il lavoro c'è, manca l'intelligenza

Notizie dal mondo e dalla città: curiosità, fatti, cronaca...

Moderatori: Bud, NinoMed, Lixia, Lilleuro, Mave, ManAGeR78

nosacciu
Forumino Malato
Forumino Malato
Messaggi: 841
Iscritto il: 11/05/2011, 20:44

Re: il lavoro c'è, manca l'intelligenza

Messaggio da nosacciu » 02/05/2013, 10:29

Lixia ha scritto: Veramente tra i vari mod sono quella che si limita spesso ad avvisare e a ripulire più che bannare, e quelle rare volte che ho bannato era grave e per pochi giorni (Troppo Pochi).

Io e il mio ragazzo diciamo che Reggio è meravigliosa perchè lo è in effetti , chi può dire che è una città brutta ? è come viene trattata che la imbruttisce , ma di fatto resta sempre una città stupenda , io la mentalità contesto , alcune persone e la loro ignoranza , la loro inciviltà e la loro mancanza di cultura e mi fa incazzare che non sono poi così tante queste persone, il problema è che pur non essendo tante il danno lo fanno lo stesso in maniera gigantesca , non posso dire che Reggio è un cesso , neanche Pellaro lo è, sono luoghi trascurati , mooolto trascurati e di recente anche di più del solito , ma non si può dire che oggettivamente Reggio non sia una bella città. Io contesto quel cittadino che si lamenta continuamente, quello zozzone che sporca e deturpa , quello che poirta il cane in giro e non gli pulisce dove scagazza, contesto il disfattismo , contesto il negativismo , lo contesto anche dove vivo adesso a dire il vero , perchè non serve a nulla chi sa solo lamentarsi .... sono andata via per lavoro ma se potessi.....

Io vedo come è combinata Reggio ( non sono cieca sai Luca29!)ma continuerò ad amarla sempre anche se violentata , deturpata , violata costantemente dall' incuria, dall' ignoranza e dall' inciviltà ma non sputerò mai nel piatto perchè quello che io sono, lo sono anche perchè la mia terra e la mia cultura e la mia gente mi hanno fatto così e non sono lordazza , non sono fannullona, non sono criminale eppure sono rriggitana , se non sono tutte queste cose forse Reggio qualcosa di buono può darla!

Vedi sta discussione cade a purpetta, proprio oggi sono andata in montagna a trovare amici ,un ragazzo di qui che da 10 anni viene a passare un mese giù con moglie e bimbe, ma guarda sarà visionario anche lui , invece di andarsene a Fuerte se ne va in Calabria a poviru stortu... ti pare che mi piace sentire: "vieni da una terra stupenda , più ci vado e più ci voglio andare da anni ogni agosto , ma l'è la zent chi iè fora come un pontesel? e mi racconta di quando stava guidando aveva effettuato un sorpasso e sti due lo hanno raggiunto e lui era con moglie e bambine e volevano iarmare sciarra per quel sorpasso!

O ti devo dire di quell' imprenditore con cui parlai quest' inverno che aprì un azienda agricola sulla ionica e trasportava prodotti da lì a qui e in pochi anni ha dovuto chiudere perchè tantu ficiru e tantu dissiru chi u ficiuri chiudiri!

Ti sembra che ogni volta che scendo non vedo l'immondizia che c'è fuori dal mio condominio? o che la strada per arrivare a casa mia è peggio di Kabul ( ma sai da quanto tempo è così ???almeno 20 anni e chi fazzu, mi fazzu eu bitumera e l'asfalto????)... venivano e chiedevano voti a me casa e voti a me casa pill' amici non nci di furu mai e a strata rristau sempri a stessa ! Questo è , due sono le soluzioni o andare via per potersi creare un futuro da un altra parte o ribellarsi , a 31 anni io mi sono detta tutti chi si lamentunu ma io guerra da sola non ne faccio chi non rrivu mancu arretu all' angulu e sono andata via ( ma questa è un altra triste storia) ...

No, Luca 29 lascio a te dire che Reggio fa schifo, per me Reggio è stupenda sono alcuni ( perchè vedi noi qui dentro in questo forum solo per il fatto che ne parliamo siamo la prova in carne ed ossa che non tutti i reggini sono menefreghisti , criminali, ndranghetisti, e lordazzi) reggini e alcuni calabresi che mi fanno letteralmente vomitare , e non solo quelli perchè il povero cittadino cosa cavolo può fare da solo, a me fa schifo chi ha avuto per anni il potere politico nelle mani e per anni sapeva e taceva , sapeva e copriva! a Me fa schifo la gente non la città ... al mio ragazzo invece, pensa te, piace anche la gente , almeno i miei amici gli piacciono tanto, il nostro modo di vivere più sciallo , il nostro modo di essere un pò spensierati e meno fissati con ogni minima cosa che deve essere perfetta ,anche se anche lui contesta determinati comportamenti non la città in sè ,ognuno ha il suo modo d'essere noi siamo fatti così!

L' ultima volta che sono scesa gli operai della nettezza urbana all' una di notte erano al bar che si prendevano caffè e cornetto.... tu sai cosa succede se io ( e tu sai che lavoro faccio io) vado al bar e mi prendo un caffè???? Le mie foto con me sorseggiante vengono mandate al mio diretto superiore se mi va bene ... se gira male finisco sul giornale ( regionale, non il giornalino della scuola) il giorno dopo ;) vedi un pò tu se tutti i dipendenti comunali che si facevano le passiate sul corso n'è viriva nuddu, il punto è che il mio amato concittadino spesso invece di dire : ora nci fazzu na fotu e u denunciu; piuttosto dice :mannaia mannaia vardati vui si chistu non faci nenti da matina a sira e avi puru un postu pubblicu ora a prossima tornata eletturali nciu cuntu eu fattu si non mi sistemunu puru a mia ..... a Reggio per troppi anni si è giocato al Sistemone ! ;)

e ora ne cogliamo i frutti , io il posto pubblico ce l'ho anche se a trozzu e muddica ahimè ( precaria) ma dove? lontano da Reggio e per merito! ... secondo te Reggio Calabria non mi ha voluta ??? No è la gente che non mi ha voluta , quella stessa gente che al progetto di tutorato per let's go to Malta anni fa mi scartò nonostante io conosca scritte e parlate quattro lingue oltre l'italiano, qui a concorsi e selezioni varie io e Falko ne possiamo raccontare a bizeffe.... eppure io lo dirò sempre la mia città è bellissima ma la gente che la popola ( solo una parte ) fa veramente ca..re! Perchè tutto il resto della popolazione è na vera meraviglia !

