IN MANETTE LE DONNE DELLA 'NDRANGHETA

Notizie dal mondo e dalla città: curiosità, fatti, cronaca...

Moderatori: Bud, NinoMed, Lixia, Lilleuro, Mave, ManAGeR78

reggino
Non c'è nenti!
Non c'è nenti!
Messaggi: 4513
Iscritto il: 12/05/2011, 19:30
Località: l'isola che non c'è

Re: IN MANETTE LE DONNE DELLA 'NDRANGHETA

Messaggio da reggino » 15/03/2012, 12:02

Regmi ha scritto:Dalle pagine del Corriere della Calabria il buon Lucio Musolino ci aggiorna sugli interessanti rapporti di parentela.
Per farla breve, e partendo dal presupposto che se si dovesse candiddare un cognato lo si voterebbe a prescindere, non credo sia neccessario sedersi sulla panchina di Piazza Italia per capire chi, tra i passanti, li abbia votato.





Favorì il superlatitante, in manette la suocera di due "Peppe boys"

Anche l'inchiesta “Lancio” è destinata a finire sul tavolo della Commissione d'accesso antimafia al Comune di Reggio Calabria. Parentele pericolose, infatti, legano personaggi di primo piano della cosca Condello con esponenti politici di Palazzo San Giorgio.
Si tratta dell'assessore all'Urbanistica Luigi Tuccio (ex coordinatore del Popolo della libertà) e del segretario amministrativo dell'ufficio di Gabinetto del presidente della Regione, Massimo Pascale, già segretario particolare di Giuseppe Scopelliti al Comune.
Ma andiamo con ordine. Stamattina i sostituti procuratori della Dda Giuseppe Lombardo e Rocco Cosentino hanno emesso un provvedimento di fermo per 18 persone accusate di aver favorito la latitanza di Domenico Condello, cugino di Pasquale il “Supremo” e boss reggente dell'omonima cosca di Archi.
Alla macchia da oltre 20 anni, “Mico u pacciu” (questo è il soprannome del ricercato inserito nella lista dei più pericolosi d'Italia) ha trascorso un periodo di latitanza in un casolare a Spontone nella disponibilità della famiglia di Antonino Nocera e Giuseppa Cotroneo.
Proprio quest'ultima è stata destinataria di un “pizzino” rinvenuto nel rifugio del boss.
«Cara Commare io me ne sto andando - aveva scritto Mico Condello di suo pugno -. Mi diceva l'amico che qui ogni tanto per un paio di giorni posso venire, e io l'ho ringraziato. Lascio qui tutto quello che mi avete mandato perché se torno mi può servire. Vi ringrazio di tutto. Se avete bisogno mi fate sapere, salutate tantissimo Bruna. Vi abbraccio e se Dio vuole ci rivedremo. Ciao. Compare M...».
La «commare» è Giuseppa Cotroneo, madre di tre figlie: Bruna, Maria Angela e Giampiera Nocera.
Bruna ha sposato Pasquale Condello (cugino omonimo del “Supremo”) detenuto da molti anni nel carcere di Voghera dove è rinchiuso anche suo cognato, il boss Nino Imerti conosciuto con il soprannome di “Nano Feroce”.
Pasquale Condello è cognato di due “Peppe boys” doc: Massimo Pascale e Luigi Tuccio. Mentre il primo ha sposato Maria Angela Nocera, l'assessore comunale è il compagno di Giampiera Nocera (dalla quale ha avuto un figlio), uno degli avvocati più in voga del momento visto che negli ultimi anni è tra i legali che hanno ricevuto più incarichi dal Comune di Reggio oltre che gli auguri, il giorno della laurea in giurisprudenza, da parte del boss Mico Condello e della moglie Margherita Tegano. Un bigliettino di auguri, firmato «Mimmo e Margherita» e indirizzato alla compagna del politico, è stato trovato dai carabinieri a casa dei Nocera.
'Ndrangheta e politica. Un'altra tegola in testa al centrodestra reggino che deve fare i conti con un assessore che prima di oggi era balzato agli onori della cronaca qualche mese fa per aver dato del «comunista ebreo» a Roberto Benigni.


Lucio Musolino

http://www.corrieredellacalabria.it/sto ... eppe_boys/" onclick="window.open(this.href);return false;

chi non ha mai ricevuti degli auguri di laurea,di compleanno,di matrimonio,da un boss mafioso??andiamo,non facciamo i moralisti...figghioli ridiamo...che qui c'è da scendere nelle piazze incazzati....
https://www.youtube.com/watch?v=-JQINuybHL4" onclick="window.open(this.href);return false;