Acquereggine restituisce impianti agli enti comunali proprie

Notizie dal mondo e dalla città: curiosità, fatti, cronaca...

Moderatori: NinoMed, Lixia, Bud, Mave, ManAGeR78, Lilleuro

Malaca
Forumino Scelto
Forumino Scelto
Messaggi: 609
Iscritto il: 14/05/2011, 9:57

Acquereggine restituisce impianti agli enti comunali proprie

Messaggio da Malaca » 21/06/2011, 20:32

La prima societa' mista a fallire ????



Acquereggine restituisce impianti agli enti comunali proprietari


Di seguito nota di Acquereggine: La società Acquereggine scpa, conduttore del SII per l’ATO 5 RC, è costretta a porre in essere tutte le procedure di legge necessarie per la restituzione degli impianti agli enti comunali proprietari nonché, di concerto, con le Organizzazioni Sindacali a ricorrere agli istituti degli ammortizzatori sociali per il passaggio del personale, secondo norme di legge.
Purtroppo, alla fine, ci si è dovuti arrendere innanzi all’attesa interminabile ed all’assenza di risposte concrete per la società e di conseguenza per i dipendenti, ai quali va sempre il nostro ringraziamento per l’alto senso di responsabilità dimostrata.
Il sistema imprenditoriale che intendeva superare le gestioni frammentate, unificando la gestione dell’idrico integrato, si è scontrato con l’inadeguatezza della realtà locale e della mancata collaborazione di molti enti comunali, sia in senso tecnico che finanziario.
Le risorse finanziarie, indispensabili per fornire il servizio, e che dovevano costituire il corrispettivo di quanto reso, sono arrivate solo in piccolissima parte, e la società è sopravvissuta solo attraverso il ricorso al prestito bancario, a fronte invece di un credito avanzato di oltre ventiquattro milioni di euro. In prima persona ha rischiato per assicurare le prestazioni facendo, di fatto, da soggetto finanziatore di un servizio pubblico che i cittadini invece pagano. Ma ora non può più andare avanti ed è necessario ricoprire questo baratro economico.
Erano state fatte assicurazioni dal Sindaco p.t. di Reggio Calabria, dr. Raffa, per il pagamento di almeno un milione e mezzo di euro, promesse ribadite per iscritto e confermate innanzi a S.E il Prefetto, ma, ad oggi, dopo qualche incontro con il neo Sindaco della città capoluogo di provincia, si ha la netta impressione di essere ad uno stallo totale. Vi è comunque ancora la speranza che il nostro Primo Cittadino, presa contezza della situazione, voglia intervenire efficacemente, per ripianare, almeno in parte, il debito che il Comune di RC ha verso AR, che è di oltre quattordici milioni di euro, e già in arretrato di 28 mensilità.
Una goccia in un mare, ma che almeno potrebbe servire a pagare in parte i dipendenti ed a saldare i fornitori più essenziali per la prosecuzione del servizio. Però di tale acconto ancora non si è visto nulla e non se ne parla neanche!
Il sistema azienda, che ha bisogno di una programmazione nel medio e lungo periodo, vive invece stentando giorno per giorno ed opera, quando vi riesce, solo per tappare le emergenze.
Una piccola tranche, liquidata dalla Provincia, è stata vincolata al pagamento di tre retribuzioni dei lavoratori al fine di farli desistere dallo sciopero in atto.
In una situazione di emergenza come questa si potrebbe accettare, ma normalmente una società sa bene quale sono le sue priorità nell’assolvimento dei debiti! E poi le voci in rosso, che richiedono il saldo immediato, sono anche tante altre!
Nei giorni scorsi Acquereggine ha convocato le Organizzazioni Sindacali per comunicare che, stante le condizioni attuali, non è più in condizioni di pagare le spettanze ai propri dipendenti. Da adesso il servizio potrà essere prestato solo per la disponibilità ed il senso di responsabilità del nostro personale, a cui non possiamo garantire però la regolare retribuzione. Né le imprese fornitrici sono più disposte a fare credito.
In queste condizioni l’unica strada praticabile per AR è iniziare a porre in essere al più presto tutte le procedure di legge per la dismissione degli impianti, ma prima di ciò è giusto e legittimo che la società inizi contro gli enti locali le azioni coattive per il recupero di quanto spettantegli.
Per quanto su esposto, sin da ora decliniamo qualunque responsabilità per i danni che dalla eventuale paralisi potrebbero verificarsi ed in merito ai quali alcuna censura potrà essere formulata alla scrivente stante la grave e colpevole inadempienza degli Enti debitori cui va imputata in via esclusiva la responsabilità per quanto sopra denunciato.


