CREA (DING)

Notizie dal mondo e dalla città: curiosità, fatti, cronaca...

Moderatori: NinoMed, Lixia, Bud, Mave, ManAGeR78, Lilleuro

Rispondi
Avatar utente
eddiegraces
Forumino Praticante
Forumino Praticante
Messaggi: 294
Iscritto il: 11/05/2011, 14:16

CREA (DING)

Messaggio da eddiegraces » 10/06/2011, 12:48

http://www.ilfattoquotidiano.it/2011/06 ... ta/117277/

Un colpo alla borghesia mafiosa. Dopo il sequestro arriva anche la confisca dei beni dell’ex consigliere regionale della Calabria Mimmo Crea, ritenuto il punto di riferimento a Palazzo Campanella della cosche Morabito-Zavettieri di Africo e Roghudi, Cordì di Locri e Talia di Bova Marina.

A pochi mesi dalla condanna a 11 anni di carcere per concorso esterno in associazione a delinquere, il politico calabrese si è visto strappare il suo impero mobiliare e immobiliare. Diversi milioni di euro il valore complessivo dei beni che sono stati confiscati dai carabinieri del comando provinciale di Reggio Calabria su disposizione della sezione misure di prevenzione del tribunale. Mimmo Crea era stato arrestato nel gennaio 2008 nell’ambito dell’inchiesta “Onorata sanità”. La confisca ha riguardato alcuni appartamenti, conti correnti, una lussuosa villa (con oltre venti vani e piscina) e la casa di cura privata “Villa Anya”. Ha retto, quindi, anche sul piano patrimoniale l’impianto accusatorio preparato dal procuratore Giuseppe Pignatone e dai sostituti Mario Andrigo e Marco Colamonici. Stando agli accertamenti dei carabinieri, infatti, vi era un’evidente sproporzione tra le entrate dichiarate dalla famiglia Crea e quanto realmente posseduto.

Crea si sarebbe servito della ‘ndrangheta e la ‘ndrangheta si sarebbe servita di Crea il quale, negli anni, prima avrebbe usufruito degli appoggi forti, seppur limitati territorialmente, del clan Iamonte e poi di quelli, di maggiore peso criminale e territoriale del gruppo Morabito-Zavettieri. Proprio per questo, secondo il Tribunale, anche gli emolumenti della Regione Calabria al consigliere regionale sarebbero da intendersi illeciti.

Nel provvedimento con cui il Tribunale aveva disposto il sequestro dei beni era emersa la figura di Crea come espressione di quella zona grigia che consente alla ‘ndrangheta con la coppola di infiltrarsi nei palazzi della politica: “Un soggetto che ha scelto di intrecciare permanenti legami con ambienti mafiosi, intravedendo in ciò un formidabile trampolino di lancio per le sue ambizioni politiche. Un ulteriore elemento di riflessione deriva poi da ciò che il Crea pare aver fatto nelle varie occasioni in cui, ottenuti i successi elettorali inseguiti così spasmodicamente, è poi asceso nell’olimpo dell’amministrazione regionale. Il Crea politico ed amministratore non sembra neanche un po’ attratto dall’interesse pubblico e non cessa neanche per un attimo il suo ruolo predatorio, finendo ad esempio per appropriarsi delle laute contribuzioni che il Consiglio regionale stanzia a favore del gruppo consiliare di cui egli stesso è magna pars”.

Un profilo inquietante per quello che è stato definito dai magistrati “l’uomo per tutte le stagioni”. Sarebbe stato lui, secondo gli inquirenti, a garantire quelle connivenze che da anni caratterizzano la gestione delle strutture ospedaliere e delle aziende sanitarie nella provincia di Reggio Calabria.

Una prima verità è venuta fuori dalla sentenza di primo grado. Al centro delle indagini c’era la nascita della clinica privata “Villa Anya”. Una casa di cura che, sulla carta era gestita dalla moglie e dai figli dell’ex consigliere regionale. Di fatto, però, era Mimmo Crea il “dominus” della struttura sanitaria che sarebbe nata grazie alle “entrature” del politico alla Regione Calabria.

