Oggi è 25/06/2018, 16:35
Modifica la dimensione del carattere

Attualità


  • Pubblicità

Laboratorio Calabria

Notizie dal mondo e dalla città: curiosità, fatti, cronaca...

Moderatori: Bud, NinoMed, Lixia, Lilleuro, Mave, ManAGeR78


   

Laboratorio Calabria

Messaggioda doddi » 18/05/2011, 14:47

http://www.strill.it/index.php?option=c ... Itemid=119


Quella nuova, curiosa, attenzione verso il Pdl calabrese...
Mercoledì 18 Maggio 2011 14:26


di Giusva Branca – Qualcosa di veramente nuovo, anzi di antico sta accadendo in Calabria. Parliamo di centrodestra, le cui dinamiche nazionali vivono i giorni più difficili dal 1994 ad oggi.

L’antico sta nel fatto che, come spesso le accade, la Calabria va in controtendenza rispetto ai dati nazionali (qualcuno dirà in ritardo, ma poco cambia).

Il nuovo, invece, sta in qualcosa in più di un germoglio che cresce.

Ci vogliono antenne molto sensibili per cogliere segnali lontanissimi, spesso in embrione, ma da osservatori del territorio siamo chiamati ad ogni sforzo per comprenderli.

Partiamo dal dato elettorale, che segnala una indiscutibile prova di forza – ulteriore – del Pdl che, dopo aver conquistato la Regione un anno fa, prosegue nella sua estensione a macchia d’olio e conferma agevolmente la sua guida a Reggio, ma, soprattutto, si riprende senza colpo ferire il capoluogo di regione, Catanzaro, con un vero e proprio plebiscito per Michele Traversa.

Ma non finisce qua, perché la Provincia di Reggio e il Comune di Cosenza sono ad un passo dal passare sotto il controllo del centrodestra, mentre anche Crotone (altra roccaforte storica del centrosinistra) , dopo avere clamorosamente “sbarcato”, alla Provincia, la guida di centrosinistra, l’anno scorso, a favore della destra guidata da Zurlo, potrebbe passare anche nella sua espressione comunale sul fronte centrodestra.

Infatti, ad una non scoppiettante affermazione di Dorina Bianchi fanno da contraltare i brillanti risultati di Senatore e Regalino che stanno già abbondantemente strizzando l’occhio al centrodestra, lasciando il Sindaco uscente Vallone in vetta ma chiuso in un angolo.

L’analisi ancora più approfondita del dato elettorale ci porta dritti su un gruppo di lavoro specifico al quale accreditare i successi: anche i più accesi denigratori di Scopelliti devono convenire sul fatto che lui in campagna elettorale non sbagli praticamente un colpo e, anzi, come successo con Arena a Reggio e, probabilmente, con Occhiuto a Cosenza, riesce a trasformare in oro (leggi voti) tutto ciò che tocca.

Non sfugga, altresì, la crescita – ormai stabile – di liste da Scopelliti stesso direttamente controllate, come Reggio Futura in riva allo Stretto e, soprattutto, Scopelliti Presidente, ormai radicatissima sull’intero territorio regionale.

Se il dato elettorale regionale è questo si apre un fronte di valutazione nuovo – e tanto importante quanto delicato – rispetto a ciò che accade su scala nazionale.

In Calabria il centrodestra - puro, senza Lega Nord, non è un dato da sottovalutare – si afferma ovunque, mentre proprio al Nord, con la Lega dentro, frana.

L’attenzione dimostrata dall’establishment nazionale nei confronti della Calabria, sotto forma di presenze in campagna elettorale, è un dato nuovo e sulla Calabria Berlusconi & co. intendono contare anche per provare ad arginare la caduta libera di consensi registrati su scala nazionale.