Non ti piace quel che penso? pazienza Luca ( nome a me molto caro ;) ) dormirò cmq stasera! Rispetto la tua opinione , naturalmente mi aspetto lo stesso da te !
rispetto la tua opinione e concordo in larga parte con te... reggio territorialmente probabilmente è la città più bella d'europa e si candida ad essere una delle citt più belle del mondo (mare-montagna) ma purtroppo ciò non avviene per quanto riguarda la gente che la popola... più passa il tempo più noto un veloce decadimento sociale di certo non causato dalla mafia e dalla politica o comunque non esclusivamente. Noto tanti Preiti in città, gente disastrata distrutta e stanca ma spesso senza neanche sapere il perché, stiamo ritornando al decadentismo, in una sorta di "fantascientifica" Reggio Calabria Sveviana, inetta, incapace di ragionare con la propria testa allo stremo in tutto e per tutto chiusa e soggiogata nelle 4 mura di casa rappresentanti l'unico conforto. La politica è semplicemente lo specchio e il capo di questa città fantasma. Lo spettro di Scopelliti e della sua banda compare nelle bocche di tutti insieme con la ndrangheta, ormai obsoleto più nelle bocche degli anziani, per giustificare una città totalmente allo sbando, senza sapere che questo modo di fare non fa altro che rafforzarli. Racconto un episodio, stavo parlando di politica con una persona ed entriamo in un bar, subito dopo aver svolto il mio lavoro, al che mi dice "sh, continuiamo dopo che c'e' la minasi" al che io allegramente e in modo molto colorito rispondo "me ne fotto della minasi" anche abbastanza ad alta voce lei ed il suo gruppo mi guardano con aria meravigliata e lui con aria abbastanza spaventata... il 60 anche 70% delle persone che abitano questa città, coscientemente o incoscientemente non fanno altro che rafforzare questo stato di cose giustificandosi poi con la classica affermazione "Scopelliti ladro" ma rivotandolo puntualmente chiudendosi nella loro più profonda inettidune giustificata sempre da scopelliti o dalla mafia. Adesso siamo al fondo e forse qualche spinta in più da parte della gente dovrebbe esserci e invece no, si sta qui sempre a compiangersi, sempre ad additare ma poi davanti a nascondersi dietro il dito. Come molti o tutti sanno, sono un ragazzo di 23 anni che sta cercando di fare politica la risposta che ricevo da TUTTI (escludendo 2-3 persone su 1000 senza esagerazione) è "ma cu ta faci fari" "sono tutti uguali dove cazzo vuoi andare" "ti ammazzano" "attento a quello che dici o fai è meglio se te ne vai e fai altro fuori" e la mia mortificazione più grande è la mia difficoltà nel comunicare (sempre politicamente parlando) con i giovani ricevendo le solite risposte "non capisco niente di politica non la seguo, sono tutti bastardi bisogna fare una rivoluzione" o da quelli che pensano di capire di politica "ti ritieni comunista ma ragioni da democristiano mi sembra di sentir parlare andreotti", quasi come fosse un'offesa, ma il top l'ho sfiorato con un grillino di circa 30 anni "ragioni e parli come aldo moro, basta con questi cazzo di ragionamenti". La mia domanda al reggino medio oggi è : che cosa volete fare di questa città? Invece di sproloquiare sempre con la pancia poniamoci qualche obiettivo. Tornando IT, al genio alessandro mi piacerebbe chiedere dalla sua saccente e superiore aria da troll quale lavoro si possa inventare in una città morta dove stanno chiudendo tutti perchè la gente non esce e se esce compra pane e olio e una volta ogni 2 mesi carne...
Pickwick ha scritto:La percentuale di scemi del movimento 5 stelle supera anche il grande sud di Miccichè...
Avatar utente
kimba
Forumino Malato
Forumino Malato
Messaggi: 1027
Iscritto il: 11/05/2011, 13:56

Re: il lavoro c'è, manca l'intelligenza

Messaggio da kimba » 02/05/2013, 16:02

sono rientrato a pellaro da due anni, ero abituato a venirci in vacanza 15 giorni l'anno, adesso ci vivo.
Per oltre 20 anni ho combattuto per difendere le mie origini, la mia città ed il popolo reggino.
Oggi mi sento sconfitto.....
i veneti avevano ragione
Avatar utente
ManAGeR78
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 3010
Iscritto il: 11/05/2011, 16:35
Località: La Sponda PADRONA dello Stretto!

Re: il lavoro c'è, manca l'intelligenza

Messaggio da ManAGeR78 » 02/05/2013, 16:24

kimba ha scritto:sono rientrato a pellaro da due anni, ero abituato a venirci in vacanza 15 giorni l'anno, adesso ci vivo.
Per oltre 20 anni ho combattuto per difendere le mie origini, la mia città ed il popolo reggino.
Oggi mi sento sconfitto.....
i veneti avevano ragione
Quotone.
Sono rientrato a Reggio quasi due anni fa, dopo 7 anni in giro per l'Italia per lavoro. In posti molto più civili di Reggio, ma anche molto peggio come Napoli.
Ma portavo Reggio sempre nel cuore e con estremo orgoglio, sopratutto al nord.
Ci tornavo per brevi soggiorni spesso e volentieri, con una gran voglia di rientrare definitivamente.
Avevo un entusiasmo quando mi fu data la possibilità di rientrare che non saprei descrivere.
Oggi, e mi spiace dirlo, ho dato nuovamente disponibilità alla mobilità nazionale ed estera nonostante abbia comprato casa (e qua fuia fissa eu!)
Questa città è tornata indietro di 30 anni!
E mentre una decina di anni fa, complice probabilmente l'età, fantasticavo di un riscatto per questa terra, oggi amaramente mi sono convinto che non accadrà mai...
E lo dico con enorme rammarico.
La mia compagna è toscana. Un abisso di civiltà e prospettive rispetto a Reggio.
Noi non ci arriveremo mai. E' il nostro DNA che ci fotte. Simu fatti cusì... Tiriamo a campare in attesa e, soprattutto, in balia degli eventi...
Immagine

"I know I was born and I know that I'll die. The in between is mine. I AM MINE!" (Eddie Vedder)
Luca29
Forumino Scelto
Forumino Scelto
Messaggi: 320
Iscritto il: 28/05/2012, 16:09

Re: il lavoro c'è, manca l'intelligenza

Messaggio da Luca29 » 02/05/2013, 16:51

Che Reggio abbia le potenzialità di essere una bella città e che ha un’ottima posizione geografica non è messo in discussione ma questo non vuol dire che è stupenda e bellissima (verde pubblico quasi zero, abbiamo solo una mezza piccola villa sporca e insignificante – piste ciclabili zero – facciate dei palazzi a volte da terzo mondo – strade pietose – carenza idrica – strade strette – città in salita, una traversa sopra il corso sembra di essere in una periferia afgana – spesso e malvolentieri parcheggi agli angoli delle strade che non puoi nemmeno girare e mai nessun vigile che faccia qualcosa – nelle poche strade larghe che ci sono si parcheggia anche in terza fila e mai nemmeno una multa - ecc. ecc. ecc.)
sarebbe come dire che una donna di 30 chili è fisicamente affascinante! Ed invece no! si può dire che se quella donna mettese su altri 30 chili sarebbe fisicamente affascinante ma non che lo è con 30 chili.
Quando fanno le classifiche delle città più vivibili (e Reggio Calabria figura sempre agli ultimi posti) non vanno a vedere le potenzialità che ha una città ma valutano ciò che è reale !!!
ManAGeR78 ha scritto:
kimba ha scritto:sono rientrato a pellaro da due anni, ero abituato a venirci in vacanza 15 giorni l'anno, adesso ci vivo. Per oltre 20 anni ho combattuto per difendere le mie origini, la mia città ed il popolo reggino.
Oggi mi sento sconfitto..... i veneti avevano ragione
Quotone.
Sono rientrato a Reggio quasi due anni fa, dopo 7 anni in giro per l'Italia per lavoro.
Ma portavo Reggio sempre nel cuore e con estremo orgoglio, sopratutto al nord.
Ci tornavo per brevi soggiorni spesso e volentieri, con una gran voglia di rientrare definitivamente.
Avevo un entusiasmo quando mi fu data la possibilità di rientrare che non saprei descrivere.
Oggi, e mi spiace dirlo, ho dato nuovamente disponibilità alla mobilità nazionale ed estera nonostante abbia comprato casa (e qua fuia fissa eu!)
E’ quello che volevo dire a Lixia: una cosa è venire a stare qui 15 – 30 giorni (soprattutto per il tuo ragazzo ed il tuo amico) tutt’altra cosa è invece viverci per almeno 335 giorni l’anno (e Kimba e Manager ne sono la testimoninza)

Ciò però non toglie Lixia e Nosacciu che voi avete tutto il diritto di credere che città più belle e vivibili di Reggio al mondo non ce ne sono. :salut
Avatar utente
aquamoon
Forumino Malatissimo
Forumino Malatissimo
Messaggi: 2322
Iscritto il: 11/05/2011, 13:59

