per quanto io sia scettico sulle teorie psicoanalitiche, non è una novità, la sindrome di stoccolma. la quale non colpisce solo le donne.

rca
Forumino Malatissimo
Forumino Malatissimo
Messaggi: 1951
Iscritto il: 03/05/2011, 10:12
Località: You can checkout any time you like, But you can never leave!

Re: NECROLOGIO DELLA SEQUESTRATA PER IL RAPITORE

Messaggio da rca » 12/09/2011, 14:12

suonatore Jones ha scritto:per quanto io sia scettico sulle teorie psicoanalitiche, non è una novità, la sindrome di stoccolma. la quale non colpisce solo le donne.


mi hai preceduto

@ mubald: se continui a pensarla così muori pazzo ;)
E quindi? Ma poi, fondamentalmente...tu, chi cazzo sei? (cit.)

mubald
Non c'è nenti!
Non c'è nenti!
Messaggi: 3730
Iscritto il: 11/05/2011, 14:23

Re: NECROLOGIO DELLA SEQUESTRATA PER IL RAPITORE

Messaggio da mubald » 12/09/2011, 14:52

Falko ha scritto:
mubald ha scritto:Poi ditemi che non e' vero che alle donne piacciono i bastardi.....


Perchè? avevi dubbi? Il problema non è questo è che c'è anche chi, ipocritamente, dice che non è vero....


Nessun dubbio.E perfettamente d'accordo sull'ipocrisia
AH,la vita!Sei single?Ti mancano cose che puoi avere da accoppiato.Sei accoppiato?Non puoi avere tutte le liberta' che hai da single

mubald
Non c'è nenti!
Non c'è nenti!
Messaggi: 3730
Iscritto il: 11/05/2011, 14:23

Re: NECROLOGIO DELLA SEQUESTRATA PER IL RAPITORE

Messaggio da mubald » 12/09/2011, 14:53

rca ha scritto:
suonatore Jones ha scritto:per quanto io sia scettico sulle teorie psicoanalitiche, non è una novità, la sindrome di stoccolma. la quale non colpisce solo le donne.


mi hai preceduto

@ mubald: se continui a pensarla così muori pazzo ;)


Pazzo no.Sconcertato si'
AH,la vita!Sei single?Ti mancano cose che puoi avere da accoppiato.Sei accoppiato?Non puoi avere tutte le liberta' che hai da single

UnVeroTifoso
Forumino Malatissimo
Forumino Malatissimo
Messaggi: 1761
Iscritto il: 11/05/2011, 13:54

Re: NECROLOGIO DELLA SEQUESTRATA PER IL RAPITORE

Messaggio da UnVeroTifoso » 13/09/2011, 9:33

La sindrome di Stoccolma c'entra poco. Così come non c'azzecca nulla il luogo comune che alle donne piacciono i bastardi.

Semplicemente la rapita ha conosciuto e lavorato insieme nella scuola a madre e sorella del defunto. Ed a loro era rivolta il necrologio. Tra l'altro il defunto fece solo ed esclusivamente una telefonata per chiedere il riscatto. Nè la rapì fisicamente nè tantomeno la custodì durante il rapimento stesso.
"Nani su iddi e vvonnu a tutti nani;
Nci vannu terra terra, peri e mmani;
E pa malignità brutta e superba,
Ccà non crisci chi erba, erba, erba"
(Nicola Giunta)

Avatar utente
Pickwick
Forumino Scelto
Forumino Scelto
Messaggi: 433
Iscritto il: 11/05/2011, 15:46

Re: NECROLOGIO DELLA SEQUESTRATA PER IL RAPITORE

Messaggio da Pickwick » 13/09/2011, 10:02

Sempre più schifato da questo modo di fare giornalismo.

UnVeroTifoso
Forumino Malatissimo
Forumino Malatissimo
Messaggi: 1761
Iscritto il: 11/05/2011, 13:54

Re: NECROLOGIO DELLA SEQUESTRATA PER IL RAPITORE

Messaggio da UnVeroTifoso » 13/09/2011, 10:04

Pickwick ha scritto:Sempre più schifato da questo modo di fare giornalismo.