Su Villa Anya i giudici del Tribunale della Libertà avevano confermato che «oltre a costituire proficuo bacino di affluenza di introiti elevatissimi, rappresenta lo strumento indispensabile, nell’ottica del politico Crea, per l’elargizione (e la restituzione) di favori e per la raccolta di consensi elettorali». Uno strumento che adesso è di proprietà dello Stato.
- chi è che ha causato questa mancanza di soldi all'interno del comune?
- La prima giunta Scopelliti aveva ricevuto in lascito dei conti disastrosi dalla precedente gestione Falcomatà Naccari.
- Ah

Avatar utente
Geronimo
Forumino Praticante
Forumino Praticante
Messaggi: 285
Iscritto il: 11/05/2011, 21:11

Re: CREA (DING)

Messaggio da Geronimo » 10/06/2011, 12:50

http://www.mediterraneonline.it/2011/06 ... nico-crea/

IL TRIBUNALE DI REGGIO CALABRIA, SU RICHIESTA DELLA DIREZIONE DISTRETTUALE ANTIMAFIA, CONFISCA IL PATRIMONIO DI DOMENICO CREA, GIA’ CONDANNATO PER ASSOCIAZIONE DI TIPO MAFIOSO AD 11 ANNI DI RECLUSIONE.
Lo scorso 20.05.2011, il Tribunale di Reggio Calabria – Sezione Misure di Prevenzione- su proposta della Procura Distrettuale, a seguito degli accertamenti svolti dai carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale, ha sottoposto Domenico CREA alla misura di prevenzione personale della sorveglianza speciale di pubblica sicurezze con obbligo di soggiorno nel comune di residenza per anni 5, disponendo la confisca:
- della clinica “Villa Anya”, in quanto il CREA attraverso l’indebito utilizzo del proprio status era riuscito a rimouvere gli ostacoli burocratici che si opponevano all’acquisizione delle autorizzazioni regionali per il funzionamento e l’accreditamento con il servizio sanitario nazionale dell’anzidetta struttura sanitaria;
- di tutto il patrimonio mobiliare ed imobiliare già sottoposto a sequestro d’urgenza nell’ambito del procedimento di prevenzione, in cui spicca la villa del CREA sita nei pressi di Villa Anya;
- delle disponibilità finanziarie, preventivamente sequestrate, per un ammontare di euro 150.000,00 circa.
Domenico CREA era stato tratto in arresto in data 28.01.2008 in esecuzione di ordinanza di custodia cautelare in carcere, disposta dal GIP presso il Tribunale su richiesta della Procura Distrettuale, nell’ambito dell’operazione denominata “ONORATA SANITÀ”, condotta dai carabinieri del Nucleo Investigativo.
Le accuse a carico del CREA erano gravi, concorso esterno in associazione mafiosa, in quanto risultato principale protagonista ed elemento cardine del sistema di controllo e gestione degli appalti e dei servizi pubblici, con particolare riferimento al settore della sanità pubblica, nonche’ destinatario delle preferenze elettorali ricevute nel corso di varie consultazioni elettorali, con particolare riferimento a quelle del maggio 2005 per il Consiglio Regionale della Calabria, veicolate attraverso i consensi raccolti a suo favore dagli esponenti delle varie cosche territoriali e per tale motivo incaricato, una volta eletto, di soddisfare le promesse fatte nel corso della campagna elettorale mediante la collocazione in ruoli verticistici, dirigenziali politico-amministrativi, oltre all’assunzione presso uffici ed enti pubblici e/o privati – tra cui in particolare la struttura sanitaria Villa Anya, a lui riconducibile – di soggetti appartenenti, contigui o comunque riconducibili al sodalizio criminale, e ancora di garantire gli interessi economici dell’associazione mediante la strumentalizzazione del ruolo istituzionale rivestito.
Successivamente, nel procedimento di prevenzione, il Tribunale, su richiesta della Procura, ha disposto il sequestro preventivo di urgenza di tutto il patrimonio mobiliare ed immobiliare del Crea e del suo nucleo familiare, comprensivo di una villa completa di piscina e campo da tennis, oltre alla struttura sanitaria privata, denominata “Villa Anya”.
La vicenda penale ha avuto un primo risultato lo scorso 27.12.2010, allorquando il Tribunale di Reggio Calabria ha condannato Domenico CREA ad 11 anni e tre mesi di reclusione per le accuse sopra citate.
Forse la gente si è abituata ad avere una grande squadra senza accorgersi che ogni traguardo per la Reggina resta sempre una grande conquista”


http://www.youtube.com/watch?v=ecZ6h7xtadE" onclick="window.open(this.href);return false;

Rispondi