Re: il lavoro c'è, manca l'intelligenza

Messaggio da aquamoon » 02/05/2013, 19:08

Discussione come minimo surreale...
Io e il mio ragazzo diciamo che Reggio è meravigliosa perchè lo è in effetti , chi può dire che è una città brutta ?
più o meno è come sostenere che tra meraviglioso e brutto non ci sia nient'altro.
Oppure:
reggio territorialmente probabilmente è la città più bella d'europa e si candida ad essere una delle citt più belle del mondo (mare-montagna) ma purtroppo ciò non avviene per quanto riguarda la gente che la popola...
dove alla sindrome dello scarafone, si aggiunge quella del razzismo etnico.
...
Reggio è un paesazzo di quasi 200.000 abitanti con un centro storico (piazza Duomo, piazza De Nava, via marina, via Aschenez) tutt'al più, rispetto ad analoghe cittadine, mediocre e nient'altro se non periferie seguite da altre periferie.
L'impianto urbanistico, con strade strettisime (tra i 4 e 5 metri) è tale e quale a quello pensato dal De Nava che ricostruì la Città qualche anno dopo il sisma del 1908,
cioè quello di quasi 100 anni fa.
Per meglio comprendere quanto paesazzo siamo, basta attraversare lo Stretto ed andare a Messina che a differenza di De Nava ha, evidentemente, avuto altri amministratori più lungimiranti e meno provincialotti come i nostri.
Non abbiamo nulla, se non (a parte lo scirocco) un clima invidiabile e una vista (dal lungomare o dal fortino) stupefacente.
...
Avevamo ed abbiamo ancora enormi potenzialità.
Il Turismo, inteso come businness, è il futuro. L'unico dato che cresce e probabilmente lo farà per chissà ancora quanto è quello che indica il numero dei turisti,
Noi potremmo e dovremmo vivere di Turismo ma,
per quanto mi è dato di vedere, non mi pare rappresenti l'attività primaria.
Non viviamo in una Città meravigliosa e non viviamo in una Città nemmeno lontanamente assimilabile alle Città più belle nè del Mondo, nè dell'Europa nè... d'Italia.
Viviamo dove siamo nati e dove siamo cresciuti.
Viviamo educati sin da piccoli a denigrare gli altri e ad esaltare noi stessi.
Ammaestrati a cercare sempre negli altri le colpe, senza mai riconoscere la nostra mediocrità.
Imboniti su una supposta primazia sul resto della Calabria e istruiti perchè ci si senta sempre staccati dalla stessa: Calabresi poco, reggini molto.
Sogniamo da sempre una sorta di autonomia rispetto al resto della Regione perchè ci sentiamo migliori dei cosentini o dei catanzaresi quando,
nella realtà, è la nostra mediocrità che ci impedisce di amalgamarci;
non riusciamo a sentirci integralmente calabresi e detestiamo quasi languidamente la sicilianità,
fra le due identità culturali, decidiamo di essere REGGINI e quindi unici e isolati. Mentre la globalizzazione dilaga, quì da noi, sapientemente, pensiamo che gli arcoti o i pellaroti siano ancora popolazioni da civilizzare... Razzisti di brutto, altro che città vicine o lontane, quì ci si distingue ancora per rione e superato il confine, achtung!
Riuscissimo, diciamo per dieci anni, a ragionare come terrestri ovvero come cittadini del Mondo e non,
come putroppo è,
come i fichi del bigoncio, quelli che vivono mella città più bella del mondo, quelli cui tutto è dovuto per diritto acquisito per il solo fatto di essere nati quì,
dove la Storia degli antichi Greci nel suo dilagare incontra l'ancora assai più dilagante Storia di Roma e
magicamente si mescola insieme a quella degli Arabi, dei Normanni, dei Turchi, degli Spagnoli e dei Francesi...

Quante opportunità, quante culture.
Avessimo avuto un'altra testa, avremmo assorbito, digerito ed elaborato il meglio della Cultura dei primi due millenni... e invece no.
Sempre a dividerci supponentemente da tutto ciò che non è "locale", sempre diffidenti verso qualsiasi cosa "foresta", cupi e truci.
Chisti simu.
200.000 persone spaparanzate su una faglia sismica con vulcano attivo chiavi in mano, con un tasso di disoccupazione da Guinness dei primati e una criminalità in pieno boom occupazionale e che cade letteralmente a pezzi.
Non abbiamo centri d'aggregazione e l'attività culturale, a parte Miseferi e Battaglia e qualche superstite circolo di balli latini, è zero.
E' uno stato di coma profondo.
Abbiamo i mezzi per impedire che il coma diventi irreversibile.
Prima di tutto dobbiamo imparare a guardarci.
:salut

P.S. Vivo a Reggio, ho viaggiato a sufficienza e non ho mai pensato di trasferirmi da un'altra parte.
Amo la mia Città e sono grato perchè mi è stato concesso il privilegio di nascere, crescere e vivere in quello che io penso sia il migliore luogo del pianeta.
Alla stessa stregua penso sia mia moglie la più bella donna del mondo.
E' amore, è sentimento.
La realtà è un'altra cosa.
:wink
Sventurata la terra che ha bisogno di eroi
Avatar utente
Motociclista
Forumino Malatissimo
Forumino Malatissimo
Messaggi: 1795
Iscritto il: 11/05/2011, 19:51

Re: il lavoro c'è, manca l'intelligenza

Messaggio da Motociclista » 02/05/2013, 20:55

aquamoon ha scritto:Discussione come minimo surreale...
Io e il mio ragazzo diciamo che Reggio è meravigliosa perchè lo è in effetti , chi può dire che è una città brutta ?
più o meno è come sostenere che tra meraviglioso e brutto non ci sia nient'altro.
Oppure:
reggio territorialmente probabilmente è la città più bella d'europa e si candida ad essere una delle citt più belle del mondo (mare-montagna) ma purtroppo ciò non avviene per quanto riguarda la gente che la popola...
dove alla sindrome dello scarafone, si aggiunge quella del razzismo etnico.
...
Reggio è un paesazzo di quasi 200.000 abitanti con un centro storico (piazza Duomo, piazza De Nava, via marina, via Aschenez) tutt'al più, rispetto ad analoghe cittadine, mediocre e nient'altro se non periferie seguite da altre periferie.
L'impianto urbanistico, con strade strettisime (tra i 4 e 5 metri) è tale e quale a quello pensato dal De Nava che ricostruì la Città qualche anno dopo il sisma del 1908,
cioè quello di quasi 100 anni fa.
Per meglio comprendere quanto paesazzo siamo, basta attraversare lo Stretto ed andare a Messina che a differenza di De Nava ha, evidentemente, avuto altri amministratori più lungimiranti e meno provincialotti come i nostri.
Non abbiamo nulla, se non (a parte lo scirocco) un clima invidiabile e una vista (dal lungomare o dal fortino) stupefacente.
...
Avevamo ed abbiamo ancora enormi potenzialità.
Il Turismo, inteso come businness, è il futuro. L'unico dato che cresce e probabilmente lo farà per chissà ancora quanto è quello che indica il numero dei turisti,
Noi potremmo e dovremmo vivere di Turismo ma,
per quanto mi è dato di vedere, non mi pare rappresenti l'attività primaria.
Non viviamo in una Città meravigliosa e non viviamo in una Città nemmeno lontanamente assimilabile alle Città più belle nè del Mondo, nè dell'Europa nè... d'Italia.
Viviamo dove siamo nati e dove siamo cresciuti.
Viviamo educati sin da piccoli a denigrare gli altri e ad esaltare noi stessi.
Ammaestrati a cercare sempre negli altri le colpe, senza mai riconoscere la nostra mediocrità.
Imboniti su una supposta primazia sul resto della Calabria e istruiti perchè ci si senta sempre staccati dalla stessa: Calabresi poco, reggini molto.
Sogniamo da sempre una sorta di autonomia rispetto al resto della Regione perchè ci sentiamo migliori dei cosentini o dei catanzaresi quando,
nella realtà, è la nostra mediocrità che ci impedisce di amalgamarci;
non riusciamo a sentirci integralmente calabresi e detestiamo quasi languidamente la sicilianità,
fra le due identità culturali, decidiamo di essere REGGINI e quindi unici e isolati. Mentre la globalizzazione dilaga, quì da noi, sapientemente, pensiamo che gli arcoti o i pellaroti siano ancora popolazioni da civilizzare... Razzisti di brutto, altro che città vicine o lontane, quì ci si distingue ancora per rione e superato il confine, achtung!
Riuscissimo, diciamo per dieci anni, a ragionare come terrestri ovvero come cittadini del Mondo e non,
come putroppo è,
come i fichi del bigoncio, quelli che vivono mella città più bella del mondo, quelli cui tutto è dovuto per diritto acquisito per il solo fatto di essere nati quì,
dove la Storia degli antichi Greci nel suo dilagare incontra l'ancora assai più dilagante Storia di Roma e
magicamente si mescola insieme a quella degli Arabi, dei Normanni, dei Turchi, degli Spagnoli e dei Francesi...