ACQUEREGGINE S.C.P.A
L’Amministratore delegato
Dr. Giampiero Abruzzo

Mariotta
Forumino Malato
Forumino Malato
Messaggi: 1400
Iscritto il: 12/05/2011, 19:24

Re: Acquereggine restituisce impianti agli enti comunali pro

Messaggio da Mariotta » 21/06/2011, 21:22

Malaca ha scritto:La prima societa' mista a fallire ????



Acquereggine restituisce impianti agli enti comunali proprietari


Di seguito nota di Acquereggine: La società Acquereggine scpa, conduttore del SII per l’ATO 5 RC, è costretta a porre in essere tutte le procedure di legge necessarie per la restituzione degli impianti agli enti comunali proprietari nonché, di concerto, con le Organizzazioni Sindacali a ricorrere agli istituti degli ammortizzatori sociali per il passaggio del personale, secondo norme di legge.
Purtroppo, alla fine, ci si è dovuti arrendere innanzi all’attesa interminabile ed all’assenza di risposte concrete per la società e di conseguenza per i dipendenti, ai quali va sempre il nostro ringraziamento per l’alto senso di responsabilità dimostrata.
Il sistema imprenditoriale che intendeva superare le gestioni frammentate, unificando la gestione dell’idrico integrato, si è scontrato con l’inadeguatezza della realtà locale e della mancata collaborazione di molti enti comunali, sia in senso tecnico che finanziario.
Le risorse finanziarie, indispensabili per fornire il servizio, e che dovevano costituire il corrispettivo di quanto reso, sono arrivate solo in piccolissima parte, e la società è sopravvissuta solo attraverso il ricorso al prestito bancario, a fronte invece di un credito avanzato di oltre ventiquattro milioni di euro. In prima persona ha rischiato per assicurare le prestazioni facendo, di fatto, da soggetto finanziatore di un servizio pubblico che i cittadini invece pagano. Ma ora non può più andare avanti ed è necessario ricoprire questo baratro economico.
Erano state fatte assicurazioni dal Sindaco p.t. di Reggio Calabria, dr. Raffa, per il pagamento di almeno un milione e mezzo di euro, promesse ribadite per iscritto e confermate innanzi a S.E il Prefetto, ma, ad oggi, dopo qualche incontro con il neo Sindaco della città capoluogo di provincia, si ha la netta impressione di essere ad uno stallo totale. Vi è comunque ancora la speranza che il nostro Primo Cittadino, presa contezza della situazione, voglia intervenire efficacemente, per ripianare, almeno in parte, il debito che il Comune di RC ha verso AR, che è di oltre quattordici milioni di euro, e già in arretrato di 28 mensilità.
Una goccia in un mare, ma che almeno potrebbe servire a pagare in parte i dipendenti ed a saldare i fornitori più essenziali per la prosecuzione del servizio. Però di tale acconto ancora non si è visto nulla e non se ne parla neanche!
Il sistema azienda, che ha bisogno di una programmazione nel medio e lungo periodo, vive invece stentando giorno per giorno ed opera, quando vi riesce, solo per tappare le emergenze.
Una piccola tranche, liquidata dalla Provincia, è stata vincolata al pagamento di tre retribuzioni dei lavoratori al fine di farli desistere dallo sciopero in atto.
In una situazione di emergenza come questa si potrebbe accettare, ma normalmente una società sa bene quale sono le sue priorità nell’assolvimento dei debiti! E poi le voci in rosso, che richiedono il saldo immediato, sono anche tante altre!
Nei giorni scorsi Acquereggine ha convocato le Organizzazioni Sindacali per comunicare che, stante le condizioni attuali, non è più in condizioni di pagare le spettanze ai propri dipendenti. Da adesso il servizio potrà essere prestato solo per la disponibilità ed il senso di responsabilità del nostro personale, a cui non possiamo garantire però la regolare retribuzione. Né le imprese fornitrici sono più disposte a fare credito.
In queste condizioni l’unica strada praticabile per AR è iniziare a porre in essere al più presto tutte le procedure di legge per la dismissione degli impianti, ma prima di ciò è giusto e legittimo che la società inizi contro gli enti locali le azioni coattive per il recupero di quanto spettantegli.
Per quanto su esposto, sin da ora decliniamo qualunque responsabilità per i danni che dalla eventuale paralisi potrebbero verificarsi ed in merito ai quali alcuna censura potrà essere formulata alla scrivente stante la grave e colpevole inadempienza degli Enti debitori cui va imputata in via esclusiva la responsabilità per quanto sopra denunciato.
ACQUEREGGINE S.C.P.A
L’Amministratore delegato
Dr. Giampiero Abruzzo



