Oggi è 20/05/2018, 14:51
Modifica la dimensione del carattere

Attualità


  • Pubblicità

La sciagura di Barletta:morte per 3,95 l'ora

Notizie dal mondo e dalla città: curiosità, fatti, cronaca...

Moderatori: Bud, NinoMed, Lixia, Lilleuro, Mave, ManAGeR78


   

La sciagura di Barletta:morte per 3,95 l'ora

Messaggioda Mariotta » 05/10/2011, 13:46

Sono state compiute ieri, nel Policlinico di Bari, le "virtuopsie" sui corpi di Maria Cinquepalmi, di 14 anni, la figlia dei titolari del maglificio al piano terra dello stabile crollato in via Roma a Barletta, di Matilde Doronzo, di 32 anni, Giovanna Sardaro, di 30 anni, Antonella Zaza, di 36 anni e di Tina Ceci, di 37 anni. Le virtuopsie sono esami radiologici che consentono di dare risposte in maniera più veloce ai quesiti della Procura. Ma nel caso di Antonella Zaza, la tac non ha evidenziato le cause della morte e quindi sarà necessario compiere l'autopsia tradizionale. Sono, quindi, quattro i corpi che saranno restituiti nelle prossime ore ai familiari delle vittime del crollo di Barletta. Le salme verranno portate a Barletta dove è stata allestita una Camera ardente.

CROLLO DELLA PALAZZINA, VITTIME ERANO 'IN NERO'

di Luisa Amenduni

BARI - Lavoravano 'in nero', senza contratto, per poter vivere, anzi per "sopravvivere", per pagare il mutuo per la casa o per poter semplicemente fare benzina. In quel laboratorio di confezioni dove cucivano magliette e tute da ginnastica lavoravano dalle 8 alle 14 ore: dipendeva se arrivavano o meno buone commesse. Prendevano 3euro e 95 centesimi all'ora. Le storie delle quattro operaie morte nel crollo della palazzina di via Roma, a Barletta, è quella di donne del Sud che combattono, che si danno da fare per potersi sposare o per pagare un mutuo, per dare una mano ai risicati bilanci di famiglia. "Lavoravano in nero per pochi euro all'ora e dopo alcune verifiche - fa sapere la Cgil di Barletta-Andria-Trani - sembra che l'azienda fosse completamente sconosciuta all'Inps". Le operaie morte nel crollo erano giovani donne che si rimboccavano le maniche per avere qualche soldo in tasca e realizzare il sogno di una vita semplice e tranquilla, accettando di lavorare in condizioni difficili. E purtroppo - dice il segretario generale della Cgil Bat, Luigi Antonacci - "molte sono le lavoratrici che accettano situazioni analoghe a quelle delle operaie morte nel crollo perché guadagnare pochi euro al giorno serve comunque per mandare avanti la famiglia e prendersi cura dei propri figli".Matilde, Giovanna, Antonella e Tina sono morte in quel laboratorio, mentre erano al lavoro, travolte dalle macerie della palazzina e insieme con loro è morta la figlia 14enne della coppia di proprietari della piccola azienda, i coniugi Cinquepalmi: si sono salvati perché erano andati a trovare in ospedale l'anziana madre dell'uomo. E c'erano anche loro, un po' in disparte, lontani dagli altri parenti, oggi al policlinico di Bari, davanti all'obitorio dove sono stati ricomposti i resti delle vittime, sottoposti a esami medico-legali. I parenti delle vittime si sono stretti nel loro dolore, abbracciandosi. Alle 14, dopo ore di attesa, hanno avuto finalmente l'autorizzazione dal magistrato per poter scendere nella camera dove si trovavano le spoglie dei loro cari: quattro per volta, non di più. Anche questa è sembrata una beffa. Alcuni, i più anziani, sono stati colti da malore e sono stati accompagnati in autoambulanza al pronto soccorso del policlinico. Non ce l'ha fatta a reggere il peso del dolore anche il marito di Tina Ceci, di 37 anni, l'ultima ad essere estratta dalle macerie la notte scorsa: si è allontanato tra le lacrime, sorretto dai familiari.

"Era gente semplice, - hanno detto ai giornalisti alcune delle persone che sostavano in lacrime davanti all'obitorio - gente che lavorava per poter sopravvivere". "Contratto?, nessun contratto - hanno detto - avevano le ferie e la 13esima pagate, questo sì, ma non erano 'regolari'". Non è, il loro, un voler puntare l'indice accusatorio: le loro parole sono sembrate rassegnate ad una situazione che è piuttosto diffusa in tutta la Puglia, nel Sud. E anche il sindaco di Barletta, Nicola Maffei, è di questo avviso: "Non mi stento di criminalizzare chi - dice - in un momento come questo viola la legge, assicurando, però, lavoro a patto che non si speculi sulla vita delle persone". "Con la crisi del tessile-abbigliamento-calzaturiero - fa anche presente il sindacalista della Cgil Antonucci - un tempo trainante per l'economia locale, molte grandi aziende hanno chiuso i battenti e sono rimaste solo tante piccole attività sconosciute all'Inps, realtà a conduzione familiare e ubicate nei posti più impensabili: sottani, scantinati o locali a piano terra in edifici antichi, proprio come quello di via Roma". "Mia nipote - racconta oggi la zia di una delle vittime - prendeva 3,95 euro all'ora, mia nuora, che lavorava con lei, quattro euro". "Mia nipote è morta soffocata - continua - era gonfia, aveva il collo e il viso di colore viola. Mia nipote aveva il terrore negli occhi. I suoi occhi erano spalancati, pieni di paura".