Roma (e Milano) si stanno chiedendo da dove arrivi un consenso così massivo e territorialmente ormai omogeneo in una regione con mille e mille problemi e, al di là di tutto, la classe dirigente politica del centrodestra calabrese è da tempo diventata – nell’ottica di chi la guarda da fuori – una sorta di laboratorio politico. Il dato, mescolato sui piani amministrativo, politico, elettorale e anagrafico, che viene fuori dall’operato di uomini come Scopelliti, Talarico, Fedele, Gentile, ma anche del gruppo di dirigenti esperti e affidabili, molti dei quali espressi dal territorio reggino – in qualche modo una novità su scala regionale, come Zoccali, Putortì, Ferrara, Laganà, Zimbalatti, Mazzeo, Santagati, Crupi, Lopez - unitamente ad alcuni assessori esterni di sicura affidabilità (su tutti Caligiuri) hanno da un lato creato una squadra di forte impatto operativo in Regione e dall’altro seriamente contribuito a creare quella sorta di laboratorio del quale si diceva prima.

Il futuro è, da sempre, ben allocato sulle ginocchia di Giove, ancor di più quello del centrodestra italiano, ma proprio dalle regione più complessa, più carica di problemi e problematiche arriva un segnale inatteso ai vertici romani (e milanesi).

Proprio quella regione che per decenni è stata solo un peso potrebbe ora dare una mano a risolvere i problemi. E la nuova, improvvisa e assidua attenzione palesata più volte da uomini come Alfano, Tremonti e Maroni lo dimostra.

Solo chiacchiere? Può darsi, ma potremo essere veramente vicini ad un clamoroso rovesciamento del tavolo, con il Pdl centrale che, improvvisamente, ha bisogno della Calabria e di quella classe dirigente del centrodestra che ha creato un consenso così diffuso per provare a restare a galla in Italia.

E questo gente come Peppe Scopelliti e Franco Zoccali (vero Richelieu della situazione) lo hanno subdorato da un pezzo.

Se tutto ciò porterà del bene alla Calabria lo scopriremo strada facendo, ma, comunque, c’è qualcosa di nuovo nell’aria.

Per il momento solo nelle stanze del Pdl , però, trattandosi di classe dirigente di riferimento per quasi tutta la politica calabrese, non può certo liquidarsi come “affari di famiglia”
Se coloro che vincono le gare hanno certificati antimafia ma sono in strette relazioni con altre imprese sottoposte all'attenzione della mafia,tutte munite di certificazioni delle prefetture,allora è un problema diverso che non compete a me valutare. I.F.
doddi
Non c'è nenti!
Non c'è nenti!
 
Messaggi: 4823
Likes: 0 post
Liked in: 0 post
Iscritto il: 11/05/2011, 11:55
Località: 38°6′41″N 15°39′43″E

  • Pubblicità

Re: Laboratorio Calabria

Messaggioda ciesse » 18/05/2011, 16:52

Certamente la situazione attuale vede Berlusconi ostaggio della Lega (governa a Roma se lascia mani libere al Nord),
mentre Scopelliti ha fatto tabula rasa di avversari e anche di possibili alleati da UDC ai finiani e risulta padrone assoluto della politica e dell'amministrazione calabrese.

Le opportunità per lui aumentano con l'aumentare dei problemi di B., e con il suo tramonto.

Che questo porti giovamento alla Calabria è un argomento che si può discutere;

Il ragionamento era stato fatto lo scorso anno per la città di Reggio, ed i vantaggi auspicati dalla nomina del governatore tardano ad arrivare, anzi la situazione della città è nettamente precipitata.
:salut
ciesse
Forumino Scelto
Forumino Scelto
 