quindi?
Il dolore ci rimette in mezzo alle cose in modo nuovo.

Avatar utente
NinoMed
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 5435
Iscritto il: 03/05/2011, 0:34

Re: Acquereggine restituisce impianti agli enti comunali pro

Messaggio da NinoMed » 21/06/2011, 21:34

Mariotta ha scritto: quindi?
probabile che qualcuno a Reggio rimarrà qualche giorno senz'acqua. :surprice:
Have a Nice Day

Avatar utente
Motociclista
Forumino Malatissimo
Forumino Malatissimo
Messaggi: 1795
Iscritto il: 11/05/2011, 19:51

Re: Acquereggine restituisce impianti agli enti comunali pro

Messaggio da Motociclista » 21/06/2011, 21:47

Non penso,loro si occupano di guasti e manutenzione,l'erogazione dipende dalla Sorical..

Avatar utente
Pickwick
Forumino Scelto
Forumino Scelto
Messaggi: 433
Iscritto il: 11/05/2011, 15:46

Re: Acquereggine restituisce impianti agli enti comunali pro

Messaggio da Pickwick » 22/06/2011, 11:34

La mancata manutenzione degli impianti di depurazione ad esempio, non consentirebbe
il corretto funzionamento degli impianti, con conseguente riversamento in mare di inquinanti.
E' già cosi?
Allura non cangia nenti...

Sono dei ladri.

Avatar utente
pellarorc
Forumino Malatissimo
Forumino Malatissimo
Messaggi: 2224
Iscritto il: 11/05/2011, 14:22

Re: Acquereggine restituisce impianti agli enti comunali pro

Messaggio da pellarorc » 22/06/2011, 15:31

sottolineerei la frase si è scontrato con l’inadeguatezza della realtà locale.

non c'è null'altro da aggiungere.
Però prima di tutto bisogna dire una cosa. Acquereggine ha molti ragazzi che lavorano lì da anni e che negli ultimi tempi avevano anche pensato fi are una famiglia.
parlo di gente che ha studiato fuori ed è rientrata. Ora se verranno licenziati cosa faranno? quale sarà per loro l'alternativa?Ripartire?

Ci rendiamo conto che il comune è responsabile del lavoro che manca?responsabile della disperazione delle giovani generazioni? E' tutto un giro. Se spendi a muzzo, società grosse che offorno servizi per il cittadino perderanno soldi e i loro dipendendti lasciati a casa, e la colpa è solo loro!!del comune, di 4 ignoranti insomma.

UnVeroTifoso
Forumino Malatissimo
Forumino Malatissimo
Messaggi: 1761
Iscritto il: 11/05/2011, 13:54

Re: Acquereggine restituisce impianti agli enti comunali pro

Messaggio da UnVeroTifoso » 22/06/2011, 15:33

pellarorc ha scritto: Però prima di tutto bisogna dire una cosa. Acquereggine ha molti ragazzi che lavorano lì da anni e che negli ultimi tempi avevano anche pensato fi are una famiglia.
parlo di gente che ha studiato fuori ed è rientrata. Ora se verranno licenziati cosa faranno? quale sarà per loro l'alternativa?Ripartire?
Si. Rimboccarsi le maniche e ripartire. :salut :salut
"Nani su iddi e vvonnu a tutti nani;
Nci vannu terra terra, peri e mmani;
E pa malignità brutta e superba,
Ccà non crisci chi erba, erba, erba"
(Nicola Giunta)

rca
Forumino Malatissimo
Forumino Malatissimo
Messaggi: 1951
Iscritto il: 03/05/2011, 10:12
Località: You can checkout any time you like, But you can never leave!

