17 avvisi di garanzia per la cricca rappoccio

Notizie dal mondo e dalla città: curiosità, fatti, cronaca...

Moderatori: NinoMed, Lixia, Bud, Mave, ManAGeR78, Lilleuro

Rispondi
Mariotta
Forumino Malato
Forumino Malato
Messaggi: 1400
Iscritto il: 12/05/2011, 19:24

17 avvisi di garanzia per la cricca rappoccio

Messaggio da Mariotta » 17/02/2012, 17:48

http://www.corrieredellacalabria.it/sto ... rappoccio/" onclick="window.open(this.href);return false;


Assunzioni in cambio di voti. Concorsi “fantasma” banditi da tre cooperative che avevano sede nell'ex segreteria del consigliere regionale del Pri Antonio Rappoccio, già rinviato a giudizio per corruzione elettorale.
Per lo stesso reato dalla Procura di Reggio Calabria sono partiti 12 avvisi di garanzia destinati a quella che è stata definita la “cricca Rappoccio”.
Il provvedimento, firmato dal sostituto procuratore Stefano Musolino, è stato notificato a Santo Surace (di 52 anni), Maria Antonia Fedora Catanzariti (45), Elisa Campolo (31), Roberta Arcidiacono (48), Consolato Occhiuto (57), Andrea Gullì (46), Santo Mandalari (47), Antonino Scimone (38), Ilenya Comerci (23), Loredana Tolla (48), Emilio Domenico Tripepi (43) e Pasquale Tommasini (69).
Ed è stato proprio quest'ultimo a spiegare agli inquirenti il sistema che sarebbe stato adottato dal consigliere regionale dei Repubblicani per rastrellare voti. Un sistema denunciato dall'ex presidente del consiglio comunale di Reggio, Aurelio Chizzoniti, primo dei non eletti nella lista “Insieme per la Calabria” alla quale aveva aderito anche il Pri.
La centrale operativa era in via San Francesco Da Paola, a Reggio Calabria, allo stesso indirizzo dell'ex segreteria politica di Rappoccio a pochi metri da piazza Sant’Agostino.
In sostanza, gli indagati avrebbero «promesso – scrivono i magistrati – a numerosi elettori futuri posti di lavoro in cambio di un consistente numero di voti da destinare al Rappoccio, quale candidato nella lista provinciale n. 10 avente il contrassegno “Insieme per la Calabria” in vista della consultazione elettorale del 28 e 29 marzo 2010 per il rinnovo del consiglio regionale della Calabria. In particolare, approfittando della grave crisi occupazionale, ancora prima della campagna elettorale, iniziavano a prospettare concrete possibilità di lavoro presso cooperative, strumentalmente costituite, che avrebbero dovuto operare in vari settori fra cui, dopo il fallimento di altri fantomatici progetti (sportello informatico, orto botanico per piante rare e palestra per la riabilitazione di soggetti disabili) anche in quello fotovoltaico, creando a tal fine la cooperativa “Alicante” e, successivamente, altra denominata “Iride Solare”, così inducendo circa 850 persone a promettere il proprio sostegno elettorale e quello di amici e parenti».
Centinaia di aspiranti ai quali, stando alla ricostruzione della Procura, «oltre al versamento di una quota di 20 euro per la partecipazione al concorso, veniva richiesto un impegno elettorale per il raggiungimento dell'obiettivo della creazione di posti di lavoro ed a tal fine venivano consegnate delle schede (di cui 289 acquisite agli atti, unitamente a 6 copie fotostatiche di tessere elettorali ed una in originale) che poi venivano restituite alla segreteria del Rappoccio con indicati i nominativi degli elettori di cui veniva assicurato il voto, l'indicazione del seggio e della sezione elettorale».
Nell'avviso di garanzia, il pm Musolino sottolinea gli artifici, i raggiri e le false notizie messe in piedi dagli indagati che «esercitavano pressioni per costringere costoro ed i soggetti di cui veniva assicurato il voto, ad esprimerlo» in favore di Rappoccio.
Nell'ambito della stessa inchiesta, la Procura della Repubblica ha notificato altri cinque avvisi di garanzia anche ai soggetti che, «in qualità di elettori, avevano accettato le promesse formulare dal candidato Rappoccio Antonio e dai suoi sodali di procurare a loro e ai loro familiari, anche attraverso la cooperativa “Alicante” e successivamente un altra denominata “Iride Solare”, futuri posti di lavoro, in cambio di un consistente numero di voti».
Si tratta di Antonino Caridi, Santino e Filippo Nucera, Antonino Malara e Domenco Quattrone.
Ritornando ai dodici indagati per corruzione elettorale, buona parte dei soggetti che ruotavano attorno alle cooperative di Rappoccio oggi lavorano a Palazzo Campanella nella struttura del consigliere regionale. È il caso di Maria Catanzariti che ha prestato servizio prima alla “Iride solare” e poi alla “Sud Energia” (la terza cooperativa riconducibile al politico). Ma anche di Loredana Tolla, la telefonista che avrebbe contattato i partecipanti ai concorsi fantasma e collega di Elisa Campolo, candidata ad aprile 2011 al consiglio comunale di Reggio nella lista del Pri. Riuscì a raccogliere 427 preferenze che non le hanno consentito di conquistare un seggio a Palazzo San Giorgio. Lavora, perciò, ancora al Consiglio regionale dove troviamo anche il figlio di Roberta Arcidiacono, compagna di Rappoccio e collega di Maria Catanzariti nella “Iride solare”.
E proprio per quanto riguarda la gestione di questa cooperativa che Arcidiacono e Catanzariti erano entrate in contrastro con l’amministratore della stessa, Pasquale Tommasini, colpevole di aver denunciato in Questura cosa avveniva in via San Francesco da Paola e di aver interrotto il bando di concorso per cui era stata nominata una commissione esaminatrice della quale, stando a una lettera firmata da Arcidiacono e Catanzariti (e finita nel fascicolo della Procura), avrebbe fatto parte anche «il giudice popolare del Tribunale di Reggio Calabria Lucia Spinella».
«Se tu avessi lavorato nella forestale dove ho lavorato io non campavi neanche quindici minuti». L’istruttore direttivo della polizia municipale, Aldo Claudio Rotilio, riporta ai magistrati le parole sentite da Rappoccio a Palazzo San Giorgio, sede del Comune di Reggio Calabria. È lì, nella sede del gruppo consiliare del Pri, che il politico faceva segreteria prima di essere eletto al consiglio regionale.
Ed è sempre lì che il vigile urbano, un giorno, ha assistito a una lite tra il consigliere Paolo Ferrara e Antonio Rappoccio il quale, «ad un certo punto della discussione, si alzò dalla sedia per scagliarsi contro» il collega che pretendeva “addirittura” le chiavi della sede del suo partito diventata quasi un luogo di pellegrinaggio «di cittadini che chiedevano notizie» sui concorsi “fantasma”.
Notizie che adesso pretendono la Procura della Repubblica e la guardia di finanza
Lucio Musolino
Il dolore ci rimette in mezzo alle cose in modo nuovo.
Avatar utente
Lixia
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 1734
Iscritto il: 11/05/2011, 13:25
Località: Boh!!! Attualmente zingarìo in Trentino!!!

