2 agosto 1980

Notizie dal mondo e dalla città: curiosità, fatti, cronaca...

Moderatori: Bud, NinoMed, Lixia, Lilleuro, Mave, ManAGeR78

Rispondi
suonatore Jones

2 agosto 1980

Messaggio da suonatore Jones » 02/08/2011, 12:42

solo un pensiero, nient'altro

Avatar utente
goldenboy
Forumino Malatissimo
Forumino Malatissimo
Messaggi: 2792
Iscritto il: 11/05/2011, 12:43
Località: na vota 'nto bizzolu

Re: 2 agosto 1980

Messaggio da goldenboy » 02/08/2011, 14:26

:salut :salut :salut

Avatar utente
DoubleD
Forumino Malatissimo
Forumino Malatissimo
Messaggi: 2476
Iscritto il: 11/05/2011, 13:57
Località: MedazZalaNd

Re: 2 agosto 1980

Messaggio da DoubleD » 02/08/2011, 14:51

:salut
'' A Reggina Esti Comu U viagra... faci 'nchianari i cazzi "

Immagine

Avatar utente
onlyamaranto
Non c'è nenti!
Non c'è nenti!
Messaggi: 3253
Iscritto il: 12/05/2011, 8:43

Re: 2 agosto 1980

Messaggio da onlyamaranto » 02/08/2011, 20:01

http://www.ilfuturista.it/attualita/bol ... avido.html" onclick="window.open(this.href);return false;



Ha ragione il neo sindaco di Bologna, Virginio Merola: oggi Bologna riceve un altro schiaffo. Che fa molto male e provoca tanto dolore perché è lo schiaffo delle istituzioni. L’assenza del governo Berlusconi per il secondo anno consecutivo proprio non va giù ai bolognesi e in modo particolare alle famiglie delle 85 vittime di quel 2 agosto del 1980. Il governo centrale fugge e sfugge. È questa la percezione della sua assenza dalla celebrazione annuale.

Fugge per l’incapacità di gestire una doverosa parentesi di dolore, ricordi e sospetti mai cancellati. Sfugge per non dare risposte all’associazione dei familiari che dal governo, qualunque esso sia, pretende impegno per una verità definitiva sull’attentato e per una maggiore considerazione per chi da allora vive le proprie ferite fisiche con estrema difficoltà.

La strage di Bologna ha in sé tutte le tipicità della storia italiana di quei decenni complicati al punto da renderla a tratti incomprensibile e comunque non certa e precisa sulla paternità e sulle ragioni del gesto criminale. È ciò che si sente ripetere tutti gli anni durante l’evento, ma è un appello che cade puntualmente nel vuoto. Ma è anche il modo a lasciare contrariati gli italiani e non solo quelle persone direttamente coinvolte. Un governo che ha la necessità di evitare un incontro non è pienamente democratico perché democrazia è anche avere il coraggio di ricevere contestazioni. Nessuno, finora, è uscito indenne da quella piazza ma ci ha messo ugualmente la faccia.




Dolore per le vittime di quell'infamia. Mi ricordo quando ho visto la lapide alla stazione di Bologna che ricordava quella strage, un groppo alla gola.:salut
Ultima modifica di onlyamaranto il 02/08/2011, 20:05, modificato 1 volta in totale.

"...e qualcosa rimane
tra le pagine chiare e le pagine scure... "

Avatar utente
spiny79
Forumino Malato
Forumino Malato
Messaggi: 906
Iscritto il: 11/05/2011, 13:56

Re: 2 agosto 1980

Messaggio da spiny79 » 02/08/2011, 20:05

invece è meglio che i politici non vadano alle commemorazioni, con che faccia si presentano se dopo 30 anni ancora non si è fatta piena chiarezza sui mandanti di quella strage?

Avatar utente
pab397
Forumino Malato
Forumino Malato
Messaggi: 1153
Iscritto il: 26/05/2011, 22:06

Re: 2 agosto 1980

Messaggio da pab397 » 02/08/2011, 21:22

onlyamaranto ha scritto:http://www.ilfuturista.it/attualita/bol ... avido.html



Ha ragione il neo sindaco di Bologna, Virginio Merola: oggi Bologna riceve un altro schiaffo. Che fa molto male e provoca tanto dolore perché è lo schiaffo delle istituzioni. L’assenza del governo Berlusconi per il secondo anno consecutivo proprio non va giù ai bolognesi e in modo particolare alle famiglie delle 85 vittime di quel 2 agosto del 1980. Il governo centrale fugge e sfugge. È questa la percezione della sua assenza dalla celebrazione annuale.

Fugge per l’incapacità di gestire una doverosa parentesi di dolore, ricordi e sospetti mai cancellati. Sfugge per non dare risposte all’associazione dei familiari che dal governo, qualunque esso sia, pretende impegno per una verità definitiva sull’attentato e per una maggiore considerazione per chi da allora vive le proprie ferite fisiche con estrema difficoltà.