Re: Acquereggine restituisce impianti agli enti comunali pro

Messaggio da rca » 22/06/2011, 15:34

UnVeroTifoso ha scritto:
pellarorc ha scritto: Però prima di tutto bisogna dire una cosa. Acquereggine ha molti ragazzi che lavorano lì da anni e che negli ultimi tempi avevano anche pensato fi are una famiglia.
parlo di gente che ha studiato fuori ed è rientrata. Ora se verranno licenziati cosa faranno? quale sarà per loro l'alternativa?Ripartire?
Si. Rimboccarsi le maniche e ripartire. :salut :salut
Codardi. Invece di creare ed investire.



Ovviamente sono ironico.
E quindi? Ma poi, fondamentalmente...tu, chi cazzo sei? (cit.)

UnVeroTifoso
Forumino Malatissimo
Forumino Malatissimo
Messaggi: 1761
Iscritto il: 11/05/2011, 13:54

Re: Acquereggine restituisce impianti agli enti comunali pro

Messaggio da UnVeroTifoso » 22/06/2011, 15:36

rca ha scritto:
UnVeroTifoso ha scritto:
pellarorc ha scritto: Però prima di tutto bisogna dire una cosa. Acquereggine ha molti ragazzi che lavorano lì da anni e che negli ultimi tempi avevano anche pensato fi are una famiglia.
parlo di gente che ha studiato fuori ed è rientrata. Ora se verranno licenziati cosa faranno? quale sarà per loro l'alternativa?Ripartire?
Si. Rimboccarsi le maniche e ripartire. :salut :salut
Codardi. Invece di creare ed investire.



Ovviamente sono ironico.
Purtroppo è triste ironia. Lo so bene. :salut :salut
"Nani su iddi e vvonnu a tutti nani;
Nci vannu terra terra, peri e mmani;
E pa malignità brutta e superba,
Ccà non crisci chi erba, erba, erba"
(Nicola Giunta)

pincopallino
Forumino Scelto
Forumino Scelto
Messaggi: 763
Iscritto il: 23/05/2011, 9:30

Re: Acquereggine restituisce impianti agli enti comunali pro

Messaggio da pincopallino » 22/06/2011, 16:14

pellarorc ha scritto: Però prima di tutto bisogna dire una cosa. Acquereggine ha molti ragazzi che lavorano lì da anni e che negli ultimi tempi avevano anche pensato fi are una famiglia.
parlo di gente che ha studiato fuori ed è rientrata. Ora se verranno licenziati cosa faranno? quale sarà per loro l'alternativa?Ripartire?

Ci rendiamo conto che il comune è responsabile del lavoro che manca?
Fortunatamente per chi è già dentro, nessuno dei lavoratori impiegati nelle società miste e partecipate della città di Reggio Calabria perderà il posto di lavoro.
L’unico “inconveniente” è percepire in ritardo lo stipendio o al max (in extremis) qualche mesetto di cassa integrazione.

Anche qualora una società mista (leonia – acquereggine – multiservizi) dovesse fallire, se ne riformerebbe subito un’altra e i lavoratori verrebbero automaticamente reinseriti (a dire il vero fra gli impiegati c’è chi dice che se la società fallisse per loro sarebbe ancora meglio perché il Comune dovrebbe ricollocarli in “ambienti migliori”, tipo: Regione).

A rischiare dunque non sono gli impiegati delle miste – partecipate ma i lavoratori del porto di GioiaTauro e tanti altri.

Avatar utente
Pickwick
Forumino Scelto
Forumino Scelto
Messaggi: 433
Iscritto il: 11/05/2011, 15:46

Re: Acquereggine restituisce impianti agli enti comunali pro

Messaggio da Pickwick » 22/06/2011, 19:08

Ma chi vi ha detto che acquereggini è una società partecipata?

