Oggi è 15/07/2018, 21:37
Modifica la dimensione del carattere

Attualità


  • Pubblicità

La Grande Depressione di Reggio

Notizie dal mondo e dalla città: curiosità, fatti, cronaca...

Moderatori: Bud, NinoMed, Lixia, Lilleuro, Mave, ManAGeR78


   

Re: La Grande Depressione di Reggio

Messaggioda st4rsky » 25/08/2011, 7:58

DoubleD ha scritto:
st4rsky ha scritto: dalla differenziata quasi inesistente (ho capito che stanno sperimentando il porta a porta, ma nel frattempo non potevano lasciare accanto ai bidoni dell'umido anche quelli di carta e vetro???)


non so di quale zona parli
ma da me al centro la raccolta carta e vetro la fanno regolarmente da circa tre anni
e regolarmente da un annetto anche quella dell'umido


solo queste però :mrgreen: poi le carte in mezzo alla strada, la lordìa a bordo marciapiede (me la faccio io), l'erbacce nella piazza ecc.ecc. non le fanno dai tempi di Italo Falcomatà :muro:


Io so che la raccolta porta a porta è in fase sperimentale e abbraccia Sbarre Centrali, Santa Caterina e Gebbione. I cassonetti della differenziata è circa un anno (o forse più) che non ne vedo più.. tant'è vero che chi voleva, doveva portare tutto all'isola ecologica (che non ricordo dov'è in questo istante) e doveva lasciare anche i dati anagrafici e il codice fiscale...
Avatar utente
st4rsky
Forumino Scelto
Forumino Scelto
 
Messaggi: 380
Likes: 0 post
Liked in: 0 post
Iscritto il: 11/05/2011, 18:42
Località: RC

  • Pubblicità

Re: La Grande Depressione di Reggio

Messaggioda DoubleD » 25/08/2011, 8:12

st4rsky ha scritto:
Io so che la raccolta porta a porta è in fase sperimentale e abbraccia Sbarre Centrali, Santa Caterina e Gebbione. I cassonetti della differenziata è circa un anno (o forse più) che non ne vedo più.. tant'è vero che chi voleva, doveva portare tutto all'isola ecologica (che non ricordo dov'è in questo istante) e doveva lasciare anche i dati anagrafici e il codice fiscale...



da me ci sono e la raccolgono (almenu chista) nei giorni stabiliti :salut
'' A Reggina Esti Comu U viagra... faci 'nchianari i cazzi "

Immagine
Avatar utente
DoubleD
Forumino Malatissimo
Forumino Malatissimo
 
Messaggi: 2476
Likes: 4 posts
Liked in: 11 posts
Iscritto il: 11/05/2011, 12:57
Località: MedazZalaNd

Re: La Grande Depressione di Reggio

Messaggioda pellarorc » 26/08/2011, 13:07

in uan regione come la calabria che non riesce da sè a creare sviluppo ci sarà sempre depressione.
IN una città della grandezza di reggio calabria secondo me nel 2011 non si può pensare di costruire una struttura economica di tipo industriale ormail.
Bisogno puntare sul terziario. Attraverso l'università bisogna cercare di portare a reggio aziende che hanno bisogno di giovani. Giovani che non devono scappare al nord. Giovani che devono rimanere e fare ricerca, lavorare e lavorare e crescere sotto tutti i punti di vista.

Visto che il territorio non riesce a creare imprednitoria spontanea, le istituzioni dovrebbero darsi una mossa.
A Cosenza bene o male con l'università si è riusciti a portare società di informatica, di ingegneria ambientale, di ricerca.
A Reggio bisogna fare la stessa cosa altrimenti la depresisone ci sarà sempre.
Avatar utente
pellarorc
Forumino Malatissimo
Forumino Malatissimo
 
Messaggi: 2224
Likes: 0 post
Liked in: 0 post
Iscritto il: 11/05/2011, 13:22

Re: La Grande Depressione di Reggio

Messaggioda doddi » 26/08/2011, 13:11

st4rsky ha scritto:
DoubleD ha scritto:
st4rsky ha scritto: dalla differenziata quasi inesistente (ho capito che stanno sperimentando il porta a porta, ma nel frattempo non potevano lasciare accanto ai bidoni dell'umido anche quelli di carta e vetro???)