In tanti, infatti, pensano che se si fosse riusciti a scavare con più celerità, forse quelle donne sarebbero ancora vive: "Se avessimo continuato noi a scavare con le mani - dice un ragazzo, tra i primi ad accorrere sul posto dopo il crollo - forse saremmo riusciti a salvarle. Invece é cominciata la sfilata di gente in cravatta, gente che ci ha detto di andar via, ci hanno fatto mettere dietro le transenne e poi tutto improvvisamente è diventato lento". I corpi delle cinque vittime, presumibilmente nella tarda mattinata, saranno riportati domani a Barletta, dove sarà allestita una camera ardente. Lì la gente, quella che ha scavato con le mani tra le pietre, quella che ha dato da bere e da mangiare ai soccorritori, quella che ha pregato sui balconi, che si è riversata in strada per rimanere ore e ore dietro le transenne per aspettare in silenzio insieme con i parenti, potrà finalmente rendere omaggio alla sfortunata ragazzina uscita per un caso un'ora prima da scuola e a quelle quattro donne che per avere una vita normale e senza pretese hanno accettato un lavoro faticoso, malpagato, irregolare.

INCHIESTA, NON CI SONO INDAGATI
di Paola Laforgia

Gli inquilini avevano visto le crepe aprirsi sui muri e nel pavimento delle loro case. Avevano chiamato i tecnici del Comune e solo pochi giorni fa erano stati rassicurati: non c'é alcun rischio di crollo. Poi ieri, forse per i lavori in corso per completare l'abbattimento del palazzo attiguo, o forse per le ormai compromesse condizioni statiche, l'edificio di via Roma a Barletta è venuto giù, seppellendo quattro operaie che stavano lavorando in un laboratorio di confezioni al piano terra e una ragazzina di 14 anni, figlia dei proprietari dell'opificio. Mentre la città piange con i parenti delle vittime e i sopravvissuti per questa tragedia annunciata, la procura di Trani indaga per disastro colposo e omicidio colposo plurimo: non ci sono ancora indagati, ma i fronti dell'inchiesta sono tre. Il primo riguarda le condizioni statiche dell'edificio e il perché i tecnici comunali chiamati dai residenti per fare verifiche statiche non abbiano ravvisato il rischio di crollo. Il procuratore, Carlo Maria Capristo, lo ha confermato, la richiesta di verifiche statiche fatta al Comune "é un dato documentato", ha detto. Il secondo fronte riguarda i lavori che erano in corso per il completamento della demolizione della palazzina adiacente e la possibilità che siano stati proprio questi a provocare le lesioni e il crollo della struttura. Anche lunedì mattina, quando si è verificata la tragedia, un operaio era al lavoro con una pala meccanica. Stava rimuovendo detriti proprio a fianco al palazzo che si è sgretolato. Lui è riuscito a mettersi in salvo per un pelo.

Quello stesso escavatore è stato poi utilizzato dai soccorritori per aprire un varco tra le macerie alla ricerca delle vittime. E poi c'é il terzo fronte, quello che riguarda le operaie morte nel crollo. La Procura sta cercando di accertare se il laboratorio di confezioni fosse in regola, e se le donne, tutte giovani, fossero contrattualizzate. Ma dalle prime testimonianze raccolte tra i parenti delle vittime, sembrerebbe di no. Nel caso si trattasse davvero di lavoro nero, il sindaco di Barletta, Nicola Maffei, chiede però di evitare "criminalizzazioni" per i titolari del laboratorio: "sarebbe un paradosso - dice - se dopo avere perso una figlia e il lavoro venissero anche denunciati". Ora il Comune è impegnato a verificare la condizione complessiva degli stabili vicini a quelli crollati e se ci siano altre situazioni di emergenza segnalate ma rimaste senza, quelli che si erano salvati perché erano usciti al momento del crollo, sono ospitati in albergo.