Avatar utente
pellarorc
Forumino Malatissimo
Forumino Malatissimo
Messaggi: 2224
Iscritto il: 11/05/2011, 14:22

Re: Acquereggine restituisce impianti agli enti comunali pro

Messaggio da pellarorc » 23/06/2011, 10:00

Pickwick ha scritto:Ma chi vi ha detto che acquereggini è una società partecipata?
io so che acque e fogne reggine è una società di roma che ha preso in concessione per 20 anni la gestione acqua a reggio e in altri comuni calabresi.
Forse sbaglio? Mi hanno spiegato male? Perchè ne parlavo molto tempo fà con uno che ci lavora, uno di quelli che si è sposato e che è tornato a reggio proprio per questo lavoro.

pincopallino
Forumino Scelto
Forumino Scelto
Messaggi: 763
Iscritto il: 23/05/2011, 9:30

Re: Acquereggine restituisce impianti agli enti comunali pro

Messaggio da pincopallino » 24/06/2011, 10:22

pellarorc ha scritto: con uno che ci lavora, uno di quelli che si è sposato e che è tornato a reggio proprio per questo lavoro.
Anche se acquereggine non è una mista-partecipata in sostanza le cose non cambiano molto perché hanno la concessione col comune di Reggio x 20 (così come multiservizi – leonia) e lo stesso comune deve trovare i soldi per far funzionare il sistema;
aumenterà le tasse, ne metterà delle nuove, taglieranno su altri servizi, se li faranno mandare da Roma o altro ma alla fine il Comune dovrà pagare.

Chi dunque si è sposato grazie a questo lavoro ha fatto bene perché (buon per lui e gli altri) il suo lavoro è un lavoro sicuro non solo per i 20 di concessione ma anche per altri 20 anni perché anche se alla fine della concessione dovesse subentrare un’altra società, questa deve assumere la forza lavoro già esistente.

Ripeto: a rischiare non sono i dipendenti di Leonia/Multiservizi/Reges ecc ma i dipendenti del porto di Gioia e tanti altri.

Avatar utente
Motociclista
Forumino Malatissimo
Forumino Malatissimo
Messaggi: 1795
Iscritto il: 11/05/2011, 19:51

Re: Acquereggine restituisce impianti agli enti comunali pro

Messaggio da Motociclista » 24/06/2011, 12:10

pincopallino ha scritto:
pellarorc ha scritto: Chi dunque si è sposato grazie a questo lavoro ha fatto bene perché (buon per lui e gli altri) il suo lavoro è un lavoro sicuro non solo per i 20 di concessione ma anche per altri 20 anni perché anche se alla fine della concessione dovesse subentrare un’altra società, questa deve assumere la forza lavoro già esistente.

Ripeto: a rischiare non sono i dipendenti di Leonia/Multiservizi/Reges ecc ma i dipendenti del porto di Gioia e tanti altri.
Io non ne sarei tanto convinto sulla sicurezza di un posto di lavoro dentro alle miste/partecipate del comune..specie se si continua su questa strada.
Perchè non c'è scritto in nessun posto che debba necessariamente mantenere X dipendenti per 20 anni se si arrivasse in periodo di crisi profonda e di liquidità.
la Sorical(a capitale privato ma in parte anche Regione Calabria)che avanza milioni di Euro dai comuni,sta riducendo il personale con contratto a tempo determinato.
Alla Multiservizi,così come alla Leonia c'è gente con contratto atempo determinato che sta già"tremando"e non credere che chi ha un contratto a tempo indeterminato sia tranquillo e beato.
Intanto già il solo ritardo sui pagamenti porta non pochi problemi,e poi se divesse subentrare il federalismo fiscale e la rivisitazione da parte del comune dei contratti con dette società nell'ottica del rispamio a mio avvio finisce anche per loro come la GDM,porto di Gioia,ecc..
il sedere al caldo,o meglio il posto sicuro ricordatevi che al 99% è quello statale,stop.
i dipendenti delle miste possono solo dire imu tirandu avanti..e mi nda manda bona u signuri.....che è ben diverso dal dormite tranquillo la notte e l'indomani sedere dietro ad una scrivania in un ufficio di una pubblica amministrazione.. :wink