Messaggi: 389
Likes: 0 post
Liked in: 0 post
Iscritto il: 11/05/2011, 17:02

Re: Laboratorio Calabria

Messaggioda carolus » 18/05/2011, 17:22

Il fatto che in Calabria la destra ha vinto non è stato digerito dalla sinistra la quale lo giustifica affermando che la Calabria è, come sempre, in ritardo.
Io non vorrei peccare di campanilismo ma l'affermazione mi sembra quanto meno azzardata. Direi, se mai, che la Calabria (e Reggio in particolare) si trova spesso in antiicipo (forse per caso?) sui tempi. Un breve e sommario escursus storico mi porta a dcire che il nome ITALIA nasce qui, che Reggio fu alleata di Atene, poi di Roma, non abbandonò mai il territorio ai tempi delle devastazioni saracene, nel 1847 anticipò (unitamente alla Sicilia) i moti risorgimentali che al nord scoppiarono l'anno dopo, che nel 1970 si ribellò alla politica dell'ntrallazzo e degli accordi soittobanco della prima Repubblica. Allora ci saltarono addosso, poi riconobbero che avevamo ragione. Reggio è di destra? Sicuramente, ma diede per ben due volte un suffragio convinto ad un grande Sindaco (che credeva di essere) di sinistra: ITALO FALCOMATA'!
Meditate gente, meditate, non è che perdete sempre perchè non vi fermate un attimo a riflettere?
Carolus
Immagine
Avatar utente
carolus
Forumino Praticante
Forumino Praticante
 
Messaggi: 248
Likes: 0 post
Liked in: 4 posts
Iscritto il: 11/05/2011, 17:50

Re: Laboratorio Calabria

Messaggioda sgabuzzone » 18/05/2011, 19:30

carolus ha scritto:Il fatto che in Calabria la destra ha vinto non è stato digerito dalla sinistra la quale lo giustifica affermando che la Calabria è, come sempre, in ritardo.
Io non vorrei peccare di campanilismo ma l'affermazione mi sembra quanto meno azzardata. Direi, se mai, che la Calabria (e Reggio in particolare) si trova spesso in antiicipo (forse per caso?) sui tempi. Un breve e sommario escursus storico mi porta a dcire che il nome ITALIA nasce qui, che Reggio fu alleata di Atene, poi di Roma, non abbandonò mai il territorio ai tempi delle devastazioni saracene, nel 1847 anticipò (unitamente alla Sicilia) i moti risorgimentali che al nord scoppiarono l'anno dopo, che nel 1970 si ribellò alla politica dell'ntrallazzo e degli accordi soittobanco della prima Repubblica. Allora ci saltarono addosso, poi riconobbero che avevamo ragione. Reggio è di destra? Sicuramente, ma diede per ben due volte un suffragio convinto ad un grande Sindaco (che credeva di essere) di sinistra: ITALO FALCOMATA'!
Meditate gente, meditate, non è che perdete sempre perchè non vi fermate un attimo a riflettere?


In anticipo sui tempi, ma arretrati ahimè su molti fronti
Cosa pretendi da un paese, che ha la forma di una scarpa? (cit.)
Avatar utente
sgabuzzone
Forumino Praticante
Forumino Praticante
 
Messaggi: 214
Likes: 0 post
Liked in: 0 post
Iscritto il: 11/05/2011, 13:20
Località: Somewhere over the rainbow

Re: Laboratorio Calabria

Messaggioda aquamoon » 18/05/2011, 19:54

Carolus scrive:
Allora ci saltarono addosso, poi riconobbero che avevamo ragione. Reggio è di destra? Sicuramente, ma diede per ben due volte un suffragio convinto ad un grande Sindaco (che credeva di essere) di sinistra: ITALO FALCOMATA'!