Ma no, alla fine l'articolo era pure abbastanza chiaro. :wink
"Nani su iddi e vvonnu a tutti nani;
Nci vannu terra terra, peri e mmani;
E pa malignità brutta e superba,
Ccà non crisci chi erba, erba, erba"
(Nicola Giunta)

mubald
Non c'è nenti!
Non c'è nenti!
Messaggi: 3730
Iscritto il: 11/05/2011, 14:23

Re: NECROLOGIO DELLA SEQUESTRATA PER IL RAPITORE

Messaggio da mubald » 13/09/2011, 10:25

UnVeroTifoso ha scritto:La sindrome di Stoccolma c'entra poco. Così come non c'azzecca nulla il luogo comune che alle donne piacciono i bastardi.

Semplicemente la rapita ha conosciuto e lavorato insieme nella scuola a madre e sorella del defunto. Ed a loro era rivolta il necrologio. Tra l'altro il defunto fece solo ed esclusivamente una telefonata per chiedere il riscatto. Nè la rapì fisicamente nè tantomeno la custodì durante il rapimento stesso.


Tanto luogo comune non direi
AH,la vita!Sei single?Ti mancano cose che puoi avere da accoppiato.Sei accoppiato?Non puoi avere tutte le liberta' che hai da single

UnVeroTifoso
Forumino Malatissimo
Forumino Malatissimo
Messaggi: 1761
Iscritto il: 11/05/2011, 13:54

Re: NECROLOGIO DELLA SEQUESTRATA PER IL RAPITORE

Messaggio da UnVeroTifoso » 13/09/2011, 10:28

mubald ha scritto:
UnVeroTifoso ha scritto:La sindrome di Stoccolma c'entra poco. Così come non c'azzecca nulla il luogo comune che alle donne piacciono i bastardi.

Semplicemente la rapita ha conosciuto e lavorato insieme nella scuola a madre e sorella del defunto. Ed a loro era rivolta il necrologio. Tra l'altro il defunto fece solo ed esclusivamente una telefonata per chiedere il riscatto. Nè la rapì fisicamente nè tantomeno la custodì durante il rapimento stesso.


Tanto luogo comune non direi


Mi sembra invece sia proprio un luogo comune, tra l'altro offensivo per le donne...
"Nani su iddi e vvonnu a tutti nani;
Nci vannu terra terra, peri e mmani;
E pa malignità brutta e superba,
Ccà non crisci chi erba, erba, erba"
(Nicola Giunta)

mubald
Non c'è nenti!
Non c'è nenti!
Messaggi: 3730
Iscritto il: 11/05/2011, 14:23

Re: NECROLOGIO DELLA SEQUESTRATA PER IL RAPITORE

Messaggio da mubald » 13/09/2011, 11:05

UnVeroTifoso ha scritto:
mubald ha scritto:
UnVeroTifoso ha scritto:La sindrome di Stoccolma c'entra poco. Così come non c'azzecca nulla il luogo comune che alle donne piacciono i bastardi.

Semplicemente la rapita ha conosciuto e lavorato insieme nella scuola a madre e sorella del defunto. Ed a loro era rivolta il necrologio. Tra l'altro il defunto fece solo ed esclusivamente una telefonata per chiedere il riscatto. Nè la rapì fisicamente nè tantomeno la custodì durante il rapimento stesso.


Tanto luogo comune non direi


Mi sembra invece sia proprio un luogo comune, tra l'altro offensivo per le donne...


Ce n'e' una marea di casi.Ultimo,in ordine di tempo,le centinaia di lettere d'amore che Parolisi riceve in carcere.Per non parlare delle miriadi di uomini bravi,seri ecc.lasciati perche' "noiosi" a favore di personaggi di un certo tipo
AH,la vita!Sei single?Ti mancano cose che puoi avere da accoppiato.Sei accoppiato?Non puoi avere tutte le liberta' che hai da single

rca
Forumino Malatissimo
Forumino Malatissimo
Messaggi: 1951
Iscritto il: 03/05/2011, 10:12
Località: You can checkout any time you like, But you can never leave!

