Inasprire sanzioni su hashish e cannabis

Notizie dal mondo e dalla città: curiosità, fatti, cronaca...

Moderatori: Bud, NinoMed, Lixia, Lilleuro, Mave, ManAGeR78

UnVeroTifoso
Forumino Malatissimo
Forumino Malatissimo
Messaggi: 1761
Iscritto il: 11/05/2011, 13:54

Re: Inasprire sanzioni su hashish e cannabis

Messaggio da UnVeroTifoso » 05/10/2011, 17:32

pellarorc ha scritto:@doddi non ammetto che i consiglieri della regione calabria perdano tempo con queste cose. Se l'uso delle droghe leggere fosse un problema grave per la regione calabria allora potrei anche capirlo, ma quando si è la regione più povera d'europa (escludendo l'est europa) credo si debba pensare ad altro.
Io non mi metto qui a discutere se fanno bene o male o quant'altro ma mi viene da ridere a pensare a 4 cosgilieri che si impegnano per sta cosa quando la gente al loro paese nn ha lavoro!

e poi se vogliamo dirla tutta, i proventi delle droghe vanno in mano a coloro che poi gli fanno la campagna elettorale e ai quali loro girano i favori una volta arrivati sulla poltrona.

La politica e la mafia sono come i pesci con l'acqua.

Quindi ti rendi conto che sti 4 caprari in giacca e cravatta fanno solo propaganda?

Poi..la droga è droga...nn ci sono dubbi, ma mentre loro hanno preoccupazione per gli spinelli fuori dalle scuole, quanche polentone si piglia soldi per andare a costruiirsi la pedemontana. Ti rendi conto che siamo all'assurdo?
Domani cosa faranno?Chiederanno a maroni di avere attenzione per i venditori ambulanti di nsudda perchè ai calabresi piace la nsudda di buona qualità con tanto di scontrino???
Glasgow in scozia credo che sia la città con più morti in europa per eroina. Ecco quello è un problema ma nn credo che in calabria ci siano certi problemi.
Ma che andassero a lavorare seriamente invece mi ndi incunu i piddu!!!
Giusto una correzione: non sono consiglieri regionali ma senatori del PdL calabrese...
"Nani su iddi e vvonnu a tutti nani;
Nci vannu terra terra, peri e mmani;
E pa malignità brutta e superba,
Ccà non crisci chi erba, erba, erba"
(Nicola Giunta)