La strage di Bologna ha in sé tutte le tipicità della storia italiana di quei decenni complicati al punto da renderla a tratti incomprensibile e comunque non certa e precisa sulla paternità e sulle ragioni del gesto criminale. È ciò che si sente ripetere tutti gli anni durante l’evento, ma è un appello che cade puntualmente nel vuoto. Ma è anche il modo a lasciare contrariati gli italiani e non solo quelle persone direttamente coinvolte. Un governo che ha la necessità di evitare un incontro non è pienamente democratico perché democrazia è anche avere il coraggio di ricevere contestazioni. Nessuno, finora, è uscito indenne da quella piazza ma ci ha messo ugualmente la faccia.




Dolore per le vittime di quell'infamia. Mi ricordo quando ho visto la lapide alla stazione di Bologna che ricordava quella strage, un groppo alla gola.:salut
Anche a me vedere quella lapide ha fatto un grande effetto emotivo. Commozione seguita da una grande rabbia.
Immagine

sono talmente comunista che da bambino mi mangiavo da solo

Avatar utente
Shelob
Apprendista Forumino
Apprendista Forumino
Messaggi: 87
Iscritto il: 14/06/2011, 14:32
Località: Dalla parte giusta dello Stretto.

Re: 2 agosto 1980

Messaggio da Shelob » 03/08/2011, 8:26

onlyamaranto ha scritto:http://www.ilfuturista.it/attualita/bol ... avido.html



Ha ragione il neo sindaco di Bologna, Virginio Merola: oggi Bologna riceve un altro schiaffo. Che fa molto male e provoca tanto dolore perché è lo schiaffo delle istituzioni. L’assenza del governo Berlusconi per il secondo anno consecutivo proprio non va giù ai bolognesi e in modo particolare alle famiglie delle 85 vittime di quel 2 agosto del 1980. Il governo centrale fugge e sfugge. È questa la percezione della sua assenza dalla celebrazione annuale.

Fugge per l’incapacità di gestire una doverosa parentesi di dolore, ricordi e sospetti mai cancellati. Sfugge per non dare risposte all’associazione dei familiari che dal governo, qualunque esso sia, pretende impegno per una verità definitiva sull’attentato e per una maggiore considerazione per chi da allora vive le proprie ferite fisiche con estrema difficoltà.

La strage di Bologna ha in sé tutte le tipicità della storia italiana di quei decenni complicati al punto da renderla a tratti incomprensibile e comunque non certa e precisa sulla paternità e sulle ragioni del gesto criminale. È ciò che si sente ripetere tutti gli anni durante l’evento, ma è un appello che cade puntualmente nel vuoto. Ma è anche il modo a lasciare contrariati gli italiani e non solo quelle persone direttamente coinvolte. Un governo che ha la necessità di evitare un incontro non è pienamente democratico perché democrazia è anche avere il coraggio di ricevere contestazioni. Nessuno, finora, è uscito indenne da quella piazza ma ci ha messo ugualmente la faccia.




Dolore per le vittime di quell'infamia. Mi ricordo quando ho visto la lapide alla stazione di Bologna che ricordava quella strage, un groppo alla gola.:salut

E' vero, quella lapide, a imperitura memoria, è il segno di ciò che è successo, di ciò che l'Italia ha/non ha fatto :sad: Comunque io non sono meravigliata dall'assenza dei politici; in fin dei conti mica si festeggiava lì :salut

OdinoRc
Apprendista Forumino
Apprendista Forumino
Messaggi: 149
Iscritto il: 13/05/2011, 13:49
Località: Repubblica di Sbarre

Re: 2 agosto 1980

Messaggio da OdinoRc » 03/08/2011, 20:50

onlyamaranto ha scritto:http://www.ilfuturista.it/attualita/bol ... avido.html



Ha ragione il neo sindaco di Bologna, Virginio Merola: oggi Bologna riceve un altro schiaffo. Che fa molto male e provoca tanto dolore perché è lo schiaffo delle istituzioni. L’assenza del governo Berlusconi per il secondo anno consecutivo proprio non va giù ai bolognesi e in modo particolare alle famiglie delle 85 vittime di quel 2 agosto del 1980. Il governo centrale fugge e sfugge. È questa la percezione della sua assenza dalla celebrazione annuale.

Fugge per l’incapacità di gestire una doverosa parentesi di dolore, ricordi e sospetti mai cancellati. Sfugge per non dare risposte all’associazione dei familiari che dal governo, qualunque esso sia, pretende impegno per una verità definitiva sull’attentato e per una maggiore considerazione per chi da allora vive le proprie ferite fisiche con estrema difficoltà.

La strage di Bologna ha in sé tutte le tipicità della storia italiana di quei decenni complicati al punto da renderla a tratti incomprensibile e comunque non certa e precisa sulla paternità e sulle ragioni del gesto criminale. È ciò che si sente ripetere tutti gli anni durante l’evento, ma è un appello che cade puntualmente nel vuoto. Ma è anche il modo a lasciare contrariati gli italiani e non solo quelle persone direttamente coinvolte. Un governo che ha la necessità di evitare un incontro non è pienamente democratico perché democrazia è anche avere il coraggio di ricevere contestazioni. Nessuno, finora, è uscito indenne da quella piazza ma ci ha messo ugualmente la faccia.




Dolore per le vittime di quell'infamia. Mi ricordo quando ho visto la lapide alla stazione di Bologna che ricordava quella strage, un groppo alla gola.:salut
su quella lapide è scritta un infamità ...
" GNE' "

Rispondi