Re: NECROLOGIO DELLA SEQUESTRATA PER IL RAPITORE

Messaggio da rca » 13/09/2011, 11:11

mubald ha scritto:Ce n'e' una marea di casi.Ultimo,in ordine di tempo,le centinaia di lettere d'amore che Parolisi riceve in carcere.Per non parlare delle miriadi di uomini bravi,seri ecc.lasciati perche' "noiosi" a favore di personaggi di un certo tipo


Guarda, stai di nuovo trasformando tutto in argomento da chiacchiere, con tutto il rispetto.
E quindi? Ma poi, fondamentalmente...tu, chi cazzo sei? (cit.)

mubald
Non c'è nenti!
Non c'è nenti!
Messaggi: 3730
Iscritto il: 11/05/2011, 14:23

Re: NECROLOGIO DELLA SEQUESTRATA PER IL RAPITORE

Messaggio da mubald » 13/09/2011, 11:19

rca ha scritto:
mubald ha scritto:Ce n'e' una marea di casi.Ultimo,in ordine di tempo,le centinaia di lettere d'amore che Parolisi riceve in carcere.Per non parlare delle miriadi di uomini bravi,seri ecc.lasciati perche' "noiosi" a favore di personaggi di un certo tipo


Guarda, stai di nuovo trasformando tutto in argomento da chiacchiere, con tutto il rispetto.



La seconda parte da "per non parlare"forse,anche se la riferisco alle notizie e queste sono fatti,non chiacchiere
AH,la vita!Sei single?Ti mancano cose che puoi avere da accoppiato.Sei accoppiato?Non puoi avere tutte le liberta' che hai da single

mohammed
Forumino Malatissimo
Forumino Malatissimo
Messaggi: 2015
Iscritto il: 11/05/2011, 15:05

Re: NECROLOGIO DELLA SEQUESTRATA PER IL RAPITORE

Messaggio da mohammed » 13/09/2011, 11:44

mubald ha scritto:Poi ditemi che non e' vero che alle donne piacciono i bastardi.Leggo su corriere.it ALLUCINANTE



"Un necrologio come altri, sulla Nuova Sardegna : «Cristina Berardi è vicina a Maria Grazia e Tina per la tragica scomparsa del fratello Gianfranco con profondo rispetto e affetto». Senonché Cristina Berardi è l'insegnante rapita nel lontano 1987 (aveva 25 anni) e Gianfranco è proprio quel Gianfranco Ara, «telefonista» dell'Anonima sequestri. Anonima davvero, perché Ara è stato il solo a essere catturato e condannato: sarebbe dovuto rimanere 28 anni in prigione, è uscito dopo 16 e sabato è stato trovato riverso su una scalinata vicino all'anfiteatro di Nuoro. Nessun «giallo», «morte per cause naturali» è scritto nel rapporto sul tavolo del magistrato, in attesa che l'autopsia chiarisca.

Ma una donna che partecipa al dolore della famiglia ed «è vicina... con profondo rispetto e affetto» alle sorelle dell'uomo che faceva parte della banda dei suoi rapitori, è evento raro, soprattutto in una terra, la Barbagia, dove non si perdona e non si dimentica. Perdonare i rapitori? Cristina Berardi non ci sta. «Ma quale perdono... Lui è una cosa, le sorelle un'altra. Loro sono persone perbene e sensibili. Conosco Tina da 15 anni, è insegnante e io lavoro in biblioteca, nello stesso circolo didattico. E Maria Grazia è alla biblioteca Satta. Il necrologio l'ho fatto per loro, non per lui». Su Gianfranco Ara scandisce: «Ha sbagliato, ma ha anche pagato; nessun altro è finito in carcere fra quelli che mi hanno sequestrato. Il problema del perdono non me lo sono mai messa e così pure quello dell'astio. Non sono un giudice: non assolvo e non condanno».