Re: 17 avvisi di garanzia per la cricca rappoccio

Messaggio da Lixia » 17/02/2012, 19:04

oltre al versamento di una quota di 20 euro per la partecipazione al concorso, veniva richiesto un impegno elettorale per il raggiungimento dell'obiettivo della creazione di posti di lavoro ed a tal fine venivano consegnate delle schede (di cui 289 acquisite agli atti, unitamente a 6 copie fotostatiche di tessere elettorali ed una in originale) che poi venivano restituite alla segreteria del Rappoccio con indicati i nominativi degli elettori di cui veniva assicurato il voto, l'indicazione del seggio e della sezione elettorale».
era uno tra i requisiti sulla domanda di ammissione? :lol: :lol: :lol: mi veni mi moru

- il possesso della cittadinanza italiana o (salvo casi particolari) di un paese facente parte dell'Unione Europea;
- un'età non inferiore ai 18 anni. ( ma a Reggio si si presenta unu i 70 anni e avi u cugnu va bene uguale)
- l'idoneità fisica a ricoprire l'impiego; ( eventuale idoneità fisica , pirchi si è sciancatu ma avi u cugnu va bonu u stessu)
- cugnazzo politico ovvero garanzia che lo scrivente darà il voto al politico di turno in cambio di un titolo di preferenza che gli garantirà di ricoprire il ruolo di cui al presente bando
- non essere stati in passato destituiti o dispensati dall'impiego presso una pubblica amministrazione per persistente insufficiente rendimento ovvero non essere stati dichiarati decaduti da un impiego statale ( dettagli....pagliuzze...quisquilie facilmente aggirabili)
- diploma di scuola media superiore per profili professionali delle ex V, VI, VII qualifica funzionale; ( va bonu anche chiddu ra scola sirali ovviamente )
- non essere esclusi dall'elettorato politico attivo.

...................... maledetti maledettiiii MALEDETTTIIIIII !!!!! e io sto qui a ingrassare un altra regione, lontano dalla mia vita , dai mie amici , dalla mia storia di vita , dalla mia città , dal mio dialetto , dai miei costumi, dal mio cibo , dalla mia famiglia .... da tutto ..... MAledetti che ongi attimo della mia sofferenza per la nostalgia siano 100 anni di infelicità per chi ha portato la mia terra alla distruzione !!!!!
"Gli amici miei, ed in cui posso fidare, non vivon qui: si trovan lontano, al mio paese, come ogni altra cosa, signori, che mi può recar conforto".

Putrusinu ogni mineshra!

Immagine
Avatar utente
Pickwick
Forumino Scelto
Forumino Scelto
Messaggi: 433
Iscritto il: 11/05/2011, 15:46

Re: 17 avvisi di garanzia per la cricca rappoccio

Messaggio da Pickwick » 17/02/2012, 19:24

A proposito di questa cooperativa che dava posti di lavoro, ricordo bene come nel vecchio forum
si discuteva della possibilità di ricevere tanti posti di lavoro grazie a questo soggetto.
Un lavoro dove ti chiedono soldi o voti per entrare non è mai un posto buono...
Rispondi