non so di quale zona parli
ma da me al centro la raccolta carta e vetro la fanno regolarmente da circa tre anni
e regolarmente da un annetto anche quella dell'umido


solo queste però :mrgreen: poi le carte in mezzo alla strada, la lordìa a bordo marciapiede (me la faccio io), l'erbacce nella piazza ecc.ecc. non le fanno dai tempi di Italo Falcomatà :muro:


Io so che la raccolta porta a porta è in fase sperimentale e abbraccia Sbarre Centrali, Santa Caterina e Gebbione. I cassonetti della differenziata è circa un anno (o forse più) che non ne vedo più.. tant'è vero che chi voleva, doveva portare tutto all'isola ecologica (che non ricordo dov'è in questo istante) e doveva lasciare anche i dati anagrafici e il codice fiscale...


Per quanto mi risulta, la differenziata è perfettamente funzionante, non sò a quali zone tu faccia riferimento ma i bidoni da me li svuotano ogni settimana. In tre posti diversi (S. Caterina, Piazza Carmine, S. Antonio)
Se coloro che vincono le gare hanno certificati antimafia ma sono in strette relazioni con altre imprese sottoposte all'attenzione della mafia,tutte munite di certificazioni delle prefetture,allora è un problema diverso che non compete a me valutare. I.F.
doddi
Non c'è nenti!
Non c'è nenti!
 
Messaggi: 4823
Likes: 0 post
Liked in: 0 post
Iscritto il: 11/05/2011, 11:55
Località: 38°6′41″N 15°39′43″E

Re: La Grande Depressione di Reggio

Messaggioda st4rsky » 09/09/2011, 10:46

Della serie, le cose fatte veramente coi piedi e senza un minimo di criterio...

http://www.strill.it/index.php?option=c ... &Itemid=86
Avatar utente
st4rsky
Forumino Scelto
Forumino Scelto
 
Messaggi: 380
Likes: 0 post
Liked in: 0 post
Iscritto il: 11/05/2011, 18:42
Località: RC

Re: La Grande Depressione di Reggio

Messaggioda Mariotta » 09/09/2011, 12:55

tanto per non aprire un altro topic e a proposito di Reggio e Multiservizi

http://www.strill.it/index.php?option=c ... &Itemid=86
Il dolore ci rimette in mezzo alle cose in modo nuovo.
Mariotta
Forumino Malato
Forumino Malato
 
Messaggi: 1400
Likes: 0 post
Liked in: 0 post
Iscritto il: 12/05/2011, 18:24

Re: La Grande Depressione di Reggio

Messaggioda Lixia » 09/09/2011, 13:01

...hmmmm io adesso vivo in un posto che nel 2010 ha fatto 2 milioni e 785 mila presenze ( turismo ) e detto inter nos non è che abbia chissà quali grandi divertimenti se non sei un ciclista o un surfista ...bene le critiche per la nostra città ma siccome nel leggervi mi pigghiau a depressioni mi piacerebbe almeno una volta leggere non solo critiche ma anche proposte ...che va male è sotto gli occhi di tutti !
"Gli amici miei, ed in cui posso fidare, non vivon qui: si trovan lontano, al mio paese, come ogni altra cosa, signori, che mi può recar conforto".

Putrusinu ogni mineshra!

Immagine
Avatar utente
Lixia
Moderatore
Moderatore
 
Messaggi: 1734
Likes: 2 posts
Liked in: 0 post
Iscritto il: 11/05/2011, 12:25
Località: Boh!!! Attualmente zingarìo in Trentino!!!