Gianfranco Ara, era il «telefonista» dell'Anonima sequestri
Sono passati più di 24 anni. Lei, figlia del presidente dell'Associazione industriali di Nuoro, insegnava in un paese della provincia. Sulla strada del ritorno a casa in auto l'agguato, 5 uomini mascherati, mitra puntati. Quattro mesi dopo liberata dalla polizia. «Una pattuglia casualmente vide una tenda...». Il bandito che la teneva prigioniera fuggì, abbandonando fucile, armamentario e vettovaglie. Non venne pagato riscatto. Erano in corso trattative. Gianfranco Ara, il «telefonista», fu sorpreso in una cabina telefonica, chiamava la famiglia Berardi. Non ha mai voluto «tradire» i complici; dei carcerieri si conoscono soltanto i nomignoli: il Postino, Cracula, Boboreddu, Trik track, così li chiamava Cristina. Ara (12 fra fratelli e sorelle) ha pagato il silenzio con una dura condanna; è morto a 51 anni, era libero da tre.

Dopo il rapimento, i banditi, furibondi per non aver intascato il riscatto, hanno continuato a tenere sotto tiro i Berardi: minacce, intimidazioni, due bombe contro la casa. Imbarazzante l'esito dell'inchiesta giudiziaria: quando poteva aprirsi qualche spiraglio con le nuove tecniche di esame del Dna, si è scoperto che i reperti, custoditi in tribunale, sono scomparsi e inspiegabilmente distrutti con ordinanza urgente. Insensibilità anche nei confronti di Cristina: nel 1995 trasferimento ad Arzana (vicinissimo alla tenda-prigione) dove liberi e indisturbati vivevano i suoi rapitori. E per tornare a casa avrebbe dovuto ogni giorno ripercorrere in auto la strada dell'agguato. «Ho paura - invocò - non fatemi ritornare laggiù». Battaglia contro la burocrazia della Pubblica istruzione e infine nomina a Nuoro in biblioteca.

Difficile dimenticare. «Cerco di vivere la mia vita, ma questi sono bagagli che ci dobbiamo portare appresso, niente si può cancellare. La giustizia il suo corso l'ha fatto, purtroppo è andata così». Su Gianfranco Ara non vuol lasciare ombre: «Lo conoscevo di faccia, Nuoro è una città piccola, forse l'ho visto da lontano qualche volta, ma non gli ho mai parlato. Nel rapimento ha avuto un ruolo di secondo piano; è una cosa grave e non lo giustifico: si è rovinato da solo. Quando ho saputo che era morto e ho letto che lo definivano ancora "sequestratore" non ho pensato a lui, ma al dolore della madre, della famiglia. E soprattutto alle sorelle che lo piangono. Le conosco, le stimo: come potevo non essere vicina a loro con affetto?».


ma chi è questa stronza che ti ha spezzato il cuore? :wink
Allah è grande, Gheddafi è il suo profeta!

mubald
Non c'è nenti!
Non c'è nenti!
Messaggi: 3730
Iscritto il: 11/05/2011, 14:23

Re: NECROLOGIO DELLA SEQUESTRATA PER IL RAPITORE

Messaggio da mubald » 13/09/2011, 12:05

mohammed ha scritto:
mubald ha scritto:Poi ditemi che non e' vero che alle donne piacciono i bastardi.Leggo su corriere.it ALLUCINANTE



"Un necrologio come altri, sulla Nuova Sardegna : «Cristina Berardi è vicina a Maria Grazia e Tina per la tragica scomparsa del fratello Gianfranco con profondo rispetto e affetto». Senonché Cristina Berardi è l'insegnante rapita nel lontano 1987 (aveva 25 anni) e Gianfranco è proprio quel Gianfranco Ara, «telefonista» dell'Anonima sequestri. Anonima davvero, perché Ara è stato il solo a essere catturato e condannato: sarebbe dovuto rimanere 28 anni in prigione, è uscito dopo 16 e sabato è stato trovato riverso su una scalinata vicino all'anfiteatro di Nuoro. Nessun «giallo», «morte per cause naturali» è scritto nel rapporto sul tavolo del magistrato, in attesa che l'autopsia chiarisca.