Avatar utente
pellarorc
Forumino Malatissimo
Forumino Malatissimo
Messaggi: 2224
Iscritto il: 11/05/2011, 14:22

Re: Acquereggine restituisce impianti agli enti comunali pro

Messaggio da pellarorc » 24/06/2011, 12:50

pincopallino ha scritto:
pellarorc ha scritto: con uno che ci lavora, uno di quelli che si è sposato e che è tornato a reggio proprio per questo lavoro.
Anche se acquereggine non è una mista-partecipata in sostanza le cose non cambiano molto perché hanno la concessione col comune di Reggio x 20 (così come multiservizi – leonia) e lo stesso comune deve trovare i soldi per far funzionare il sistema;
aumenterà le tasse, ne metterà delle nuove, taglieranno su altri servizi, se li faranno mandare da Roma o altro ma alla fine il Comune dovrà pagare.

Chi dunque si è sposato grazie a questo lavoro ha fatto bene perché (buon per lui e gli altri) il suo lavoro è un lavoro sicuro non solo per i 20 di concessione ma anche per altri 20 anni perché anche se alla fine della concessione dovesse subentrare un’altra società, questa deve assumere la forza lavoro già esistente.

Ripeto: a rischiare non sono i dipendenti di Leonia/Multiservizi/Reges ecc ma i dipendenti del porto di Gioia e tanti altri.
ok ma se gli stipendi arrivano in ritardo la gente che deve fare???
può sempre aspettare??'

nosacciu
Forumino Malato
Forumino Malato
Messaggi: 841
Iscritto il: 11/05/2011, 20:44

Re: Acquereggine restituisce impianti agli enti comunali pro

Messaggio da nosacciu » 24/06/2011, 13:38

Il Presidente della Provincia di Reggio Calabria avv. Giuseppe Morabito ha autorizzato l’anticipazione da parte della Provincia del finanziamento di un milione di euro per consentire l’erogazione delle competenze arretrate spettanti ai lavoratori della società “Acquereggine Spa”. La società di gestione degli impianti di depurazione di parecchi comuni del reggino è da tempo sull’orlo del fallimento, a causa del mancato pagamento del servizio da parte dei Comuni. Una situazione di grave crisi finanziaria che si è riversata sui lavoratori ai quali da mesi non viene erogata alcuna spettanza. Dopo le manifestazioni ed i presidi delle scorse settimane con sit-in di lavoratori davanti alla Prefettura ed al Comune di Reggio Calabria, ente dal quale Acquereggina vanta un credito di oltre 12 milioni di euro, il Presidente Morabito ha chiesto al Prefetto Varratta l’avvio di un tavolo tecnico, che consentisse di trovare una soluzione per i lavoratori.
Alla riunione hanno partecipato, con il Presidente della Provincia avv. Giuseppe Morabito, il dr. Giampiero Abruzzo Amministratore Delegato di Acquereggine Spa, l’ing. Raffaele Romeo, componente del Cda della stessa società, il Presidente di Acquereggine Spa, dr. Domenico Mallamaci, l’ing. Marco Del Monte Direttore generale dell’Ato5, il dr. Stefano Catalano, dirigente del Settore finanze della Provincia, il dr. Domenico Crupi, comandante della Polizia Provinciale di Reggio Calabria. In rappresentanza dei Comuni debitori, erano presenti il Sindaco ff di Reggio Calabria dr. Giuseppe Raffa, il Sindaco di Villa San Giovanni Rocco La Valle e l’assessore dello stesso Comune Lorenzo Micari, l’assessore del Comune di Bagnara Calabra Giuseppe Spoleti.
La vertenza di “Acquereggine Spa” non si è trasformata in un disastro ambientale solo per il senso di responsabilità dei lavoratori, che seppure in agitazione da mesi, hanno finora presidiato gli impianti, assicurando il regolare svolgimento del servizio. “Una disponibilità ed un senso del dovere che meritavano una doverosa attenzione da parte nostra – ha commentato il Presidente della Provincia Giuseppe Morabito.
Il deficit finanziario di Acquereggine ha ormai raggiunto livelli insostenibili che si aggira su diversi milioni di euro. Nelle scorse settimane i lavoratori avevano promosso un presidio davanti alla Prefettura con lo scopo di sensibilizzare le istituzioni sul grave problema in cui versano decine di famiglie, prive da mesi, di qualsiasi mezzo di sussistenza.
Un appello che non è rimasto inascoltato, almeno da parte del Presidente della Provincia di Reggio Calabria che ha manifestato la volontà di erogare, come anticipazione, un finanziamento di 1 milione di euro. Nel verbale della riunione, il Presidente Morabito ha però preteso che la somma erogata fosse vincolata all’esclusivo pagamento delle spettanze arretrate dovute ai lavoratori. Anticipando così qualsiasi tentativo di dirottare il finanziamento verso altri scopi.
“E’ il solo modo – ha spiegato – per impedire che una vertenza, già di per sé grave, abbia conseguenze pesanti anche per centinaia di famiglie di questa città, già gravemente colpita da una crisi economica che si sta manifestando con la chiusura di importanti realtà commerciali”.