Re: La Grande Depressione di Reggio

Messaggioda fred2010 » 09/09/2011, 14:01

Premesso che non rispetto chi mi dice di essere propositivo per risolvere i problemi della mia terra quando egli stesso ha trovato come unica soluzione quella di "scappare"!
Detto questo, qualsivoglia ipotesi di strategia attraverso la quale poter risollevare le sorti economiche e sociali della città DEVONO necessariamente avere come fonte di finanziamento l'autotassazione o il project financing (capitali privati) data l'esiguità delle risorse attualmente presenti nelle tesorerie del nostro amato Comune.
Capisci bene dunque che le ipotesi resterebbero tali senza un supporto finanziario congruo....l'alternativa però potrebbe essere quella di dire al PEppeDj di promuovere l'apertura di un Casino' (con l'accento, specifichiamo altrimenti si confonde e fa quello che gli riesce meglio) o divenire un paradiso fiscale (come gibilterra), altrimenti con i tempi che corrono la vedo dura.......
fred2010
Forumino Praticante
Forumino Praticante
 
Messaggi: 231
Likes: 0 post
Liked in: 0 post
Iscritto il: 25/05/2011, 8:23

Re: La Grande Depressione di Reggio

Messaggioda EktorBaboden » 09/09/2011, 14:55

fred2010 ha scritto:Premesso che non rispetto chi mi dice di essere propositivo per risolvere i problemi della mia terra quando egli stesso ha trovato come unica soluzione quella di "scappare"!

Con questo dici tantissimo. Bravo.
AMOMARANTO LIBERO
Avatar utente
EktorBaboden
Forumino Malato
Forumino Malato
 
Messaggi: 1007
Likes: 0 post
Liked in: 0 post
Iscritto il: 11/05/2011, 18:47

Re: La Grande Depressione di Reggio

Messaggioda fred2010 » 09/09/2011, 15:57

EktorBaboden ha scritto:
fred2010 ha scritto:Premesso che non rispetto chi mi dice di essere propositivo per risolvere i problemi della mia terra quando egli stesso ha trovato come unica soluzione quella di "scappare"!

Con questo dici tantissimo. Bravo.


:beer: :beer: :beer:
fred2010
Forumino Praticante
Forumino Praticante
 
Messaggi: 231
Likes: 0 post
Liked in: 0 post
Iscritto il: 25/05/2011, 8:23

Re: La Grande Depressione di Reggio

Messaggioda UnVeroTifoso » 09/09/2011, 16:28

Certo che dire di coloro che sono dovuti emigrare per lavorare che sono "scappati" è molto ma molto antipatico. :salut
"Nani su iddi e vvonnu a tutti nani;
Nci vannu terra terra, peri e mmani;
E pa malignità brutta e superba,
Ccà non crisci chi erba, erba, erba"
(Nicola Giunta)
UnVeroTifoso
Forumino Malatissimo
Forumino Malatissimo
 
Messaggi: 1761
Likes: 0 post
Liked in: 0 post
Iscritto il: 11/05/2011, 12:54

Re: La Grande Depressione di Reggio

Messaggioda pellarorc » 09/09/2011, 16:58

UnVeroTifoso ha scritto:Certo che dire di coloro che sono dovuti emigrare per lavorare che sono "scappati" è molto ma molto antipatico. :salut


Si è antipatico ma sinceramente a quelli che se ne sono andati frega molto poco anzi ci si rende conto che essere "scappati" forse è stato meglio perchè i tempi passano ma le teste rimangono quelle!

Una volta a pellaro uno mi ha detto che mi dovevo vergognare di essere partito perchè dovevo rimanere a Pellaro e fare quello che c'era da fare, cioè zappare o pescare. Peccato che lui non zappava e non pescava. Perchè se l'avesse fatto invece di dirlo agli altri, di certo nn aveva quelle belle manine liscie liscie usate solo per farsi le pugnette davanti al pc.