Quante opportunità, quante culture.
Avessimo avuto un'altra testa, avremmo assorbito, digerito ed elaborato il meglio della Cultura dei primi due millenni... e invece no.
Sempre a dividerci supponentemente da tutto ciò che non è "locale", sempre diffidenti verso qualsiasi cosa "foresta", cupi e truci.
Chisti simu.
200.000 persone spaparanzate su una faglia sismica con vulcano attivo chiavi in mano, con un tasso di disoccupazione da Guinness dei primati e una criminalità in pieno boom occupazionale e che cade letteralmente a pezzi.
Non abbiamo centri d'aggregazione e l'attività culturale, a parte Miseferi e Battaglia e qualche superstite circolo di balli latini, è zero.
E' uno stato di coma profondo.
Abbiamo i mezzi per impedire che il coma diventi irreversibile.
Prima di tutto dobbiamo imparare a guardarci.
:salut

P.S. Vivo a Reggio, ho viaggiato a sufficienza e non ho mai pensato di trasferirmi da un'altra parte.
Amo la mia Città e sono grato perchè mi è stato concesso il privilegio di nascere, crescere e vivere in quello che io penso sia il migliore luogo del pianeta.
Alla stessa stregua penso sia mia moglie la più bella donna del mondo.
E' amore, è sentimento.
La realtà è un'altra cosa.
:wink
:salut
Avatar utente
Falko
Forumino Scelto
Forumino Scelto
Messaggi: 685
Iscritto il: 11/05/2011, 14:57

Re: il lavoro c'è, manca l'intelligenza

Messaggio da Falko » 02/05/2013, 21:21

Luca29 ha scritto:
Falko ha scritto:E non parrari i mia :D , che sugnu l'unicu chi fici nu concorsu e mi ritrovo alle 9 e mezzo di mattina che ancora non mi iasai ru lettu, tra i vecchi politici e i nuovi commissari non c'è uno che abbia preso più in considerazione quella unica, seria, graduatoria. Reggio poi non parte prima delle 9 (beh, anche i dipendenti arrestati a quest'ora spesso restavano a letto... ma avevano stipendio e posto senza concorso...).

Sto aspettando di espletare un concorso in provincia dove credo ci sia già il vincitore....

Reggio città bella e maledetta, per colpa di pochi, rumorosi, riggitani storti
uttana chi ti iasi presto a matina Falko!!! .......... scusa, ma quanti anni hai?
Riguardo il concorso a Reggio - Provincia o Regione che stai per fare, senti a uno 10 volte più fesso di te: se è un concorso a tempo determinato, allora puoi nutrire qualche speranza di passarlo (perchè in questi casi certe volte i pezzi grossi non si scomodano, almeno che poi non ci sia la possibilità di passare a tempo indeterminato)se invece è un concorso a tempo indeterminato allora togliti dalla testa di poterlo vincere e rimani pure a letto fino a mezzogiorno perchè non esiste che lo facciano vincere ad un Falko pallino qualunche (e bada che queste non sono soltanto mie considerazioni personali ma mi sono state dette da persone che sanno molto bene come girano le cose ...............)
quando devo alzarmi presto lo faccio... l'ho fatto e lo farò, ma se so che il mio primo impegno è come minimo alle 10,30... tanto vale fare tardi la sera (che è il momento più tranquillo della giornata) cercando qualcosa on line tipo concorsi od una maniera per aggiornarmi piuttosto che alzarmi alle 7 di mattina e dover aspettare che si facciano le 10.

Purtroppo ho un'età... per mezzo della quale non dovrei alzarmi alle 9 e mezza.... ma che ci vuoi fare? :P

Riguardo ciò che dici, sono d'accordo ma spero sempre che questo tipo che deve entrare prima di me magari per pura statistica, sfiga, o giustizia Divina non riesca ad alzarsi per andare a fare il concorso o gli viene qualche forma di malattia proprio il giorno della prova...
Se il destino mi è avverso, peggio per lui!!!

http://www.youtube.com/watch?v=06hr11IO" onclick="window.open(this.href);return false; ... dded#at=13

"La mia rielezione sarebbe al limite del ridicolo" Giorgio Napolitano 14/4/2013
nosacciu
Forumino Malato
Forumino Malato
Messaggi: 841
Iscritto il: 11/05/2011, 20:44

Re: il lavoro c'è, manca l'intelligenza

Messaggio da nosacciu » 03/05/2013, 9:32

aquamoon ha scritto:Discussione come minimo surreale...
Io e il mio ragazzo diciamo che Reggio è meravigliosa perchè lo è in effetti , chi può dire che è una città brutta ?
più o meno è come sostenere che tra meraviglioso e brutto non ci sia nient'altro.
Oppure:
reggio territorialmente probabilmente è la città più bella d'europa e si candida ad essere una delle citt più belle del mondo (mare-montagna) ma purtroppo ciò non avviene per quanto riguarda la gente che la popola...
dove alla sindrome dello scarafone, si aggiunge quella del razzismo etnico.
...
Reggio è un paesazzo di quasi 200.000 abitanti con un centro storico (piazza Duomo, piazza De Nava, via marina, via Aschenez) tutt'al più, rispetto ad analoghe cittadine, mediocre e nient'altro se non periferie seguite da altre periferie.
L'impianto urbanistico, con strade strettisime (tra i 4 e 5 metri) è tale e quale a quello pensato dal De Nava che ricostruì la Città qualche anno dopo il sisma del 1908,
cioè quello di quasi 100 anni fa.
Per meglio comprendere quanto paesazzo siamo, basta attraversare lo Stretto ed andare a Messina che a differenza di De Nava ha, evidentemente, avuto altri amministratori più lungimiranti e meno provincialotti come i nostri.
Non abbiamo nulla, se non (a parte lo scirocco) un clima invidiabile e una vista (dal lungomare o dal fortino) stupefacente.
...
Avevamo ed abbiamo ancora enormi potenzialità.
Il Turismo, inteso come businness, è il futuro. L'unico dato che cresce e probabilmente lo farà per chissà ancora quanto è quello che indica il numero dei turisti,
Noi potremmo e dovremmo vivere di Turismo ma,
per quanto mi è dato di vedere, non mi pare rappresenti l'attività primaria.
Non viviamo in una Città meravigliosa e non viviamo in una Città nemmeno lontanamente assimilabile alle Città più belle nè del Mondo, nè dell'Europa nè... d'Italia.
Viviamo dove siamo nati e dove siamo cresciuti.
Viviamo educati sin da piccoli a denigrare gli altri e ad esaltare noi stessi.
Ammaestrati a cercare sempre negli altri le colpe, senza mai riconoscere la nostra mediocrità.
Imboniti su una supposta primazia sul resto della Calabria e istruiti perchè ci si senta sempre staccati dalla stessa: Calabresi poco, reggini molto.
Sogniamo da sempre una sorta di autonomia rispetto al resto della Regione perchè ci sentiamo migliori dei cosentini o dei catanzaresi quando,
nella realtà, è la nostra mediocrità che ci impedisce di amalgamarci;
non riusciamo a sentirci integralmente calabresi e detestiamo quasi languidamente la sicilianità,
fra le due identità culturali, decidiamo di essere REGGINI e quindi unici e isolati. Mentre la globalizzazione dilaga, quì da noi, sapientemente, pensiamo che gli arcoti o i pellaroti siano ancora popolazioni da civilizzare... Razzisti di brutto, altro che città vicine o lontane, quì ci si distingue ancora per rione e superato il confine, achtung!
Riuscissimo, diciamo per dieci anni, a ragionare come terrestri ovvero come cittadini del Mondo e non,
come putroppo è,
come i fichi del bigoncio, quelli che vivono mella città più bella del mondo, quelli cui tutto è dovuto per diritto acquisito per il solo fatto di essere nati quì,
dove la Storia degli antichi Greci nel suo dilagare incontra l'ancora assai più dilagante Storia di Roma e
magicamente si mescola insieme a quella degli Arabi, dei Normanni, dei Turchi, degli Spagnoli e dei Francesi...

