14/07/1970-14/07/2011

Notizie dal mondo e dalla città: curiosità, fatti, cronaca...

Moderatori: Bud, NinoMed, Lixia, Lilleuro, Mave, ManAGeR78

Avatar utente
aquamoon
Forumino Malatissimo
Forumino Malatissimo
Messaggi: 2320
Iscritto il: 11/05/2011, 13:59

Re: 14/07/1970-14/07/2011

Messaggio da aquamoon » 18/07/2011, 16:52

doddi ha scritto:
In altro tuo post hai parlato della 'ndrangheta come parte attiva/causa della rivolta nonchè destinatario di consegna della città tutta, ed io ti ho chiesto semplicemente di dare delle percentuali sulla genesi dell'evento.

Non dirmi che sono quattro numerini percentuali a mettere in difficoltà tanta ricostruzione storica ...

A proposito,e la domanda sorge spontanea, tu hai avuto modo di vivere gli eventi in prima persona, come regmi, mubald o paolo il padano, o te li hanno raccontati, li hai studiati?
Mi sono riletto integralmente ed ho trovato questo unico accenno:
Qualche giorno dopo il 14/7 deragliava causa dinamite un treno a Gioia Tauro (altri morti e feriti) e due mesi dopo in uno strano incidente morivano cinque anarchici reggini che stavano portando a Roma le prove del coinvolgimento della 'ndrangheta e dei boia chi molla sull'attentato del treno (come sarà acclarato... 30 anni dopo).
Capisco la tua voglia di cambiare SEMPRE discorso ma... stai un po' più attento.
Nei miei due interventi ho cercato di sintetizzare cosa io penso della "rivolta" e perchè.
Tu, piuttosto che discutere, non avendo evidentemente argomentazioni, chiedi conto per cose mai scritte, chiedi numerini e offendendo i tuoi quarant'anni (credo siano tali, ti ho fatto pure gli auguri :wink ), fai domande che ho smesso di porre o ascoltare quando avevo 15 anni.
Io ho espresso le mie valutazioni ed ho spiegato perchè non condivido l'apologia.
Aspetto che tu o qualche altro (sono invecchiato aspettando) mi spieghi, fuori dalla bieca retorica o da riflessioni da "Mistica Fascista", per quale motivo dovremmo essere fieri per quanto accaduto quel luglio e per tutto ciò che ne è seguito.
:salut
Sventurata la terra che ha bisogno di eroi