Un saluto dallo "scappato"!!
Avatar utente
pellarorc
Forumino Malatissimo
Forumino Malatissimo
 
Messaggi: 2224
Likes: 0 post
Liked in: 0 post
Iscritto il: 11/05/2011, 13:22

Re: La Grande Depressione di Reggio

Messaggioda fred2010 » 09/09/2011, 17:12

UnVeroTifoso ha scritto:Certo che dire di coloro che sono dovuti emigrare per lavorare che sono "scappati" è molto ma molto antipatico. :salut


Scusa ed illuminami, chi invece, pur essendo scappato, dice a coloro i quali hanno scelto di rimanere che devono essere più propositivi, come lo chiameresti?
Forse hai ragione dire agli emigrati che sono scappati, o meglio "sa fuiru", è molto antipatico ma molto poco ipocrita e fra i due IO preferisco essere antipatico mentre agli altri lascio l'ipocrisia.
Poi in fondo non potremo mai avere la contro prova che sti luminari, avessero scelto di restare, avrebbero contribuito meglio di quanto possiamo, o vogliamo, fare noi rimasti al palo, alle sorti della la nostra città.
fred2010
Forumino Praticante
Forumino Praticante
 
Messaggi: 231
Likes: 0 post
Liked in: 0 post
Iscritto il: 25/05/2011, 8:23

Re: La Grande Depressione di Reggio

Messaggioda Regmi » 09/09/2011, 20:26

fred2010 ha scritto:
UnVeroTifoso ha scritto:Certo che dire di coloro che sono dovuti emigrare per lavorare che sono "scappati" è molto ma molto antipatico. :salut


Scusa ed illuminami, chi invece, pur essendo scappato, dice a coloro i quali hanno scelto di rimanere che devono essere più propositivi, come lo chiameresti?
Forse hai ragione dire agli emigrati che sono scappati, o meglio "sa fuiru", è molto antipatico ma molto poco ipocrita e fra i due IO preferisco essere antipatico mentre agli altri lascio l'ipocrisia.
Poi in fondo non potremo mai avere la contro prova che sti luminari, avessero scelto di restare, avrebbero contribuito meglio di quanto possiamo, o vogliamo, fare noi rimasti al palo, alle sorti della la nostra città.


Io credo che usare il termine scappare, usato come un clava, sia un appellativo molto forte in quanto non rende giustizia
alle tante sofferenze, a volte anche umiliazioni, che chi è stato costretto ad andar via
- vuoi per necessità, vuoi per fame (letteralmente), vuoi per voglia di misurarsi con altre realtà o per tanti altri svariati motivi -
ha affrontato e affronta, e che si porterà dentro sin die insieme alla saudade.

Ecco, costretto trovo che sia generalmente il termine più adatto. :salut
La speranza appartiene ai figli.
Noi adulti abbiamo già sperato e quasi sempre perso.
Avatar utente
Regmi
Non c'è nenti!
Non c'è nenti!
 
Messaggi: 4236
Likes: 3 posts
Liked in: 0 post
Iscritto il: 11/05/2011, 15:55

Re: La Grande Depressione di Reggio

Messaggioda fred2010 » 09/09/2011, 21:28

Sì, ma ricordati che la critica a chi è stato, come dici tu, "costretto" ad andare via è nata dopo il biasimo che uno di questi ha palesato nei confronti di noi poveri deficienti (che abbiamo scelto di restare) in quanto poco propositivi verso la risoluzione delle problematiche che attanagliano la NOSTRA città.
fred2010
Forumino Praticante
Forumino Praticante
 
Messaggi: 231
Likes: 0 post
Liked in: 0 post
Iscritto il: 25/05/2011, 8:23

Re: La Grande Depressione di Reggio

Messaggioda EktorBaboden » 09/09/2011, 22:03

Regmi ha scritto:
fred2010 ha scritto:
UnVeroTifoso ha scritto:Certo che dire di coloro che sono dovuti emigrare per lavorare che sono "scappati" è molto ma molto antipatico. :salut


Scusa ed illuminami, chi invece, pur essendo scappato, dice a coloro i quali hanno scelto di rimanere che devono essere più propositivi, come lo chiameresti?
Forse hai ragione dire agli emigrati che sono scappati, o meglio "sa fuiru", è molto antipatico ma molto poco ipocrita e fra i due IO preferisco essere antipatico mentre agli altri lascio l'ipocrisia.
Poi in fondo non potremo mai avere la contro prova che sti luminari, avessero scelto di restare, avrebbero contribuito meglio di quanto possiamo, o vogliamo, fare noi rimasti al palo, alle sorti della la nostra città.