Quante opportunità, quante culture.
Avessimo avuto un'altra testa, avremmo assorbito, digerito ed elaborato il meglio della Cultura dei primi due millenni... e invece no.
Sempre a dividerci supponentemente da tutto ciò che non è "locale", sempre diffidenti verso qualsiasi cosa "foresta", cupi e truci.
Chisti simu.
200.000 persone spaparanzate su una faglia sismica con vulcano attivo chiavi in mano, con un tasso di disoccupazione da Guinness dei primati e una criminalità in pieno boom occupazionale e che cade letteralmente a pezzi.
Non abbiamo centri d'aggregazione e l'attività culturale, a parte Miseferi e Battaglia e qualche superstite circolo di balli latini, è zero.
E' uno stato di coma profondo.
Abbiamo i mezzi per impedire che il coma diventi irreversibile.
Prima di tutto dobbiamo imparare a guardarci.
:salut

P.S. Vivo a Reggio, ho viaggiato a sufficienza e non ho mai pensato di trasferirmi da un'altra parte.
Amo la mia Città e sono grato perchè mi è stato concesso il privilegio di nascere, crescere e vivere in quello che io penso sia il migliore luogo del pianeta.
Alla stessa stregua penso sia mia moglie la più bella donna del mondo.
E' amore, è sentimento.
La realtà è un'altra cosa.
:wink
tu la vedi da un lato io da un altro, penso che il territorialmente ti sfugge, territorialmente io intendo per clima e posizione geografica quindi per le potenzialità...
poi tu stesso dopo la pesante accusa nei miei confronti di "razzismo" affermi in ordine sparso
Sogniamo da sempre una sorta di autonomia rispetto al resto della Regione perchè ci sentiamo migliori dei cosentini o dei catanzaresi quando,
nella realtà, è la nostra mediocrità che ci impedisce di amalgamarci;
non riusciamo a sentirci integralmente calabresi e detestiamo quasi languidamente la sicilianità,
fra le due identità culturali, decidiamo di essere REGGINI e quindi unici e isolati. Mentre la globalizzazione dilaga, quì da noi, sapientemente, pensiamo che gli arcoti o i pellaroti siano ancora popolazioni da civilizzare... Razzisti di brutto, altro che città vicine o lontane, quì ci si distingue ancora per rione e superato il confine, achtung!

Riuscissimo, diciamo per dieci anni, a ragionare come terrestri ovvero come cittadini del Mondo e non,
come putroppo è,
come i fichi del bigoncio, quelli che vivono mella città più bella del mondo, quelli cui tutto è dovuto per diritto acquisito per il solo fatto di essere nati quì,
dove la Storia degli antichi Greci nel suo dilagare incontra l'ancora assai più dilagante Storia di Roma e
magicamente si mescola insieme a quella degli Arabi, dei Normanni, dei Turchi, degli Spagnoli e dei Francesi...

insomma hai espletato parzialmente da solo la mia contrarietà verso il reggino medio

aggiungici a questo i classici del "su tutti latri" del "Scopelliti merda, BUONGIORNO SIGNOR SCOPELLITI" del "perchè devo pagare il bollo se le strade sono bucate?" del "perchè devo pagare il canone rai?" del "vabbonu cumpari ggiustamu truvamu cacchirunu chi ndi faci l'assicurazioni" e poi si lamentano che l'assicurazione è cara.... e ti posso assicurare che è la classica mentalità del reggino medio perchè chi sta peggio o chi sta benissimo a reggio calabria ha una mentalità totalmente diversa escludendo qualche "rinisciutu"
Pickwick ha scritto:La percentuale di scemi del movimento 5 stelle supera anche il grande sud di Miccichè...
Luca29
Forumino Scelto
Forumino Scelto
Messaggi: 320
Iscritto il: 28/05/2012, 16:09

Re: il lavoro c'è, manca l'intelligenza

Messaggio da Luca29 » 03/05/2013, 9:59

Falko, io non dicevo sul serio, scherzavo. Per me tu puoi e hai il diritto di alzarti al mattino quando ti pare e piace, anche a mezzogiorno ed anche se hai 30 o 40 anni, è la tua vita.
Allo stesso modo nessuno può negarti il diritto di continuare a credere alle favole (concorsi) anche fino a 60 anni, a volte capita anche che qualche sogno si avveri ma di questi tempi sempre più cupi credo che ci saranno sempre più persone (iper raccomandate) che non permetteranno che il tuo sogno si avveri (soprattutto se si tratta di concorsi locali/regionali).
Avatar utente
Falko
Forumino Scelto
Forumino Scelto
Messaggi: 685
Iscritto il: 11/05/2011, 14:57

Re: il lavoro c'è, manca l'intelligenza

Messaggio da Falko » 03/05/2013, 11:55

Luca29 ha scritto:Falko, io non dicevo sul serio, scherzavo. Per me tu puoi e hai il diritto di alzarti al mattino quando ti pare e piace, anche a mezzogiorno ed anche se hai 30 o 40 anni, è la tua vita.
Allo stesso modo nessuno può negarti il diritto di continuare a credere alle favole (concorsi) anche fino a 60 anni, a volte capita anche che qualche sogno si avveri ma di questi tempi sempre più cupi credo che ci saranno sempre più persone (iper raccomandate) che non permetteranno che il tuo sogno si avveri (soprattutto se si tratta di concorsi locali/regionali).
Ma figurati, oggi per esempio, avendo da fare, sono riuscito a svegliarmi presto... per fortuna in questi periodi le giornate non ti annoiano facendoti svegliare sempre alo stesso orario ;)

Riguardo i concorsi... finchè non c'è altro continuo a farne... nel frattempo lavoro, a singhiozzo ma senza problemi di sorta... ho persino lasciato perdere le troppe aziende private cittadine perchè sfruttatrici e comunque (in pieno diritto) in città hanno già chi poter assumere senza voler pretendere qualità del servizio, perchè costa.
Se il destino mi è avverso, peggio per lui!!!

http://www.youtube.com/watch?v=06hr11IO" onclick="window.open(this.href);return false; ... dded#at=13

"La mia rielezione sarebbe al limite del ridicolo" Giorgio Napolitano 14/4/2013
Avatar utente
aquamoon
Forumino Malatissimo
Forumino Malatissimo
Messaggi: 2322
Iscritto il: 11/05/2011, 13:59

Re: il lavoro c'è, manca l'intelligenza

Messaggio da aquamoon » 03/05/2013, 15:24

nosacciu ha scritto:
tu la vedi da un lato io da un altro, penso che il territorialmente ti sfugge, territorialmente io intendo per clima e posizione geografica quindi per le potenzialità...
poi tu stesso dopo la pesante accusa nei miei confronti di "razzismo" affermi in ordine sparso
Sogniamo da sempre una sorta di autonomia rispetto al resto della Regione perchè ci sentiamo migliori dei cosentini o dei catanzaresi quando,
nella realtà, è la nostra mediocrità che ci impedisce di amalgamarci;
non riusciamo a sentirci integralmente calabresi e detestiamo quasi languidamente la sicilianità,
fra le due identità culturali, decidiamo di essere REGGINI e quindi unici e isolati. Mentre la globalizzazione dilaga, quì da noi, sapientemente, pensiamo che gli arcoti o i pellaroti siano ancora popolazioni da civilizzare... Razzisti di brutto, altro che città vicine o lontane, quì ci si distingue ancora per rione e superato il confine, achtung!