Ma una donna che partecipa al dolore della famiglia ed «è vicina... con profondo rispetto e affetto» alle sorelle dell'uomo che faceva parte della banda dei suoi rapitori, è evento raro, soprattutto in una terra, la Barbagia, dove non si perdona e non si dimentica. Perdonare i rapitori? Cristina Berardi non ci sta. «Ma quale perdono... Lui è una cosa, le sorelle un'altra. Loro sono persone perbene e sensibili. Conosco Tina da 15 anni, è insegnante e io lavoro in biblioteca, nello stesso circolo didattico. E Maria Grazia è alla biblioteca Satta. Il necrologio l'ho fatto per loro, non per lui». Su Gianfranco Ara scandisce: «Ha sbagliato, ma ha anche pagato; nessun altro è finito in carcere fra quelli che mi hanno sequestrato. Il problema del perdono non me lo sono mai messa e così pure quello dell'astio. Non sono un giudice: non assolvo e non condanno».


Gianfranco Ara, era il «telefonista» dell'Anonima sequestri
Sono passati più di 24 anni. Lei, figlia del presidente dell'Associazione industriali di Nuoro, insegnava in un paese della provincia. Sulla strada del ritorno a casa in auto l'agguato, 5 uomini mascherati, mitra puntati. Quattro mesi dopo liberata dalla polizia. «Una pattuglia casualmente vide una tenda...». Il bandito che la teneva prigioniera fuggì, abbandonando fucile, armamentario e vettovaglie. Non venne pagato riscatto. Erano in corso trattative. Gianfranco Ara, il «telefonista», fu sorpreso in una cabina telefonica, chiamava la famiglia Berardi. Non ha mai voluto «tradire» i complici; dei carcerieri si conoscono soltanto i nomignoli: il Postino, Cracula, Boboreddu, Trik track, così li chiamava Cristina. Ara (12 fra fratelli e sorelle) ha pagato il silenzio con una dura condanna; è morto a 51 anni, era libero da tre.

Dopo il rapimento, i banditi, furibondi per non aver intascato il riscatto, hanno continuato a tenere sotto tiro i Berardi: minacce, intimidazioni, due bombe contro la casa. Imbarazzante l'esito dell'inchiesta giudiziaria: quando poteva aprirsi qualche spiraglio con le nuove tecniche di esame del Dna, si è scoperto che i reperti, custoditi in tribunale, sono scomparsi e inspiegabilmente distrutti con ordinanza urgente. Insensibilità anche nei confronti di Cristina: nel 1995 trasferimento ad Arzana (vicinissimo alla tenda-prigione) dove liberi e indisturbati vivevano i suoi rapitori. E per tornare a casa avrebbe dovuto ogni giorno ripercorrere in auto la strada dell'agguato. «Ho paura - invocò - non fatemi ritornare laggiù». Battaglia contro la burocrazia della Pubblica istruzione e infine nomina a Nuoro in biblioteca.

Difficile dimenticare. «Cerco di vivere la mia vita, ma questi sono bagagli che ci dobbiamo portare appresso, niente si può cancellare. La giustizia il suo corso l'ha fatto, purtroppo è andata così». Su Gianfranco Ara non vuol lasciare ombre: «Lo conoscevo di faccia, Nuoro è una città piccola, forse l'ho visto da lontano qualche volta, ma non gli ho mai parlato. Nel rapimento ha avuto un ruolo di secondo piano; è una cosa grave e non lo giustifico: si è rovinato da solo. Quando ho saputo che era morto e ho letto che lo definivano ancora "sequestratore" non ho pensato a lui, ma al dolore della madre, della famiglia. E soprattutto alle sorelle che lo piangono. Le conosco, le stimo: come potevo non essere vicina a loro con affetto?».


ma chi è questa stronza che ti ha spezzato il cuore? :wink


Non sono presuntuoso da pensare che la mia e' l'esperienza di tutti.Ma se sento una marea e i fatti ,pubblicati anche dai giornali e visti in TV,lo confermano
AH,la vita!Sei single?Ti mancano cose che puoi avere da accoppiato.Sei accoppiato?Non puoi avere tutte le liberta' che hai da single

Avatar utente
Shelob
Apprendista Forumino
Apprendista Forumino
Messaggi: 87
Iscritto il: 14/06/2011, 14:32
Località: Dalla parte giusta dello Stretto.