Intervengo solamente per chiederti di spiegare in base a quali valutazioni e/o informazioni virgoletti quel "che credeva di essere", lasciando capire che Falcomatà non fosse di sinistra.
Italo Falcomatà era comunista senza virgolette.
Il punto è che tu probabilmente hai una visione dell'essere comunista prevenuta al punto tale che,
piacendotene uno, piuttosto che modificare o almeno mettere in dubbio il tuo pregiudizio...
lo trasformi a tuo piacimento assegnandogli un ruolo o una "maschera" che Falcomatà, ti assicuro, non aveva.
:salut
Sventurata la terra che ha bisogno di eroi
Avatar utente
aquamoon
Forumino Malatissimo
Forumino Malatissimo
 
Messaggi: 2320
Likes: 5 posts
Liked in: 6 posts
Iscritto il: 11/05/2011, 12:59

Re: Laboratorio Calabria

Messaggioda suonatore Jones » 18/05/2011, 20:11

aquamoon ha scritto:Carolus scrive:
Allora ci saltarono addosso, poi riconobbero che avevamo ragione. Reggio è di destra? Sicuramente, ma diede per ben due volte un suffragio convinto ad un grande Sindaco (che credeva di essere) di sinistra: ITALO FALCOMATA'!


Intervengo solamente per chiederti di spiegare in base a quali valutazioni e/o informazioni virgoletti quel "che credeva di essere", lasciando capire che Falcomatà non fosse di sinistra.
Italo Falcomatà era comunista senza virgolette.
Il punto è che tu probabilmente hai una visione dell'essere comunista prevenuta al punto tale che,
piacendotene uno, piuttosto che modificare o almeno mettere in dubbio il tuo pregiudizio...
lo trasformi a tuo piacimento assegnandogli un ruolo o una "maschera" che Falcomatà, ti assicuro, non aveva.
:salut



quoto. se non sbaglio (potrei però sbagliare) era del pci. ed era conosciuto a livello nazionale, nel partito.
suonatore Jones
 
Likes: 0 post
Liked in: 0 post

Re: Laboratorio Calabria

Messaggioda UnVeroTifoso » 20/05/2011, 8:30

aquamoon ha scritto:
Intervengo solamente per chiederti di spiegare in base a quali valutazioni e/o informazioni virgoletti quel "che credeva di essere", lasciando capire che Falcomatà non fosse di sinistra.
Italo Falcomatà era comunista senza virgolette.
Il punto è che tu probabilmente hai una visione dell'essere comunista prevenuta al punto tale che,
piacendotene uno, piuttosto che modificare o almeno mettere in dubbio il tuo pregiudizio...

lo trasformi a tuo piacimento assegnandogli un ruolo o una "maschera" che Falcomatà, ti assicuro, non aveva.
:salut


Ti sei risposto da solo... :wink
"Nani su iddi e vvonnu a tutti nani;
Nci vannu terra terra, peri e mmani;
E pa malignità brutta e superba,
Ccà non crisci chi erba, erba, erba"
(Nicola Giunta)
UnVeroTifoso
Forumino Malatissimo
Forumino Malatissimo
 
Messaggi: 1761
Likes: 0 post
Liked in: 0 post
Iscritto il: 11/05/2011, 12:54

Re: Laboratorio Calabria

Messaggioda Pickwick » 20/05/2011, 9:12

L'unico laboratorio politico degli ultimi anni è la sicilia.
Li si sono anticipati i tempi.
In Calabria abbiamo solo un partito. La devastazione attuata da Loiero-Bova ha portato
a bruciare una coalizione e ancora oggi stanno spargendo sale per non far crescere nulla.
Siamo la repubblica pidiellina di salò.
Avatar utente
Pickwick
Forumino Scelto
Forumino Scelto
 
Messaggi: 433
Likes: 0 post
Liked in: 0 post
Iscritto il: 11/05/2011, 14:46

Re: Laboratorio Calabria

Messaggioda doddi » 21/05/2011, 18:44

Oltre la contrapposizione della barricata mi pare di osservare che la disamina politica della realtà incontra ben pochi cultori ... :fifi:

Eppure gli spunti sono tanti.
Se coloro che vincono le gare hanno certificati antimafia ma sono in strette relazioni con altre imprese sottoposte all'attenzione della mafia,tutte munite di certificazioni delle prefetture,allora è un problema diverso che non compete a me valutare. I.F.
doddi
Non c'è nenti!
Non c'è nenti!
 