Io credo che usare il termine scappare, usato come un clava, sia un appellativo molto forte in quanto non rende giustizia
alle tante sofferenze, a volte anche umiliazioni, che chi è stato costretto ad andar via
- vuoi per necessità, vuoi per fame (letteralmente), vuoi per voglia di misurarsi con altre realtà o per tanti altri svariati motivi -
ha affrontato e affronta, e che si porterà dentro sin die insieme alla saudade.

Ecco, costretto trovo che sia generalmente il termine più adatto. :salut


Regmi scrivi cose sensatissime.
Chi va via non può mai stare bene al 100% perché non è a casa propria. Tranne che per qualcuno (sporadico dico io). Per questo io, nonostante i diversi anni fuori, punto al rientro a casa. Perchè casa mia non è dove io sono adesso. Probabilmente sbaglierò. Me lo dicono in tanti specialmente chi sta a Reggio. Mi dicono che per i figli il futuro sia al nord. Al nord?? Proprio oggi ho scoperto che un'illuminata fabbrichetta artigiana del posto dove risiedo assume ragazze in nero per 7 ore lavorative al giorno per 500 € mensili. Insomma a tipu sud. Non ci sono più lavori stabili ma lavori pecari, anche di una settimana.

Voglio scendere al sud per portare, magari, qualcosa che qui ho imparato. 8-)

Però è chiaro che il porco col vestito di seta ci riempie di paranoie. Nn è che lui con i suoi 15 giorni annuali a Reggio ci può riportare l'esattissima situazione. Che vivesse e portasse la sua professionalità a casa, forse nel suo piccolo migliorerebbe un pò Reggio.

@Lixia: idee per Reggio ce ne sarebbero. Basterebbe mettere la gente giusta al posto giusto e via. :wink
AMOMARANTO LIBERO
Avatar utente
EktorBaboden
Forumino Malato
Forumino Malato
 
Messaggi: 1007
Likes: 0 post
Liked in: 0 post
Iscritto il: 11/05/2011, 18:47

Re: La Grande Depressione di Reggio

Messaggioda Regmi » 09/09/2011, 22:09

fred2010 ha scritto:Sì, ma ricordati che la critica a chi è stato, come dici tu, "costretto" ad andare via è nata dopo il biasimo che uno di questi ha palesato nei confronti di noi poveri deficienti (che abbiamo scelto di restare) in quanto poco propositivi verso la risoluzione delle problematiche che attanagliano la NOSTRA città.


Non per fare l'avvocato difensore di Lixia che da par suo lo sa fare da sola... e anche bene, ma personalmente non ho letto note di biasimo o, non è nel suo stile, offese verso nessuno.
Quello che io ho percepito dal suo scritto era un semplice auspicio dettato dalla voglia di non intristirsi ulteriormente.

PS- il termine, visto il virgolettato, non ti si aggrada? E perchè eventualmente?
La speranza appartiene ai figli.
Noi adulti abbiamo già sperato e quasi sempre perso.
Avatar utente
Regmi
Non c'è nenti!
Non c'è nenti!
 
Messaggi: 4236
Likes: 3 posts
Liked in: 0 post
Iscritto il: 11/05/2011, 15:55

Re: La Grande Depressione di Reggio

Messaggioda fred2010 » 09/09/2011, 22:17

Regmi ha scritto:
fred2010 ha scritto:Sì, ma ricordati che la critica a chi è stato, come dici tu, "costretto" ad andare via è nata dopo il biasimo che uno di questi ha palesato nei confronti di noi poveri deficienti (che abbiamo scelto di restare) in quanto poco propositivi verso la risoluzione delle problematiche che attanagliano la NOSTRA città.


Non per fare l'avvocato difensore di Lixia che da par suo lo sa fare da sola... e anche bene, ma personalmente non ho letto note di biasimo o, non è nel suo stile, offese verso nessuno.
Quello che io ho percepito dal suo scritto era un semplice auspicio dettato dalla voglia di non intristirsi ulteriormente.

PS- il termine, visto il virgolettato, non ti si aggrada? E perchè eventualmente?