Re: NECROLOGIO DELLA SEQUESTRATA PER IL RAPITORE

Messaggio da Shelob » 13/09/2011, 12:37

mubald ha scritto:Poi ditemi che non e' vero che alle donne piacciono i bastardi.Leggo su corriere.it ALLUCINANTE



"Un necrologio come altri, sulla Nuova Sardegna : «Cristina Berardi è vicina a Maria Grazia e Tina per la tragica scomparsa del fratello Gianfranco con profondo rispetto e affetto». Senonché Cristina Berardi è l'insegnante rapita nel lontano 1987 (aveva 25 anni) e Gianfranco è proprio quel Gianfranco Ara, «telefonista» dell'Anonima sequestri. Anonima davvero, perché Ara è stato il solo a essere catturato e condannato: sarebbe dovuto rimanere 28 anni in prigione, è uscito dopo 16 e sabato è stato trovato riverso su una scalinata vicino all'anfiteatro di Nuoro. Nessun «giallo», «morte per cause naturali» è scritto nel rapporto sul tavolo del magistrato, in attesa che l'autopsia chiarisca.

Ma una donna che partecipa al dolore della famiglia ed «è vicina... con profondo rispetto e affetto» alle sorelle dell'uomo che faceva parte della banda dei suoi rapitori, è evento raro, soprattutto in una terra, la Barbagia, dove non si perdona e non si dimentica. Perdonare i rapitori? Cristina Berardi non ci sta. «Ma quale perdono... Lui è una cosa, le sorelle un'altra. Loro sono persone perbene e sensibili. Conosco Tina da 15 anni, è insegnante e io lavoro in biblioteca, nello stesso circolo didattico. E Maria Grazia è alla biblioteca Satta. Il necrologio l'ho fatto per loro, non per lui». Su Gianfranco Ara scandisce: «Ha sbagliato, ma ha anche pagato; nessun altro è finito in carcere fra quelli che mi hanno sequestrato. Il problema del perdono non me lo sono mai messa e così pure quello dell'astio. Non sono un giudice: non assolvo e non condanno».


Gianfranco Ara, era il «telefonista» dell'Anonima sequestri
Sono passati più di 24 anni. Lei, figlia del presidente dell'Associazione industriali di Nuoro, insegnava in un paese della provincia. Sulla strada del ritorno a casa in auto l'agguato, 5 uomini mascherati, mitra puntati. Quattro mesi dopo liberata dalla polizia. «Una pattuglia casualmente vide una tenda...». Il bandito che la teneva prigioniera fuggì, abbandonando fucile, armamentario e vettovaglie. Non venne pagato riscatto. Erano in corso trattative. Gianfranco Ara, il «telefonista», fu sorpreso in una cabina telefonica, chiamava la famiglia Berardi. Non ha mai voluto «tradire» i complici; dei carcerieri si conoscono soltanto i nomignoli: il Postino, Cracula, Boboreddu, Trik track, così li chiamava Cristina. Ara (12 fra fratelli e sorelle) ha pagato il silenzio con una dura condanna; è morto a 51 anni, era libero da tre.

Dopo il rapimento, i banditi, furibondi per non aver intascato il riscatto, hanno continuato a tenere sotto tiro i Berardi: minacce, intimidazioni, due bombe contro la casa. Imbarazzante l'esito dell'inchiesta giudiziaria: quando poteva aprirsi qualche spiraglio con le nuove tecniche di esame del Dna, si è scoperto che i reperti, custoditi in tribunale, sono scomparsi e inspiegabilmente distrutti con ordinanza urgente. Insensibilità anche nei confronti di Cristina: nel 1995 trasferimento ad Arzana (vicinissimo alla tenda-prigione) dove liberi e indisturbati vivevano i suoi rapitori. E per tornare a casa avrebbe dovuto ogni giorno ripercorrere in auto la strada dell'agguato. «Ho paura - invocò - non fatemi ritornare laggiù». Battaglia contro la burocrazia della Pubblica istruzione e infine nomina a Nuoro in biblioteca.