gia in aprile morabito aveva anticipato soldi... ma purtroppo son falliti lo stesso
Pickwick ha scritto:La percentuale di scemi del movimento 5 stelle supera anche il grande sud di Miccichè...

Avatar utente
Pickwick
Forumino Scelto
Forumino Scelto
Messaggi: 433
Iscritto il: 11/05/2011, 15:46

Re: Acquereggine restituisce impianti agli enti comunali pro

Messaggio da Pickwick » 24/06/2011, 20:19

pincopallino ha scritto:
pellarorc ha scritto: con uno che ci lavora, uno di quelli che si è sposato e che è tornato a reggio proprio per questo lavoro.
Anche se acquereggine non è una mista-partecipata in sostanza le cose non cambiano molto perché hanno la concessione col comune di Reggio x 20 (così come multiservizi – leonia) e lo stesso comune deve trovare i soldi per far funzionare il sistema;
aumenterà le tasse, ne metterà delle nuove, taglieranno su altri servizi, se li faranno mandare da Roma o altro ma alla fine il Comune dovrà pagare.

Chi dunque si è sposato grazie a questo lavoro ha fatto bene perché (buon per lui e gli altri) il suo lavoro è un lavoro sicuro non solo per i 20 di concessione ma anche per altri 20 anni perché anche se alla fine della concessione dovesse subentrare un’altra società, questa deve assumere la forza lavoro già esistente.

Ripeto: a rischiare non sono i dipendenti di Leonia/Multiservizi/Reges ecc ma i dipendenti del porto di Gioia e tanti altri.

Ma chi te le dice queste cose.
Acquereggine è una spa e come tutte le spa risponde di quello che è il mercato.
Acquereggine è pronta a fallire e se acquereggine spa fallisce chi ci lavora resta a spasso.
Se poi il comune farà in modo di accollare i lavoratori alla subentrante, tutto ok, altrimenti a casa.

pincopallino
Forumino Scelto
Forumino Scelto
Messaggi: 763
Iscritto il: 23/05/2011, 9:30

Re: Acquereggine restituisce impianti agli enti comunali pro

Messaggio da pincopallino » 24/06/2011, 21:05

Pickwick ha scritto:
Acquereggine è pronta a fallire e se acquereggine spa fallisce chi ci lavora resta a spasso.
Si! ma a fallire non sarebbe ad esempio la Fiat ma una spa che svolge un servizio per il comune di Reggio, lo stesso comune ha necessità del servizio adesso svolto da acquereggine quindi dovrà appaltarlo ad un'altra spa e di conseguenza i lavoratori non rimarranno a spasso.
Stesso identico discorso per Leonia – Multiservizi ecc., quindi, i dipendenti delle stesse dormono serenamente.

