Italia povera, o fuori dalla crisi?

Notizie dal mondo e dalla città: curiosità, fatti, cronaca...

Moderatori: NinoMed, Lixia, Bud, Mave, ManAGeR78, Lilleuro

Rispondi
Avatar utente
st4rsky
Forumino Scelto
Forumino Scelto
Messaggi: 380
Iscritto il: 11/05/2011, 19:42
Località: RC

Italia povera, o fuori dalla crisi?

Messaggio da st4rsky » 23/05/2011, 11:48

Ecco la stessa notizia di oggi (il consueto rapporto ISTAT), vista da due occhi diversi...

http://www.corriere.it/economia/11_magg ... 0b02.shtml

http://www.ilgiornale.it/cronache/istat ... comments=1

suonatore Jones

Re: Italia povera, o fuori dalla crisi?

Messaggio da suonatore Jones » 23/05/2011, 15:00

sentita stamattina alla radio. :zip:

Avatar utente
Miranda
Forumino Scelto
Forumino Scelto
Messaggi: 485
Iscritto il: 11/05/2011, 13:34

Re: Italia povera, o fuori dalla crisi?

Messaggio da Miranda » 23/05/2011, 15:01

per me è tutto vero, forse si sono limitati anche.. :see:
Immagine

L’arte tutta reggina di glorificare ciò che non fu, obliando quello che è realmente stato.[cit.]

UnVeroTifoso
Forumino Malatissimo
Forumino Malatissimo
Messaggi: 1761
Iscritto il: 11/05/2011, 13:54

Re: Italia povera, o fuori dalla crisi?

Messaggio da UnVeroTifoso » 23/05/2011, 16:36

confermato il rating a+ sul debito a lungo termine
S&P's «vede nero» sul futuro dell'Italia
Il Tesoro: «Esclusa la paralisi politica»

L'agenzia di rating ha tagliato l'outlook da stabile a negativo


MILANO - Previsione fosche sullo stato di salute dell'economia italiana. L'agenzia Standard & Poor's ha tagliato l'outlook dell'Italia da stabile a negativo, confermando il rating A+ al debito a lungo termine. È quanto si legge in una nota, in cui si sottolinea che «le attuali prospettive di crescita sono deboli e l'impegno politico per riforme che aumentino la produttività sembra incerto». Una nota che però non trova d'accordo il ministero dell'Economia, che in un comunicato ufficiale replica: «L'Italia rispetterà gli impegni presi e non c'è nessun rischio di paralisi politica».

RISCHI - Secondo S&P's invece, «il potenziale ingorgo politico potrebbe contribuire ad un rilassamento nella gestione del debito pubblico. Come risultato, crediamo che le prospettive dell'Italia per ridurre il debito pubblico siano diminuite». L'outlook negativo sull'Italia riflette «la previsione di S&P's dei rischi collegati al piano di riduzione del debito nel periodo 2011-2014 e implica una possibilità su tre che i rating possano essere ridotti nei prossimi 24 mesi». Secondo l'agenzia, «i rischi sono connessi alla crescita dell'economia più debole delle nostre attuali stime, che prevedono un +1,3% nel periodo 2011-2014». Per questo motivo, «il debito dell'Italia potrebbe ristagnare agli attuali alti livelli». D'altro canto, avverte comunque l'agenzia, «se il governo riesce ad ottenere sostegno politico per l'attuazione di riforme strutturali a favore della competitività, ponendo le basi per una crescita economia più elevata ed una più veloce riduzione del debito, i rating potrebbero rimanere al livello attuale».

MISURE STRUTTURALI INSUFFICIENTI - Secondo S&P'S inoltre «la limitata capacità dell'economia italiana di beneficiare del rafforzamento della domanda esterna riflette la bassa crescita della produttività, la limitata mobilità nel mercato del lavoro, e una costante erosione di competitività internazionale negli ultimi dieci anni». «Anche se questi fattori influenzano l'economia italiana da oltre un decennio - sottolinea l'agenzia - il loro impatto sulla crescita e, di conseguenza, la dinamica del debito, è maggiore ora a causa dell'intensificarsi della concorrenza nei settori chiave per l'esportazione, dell'ulteriore apprezzamento del tasso di cambio reale deflazionato dalle dinamiche salariali e del rischio di un aumento dei costi della raccolta nei settori pubblico e privato». Standard & Poor's ritiene che «le misure strutturali attuate nel 2010 e quelle contenute nel Piano Nazionale di Riforma recentemente aggiornato non siano sufficienti a stimolare la crescita economica nel medio termine». Inoltre, S&P's ritiene che «la crescente fragilità dell'attuale coalizione di governo renda più impegnativa la tempestiva attuazione delle riforme strutturali più significative che favoriscono la crescita». «Se la debole crescita economica dovesse persistere - secondo S&P's - il risultato di bilancio probabilmente non raggiungerà in modo significativo gli obiettivi del governo e quindi farà deragliare il piano di riduzione del debito contenuto nel Programma di Crescita e Stabilità». «Nel lungo termine, S&P's ritiene poi che «le prospettive di crescita potrebbero ulteriormente diminuire a causa dello sfavorevole profilo demografico in Italia. Il costo legato agli interessi sul debito pubblico italiano è pari a oltre il 10% delle entrate pubbliche nel 2011, superiore del 7,5%, al livello mediano della categoria di rating A e previsto in ulteriore aumento. Gli interessi passivi - prosegue la nota - riflettono l'impatto dell'elevato indebitamento pubblico sulle finanze italiane. Dall'altro lato, i solidi bilanci delle famiglie e delle aziende hanno consentito al governo di finanziarsi a tassi storicamente bassi e S&P's si attende che questi tassi bassi potrebbe facilitare un consolidamento fiscale più graduale rispetto ad altri paesi dell'Europa meridionale. La posizione netta sull'estero delle aziende italiane (compresi gli investimenti diretti esteri e il patrimonio netto) è pari al 42% del Pil, equivalente al doppio della posizione debitoria netta sull'estero del settore finanziario - afferma ancora l'agenzia - Tuttavia, la posizione debitoria netta sull'estero del settore pubblico è pari a 782 miliardi di euro (50% del Pil)».