Difficile dimenticare. «Cerco di vivere la mia vita, ma questi sono bagagli che ci dobbiamo portare appresso, niente si può cancellare. La giustizia il suo corso l'ha fatto, purtroppo è andata così». Su Gianfranco Ara non vuol lasciare ombre: «Lo conoscevo di faccia, Nuoro è una città piccola, forse l'ho visto da lontano qualche volta, ma non gli ho mai parlato. Nel rapimento ha avuto un ruolo di secondo piano; è una cosa grave e non lo giustifico: si è rovinato da solo. Quando ho saputo che era morto e ho letto che lo definivano ancora "sequestratore" non ho pensato a lui, ma al dolore della madre, della famiglia. E soprattutto alle sorelle che lo piangono. Le conosco, le stimo: come potevo non essere vicina a loro con affetto?».



Non trovo il nesso tra un cordoglio per la morte di un parente e il luogo comune della donna che preferisce lo stronzo :o.o: :scratch Sarai un pochino misogino mubald? :king:

mubald
Non c'è nenti!
Non c'è nenti!
Messaggi: 3730
Iscritto il: 11/05/2011, 14:23

Re: NECROLOGIO DELLA SEQUESTRATA PER IL RAPITORE

Messaggio da mubald » 13/09/2011, 13:34

Shelob ha scritto:
mubald ha scritto:Poi ditemi che non e' vero che alle donne piacciono i bastardi.Leggo su corriere.it ALLUCINANTE



"Un necrologio come altri, sulla Nuova Sardegna : «Cristina Berardi è vicina a Maria Grazia e Tina per la tragica scomparsa del fratello Gianfranco con profondo rispetto e affetto». Senonché Cristina Berardi è l'insegnante rapita nel lontano 1987 (aveva 25 anni) e Gianfranco è proprio quel Gianfranco Ara, «telefonista» dell'Anonima sequestri. Anonima davvero, perché Ara è stato il solo a essere catturato e condannato: sarebbe dovuto rimanere 28 anni in prigione, è uscito dopo 16 e sabato è stato trovato riverso su una scalinata vicino all'anfiteatro di Nuoro. Nessun «giallo», «morte per cause naturali» è scritto nel rapporto sul tavolo del magistrato, in attesa che l'autopsia chiarisca.

Ma una donna che partecipa al dolore della famiglia ed «è vicina... con profondo rispetto e affetto» alle sorelle dell'uomo che faceva parte della banda dei suoi rapitori, è evento raro, soprattutto in una terra, la Barbagia, dove non si perdona e non si dimentica. Perdonare i rapitori? Cristina Berardi non ci sta. «Ma quale perdono... Lui è una cosa, le sorelle un'altra. Loro sono persone perbene e sensibili. Conosco Tina da 15 anni, è insegnante e io lavoro in biblioteca, nello stesso circolo didattico. E Maria Grazia è alla biblioteca Satta. Il necrologio l'ho fatto per loro, non per lui». Su Gianfranco Ara scandisce: «Ha sbagliato, ma ha anche pagato; nessun altro è finito in carcere fra quelli che mi hanno sequestrato. Il problema del perdono non me lo sono mai messa e così pure quello dell'astio. Non sono un giudice: non assolvo e non condanno».


Gianfranco Ara, era il «telefonista» dell'Anonima sequestri
Sono passati più di 24 anni. Lei, figlia del presidente dell'Associazione industriali di Nuoro, insegnava in un paese della provincia. Sulla strada del ritorno a casa in auto l'agguato, 5 uomini mascherati, mitra puntati. Quattro mesi dopo liberata dalla polizia. «Una pattuglia casualmente vide una tenda...». Il bandito che la teneva prigioniera fuggì, abbandonando fucile, armamentario e vettovaglie. Non venne pagato riscatto. Erano in corso trattative. Gianfranco Ara, il «telefonista», fu sorpreso in una cabina telefonica, chiamava la famiglia Berardi. Non ha mai voluto «tradire» i complici; dei carcerieri si conoscono soltanto i nomignoli: il Postino, Cracula, Boboreddu, Trik track, così li chiamava Cristina. Ara (12 fra fratelli e sorelle) ha pagato il silenzio con una dura condanna; è morto a 51 anni, era libero da tre.