Motociclista ha scritto: Alla Multiservizi,così come alla Leonia c'è gente con contratto a tempo determinato che sta già "tremando" e non credere che chi ha un contratto a tempo indeterminato sia tranquillo e beato.
I contratti a tempo determinato sono davvero una minima parte (e a breve saranno assunti a tempo indeterminato).
Non sono io che credo alcune cose ma ciò è quello che “poteri alti del comune e della Regione” hanno detto (in privato) ad alcuni impiegati.

pellarorc ha scritto: ok ma se gli stipendi arrivano in ritardo la gente che deve fare???
può sempre aspettare??'
E’ vero, soprattutto per chi ha famiglia il ritardo degli stipendi è una cosa grave ma, se a uno di loro vai a dire: hai un lavoro sicuro senza che tu abbia fatto un minimo di concorso, sei dentro perché amico/compare/parente di Tizio o Caio,
porta pazienza e pensa a chi rischia non di percepire in ritardo lo stipendio ma non di percepirlo proprio più ……………… vedrai come metterà due piedi in una scarpa.
Con questo non voglio dire che sia giusto che vengano pagati in ritardo o che non debbano protestare ma, non hanno il coltello dalla parte del manico come ad esempio potrebbero averlo i vigili urbani se si dovessero trovare a percepire il salario con alcuni mesi di ritardo.

nosacciu ha scritto: già in aprile Morabito aveva anticipato soldi... ma purtroppo son falliti lo stesso
Come volevasi dimostrare: in un modo o nell’altro devono trovare i soldi.
Ho infatti già scritto che o aumenterà le tasse, ne metterà delle nuove, taglieranno su altri servizi, se li faranno mandare da Roma o altro ma alla fine il Comune dovrà pagare.

Avatar utente
NinoMed
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 5435
Iscritto il: 03/05/2011, 0:34

Re: Acquereggine restituisce impianti agli enti comunali pro

Messaggio da NinoMed » 27/06/2011, 10:52

http://www.strill.it/index.php?option=c ... &Itemid=86" onclick="window.open(this.href);return false;
Gallico Superiore (Rc): la gente ha sete, l'acqua manca da dieci giorni
Domenica 26 Giugno 2011 12:06


di Damiano Praticò - I disservizi idrici che hanno interessato diversi quartieri della città di Reggio Calabria si protraggono nonostante le ripetute denunce da parte dei cittadini stanchi di non poter utilizzare

quello che dovrebbe essere un bene (primario) indispensabile ed immancabile. L'acqua continua a non esserci; in determinate parti della città anche per troppi giorni.
Cittadini di Gallico Superiore hanno riferito a Strill.it che l'oro blu (descrivibile solo in tal modo in siffatte occasioni) non scorre dai loro rubinetti da circa dieci giorni. La Protezione Civile sta intervenendo con delle autobotti per cercare di tamponare il fenomeno e rifornire la maggior parte delle famiglie che, ormai stanche, richiedono sussistenza idrica. Ma, per quanto l'intervento possa risultare valido nell'emergenza, per alcuni del quartiere, nonostante tutto, l'acqua rimane il miraggio dentro un'oasi del deserto.
"Abbiamo contattato - affermano residenti del posto - la sala operativa dei vigili urbani per chiedere aiuto. Senza acqua non si può andare avanti. Ci hanno detto di fare un esposto alla Procura della Repubblica per denunciare il disservizio. Ma intanto l'acqua manca comunque".
In un comunicato del Comune di Reggio Calabria, alcuni giorni fa, si faceva riferimento a sovraconsumi idropotabili e furti d'acqua come causa del problema. Il disagio si protrae ed investe soprattutto quartieri, come quelli della zona Nord e Sud di Reggio, ad alta espansione demografica. La gente ha sete.

Have a Nice Day

Avatar utente
Motociclista
Forumino Malatissimo
Forumino Malatissimo
Messaggi: 1795
Iscritto il: 11/05/2011, 19:51

Re: Acquereggine restituisce impianti agli enti comunali pro

Messaggio da Motociclista » 27/06/2011, 11:57

pincopallino ha scritto:I contratti a tempo determinato sono davvero una minima parte (e a breve saranno assunti a tempo indeterminato).
Non sono io che credo alcune cose ma ciò è quello che “poteri alti del comune e della Regione” hanno detto (in privato) ad alcuni impiegati.

beh,quante barzellette devono inventarsi per far stare"quieti"lavoratori...quante ne ho sentite di queste promesse...
Anche io avevo avuto una promessa simile,ancora sto aspettando...... :wink

Rispondi