No non mi aggrada ma è un mio personalissimo pensiero.
Per quanto riguarda il biasimo, mi sono sentito punto nell'orgoglio dato che è sembrato che l'intervento di lixia fosse del tipo:"vi lamentate sempre ma non proponete mai nulla per rimediare"....e no, cara amica/o, aspettiamo te che torni per importare un po di materia grigia, tanto qui stiamo tutto il giorno a girarci i pollici e grattarci la pancia.
fred2010
Forumino Praticante
Forumino Praticante
 
Messaggi: 231
Likes: 0 post
Liked in: 0 post
Iscritto il: 25/05/2011, 8:23

Re: La Grande Depressione di Reggio

Messaggioda Mariotta » 10/09/2011, 7:33

Lixia ha scritto:...hmmmm io adesso vivo in un posto che nel 2010 ha fatto 2 milioni e 785 mila presenze ( turismo ) e detto inter nos non è che abbia chissà quali grandi divertimenti se non sei un ciclista o un surfista ...bene le critiche per la nostra città ma siccome nel leggervi mi pigghiau a depressioni mi piacerebbe almeno una volta leggere non solo critiche ma anche proposte ...che va male è sotto gli occhi di tutti !



io penso che più che proposte sarebbe bene che la gente pretendesse che ognuno al proprio posto faccia semplicementeil proprio dovere, e non si limiti ad accettare passivamente i soprusi altrui relativi ad un certo modo di affrontare il lavoro o vivere il senso civico.
Faccio un es pratico:a Reggio qualche gg fa una mia parente appena pensionata chiede lumi sulla propria pensione non ancora accreditata nel mese in corso , la pratica inoltrata da maggio intanto non è stata lavorata dall'ufficio preposto e non si trova. Dopo telefonate, attese, questioni e discussioni si scopre che appunto nonostante sia stata inviata nei termini giusti nessuno si è preso la briga di provvedere (immagino sia un lavoro che qualcuno deve svolgere) Alle rimostranze della persona in questione verso il responsabile la risposta è stata : O signora vi rugnu ieu e n'autra para i misi quandu rrivunu mi turnati....vi pari chi siti l'unica? sapiti quanti ndavi chi spettunu...
Morale della favola: io li avrei denunciati per inadempienza (visto che ho delle spese a cui devo provvedere e loro sono nullafacenti e inadempienti), la mia parente è tornata a casa e aspetterà che tra qualche mese qualcuno si decida a farle avere ciò che è suo di dirtitto, intanto sopravvivendo.
Il dolore ci rimette in mezzo alle cose in modo nuovo.
Mariotta
Forumino Malato
Forumino Malato
 
Messaggi: 1400
Likes: 0 post
Liked in: 0 post
Iscritto il: 12/05/2011, 18:24

Re: La Grande Depressione di Reggio

Messaggioda rca » 10/09/2011, 9:23

Chi va via per cercare di trovare una finalità ai propri studi e sacrifici come può mai essere tacciato di codardo o altro?
Io -umile architetto- mi trovo a combattere con l' ignoranza ogni maledetto giorno, a spiegare alla gente che fare le cose -non per forza quello che propongo- nel modo che suggerisco non costa di più e soprattutto viene meglio. Per ogni cliente che sceglie di fidarsi, e che viene ripagato una volta finito il lavoro, almeno altri 4 scelgono di fare di testa loro, o di non fare nulla, o altro che preferisco non scrivere qui.
A fine mese, con cosa mi riempio la pancia? No, perchè se me lo dite io ci provo.
E poi scopri che a volte sono proprio le persone che si riempiono la bocca di questo e quello a lasciarti davvero senza parole.
E quindi? Ma poi, fondamentalmente...tu, chi cazzo sei? (cit.)
rca
Forumino Malatissimo
Forumino Malatissimo
 
Messaggi: 1951
Likes: 0 post
Liked in: 3 posts
Iscritto il: 03/05/2011, 9:12
Località: You can checkout any time you like, But you can never leave!

PrecedenteProssimo

Torna a Attualità

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

User Menu