Dopo il rapimento, i banditi, furibondi per non aver intascato il riscatto, hanno continuato a tenere sotto tiro i Berardi: minacce, intimidazioni, due bombe contro la casa. Imbarazzante l'esito dell'inchiesta giudiziaria: quando poteva aprirsi qualche spiraglio con le nuove tecniche di esame del Dna, si è scoperto che i reperti, custoditi in tribunale, sono scomparsi e inspiegabilmente distrutti con ordinanza urgente. Insensibilità anche nei confronti di Cristina: nel 1995 trasferimento ad Arzana (vicinissimo alla tenda-prigione) dove liberi e indisturbati vivevano i suoi rapitori. E per tornare a casa avrebbe dovuto ogni giorno ripercorrere in auto la strada dell'agguato. «Ho paura - invocò - non fatemi ritornare laggiù». Battaglia contro la burocrazia della Pubblica istruzione e infine nomina a Nuoro in biblioteca.

Difficile dimenticare. «Cerco di vivere la mia vita, ma questi sono bagagli che ci dobbiamo portare appresso, niente si può cancellare. La giustizia il suo corso l'ha fatto, purtroppo è andata così». Su Gianfranco Ara non vuol lasciare ombre: «Lo conoscevo di faccia, Nuoro è una città piccola, forse l'ho visto da lontano qualche volta, ma non gli ho mai parlato. Nel rapimento ha avuto un ruolo di secondo piano; è una cosa grave e non lo giustifico: si è rovinato da solo. Quando ho saputo che era morto e ho letto che lo definivano ancora "sequestratore" non ho pensato a lui, ma al dolore della madre, della famiglia. E soprattutto alle sorelle che lo piangono. Le conosco, le stimo: come potevo non essere vicina a loro con affetto?».



Non trovo il nesso tra un cordoglio per la morte di un parente e il luogo comune della donna che preferisce lo stronzo :o.o: :scratch Sarai un pochino misogino mubald? :king:



Non mi risulta che fosse un suo parente.Fino a prova contraria e' stato solo il suo sequestratore
AH,la vita!Sei single?Ti mancano cose che puoi avere da accoppiato.Sei accoppiato?Non puoi avere tutte le liberta' che hai da single

UnVeroTifoso
Forumino Malatissimo
Forumino Malatissimo
Messaggi: 1761
Iscritto il: 11/05/2011, 13:54

Re: NECROLOGIO DELLA SEQUESTRATA PER IL RAPITORE

Messaggio da UnVeroTifoso » 13/09/2011, 13:48

mubald ha scritto:

Non mi risulta che fosse un suo parente.Fino a prova contraria e' stato solo il suo sequestratore


E' collega di madre e sorella del defunto. E chiaramente ha detto che prova stima ed affetto per loro, senza però perdonare il telefonista. Da dove si possano trarre considerazioni generali sui gusti femminili ancora non mi è chiaro. Semmai ci vedo una grande sensibilità femminile.
"Nani su iddi e vvonnu a tutti nani;
Nci vannu terra terra, peri e mmani;
E pa malignità brutta e superba,
Ccà non crisci chi erba, erba, erba"
(Nicola Giunta)

mubald
Non c'è nenti!
Non c'è nenti!
Messaggi: 3730
Iscritto il: 11/05/2011, 14:23

Re: NECROLOGIO DELLA SEQUESTRATA PER IL RAPITORE

Messaggio da mubald » 13/09/2011, 14:27

UnVeroTifoso ha scritto:
mubald ha scritto:

Non mi risulta che fosse un suo parente.Fino a prova contraria e' stato solo il suo sequestratore


E' collega di madre e sorella del defunto. E chiaramente ha detto che prova stima ed affetto per loro, senza però perdonare il telefonista. Da dove si possano trarre considerazioni generali sui gusti femminili ancora non mi è chiaro. Semmai ci vedo una grande sensibilità femminile.


Ok.Come le lettere d'amore a Parolisi
AH,la vita!Sei single?Ti mancano cose che puoi avere da accoppiato.Sei accoppiato?Non puoi avere tutte le liberta' che hai da single

Rispondi