Fede licenziato come direttore del Tg4

Notizie dal mondo e dalla città: curiosità, fatti, cronaca...

Moderatori: Bud, NinoMed, Lixia, Lilleuro, Mave, ManAGeR78

Rispondi
Avatar utente
io2
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 2595
Iscritto il: 30/04/2011, 12:08
Località: Catona (RC)
Contatta:

Fede licenziato come direttore del Tg4

Messaggio da io2 » 29/03/2012, 13:42

Fede lascia Mediaset. Alla direzione del Tg4 arriva Giovanni Toti

ultimo aggiornamento: 28 marzo, ore 21:43

Milano - (Adnkronos/Ign) - Lo comunica l'azienda: "Dopo una trattativa per la risoluzione consensuale del rapporto di lavoro non approdata a buon fine, Emilio Fede lascia". Fede: ''I 2,5 milioni rifiutati dalla Svizzera? Falso organizzato per farmi lasciare Tg4''

Milano, 28 mar. (Adnkronos/Ign) - Emilio Fede lascia la direzione del Tg4 e il gruppo Mediaset. Lo comunica la società. "In una logica di rinnovamento editoriale della testata, cambia la direzione del Tg4", si spiega da Mediaset. "Dopo una trattativa per la risoluzione consensuale del rapporto di lavoro non approdata a buon fine, Emilio Fede lascia l'azienda".

Mediaset, si spiega dal gruppo, "lo ringrazia per il lavoro svolto in tanti anni di collaborazione e per il contributo assicurato alla nascita dell'informazione del gruppo". Giovanni Toti, direttore responsabile di Studio Aperto, è il nuovo direttore designato del Tg4.

EMILIO FEDE. Siciliano, di Barcellona Pozzo di Gotto in provincia di Messina, classe 1931, Emilio Fede frequenta le scuole dell'obbligo a San Piero Patti, cittadina poco distante da Barcellona. Il trasferimento a Roma con la famiglia arriva dopo la guerra. Nella capitale inizia a lavorare nella carta stampata, collaborando con Il Momento - Mattino di Roma. Poi lavora per la Gazzetta del Popolo a Torino dove diviene inviato speciale. La collaborazione con la Rai comincia nel 1954, ma il passaggio definitivo alla televisione arriva nel 1961.

Nel 1964 sposa Diana De Feo, la figlia di Italo De Feo, allora vicepresidente della Rai. Fede viene inviato in Africa dove resta per 8 anni. Nel 1976 approda al Tg1 come conduttore, diventandone direttore dal 1981 al 1983. Sotto la sua direzione la testata racconta la tragedia della morte di Alfredino Rampi, a Vermicino. Nel frattempo si candida alle elezioni politiche del 1979 nelle liste del Partito Socialista Democratico Italiano (Psdi).

Il rapporto con la Rai termina nel 1987 in seguito ad un processo per gioco d'azzardo (finito con la sua assoluzione). Il passaggio alla Fininvest arriva nel 1989, come direttore di Video News e successivamente di Studio Aperto, che sarà il primo notiziario ad annunciare in diretta l'inizio della prima Guerra del Golfo il 17 gennaio 1991, proprio nel giorno della sua prima messa in onda su Canale 5. Il passaggio alla direzione del Tg4 arriva nel 1993, dove è rimasto fino ad oggi.

GIOVANNI TOTI è il successore di Emilio Fede alla direzione del Tg4. Nato a Viareggio, il 7 settembre del 1968, Toti è giornalista professionista dall'ottobre del 1999. Sposato con la collega Siria Magri, ha fatto la sua carriera tutta interna a Mediaset, dove è entrato nel 1996 attraverso uno stage proprio nella redazione del telegiornale di Italia 1. A Studio Aperto ha lavorato come redattore di cronaca, poi caposervizio e caporedattore del servizio politico.

Nel 2006 è passato per un breve periodo a Videonews, la testata dei programmi di approfondimento Mediaset, come curatore del programma 'Liberitutti' su Rete 4.

Tornato a Studio Aperto, nella prima direzione di Mario Giordano, ha firmato, tra i curatori, i programmi settimanali della testata 'Lucignolo' e 'Live'. Dal 2007 al 2009, come vicedirettore, ha ricoperto l'incarico di responsabile dei rapporti con i media della holding Mediaset. Nell'ottobre del 2009 è tornato alla testata con la qualifica di condirettore e il 22 febbraio 2010 assume la direzione del tg di Italia 1.

http://www.adnkronos.com/IGN/News/Spett ... 20535.html" onclick="window.open(this.href);return false;
L'importante non è vincere ma partecipare, con onore, alla sconfitta dell'avversario.