Altri quattro sono ricoverati in osservazione - tra loro anche la donna incinta che è stata la prima ad essere soccorsa. Ora si pensa a come aiutarli concretamente: il presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola, che oggi ha incontrato a Barletta alcune delle persone rimaste senza tetto, ha convocato una giunta d'urgenza che ha disposto lo stanziamento di 200.000 euro in favore dei familiari delle vittime e delle famiglie private dell'abitazione. Vendola, lasciando il luogo del disastro, ha parlato di "una tragedia che poteva essere evitata, come tutte quelle di questo tipo che - ha detto - si verificano in
Il dolore ci rimette in mezzo alle cose in modo nuovo.
Mariotta
Forumino Malato
Forumino Malato
 
Messaggi: 1400
Likes: 0 post
Liked in: 0 post
Iscritto il: 12/05/2011, 18:24

  • Pubblicità

Re: La sciagura di Barletta:morte per 3,95 l'ora

Messaggioda UnVeroTifoso » 05/10/2011, 13:53

Che tristezza. Come ci siamo ridotti. Ed ancora ci definiamo "umani". Costrette a lavorare in nero per una miseria senza nessuna sicurezza. :sad:
"Nani su iddi e vvonnu a tutti nani;
Nci vannu terra terra, peri e mmani;
E pa malignità brutta e superba,
Ccà non crisci chi erba, erba, erba"
(Nicola Giunta)
UnVeroTifoso
Forumino Malatissimo
Forumino Malatissimo
 
Messaggi: 1761
Likes: 0 post
Liked in: 0 post
Iscritto il: 11/05/2011, 12:54

Re: La sciagura di Barletta:morte per 3,95 l'ora

Messaggioda mubald » 05/10/2011, 14:00

Le dichiarazioni del sindaco sono allucinanti,in totale disprezzo delle altre famiglie e della legge
AH,la vita!Sei single?Ti mancano cose che puoi avere da accoppiato.Sei accoppiato?Non puoi avere tutte le liberta' che hai da single
mubald
Non c'è nenti!
Non c'è nenti!
 
Messaggi: 3700
Likes: 0 post
Liked in: 4 posts
Iscritto il: 11/05/2011, 13:23

Re: La sciagura di Barletta:morte per 3,95 l'ora

Messaggioda doddi » 05/10/2011, 14:15

Io vorrei sapere che cosa hanno visionato durante il sopralluogo di qualche giorno prima i tecnici del comune ed i pompieri.
Se coloro che vincono le gare hanno certificati antimafia ma sono in strette relazioni con altre imprese sottoposte all'attenzione della mafia,tutte munite di certificazioni delle prefetture,allora è un problema diverso che non compete a me valutare. I.F.
doddi
Non c'è nenti!
Non c'è nenti!
 
Messaggi: 4823
Likes: 0 post
Liked in: 0 post
Iscritto il: 11/05/2011, 11:55
Località: 38°6′41″N 15°39′43″E

Re: La sciagura di Barletta:morte per 3,95 l'ora

Messaggioda Mariotta » 05/10/2011, 14:26

doddi ha scritto:Io vorrei sapere che cosa hanno visionato durante il sopralluogo di qualche giorno prima i tecnici del comune ed i pompieri.



quelle cose che spuntano in testa.
Il dolore ci rimette in mezzo alle cose in modo nuovo.
Mariotta
Forumino Malato
Forumino Malato
 
Messaggi: 1400
Likes: 0 post
Liked in: 0 post
Iscritto il: 12/05/2011, 18:24

Re: La sciagura di Barletta:morte per 3,95 l'ora

Messaggioda suonatore Jones » 05/10/2011, 14:42

e ci si stupisce? nel paese del lavoro nero e dell'abuso edilizio? riposino in pace le ennesime vittime di stato.
suonatore Jones
 
Likes: 0 post
Liked in: 0 post

Re: La sciagura di Barletta:morte per 3,95 l'ora

Messaggioda Mariotta » 05/10/2011, 19:18

suonatore Jones ha scritto:e ci si stupisce? nel paese del lavoro nero e dell'abuso edilizio? riposino in pace le ennesime vittime di stato.




ci si stupisce che dopo le segnalazioni e i controlli si sia dichiarato che era tutto a posto e non c'era nulla da temere
Il dolore ci rimette in mezzo alle cose in modo nuovo.
Mariotta
Forumino Malato
Forumino Malato
 
Messaggi: 1400
Likes: 0 post
Liked in: 0 post
Iscritto il: 12/05/2011, 18:24

Re: La sciagura di Barletta:morte per 3,95 l'ora

Messaggioda spiny79 » 05/10/2011, 19:38

spero non sia l'ennesima storia del "tutti colpevoli, nessun colpevole"...

è vero che i morti non ritornano più, ma è anche vero che meritano giustizia, loro e chi li piangerà per sempre...

altrimenti al dolore della morte si aggiungerà la rabbia dell'ingiustizia...
Avatar utente
spiny79
Forumino Malato
Forumino Malato
 
Messaggi: 906
Likes: 0 post
Liked in: 0 post
Iscritto il: 11/05/2011, 12:56


Torna a Attualità

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Majestic-12 [Bot] e 2 ospiti

User Menu