Riuscissimo, diciamo per dieci anni, a ragionare come terrestri ovvero come cittadini del Mondo e non,
come putroppo è,
come i fichi del bigoncio, quelli che vivono mella città più bella del mondo, quelli cui tutto è dovuto per diritto acquisito per il solo fatto di essere nati quì,
dove la Storia degli antichi Greci nel suo dilagare incontra l'ancora assai più dilagante Storia di Roma e
magicamente si mescola insieme a quella degli Arabi, dei Normanni, dei Turchi, degli Spagnoli e dei Francesi...

insomma hai espletato parzialmente da solo la mia contrarietà verso il reggino medio

aggiungici a questo i classici del "su tutti latri" del "Scopelliti merda, BUONGIORNO SIGNOR SCOPELLITI" del "perchè devo pagare il bollo se le strade sono bucate?" del "perchè devo pagare il canone rai?" del "vabbonu cumpari ggiustamu truvamu cacchirunu chi ndi faci l'assicurazioni" e poi si lamentano che l'assicurazione è cara.... e ti posso assicurare che è la classica mentalità del reggino medio perchè chi sta peggio o chi sta benissimo a reggio calabria ha una mentalità totalmente diversa escludendo qualche "rinisciutu"
Hai dimenticato di quotare un passaggio:
Il Turismo, inteso come businness, è il futuro. L'unico dato che cresce e probabilmente lo farà per chissà ancora quanto è quello che indica il numero dei turisti,
Noi potremmo e dovremmo vivere di Turismo ma,
Chiarito ciò, tanto per capirci, io non ho alcuna contrarietà verso il reggino medio. Molto più serenamente penso che ogni popolazione abbia dei tratti caratteristici e noi
per quanto riguarda l'indolenza e il fatalismo sicuramente eccelliamo.
La Città era cambiata o almeno era sulla strada per farlo, poi, complice una congiuntura assai sfavorevole (Forza Italia aveva vinto le elezioni del 2001 e Falcomatà era morto),
lo tzunami Scopelliti ha travolto tutto e tutti e...
ci siamo ritrovati col culo per terra, con le tasse triplicate ed i servizi ridotti al lumicino.
Bisogna disintossicarsi e bisogna farlo cum grano salis,
sparare sulla Croce Rossa non serve a niente.
Individuiamo con intelligenza i nemici della Città e concentriamo la nostra sacrosanta rabbia verso i responsabili,
non siamo fulmini di guerra, non ci siamo mai distinti per particolari capacità innovative e, per i già citati tratti caratteriali, ci mettiamo un bel pò a realizzare...
l'esperienza però mi dice che ce la possiamo fare e un buon viatico potrebbe essere quello di comprendere le ragioni degli altri senza attribuirci meriti distintivi che probabilmente nemmeno abbiamo.
Siamo tutti colpevoli, molti senza attenuanti ed altri con.
La condanna però ci vede tutti coinvolti e l'unica maniera per uscirne puliti è confidare nella Ragione.
Dividerci non serve, bisogna trovare motivi che ci uniscano e su quelli insistere.
Per esempio, leggo due topic diversi ma uguali che riguardano il Centro Cuore e la sfortunatissima esperienza del nostro amico forumino Manager.
Questa, sempre per esempio, potrebbe essere una buona occasione per incazzarsi.
Abbiamo una struttura all'avanguardia ma è chiusa.
Magari non c'entra niente con la disavventura di Manager78, magari si.
:salut
Sventurata la terra che ha bisogno di eroi
Avatar utente
ManAGeR78
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 3010
Iscritto il: 11/05/2011, 16:35
Località: La Sponda PADRONA dello Stretto!

Re: il lavoro c'è, manca l'intelligenza

Messaggio da ManAGeR78 » 03/05/2013, 15:52

aquamoon ha scritto: Per esempio, leggo due topic diversi ma uguali che riguardano il Centro Cuore e la sfortunatissima esperienza del nostro amico forumino Manager.
Questa, sempre per esempio, potrebbe essere una buona occasione per incazzarsi.
Abbiamo una struttura all'avanguardia ma è chiusa.
Magari non c'entra niente con la disavventura di Manager78, magari si
.
:salut
Non centra nulla purtroppo. Non è un problema cardiaco, trattandosi di un'ernia diaframmatica.
In ogni caso resta lo sconcerto e la malasanità che nel caso mio significa anche incompetenza(non voglio e posso pensare alla malafede).
Nel caso del Centro Cuore, invece, la situazione è ben più grave visto che affronterebbe un problema altrettanto grave, ma molto più comune, come l'infarto.
Ma pur trattanodsi di una struttura all'avanguardia, non è stata mai inaugurata. Da non crederci.
Immagine

"I know I was born and I know that I'll die. The in between is mine. I AM MINE!" (Eddie Vedder)
Avatar utente
kimba
Forumino Malato
Forumino Malato
Messaggi: 1027
Iscritto il: 11/05/2011, 13:56

Re: il lavoro c'è, manca l'intelligenza

Messaggio da kimba » 04/05/2013, 14:03

Caro Direttore,

mi chiamo Dimitri, e sono il pioniere dei turisti russi atterrati a Reggio Calabria, con il primo dei 22 voli provenienti da Mosca previsti per la stagione estiva.

Sono un vacanziero seriale, come tutti i miei concittadini. Come Lei di certo saprà, noi russi, costretti a patire il freddo del mondo, amiamo moltissimo spostarci un paio di volte all'anno verso il tepore dei posti di mare. Le nostre mete preferite sono i mari dell'Asia, la Thailandia, le isole dell'Oceano Indiano, le Filippine, Bali. Posti molto poveri dove però troviamo un'accoglienza ed un'organizzazione turistica eccellente, strutture e servizi adeguati, alberghi e villaggi di classe.

Quest'anno il mio tour operator di fiducia mi ha proposto Reggio. Dei miei amici, negli anni scorsi, sono stati in Calabria, nella zona tra Vibo, Tropea e Capo Vaticano, e mi hanno detto grandi cose di questa terra lontana, vicina alla Sicilia e con spiagge meravigliose. Ho deciso ed ho prenotato. E così sono partito, con famiglia al seguito.

Reggio Calabria, eccoci.

La vista dai finestrini dell'aereo, appena atterrati era incantevole: mare piatto e azzurro. E palme. Si, proprio così, le palme, evocatrici di paradisi tropicali lontani. Che gran regalo che ha fatto Madre Natura a questa terra! Che meraviglia!

Oggi, dopo una settimana trascorsa nella vostra città, ritorno in Russia.

Ho passato sette giorni a barcamenarmi tra spazzatura e spiagge sporche, evitando le buche su strade e marciapiedi, segnalate alla meno peggio con bidoni della raccolta differenziata, scatole, cartoni o, addirittura, con sacchetti dell'immondizia. I vostri scavi archeologici, romani e greci, sono inaccessibili, invisibili sotto l'erba alta o coperti di carte e volantini imbucati volontariamente tra le fessure. Ho provato a fare un po' di mare, ma manca ogni servizio possibile. Ci sono solo strane strutture abbandonate, lì, sul vostro lungomare, uno dei luoghi più belli che io abbia mai visto.

Il museo era chiuso. Per vedere i Bronzi di Riace, una delle sette meraviglie d'Italia che il fato ha fatto cadere nel vostro mare, sarei dovuto arrivare fino al consiglio regionale. Ci sono molti negozi che hanno in vetrina il simbolo "i" di info-point turistico. Ma nessuno aveva una mappa. Nessuno sapeva parlare inglese. Trovare l'autobus giusto è stata un'impresa. Nessuno conosceva gli orari. Ammesso che ci siano degli orari. Le porte dell'autobus si sono aperte in via Cardinale Portanova, davanti ad una montagna di rifiuti alta due metri.

Ho comprato una guida della vostra provincia. Volevo arrivare a Pentidattilo, luogo magico ed incontaminato. Ho cercato invano qualcuno che mi sapesse dire come arrivarci. E lungi da me provare a contrattare un taxi, visto che dalla stazione centrale a piazza Castello mi sono state chieste 30 euro.

Volevo scoprire l'Aspromonte, con le sue sorprese nascoste, volevo vedere il tramonto dai fortini di Pentimele, andare a visitare la Villa di Casignana (ho scoperto che molti reggini addirittura ignorano l'esistenza della villa romana con i mosaici meglio conservati del mondo).

Non immaginate nemmeno la fortuna (intesa anche in senso economico) che avete. I vostri luoghi sono tanto incantevoli quanto orfani. Se li avessimo noi, in Russia, ci costruiremmo sopra un impero del turismo. Statene certi.