IL TESORO - All'agenzia di rating replica direttamente il ministero dell'Economia che, come detto, in una nota spiega che «L'Italia rispetterà gli impegni presi e non c'è nessun rischio di paralisi politica». «L'Italia - si legge nella nota - è stata, è, e sarà un Paese con risorse economiche e politiche tali da fargli sempre rispettare gli impegni presi». Quanto all'analisi dell'agenzia di rating, si sottolinea che «l'unico elemento nuovo, pare costituito dal rischio di una possibile paralisi politica. (political gridlock). Questa - si precisa - è da escludere in assoluto». «Il Governo - ha aggiunto il ministero dell'Economia - ha avviato ed intensificherà il ciclo di interventi riformatori; per quanto riguarda il bilancio pubblico, sono in avanzata fase di preparazione i provvedimenti mirati al rispetto dell'obiettivo di pareggio di bilancio per il 2014. Questi avranno entro luglio l'approvazione da parte del Parlamento. «I dati macroeconomici sulla base dei quali l'agenzia S&P's ha confermato il proprio giudizio lo scorso dicembre, - aggiunge poi viale XX Settembre - non solo non hanno subito variazioni sfavorevoli nel corso del primo trimestre 2011, ma in alcuni casi sono risultati migliori»».

fonte: www.corriere.it

Prima o poi pagheremo il conto di tanti anni di finanza creativa...Ma la colpa sarà sicuramente della sinistra... :thumleft
"Nani su iddi e vvonnu a tutti nani;
Nci vannu terra terra, peri e mmani;
E pa malignità brutta e superba,
Ccà non crisci chi erba, erba, erba"
(Nicola Giunta)

Avatar utente
CALABRESE
Forumino Malato
Forumino Malato
Messaggi: 1144
Iscritto il: 13/05/2011, 14:12

Re: Italia povera, o fuori dalla crisi?

Messaggio da CALABRESE » 23/05/2011, 16:38

Diranno che è colpa della prima Repubblica,dimenticandosi che è dal 94(tranne qualche piccola parentesi della sinistra) che stanno distruggendo l'Italia.
"Preferisco che ci si abbracci quando si fa gol, evitando certe cose."

Avatar utente
pellarorc
Forumino Malatissimo
Forumino Malatissimo
Messaggi: 2224
Iscritto il: 11/05/2011, 14:22

Re: Italia povera, o fuori dalla crisi?

Messaggio da pellarorc » 23/05/2011, 23:07

La politica in questo decadimento italiano ha grosse responsabilità.

Di certo gli italiani c'hanno messo del loro ma la politica ha la fetta più grossa del disastro.

nosacciu
Forumino Malato
Forumino Malato
Messaggi: 841
Iscritto il: 11/05/2011, 20:44

Re: Italia povera, o fuori dalla crisi?

Messaggio da nosacciu » 28/05/2011, 10:53

secondo me si è arrivati alla saturazione della democrazia... esiste per ogni nazione un continuo giro fra le varie forme di governo assolutamente riscontrabile nella storia, nessuna forma è scorretta, è la saturazione di essa che lo è...

probabilmente la germania senza hitler, oggi non sarebbe la nazione potente che è...
l'italia durante e nel periodo immediatamente post mussolini ha vissuto un periodo felicissimo da un punto di vista economico e sociale...
entrambe le forme sono state sbagliate per tanti punti di vista ma non i può dire non abbiano apportato del bene alle nazioni, nel momento in cui sono arrivati alla saturazione entrambi sono caduti.

La mafia stessa è conseguenza della democrazia: in un regime totalitario difficilmente la mafia riesce ad entrare in politica quindi non può mai raggiungere questo livello di importanza, penso alla mafia cinese che è una delle peggiori mafie al mondo se non la peggiore ma opera fuori dal proprio paese, ai gangster italiani negli usa ai tempi di mussolini...

L'Italia sta andando in rovina, tutto il mondo, tranne giappone e cina, stanno andando verso una lenta decadenza, il mondo è in saturazione...

Sono convinto che entro breve si ritornerà ai vari regimi totalitari proiettati verso la terza guerra mondiale come conseguenza ultima e il ritorno della democrazia in varie società resettate in cui poter ripartire da zero...

forse sono fatalista.
Pickwick ha scritto:La percentuale di scemi del movimento 5 stelle supera anche il grande sud di Miccichè...

Rispondi