Messaggi: 4823
Likes: 0 post
Liked in: 0 post
Iscritto il: 11/05/2011, 11:55
Località: 38°6′41″N 15°39′43″E

Re: Laboratorio Calabria

Messaggioda Pasdaran » 21/05/2011, 18:50

carolus ha scritto:Il fatto che in Calabria la destra ha vinto non è stato digerito dalla sinistra la quale lo giustifica affermando che la Calabria è, come sempre, in ritardo.
Io non vorrei peccare di campanilismo ma l'affermazione mi sembra quanto meno azzardata. Direi, se mai, che la Calabria (e Reggio in particolare) si trova spesso in antiicipo (forse per caso?) sui tempi. Un breve e sommario escursus storico mi porta a dcire che il nome ITALIA nasce qui, che Reggio fu alleata di Atene, poi di Roma, non abbandonò mai il territorio ai tempi delle devastazioni saracene, nel 1847 anticipò (unitamente alla Sicilia) i moti risorgimentali che al nord scoppiarono l'anno dopo, che nel 1970 si ribellò alla politica dell'ntrallazzo e degli accordi soittobanco della prima Repubblica. Allora ci saltarono addosso, poi riconobbero che avevamo ragione. Reggio è di destra? Sicuramente, ma diede per ben due volte un suffragio convinto ad un grande Sindaco (che credeva di essere) di sinistra: ITALO FALCOMATA'!
Meditate gente, meditate, non è che perdete sempre perchè non vi fermate un attimo a riflettere?


:salut
Lascia l'ascia e accetta l'accetta
Avatar utente
Pasdaran
Apprendista Forumino
Apprendista Forumino
 
Messaggi: 90
Likes: 0 post
Liked in: 0 post
Iscritto il: 11/05/2011, 18:27

Re: Laboratorio Calabria

Messaggioda Paolo_Padano » 21/05/2011, 19:25

se questa di oggi la chiamate destra contenti voi contenti tutti, si nel parlamento è seduta a destra ma solo per questo
Lillu Fotti: "aundi ioca Spread cu cattu si mu rununu a paremetru zeru"
Lillu Foti: "non bogghiu 'nchinari poi mi rinnu chi vonnnu a squatra mi 'ndi sarbamu"
Paolo_Padano
Forumino Malatissimo
Forumino Malatissimo
 
Messaggi: 1986
Likes: 0 post
Liked in: 0 post
Iscritto il: 11/05/2011, 12:02

Re: Laboratorio Calabria

Messaggioda doddi » 21/05/2011, 23:25

Paolo_Padano ha scritto:se questa di oggi la chiamate destra contenti voi contenti tutti, si nel parlamento è seduta a destra ma solo per questo



Se quella di Peppe il Principe la definisci Dc, perchè di questo si parla paolino,... dimmi cosa dovrebbe essere il centrodestra.

Il fatto, o la notizia, se si preferisce, è che il centrodestra calabrese si è meritato i galloni di affidabilità e competeneza, è diventato classe dirigente e tra qualche giorno potrebbe realizzare risultati egemonoci sul territorio.

Tutto ciò dovrebbe, più di quanto lo sia desso, farlo diventare un tassello importante nella vita politica del paese intero, perchè una realtà compatta ed unita, coesa, raggiunge toni di voci più elevati di tante piccole fazioni all'interno di un coro e panorama politico.
Se coloro che vincono le gare hanno certificati antimafia ma sono in strette relazioni con altre imprese sottoposte all'attenzione della mafia,tutte munite di certificazioni delle prefetture,allora è un problema diverso che non compete a me valutare. I.F.
doddi
Non c'è nenti!
Non c'è nenti!
 
Messaggi: 4823
Likes: 0 post
Liked in: 0 post
Iscritto il: 11/05/2011, 11:55
Località: 38°6′41″N 15°39′43″E


Torna a Attualità

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Bing [Bot] e 1 ospite

User Menu