L'anno venturo non torneremo a Reggio Calabria, e sconsiglieremo ai nostri amici di venirci. Da voi è tutto troppo difficile. Meglio il Vietnam o le Filippine. Non importa che siano considerate terzo mondo. Lì si che sanno fare turismo.

Caro Direttore, chiaramente, questa lettera è solo una provocazione. Del resto non potrebbe esistere un turista che conosce i fortini di Pentimele. Semplicemente perché il nostro territorio non viene promosso nel modo adeguato. In qualunque altro posto del mondo, il tramonto sullo stretto visto da dei fortini del 1800, sarebbe diventato un business eccezionale.

Vorrei dire ai nostri governatori, che per fare turismo non basta fare un accordo con un tour operator e con una compagnia aerea, prendere le persone e "scapolarle" in centro città (scusate il termine, ma rende l'idea). Il turismo è fatto prima di tutto di servizi.

Il turismo va pianificato, va coltivato. Far arrivare adesso, in questo momento storico, i russi a Reggio Calabria è un vero e proprio suicidio.

Sa cosa credo? Credo che questa operazione sia esattamente in linea con il modus operandi di questa città. Manca il concetto di investimento.

Se c'è un finanziamento molti reggini fanno di tutto per accedere ai fondi al solo scopo di metterseli in tasca senza investirli, senza capire che quei soldi in futuro, se ben impiegati e capitalizzati, avrebbero potuto portare ricchezze ben superiori rispetto al gruzzoletto intascato all'istante. Soldi subito e del futuro chi se ne frega.

Viva i russi, che vengono in città oggi a spendere i loro rubli sul Corso Garibaldi, e che ci importa se l'anno prossimo non torneranno. Intanto st'annu i futtimmu.


http://www.ildispaccio.it/primo-piano/2 ... dal-freddo" onclick="window.open(this.href);return false;
nosacciu
Forumino Malato
Forumino Malato
Messaggi: 841
Iscritto il: 11/05/2011, 20:44

Re: il lavoro c'è, manca l'intelligenza

Messaggio da nosacciu » 04/05/2013, 18:54

aquamoon ha scritto:
nosacciu ha scritto:
tu la vedi da un lato io da un altro, penso che il territorialmente ti sfugge, territorialmente io intendo per clima e posizione geografica quindi per le potenzialità...
poi tu stesso dopo la pesante accusa nei miei confronti di "razzismo" affermi in ordine sparso
Sogniamo da sempre una sorta di autonomia rispetto al resto della Regione perchè ci sentiamo migliori dei cosentini o dei catanzaresi quando,
nella realtà, è la nostra mediocrità che ci impedisce di amalgamarci;
non riusciamo a sentirci integralmente calabresi e detestiamo quasi languidamente la sicilianità,
fra le due identità culturali, decidiamo di essere REGGINI e quindi unici e isolati. Mentre la globalizzazione dilaga, quì da noi, sapientemente, pensiamo che gli arcoti o i pellaroti siano ancora popolazioni da civilizzare... Razzisti di brutto, altro che città vicine o lontane, quì ci si distingue ancora per rione e superato il confine, achtung!

Riuscissimo, diciamo per dieci anni, a ragionare come terrestri ovvero come cittadini del Mondo e non,
come putroppo è,
come i fichi del bigoncio, quelli che vivono mella città più bella del mondo, quelli cui tutto è dovuto per diritto acquisito per il solo fatto di essere nati quì,
dove la Storia degli antichi Greci nel suo dilagare incontra l'ancora assai più dilagante Storia di Roma e
magicamente si mescola insieme a quella degli Arabi, dei Normanni, dei Turchi, degli Spagnoli e dei Francesi...

insomma hai espletato parzialmente da solo la mia contrarietà verso il reggino medio

aggiungici a questo i classici del "su tutti latri" del "Scopelliti merda, BUONGIORNO SIGNOR SCOPELLITI" del "perchè devo pagare il bollo se le strade sono bucate?" del "perchè devo pagare il canone rai?" del "vabbonu cumpari ggiustamu truvamu cacchirunu chi ndi faci l'assicurazioni" e poi si lamentano che l'assicurazione è cara.... e ti posso assicurare che è la classica mentalità del reggino medio perchè chi sta peggio o chi sta benissimo a reggio calabria ha una mentalità totalmente diversa escludendo qualche "rinisciutu"
Hai dimenticato di quotare un passaggio:
Il Turismo, inteso come businness, è il futuro. L'unico dato che cresce e probabilmente lo farà per chissà ancora quanto è quello che indica il numero dei turisti,
Noi potremmo e dovremmo vivere di Turismo ma,
Chiarito ciò, tanto per capirci, io non ho alcuna contrarietà verso il reggino medio. Molto più serenamente penso che ogni popolazione abbia dei tratti caratteristici e noi
per quanto riguarda l'indolenza e il fatalismo sicuramente eccelliamo.
La Città era cambiata o almeno era sulla strada per farlo, poi, complice una congiuntura assai sfavorevole (Forza Italia aveva vinto le elezioni del 2001 e Falcomatà era morto),
lo tzunami Scopelliti ha travolto tutto e tutti e...
ci siamo ritrovati col culo per terra, con le tasse triplicate ed i servizi ridotti al lumicino.
Bisogna disintossicarsi e bisogna farlo cum grano salis,
sparare sulla Croce Rossa non serve a niente.
Individuiamo con intelligenza i nemici della Città e concentriamo la nostra sacrosanta rabbia verso i responsabili,
non siamo fulmini di guerra, non ci siamo mai distinti per particolari capacità innovative e, per i già citati tratti caratteriali, ci mettiamo un bel pò a realizzare...
l'esperienza però mi dice che ce la possiamo fare e un buon viatico potrebbe essere quello di comprendere le ragioni degli altri senza attribuirci meriti distintivi che probabilmente nemmeno abbiamo.
Siamo tutti colpevoli, molti senza attenuanti ed altri con.
La condanna però ci vede tutti coinvolti e l'unica maniera per uscirne puliti è confidare nella Ragione.
Dividerci non serve, bisogna trovare motivi che ci uniscano e su quelli insistere.
Per esempio, leggo due topic diversi ma uguali che riguardano il Centro Cuore e la sfortunatissima esperienza del nostro amico forumino Manager.
Questa, sempre per esempio, potrebbe essere una buona occasione per incazzarsi.
Abbiamo una struttura all'avanguardia ma è chiusa.
Magari non c'entra niente con la disavventura di Manager78, magari si.
:salut
credo di aver gia parlato abbastanza del turismo inteso come business e se a reggio non avviene la colpa è solo della gente perchè "reggio è una città culturale"...
Pickwick ha scritto:La percentuale di scemi del movimento 5 stelle supera anche il grande sud di Miccichè...
Avatar utente
pellarorc
Forumino Malatissimo
Forumino Malatissimo
Messaggi: 2224
Iscritto il: 11/05/2011, 14:22

Re: il lavoro c'è, manca l'intelligenza

Messaggio da pellarorc » 05/05/2013, 19:02

kimba ha scritto:sono rientrato a pellaro da due anni, ero abituato a venirci in vacanza 15 giorni l'anno, adesso ci vivo.
Per oltre 20 anni ho combattuto per difendere le mie origini, la mia città ed il popolo reggino.
Oggi mi sento sconfitto.....
i veneti avevano ragione
.......
le tue parole sono molto tristi.
Forse si, i veneti hanno ragione.
Avatar utente
pellarorc
Forumino Malatissimo
Forumino Malatissimo
Messaggi: 2224
Iscritto il: 11/05/2011, 14:22

Re: il lavoro c'è, manca l'intelligenza

Messaggio da pellarorc » 06/05/2013, 11:16

Io sono completamente rassegnato ad un meridione che non verrà mai fuori dalla posizione di mediocrità.
Il mondo va avanti, il meridione o almeno una parte no.
Reggio Calabria poi..torna indietro!

Guardo dei colleghi napoletani con rassegnazione ormai qunado non fanno altro che esaltare la loro mozzarella, la loro pizza, i loro cornetti ecc ecc.
ma voi avete mai sentito un norvegese esaltare il proprio merluzzo o il baccalà delle isole lofoten?

I napoletani esaltano la pizza e hann la spazzatura. I norvegese non esaltano il merluzzo ma hanno uno stao sociale che tutto il mondo invidia!

Sono queste le cose interessanti. Il mondo va avanti e i riggitani d'estate ti dicono: nu gelatu cusì no trovi a milanu!!!

si ma mancu a spazzatura trovu!!
Luca29
Forumino Scelto
Forumino Scelto
Messaggi: 320
Iscritto il: 28/05/2012, 16:09

Re: il lavoro c'è, manca l'intelligenza

Messaggio da Luca29 » 06/05/2013, 11:51

Il problema sono quelli che come te non fanno altro che criticare e denigrare.
Forse ti sfugge che è ormai una realtà che Reggio Calabria ha ormai lo status di “città metropolitana” ed è ormai da anni che è stata battezzata come “città turistica”.
Giuseppe Scopelliti in persona si è detto molto soddisfatto delle previsioni per le presenze turistiche per l’anno 2013 ed ancora più ottimista è per il futuro in quanto punta a far arrivare migliaia e migliaia di turisti da ogni angolo del mondo (oltre ai Russi che sono ormai anch’essi una realtà, Peppe è certo che nei prossimi decenni altrettanti turisti giapponesi – romeni – cinesi – americani – canadesi e altri ancora saliranno su centinaia di aeri con destinazione finale Aeroporto Tito Minniti di Reggio Calabria).
E tutto questo turismo vuol dire benessere ricchezza e prosperità per la città e i suoi cittadini.
Bisogna pensare in grande ed essere positivi ed ottimisti, non stare sempre lì a criticare continuamente su ogni cosa.
E ti faccio un esempio concreto: se tu (con la tua negatività) fossi al posto “di comando” di Scopelliti qui a Reggio non verrebbe un turista non italiano ne straniero;
con Scopelliti (e la sua positività) al “comando” invece, migliaia di turisti russi (ma non solo russi) trascorreranno le loro vacanze in riva allo stretto.
Comprendi?
:salut
rca
Forumino Malatissimo
Forumino Malatissimo
Messaggi: 1951
Iscritto il: 03/05/2011, 10:12
Località: You can checkout any time you like, But you can never leave!

Re: il lavoro c'è, manca l'intelligenza

Messaggio da rca » 06/05/2013, 11:52

Luca29 ha scritto:Il problema sono quelli che come te non fanno altro che criticare e denigrare.
Forse ti sfugge che è ormai una realtà che Reggio Calabria ha ormai lo status di “città metropolitana” ed è ormai da anni che è stata battezzata come “città turistica”.
Giuseppe Scopelliti in persona si è detto molto soddisfatto delle previsioni per le presenze turistiche per l’anno 2013 ed ancora più ottimista è per il futuro in quanto punta a far arrivare migliaia e migliaia di turisti da ogni angolo del mondo (oltre ai Russi che sono ormai anch’essi una realtà, Peppe è certo che nei prossimi decenni altrettanti turisti giapponesi – romeni – cinesi – americani – canadesi e altri ancora saliranno su centinaia di aeri con destinazione finale Aeroporto Tito Minniti di Reggio Calabria).
E tutto questo turismo vuol dire benessere ricchezza e prosperità per la città e i suoi cittadini.
Bisogna pensare in grande ed essere positivi ed ottimisti, non stare sempre lì a criticare continuamente su ogni cosa.
E ti faccio un esempio concreto: se tu (con la tua negatività) fossi al posto “di comando” di Scopelliti qui a Reggio non verrebbe un turista non italiano ne straniero;
con Scopelliti (e la sua positività) al “comando” invece, migliaia di turisti russi (ma non solo russi) trascorreranno le loro vacanze in riva allo stretto.
Comprendi?
:salut
il problema -serio- sono quelli come te.
hai mai visto il Turismo con la T maiuscola?????

Senza scomodare le grandi mete turisriche mondiali, a Falconara (dico Falconara!!!!, non rimini o riccione, con tutta la ENI a 40 metri) in una specie di lungomare ad ogni isolato trovavi albergo, ristorante/pizzeria, bar. E lato mare i "lidi" notturni. tutti i locali menzionati, a metà giugno, PIENI!!!!!
Da noi, oltre 4 lidi in croce, mi sapresti dire le attrezzature dove sono?
E quindi? Ma poi, fondamentalmente...tu, chi cazzo sei? (cit.)
Avatar utente
pellarorc
Forumino Malatissimo
Forumino Malatissimo
Messaggi: 2224
Iscritto il: 11/05/2011, 14:22

Re: il lavoro c'è, manca l'intelligenza

Messaggio da pellarorc » 06/05/2013, 12:49

Luca29 ha scritto:Il problema sono quelli che come te non fanno altro che criticare e denigrare.
Forse ti sfugge che è ormai una realtà che Reggio Calabria ha ormai lo status di “città metropolitana” ed è ormai da anni che è stata battezzata come “città turistica”.
Giuseppe Scopelliti in persona si è detto molto soddisfatto delle previsioni per le presenze turistiche per l’anno 2013 ed ancora più ottimista è per il futuro in quanto punta a far arrivare migliaia e migliaia di turisti da ogni angolo del mondo (oltre ai Russi che sono ormai anch’essi una realtà, Peppe è certo che nei prossimi decenni altrettanti turisti giapponesi – romeni – cinesi – americani – canadesi e altri ancora saliranno su centinaia di aeri con destinazione finale Aeroporto Tito Minniti di Reggio Calabria).
E tutto questo turismo vuol dire benessere ricchezza e prosperità per la città e i suoi cittadini.
Bisogna pensare in grande ed essere positivi ed ottimisti, non stare sempre lì a criticare continuamente su ogni cosa.
E ti faccio un esempio concreto: se tu (con la tua negatività) fossi al posto “di comando” di Scopelliti qui a Reggio non verrebbe un turista non italiano ne straniero;
con Scopelliti (e la sua positività) al “comando” invece, migliaia di turisti russi (ma non solo russi) trascorreranno le loro vacanze in riva allo stretto.
Comprendi?
:salut
ma sei serio? no perchè se no ....figghioli!..hiurimu tuttu! ca non c'è nenti propriu!!!
Avatar utente
Mave
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 8418
Iscritto il: 11/05/2011, 15:28

Re: il lavoro c'è, manca l'intelligenza

Messaggio da Mave » 06/05/2013, 14:50

pellarorc ha scritto:
Luca29 ha scritto:Il problema sono quelli che come te non fanno altro che criticare e denigrare.
Forse ti sfugge che è ormai una realtà che Reggio Calabria ha ormai lo status di “città metropolitana” ed è ormai da anni che è stata battezzata come “città turistica”.
Giuseppe Scopelliti in persona si è detto molto soddisfatto delle previsioni per le presenze turistiche per l’anno 2013 ed ancora più ottimista è per il futuro in quanto punta a far arrivare migliaia e migliaia di turisti da ogni angolo del mondo (oltre ai Russi che sono ormai anch’essi una realtà, Peppe è certo che nei prossimi decenni altrettanti turisti giapponesi – romeni – cinesi – americani – canadesi e altri ancora saliranno su centinaia di aeri con destinazione finale Aeroporto Tito Minniti di Reggio Calabria).
E tutto questo turismo vuol dire benessere ricchezza e prosperità per la città e i suoi cittadini.
Bisogna pensare in grande ed essere positivi ed ottimisti, non stare sempre lì a criticare continuamente su ogni cosa.
E ti faccio un esempio concreto: se tu (con la tua negatività) fossi al posto “di comando” di Scopelliti qui a Reggio non verrebbe un turista non italiano ne straniero;
con Scopelliti (e la sua positività) al “comando” invece, migliaia di turisti russi (ma non solo russi) trascorreranno le loro vacanze in riva allo stretto.
Comprendi?
:salut
ma sei serio? no perchè se no ....figghioli!..hiurimu tuttu! ca non c'è nenti propriu!!!
quando 180.000 abitanti saremo tutti positivi la spazzatura finalmente scomparirà, le buche si autoasfalteranno e in tutta la città ci sarà un profumo stupendo e non puzza di fogna :okok:
Rispondi